Leggi il Topic


Riflessione "di mercato" [ninja 250 vs sprechi delle 600]
7933407
7933407 Inviato: 24 Giu 2009 23:48
Oggetto: Riflessione "di mercato" [ninja 250 vs sprechi delle 600]
 



Valutando l'acquisto di una ninja 250 sono giunto alla conclusione che l'acquisto di 600 e soprattutto 1000 è semplicemente dettato dalla moda, dalla volontà delle case di commercializzare moto di grossa cilindrata, dai costi d'acquisto e di manutenzione mooooooolto più elevati rispetto ad una 250 (per la gioia anche dei benzinai). In sintesi le case sono riuscite a focalizzare la domanda verso segmenti per loro più convenienti: oltre al costo d'acquisto, anche i costi legati alla manutenzione di certo rimpinguano in maniera importante le casse delle case produttrici.

Penso, infatti, che un buon 70% dei motociclisti utilizzi soltanto in parte le prestazioni della propria moto e che, quindi, con una moto di cilindrata inferiore, otterrebbe soltanto un bel risparmio economico e, magari, il piacere di una guida più agile (a scapito di un po' di motore in più...).
Il discorso, naturalmente, non vale per coloro che usano la moto anche in pista o che ne fanno la "compagna di viaggio"... ma penso che questa categoria di motociclisti sia "residuale" rispetto al grosso bacino di utenti delle 2 ruote.

Voi cosa ne pensate?
 
7933447
7933447 Inviato: 24 Giu 2009 23:54
 

io penso che un 1000 o un 600 siano inutili da comprare... tu dove vai a 270 all'ora o a 300?? in pista nonli prendi neanche quelle velocità folli (forse) io preferisco un 250 2t oppure un 500 (motard o enduro) a quel genere di moto
 
7933504
7933504 Inviato: 25 Giu 2009 0:02
 

la differenza che passa da una ninja 250 a un qualsiasi 600 è che la piccola parte delle prestazioni disponibili del seicento è tendenzialmente al disopra delle possibilità della ninjetta...
Quando è uscita la trovavo una moto molto intelligente, ma provata su strada... mah...

E in ogni caso, per quanto accessibile possa essere la ninja, dubito che il 100% dei possessori siano in grado di sfruttarla...

Ovviamente se si parla di completo rispetto del cds ecc ecc anche una nija 250 è troppo, eh...
 
7933552
7933552 Inviato: 25 Giu 2009 0:07
 

sulla questione consumi ci andrei più cauto.
un 600 (o un 1000), a parità di andatura con un 250, consuma anche meno.
proprio perchè ha più potenza e quindi non necessariamente deve girare alto di giri quanto un piccolo 250.
 
7933579
7933579 Inviato: 25 Giu 2009 0:11
 

ma guarda, io mi prenderei il 600 esclusivamente per la ripresa, l'elasticità del motore e la coppia su tutto il range di giri. la ninjetta è si leggera ma rispetto a un 600 bi-tricilindrico ha la coppia troppo in alto, i materiali son più scadenti, il motore non è per nulla elastico -visto che già in quarta la ripresa è nulla- e così via. uno compra i 600/1000 non per la velocità massima ma per il motore (in termini di coppia) e la ciclistica nettamente superiore.. o almeno, io lo farei per questo, anche perché superati i 160km/h mollo visto che l'aria mi dà fastidio icon_biggrin.gif

Ultima modifica di steve_harris il 25 Giu 2009 0:11, modificato 1 volta in totale
 
7933582
7933582 Inviato: 25 Giu 2009 0:11
 

ioemarex ha scritto:
sulla questione consumi ci andrei più cauto.
un 600 (o un 1000), a parità di andatura con un 250, consuma anche meno.
proprio perchè ha più potenza e quindi non necessariamente deve girare alto di giri quanto un piccolo 250.


ma va'... altre moto, altre masse in gioco, altri motori... un 600 non consumerà mai conme un 250...
 
7933598
7933598 Inviato: 25 Giu 2009 0:14
 

Io non sono molto d'accordo, parlando per la mia esperienza non mi sono preso un 1000 per correre di piu', ma perchè il cbr 600 che avevo prima era veramente morti ai medi e bassi regimi, che alla fine sono quelli che piu' ti godi su strada.

Aumentando la cilindrata aumenti la coppia quindi non devi andare a regimi alti per "portarti via" dalla curva, al contrario puoi farla in piu' scioltezza.

POi che le ss 1000 in generale facciano i 300 è un'altra storia, sarà che la tuono è una naked e prima avevo una carenata, quindi l'aria che mi viene addosso è maggiore, sarà che sono passato da un 4 ad un due cilindri, ma ora mi diverto molto di piu' e le tirate che facevo prima ogni tanto per sentire un attimo il motore urlare, ora non le faccio piu', proprio non me ne frega nulla, l'utilizzo che ne faccio è totalmente diverso da prima.

Insomma, credo che la maggior parte della gente che si prende un 1000 cc, che sia naked o stradale, non lo fa solamente per la potenza, ma per "sfruttarla" di piu' su strada, senza dover per forza arrivare a 10.000 giri per sentire il motore in tiro e per non sentirsi "cadere" ni curva.
 
7933602
7933602 Inviato: 25 Giu 2009 0:14
 

Coil ha scritto:


ma va'... altre moto, altre masse in gioco, altri motori... un 600 non consumerà mai conme un 250...

secondo me no. un esempio? il mio 50cc e la honda del papà.
il mio consuma molto di più, perchè per andare deve stare sempre su di giri! mentre quella di mio papa può girare bassa di giri, avendo molta coppia, e andare veloce, di conseguenza consumare anche poco.
 
7933653
7933653 Inviato: 25 Giu 2009 0:23
 

ioemarex ha scritto:

secondo me no. un esempio? il mio 50cc e la honda del papà.
il mio consuma molto di più, perchè per andare deve stare sempre su di giri! mentre quella di mio papa può girare bassa di giri, avendo molta coppia, e andare veloce, di conseguenza consumare anche poco.


ha ha ha
seguendo il tuo ragionamento il ciao avrebbe bisogno di 30 litri di serbatoio... ma per favore...
quanto pesa la tua moto? 90kg?
beh di sicuro sarà la metà se non meno di quella di tuo padre. QUesto è un fattore determinante per il consumo. Per non partlare delle masse inerziali del motore...
 
7933660
7933660 Inviato: 25 Giu 2009 0:26
 

io guidavo la mia moto depotenziata: il depotenziamento consisteva solamente nel blocco dell'acceleratore a circa 3/5, quindi aveva comunque una buona potenza.
Inutile dire che non c'è storia da ripotenziata (legalmente)! Prima non la usavo per niente, ora praticamente sempre
Una moto più grande non si compra per la velocità massima, ma per tutto il complesso di cose. Altrimenti nessuno comprerebbe macchine sopra la berlina media icon_confused.gif

Invece, secondo me è l'esatto contrario!!!
la moda riguarda i 125, che vengono comprati solamente perché a 18 anni nessuno compra una moto depotenziata, e hanno distrutto il mercato dei cinquantini, che pochi comprano se devono prendere un patentino per soli 2 anni appena (che dovendo prendere il patentino diventano 1 e mezzo)
Come riguarda anche la 250 e le moto depotenziate, frutto di una legislazione ad hoc per far vendere scooteroni

Ultima modifica di markillo il 25 Giu 2009 0:30, modificato 2 volte in totale
 
7933666
7933666 Inviato: 25 Giu 2009 0:28
 

il mercato delle moto continua ad evolversi inseguendo potenze strabilianti(una "semplice"hornet stradale da 600 ha la stessa potenza di un Katana 1100 della fine anni 70 ,gia a 4 valvole..) , le piccole cilindrate da 250/350/sino a 500 con potenze fra i 25/50 cv sufficenti per superare le velocità codice con una certa larghezza , sono schiacciate in basso dagli scooter ,che sono altri mezzi, non sempre economici e semplici nella manutenzione ma che hanno preso il posto delle moto di" piccola" cilindrata .La moto è ,comunque, un mezzo in cui le considerazioni "razionali" lasciano il posto al fascino della potenza, della velocità, della tecnologia esasperata.Poi ogniuno sceglie quello che vuole: io vado in sollucchero se il mio arcaico bicilindrico a dua valvole da 40 cv e da forse 170 all'ora mi fa 24 al litro fuori città , qualcuno è felice se il suo quattro cilindri da 16.000 giri si alza con la sola apertura del gas passando dalla seconda alla terza,qulcun altro esibisce se stesso seduto su tre tonnallate di cromature ,frange di cuoio, e due pistononi da 100 mm di corsa a massaggiargli vigorosamente le terga.Non importa se gli altri possono trovare brutta la donna che abbiamo scelto, quello che importa è il nostro apprezzarla ed amarla come se fosse l'unica..(ecco come al solito....donne e motori...) 0510_saluto.gif 0510_saluto.gif
 
7933667
7933667 Inviato: 25 Giu 2009 0:28
 

Coil ha scritto:


ha ha ha
seguendo il tuo ragionamento il ciao avrebbe bisogno di 30 litri di serbatoio... ma per favore...
quanto pesa la tua moto? 90kg?
beh di sicuro sarà la metà se non meno di quella di tuo padre. QUesto è un fattore determinante per il consumo. Per non partlare delle masse inerziali del motore...

dipende dall'andatura. Un mezzo con una cilindrata maggiore in alcune situazioni può consumare meno, è anche vero che solitamente, soprattutto nel ciclo urbano, consuma di più
ma nelle moto io il consumo l'ho visto sempre in modo relativo...
 
7933702
7933702 Inviato: 25 Giu 2009 0:36
 

il punto secondo me non son tanto i giri del motore, perchè su un 50 il motore e quello che è ovviamente andrai sempre a manetta per farlo camminare, anche per fare 60km/h, a confronto un 250 avra meno giri e forse e vero il fatto che un 600 potrebbe consumare meno ma camminando ad una velocità consistente, esempio se con un 50 cammino a 15 km/h consumerei quanto un 250 che cammina a 60 o un 600 che cammina a 90, alla fine cambia la prestazione del motore ma se si usa la testa i consumi sono relativi...

In ogni caso ci credo poco che un 600 o 1000 4T con 4 iniettori a 5000 giri contro un 250 4T con 2 iniettori a 5000 giri consumi meno, ovviamente la velocità cambia ma se ti sai accontentare un 250 agli stessi giri prende una buona velocità, se poi volete fa la differenza a 160 km/h sarà pure vero, ma in una strada comunale ci credo pochissimo...

E comunque credo che a parte i consumi la 250 sia una moto molto economica anche in termini di assicurazione per non dire quanto lo comprata....

se dovevo fare lo stesso procedimento con un 600 il doppio dei soldi non bastavano
 
7933739
7933739 Inviato: 25 Giu 2009 0:45
 

si un mezzo di cilindrata maggiore può sicuramente consumare meno:
basta pensare che se vai in autostrada a 130 km/h con una opel corsa 1000 con 60 cv consumi c.a
14-15 l/km,
se vai con una ferrari che raggiunge i 300 km/h, a 130 km/h, i suoi consumi sono di circa 20-25 km/l. eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif

mi sa che il discorso non fila eusa_wall.gif eusa_wall.gif

Per quello che riguarda l'acquisto di moto di ogni cilindrata, dipende molto dal tipo di utilizzo che se ne fa e dal portafoglio.
La ninjetta è una moto davvero economica nella gestione e divertente quanto basta per utilizzarla su strada, tra curve e tornanti e difficile staccarla anche con 600 ss.

Questo mi sembra un discorso un po troppo vario, è normale che l'acquisto di un 1000 e di 600 è esagerat0 per le nostre strade ma vai a dire a un motocclista che deve fare tratti in autostrada in moto di viaggiare a 130 km/h con la moto a 9000 giri.
Io tifo spudoratamente ninja 250!!!!! doppio_lamp.gif
 
7933753
7933753 Inviato: 25 Giu 2009 0:48
 

quoto 0509_doppio_ok.gif
 
7933755
7933755 Inviato: 25 Giu 2009 0:48
 

anch'io dico la mia, personalmente trovo la mentalità italiana un po bigotta, per l' italiano una moto inizia dai 600cc in su.
Ci hanno martellato con pubblicità, marketing,ecc ecc,il risultato è questo, moto da 180cv che vanno fuori limiti CdS in 1a.
In altri paesi le cilindrate medie 400-500cc vanno alla grande, tanto che creano dei gioiellini,

immagini visibili ai soli utenti registrati


inoltre dubito che un 600cc consumi come un 250cc, siccome il mondo vuole che le nostre velocità non siano sempre uguali, nella media un 250 consuma meno, tanto che i consumi medi della ninja 250 sono intorno ai 30km/l almeno cosi dicono.
Risulta comunque una moto che sa andare ben oltre i limiti di legge, e dubito che uno "stenti" a superare altri veicoli solo perchè ha una coppia piu bassa, se li supero io che ho una ybr 125.
 
7934902
7934902 Inviato: 25 Giu 2009 9:24
 

ioemarex ha scritto:
sulla questione consumi ci andrei più cauto.
un 600 (o un 1000), a parità di andatura con un 250, consuma anche meno.
proprio perchè ha più potenza e quindi non necessariamente deve girare alto di giri quanto un piccolo 250.


ma cosa dici? l'hai mai provata? io faccio più di 20 km con un litro anche tirando le marce... icon_asd.gif
 
7935067
7935067 Inviato: 25 Giu 2009 9:39
 

Anche secondo me esiste un problema di fondo. In campo motociclistico assistiamo da qualche anno a una tendenza che è inversa rispetto a quella delle auto sportive.

Mi spiego, le Ferrari degli anni 80 erano vere e proprie vetture da pista, assai difficili da gestire sulle strade di tutti i giorni: frizioni durissime, cambi appuntiti e bruschi, telaio e assetti da pista, freni ipersportivi. E lo stesso valeva per le altre supersportive, comprese anche le versioni "racing" di vetture normali.
Ora invece la tendenza è quella di creare vetture che siano adatte sia alla pista sia, soprattutto, alla strada. Le Ferrari attuali sono vetture che potrebbe guidare senza problemi anche un neopatentato! Ciò non toglie che se quella stessa vettura la porti in pista nelle mani di un pilota con le palle i tempi, e il divertimento, non sono paragonabili alle vecchie glorie.
Le auto supersportive sono riuscite ad abbinare perfettamente docilità su strada e adrenalina in pista.

Con le moto invece assistiamo al fenomeno opposto. Le supersport di una volta, nonostante la minor raffinatezza elettronica e telaistica, spesso risultano più godibili nella guida su strada rispetto alle eredi odierne. Basta vedere le diverse versioni della Ninja 1000, il cbr600RR paragonato al mitico cbr600f e la lista potrebbe continuare.
Si è cercato, insomma, la potenza assoluta, e solo le migliorie tecnologiche hanno in parte impedito di trovarsi con dei missili terra-terra adatti solo alla guida in pista.

I risultati però fanno paura, e per capirlo basta farsi un giro nel forum della sicurezza, un triste e continuo bollettino di guerra...

Ora io mi chiedo, e vi chiedo, il 600 yamaha derivato da quello dell'R6 e montato sul fazer, addolcito nella coppia a scapito della potenza pura, sarebbe davvero cosi drammatico se montato anche sull'R6?
Insomma, perchè in parte rovinare le moto più fascinose con una ricerca esasperata delle prestazioni in alto, ovvero dove nessuno le userà mai in strada, a scapito della guidabilità ai medio-bassi, ovvero il normale terreno di confronto di una moto?
Perchè a parità di pilota e su strade che non siano "curva a 20 gradi, rettilineo, curva a 10 gradi" (in una parola, noia) una naked deve dar via al top della categoria motociclistica? Sarebbe come se una fiat punto, magri Abarth, staccasse una Ferrari sul misto...

Purtroppo attualmente l'andazzo è questo, e specialmente alcuni costruttori ne hanno fatto il proprio credo, Yamaha e Kawasaki in primis. Ovviamente questo è il risultato delle richieste del mercato, quindi, in definitiva, la responsabilità è nostra.

Detto questo, anch'io passerò a un 600, anche se il più "sfruttabile" su strada, ma non certo per le assurde potenze, ma per il fascino, la linea, la tecnologia, la ciclistica.

Mi domando, visto che, almeno in parte, è la centralina a regolare la curva di erogazione, è davvero utopico sperare in un selettore di mappe (stile gixxer) che permetta di scegliere tra una curva racing (potenza tutta in alto e vuoto ai bassi) e una curva "street", con curva di erogazione più lineare?
Sulla vetture supersportive già lo fanno, io spero che prima o poi anche le case motociclistiche, e soprattutto noi motociclisti, apriamo gli occhi sulla realtà della strada...
 
7935420
7935420 Inviato: 25 Giu 2009 10:18
 

Kenshin ha scritto:
Anche secondo me esiste un problema di fondo. In campo motociclistico assistiamo da qualche anno a una tendenza che è inversa rispetto a quella delle auto sportive.

Mi spiego, le Ferrari degli anni 80 erano vere e proprie vetture da pista, assai difficili da gestire sulle strade di tutti i giorni: frizioni durissime, cambi appuntiti e bruschi, telaio e assetti da pista, freni ipersportivi. E lo stesso valeva per le altre supersportive, comprese anche le versioni "racing" di vetture normali.
Ora invece la tendenza è quella di creare vetture che siano adatte sia alla pista sia, soprattutto, alla strada. Le Ferrari attuali sono vetture che potrebbe guidare senza problemi anche un neopatentato! Ciò non toglie che se quella stessa vettura la porti in pista nelle mani di un pilota con le palle i tempi, e il divertimento, non sono paragonabili alle vecchie glorie.
Le auto supersportive sono riuscite ad abbinare perfettamente docilità su strada e adrenalina in pista.

Con le moto invece assistiamo al fenomeno opposto. Le supersport di una volta, nonostante la minor raffinatezza elettronica e telaistica, spesso risultano più godibili nella guida su strada rispetto alle eredi odierne. Basta vedere le diverse versioni della Ninja 1000, il cbr600RR paragonato al mitico cbr600f e la lista potrebbe continuare.
Si è cercato, insomma, la potenza assoluta, e solo le migliorie tecnologiche hanno in parte impedito di trovarsi con dei missili terra-terra adatti solo alla guida in pista.

I risultati però fanno paura, e per capirlo basta farsi un giro nel forum della sicurezza, un triste e continuo bollettino di guerra...

Ora io mi chiedo, e vi chiedo, il 600 yamaha derivato da quello dell'R6 e montato sul fazer, addolcito nella coppia a scapito della potenza pura, sarebbe davvero cosi drammatico se montato anche sull'R6?
Insomma, perchè in parte rovinare le moto più fascinose con una ricerca esasperata delle prestazioni in alto, ovvero dove nessuno le userà mai in strada, a scapito della guidabilità ai medio-bassi, ovvero il normale terreno di confronto di una moto?
Perchè a parità di pilota e su strade che non siano "curva a 20 gradi, rettilineo, curva a 10 gradi" (in una parola, noia) una naked deve dar via al top della categoria motociclistica? Sarebbe come se una fiat punto, magri Abarth, staccasse una Ferrari sul misto...

Purtroppo attualmente l'andazzo è questo, e specialmente alcuni costruttori ne hanno fatto il proprio credo, Yamaha e Kawasaki in primis. Ovviamente questo è il risultato delle richieste del mercato, quindi, in definitiva, la responsabilità è nostra.

Detto questo, anch'io passerò a un 600, anche se il più "sfruttabile" su strada, ma non certo per le assurde potenze, ma per il fascino, la linea, la tecnologia, la ciclistica.

Mi domando, visto che, almeno in parte, è la centralina a regolare la curva di erogazione, è davvero utopico sperare in un selettore di mappe (stile gixxer) che permetta di scegliere tra una curva racing (potenza tutta in alto e vuoto ai bassi) e una curva "street", con curva di erogazione più lineare?
Sulla vetture supersportive già lo fanno, io spero che prima o poi anche le case motociclistiche, e soprattutto noi motociclisti, apriamo gli occhi sulla realtà della strada...



Allora andiamo con ordine...
Le Ferrari degli anni 80 se si esclude la F40 e in parte la 288 GTO sono quanto di piu lontano dalle auto da pista... 308(tranne le prime versioni carter secco e vetroresina o carburatori) 328 Testarossa ecc erano e sono dei (bellissimi) cancelli_ pesanti, mal frenate ecc

Se i produttori giapponesi hanno molte moto 300 400 e 500 di cilindrata è solo perchè i governi asiatici (anche giapponesi stessi) hanno leggi fiscali che favoriscono questi mezzi a discapito di un 600 o 1000 che sono assai penalizzati. sia per cc che per cv.
Il resto non conta...

prima di dire che sono moto inutili vi consiglio di provarle su strada o in pista, di sentire cosa si gnifica affondare in 3° e ritrovarsi a sorpassare senza rischi gli altri mezzi...a parte la velocità, accelerazione, ripresa e piacere di guida non hanno nessun confronto con quelle di cilindrata inferiore... a 130 la maggior parte delle moto sportive saranno scomode ma proteggono dall'aria egregiamente e nella guida tra i tornanti o nei curvoni veloci il motore appuntito e incattivito serve...

Fai l'esempio dell'FZ6..
ecco l'FZ6 è una naked anche da città

Diciamo che l'R6 è una moto anche da pista
ed è sufficiente una tuta e un casco... il perchè il motore sià cattivo e cerchi la potenza massima è questo

Provate la 848 o una Gixxer...sono certo che cambierete rapidamente idea
provare per credere! e se non vi piaceranno corrà dire che sarete tipi da moto piu tranquilli...


Vedrai che il tuo 600 ti darà grosse soddisfazioni di guida e divertimento.
Dimenticherai la Ninjina icon_smile.gif
 
7935632
7935632 Inviato: 25 Giu 2009 10:44
 

C'è anche da dire che, data la quota di mercato microscopica delle 250, gli sforzi prodotti dalle case per migliorare queste moto non sono neanche minimamente paragonabili a quelli fatti per migliorare le varie 600, 750 e 1000. Sono sicuro che se ne valesse la pena, ovvero se il mercato delle 250 fosse così ampio da garantire il recupero di investimenti in ricerca e sviluppo effettuati per migliorare il quarto di litro (come ad esempio l'erogazione ai bassi regimi), allora le case produrrebbero tutt'altre moto, ma è troppo rischioso investire in progetti "controtendenza" e, soprattutto, toglierebbero mercato a moto che promettono guadagni superiori: sarebbe come mordersi la coda!
Peccato...
 
7938766
7938766 Inviato: 25 Giu 2009 15:13
 

Posso dire la mia?!
Io sono uno di quelli che è passatto dalla ninjetta ad una 600. Lo rifarei?! SI!!!
Ora vi spiego il perchè...
Tralasciando il fattore gusto (la mia è la moto più bella del mondo e non si discute icon_cool.gif ) che è soggettivo, chi con la ninjetta non si è trovato a cercare l'ipotetica 7a?! A chi non è capitato di dover fare un sorpasso e pregare che quei 34 cv bastassero?! A chi non è capitato di voler puntare i piedi a terra in frenata stile Flinstones, perchè sentiva che quel piccolo disco anteriore non bastava?!
C'è chi mi viene a parlare di vantaggi nell'avere un 250 4 tempi al posto di un 600 sportivo...sapete, a parer mio, quali sono gli unici vantaggi della piccola di Akashi?! Economici. Costa poco, beve poco e la si assicura con poco. Ma nulla più.
Sfruttabilità?! Se per sfruttabilità intendiamo la ricerca della massima prestazione IN STRADA, allora siamo tutti d'accordo: un 600 o superiore non va bene...ma allora anche un 250 è troppo. Se invece per sfruttabilità intendiamo la possibilità di usare marce alte senza temere le riprese, di avere un impianto frenante serio e una ciclistica adeguata ad ogni evenienza, avere motore a volontà nel momento del bisogno...beh...c'è da dirlo?! Le supersport sono il top.

Per quanto riguarda il discorso fatto da Kenshin volevo dire la mia:
Mi porti un paragone tra le auto e le moto di ieri e di oggi, dicendo che sono andate agli opposti. Non mi trovo d'accordo con questa tua teoria. Facendo un paragone tra una Ferrari di ieri (ma anche una Lambo o una Lotus o...) ci troviamo dei gran motori, con telai discreti e reparto sospensioni-freni pessimo. Le moto?! beh le moto avevano già potenze nell'ordine dei 130-150 cv ma erano pesantissime e assolutamente arretrate sul reparto ciclistico. Aggiungiamo niente elettronica e pneumatici da far ridere i polli e il gioco è fatto. Ora il settore automobilistico è cambiato notevolmete proprio grazie alla R&D su telaio, sospensioni, freni, pneumatici. E così anche per le moto. Pensiamo al top di gamma del 1987 della Ferrari, la F40. 478 cv. Pensiamo all'entry level Ferrari di oggi, la California. 460 cv. O, per restare su un segmento simile, la Scuderia. 510 cv per 1250 kg di peso. Si è andato sempre di più verso la ricerca della massima prestazione, ma tenendo presente l'evolversi del mercato. I veicoli ora vanno molto più forte, ma lo fanno con molta più facilità (tecnologie evolute, elettronica...) sia per l'automotive che per il settore moto.

lamps

Ultima modifica di Pizio250 il 25 Giu 2009 15:39, modificato 1 volta in totale
 
7938852
7938852 Inviato: 25 Giu 2009 15:17
 

ho visto poco più sopra una yamaha 400 cc venduta in giappone dove esistono anche altri bellissimi modelli di 400 cc: basti pensare alla nuova honda cb 400 sf con o senza carena ma anche ad altre tipologie di moto come la kawasaki w 400 di cui in italia hanno commercializzato solo la versione di 650 cc. beh, per quel che riguarda la nuova honda, la casa dichiara una potenza di 53 cavalli che non mi sembrano affatto male per un 400cc.
è vero che le cilindrate superiori si vendono di più ma non capisco perchè non si possano importare moto di cilindrate inferiori magari in numero limitato come è stato con la nostra kawatappina di cui hanno importato nel primo anno di vendita solo 1000 unità.
che fine hanno fatto le varie kawa er5, honda cbf 500, suzuki gs 500 che forse erano proprio le moto più sfruttabili in termini di potenza di versatilità e di costi in generale?
io spero sempre che prima o poi le case si rendano conto che esiste una categoria di potenziale clientela che si orienterebbe proprio su quel tipo di moto e che si decidano perciò a produrre di nuovo una moto di media (ma veramente media!) cilindrata buona per farci un po' di tutto!
 
7939061
7939061 Inviato: 25 Giu 2009 15:31
 

Pizio250 ha scritto:
)Posso dire la mia?!
Io sono uno di quelli che è passatto dalla ninjetta ad una 600. Lo rifarei?! SI!!!
Ora vi spiego il perchè...
Tralasciando il fattore gusto (la mia è la moto più bella del mondo e non si discute icon_cool.gif ) che è soggettivo, chi con la ninjetta non si è trovato a cercare l'ipotetica 7a?! A chi non è capitato di dover fare un sorpasso e pregare che quei 34 cv bastassero?! A chi non è capitato di voler puntare i piedi a terra in frenata stile Flinstones, perchè sentiva che quel piccolo disco anteriore non bastava?!
C'è chi mi viene a parlare di vantaggi nell'avere un 250 4 tempi al posto di un 600 sportivo...sapete, a parer mio, quali sono gli unici vantaggi della piccola di Akashi?! Economici. Costa poco, beve poco e la si assicura con poco. Ma nulla più.
Sfruttabilità?! Se per sfruttabilità intendiamo la ricerca della massima prestazione IN STRADA, allora siamo tutti d'accordo: un 600 o superiore non va bene...ma allora anche un 250 è troppo. Se invece per sfruttabilità intendiamo la possibilità di usare marce alte senza temere le riprese, di avere un impianto frenante serio e una ciclistica adeguata ad ogni evenienza, avere motore a volontà nel momento del bisogno...beh...c'è da dirlo?! Le supersport sono il top.

Per quanto riguarda il discorso fatto da Kenshin volevo dire la mia:
Mi porti un paragone tra le auto e le moto di ieri e di oggi, dicendo che sono andate agli opposti. Non mi trovo d'accordo con questa tua teoria. Facendo un paragone tra una Ferrari di ieri (ma anche una Lambo o una Lotus o...) ci troviamo dei gran motori, con telai discreti e reparto sospensioni-freni pessimo. Le moto?! beh le moto avevano già potenze nell'ordine dei 130-150 cv ma erano pesantissime e assolutamente arretrate sul reparto ciclistico. Aggiungiamo niente elettronica e pneumatici da far ridere i polli e il gioco è fatto. Ora il settore automobilistico è cambiato notevolmete proprio grazie alla R&D su telaio, sospensioni, freni, pneumatici. E così anche per le moto. Pensiamo al top di gamma del 1987 della Ferrari, la F40. 478 cv. Pensiamo all'entry level Ferrari di oggi, la California. 460 cv. O, per restare su un segmento simile, la Scuderia. 510 cv per 1250 kg di peso. Si è andato sempre di più verso la ricerca della massima prestazione, ma tenendo presente l'evolversi del mercato. I veicoli ora vanno molto più forte, ma lo fanno con molta più facilità (tecnologie evolute, elettronica...) sia per l'automotive che per il settore moto.

lamps


Ciao!
Nella prima parte del tuo post mi trovi sostanzialmete d'accordo, e, già che ci siamo, ti ringrazio pubblicamente per i tuoi consigli, che mi hanno convinto a orientarmi sulla gixxer! 0509_up.gif

Aggiungo però tra i vantaggi, non da poco a mio modo di vedere, della ninjetta anche l'essere una formidabile scuola in previsione del "salto" verso il mondo delle 600 ss.

Riguardo alla seconda parte quello che dici è vero, ma ti faccio notare che le caratteristiche di cui parli erano, e sono, proprie delle vetture da corsa, dove la differenza la fa il pilota.
Sta di fatto che la linea guida nel campo automobilistico, anche a livello di supersportive, si è pesantemente orientata verso la facilità di guida e la sicurezza, mentre nel campo motociclistico si è cercato più la prestazione assoluta. A dimostrazione di questo basta vedere come molte delle recenti 600 siano più "pistaiole" dei modelli che le hanno precedute, comprese le Honda, che, assieme a Suzui, sono quelle più attente alla guida "reale".
 
7939382
7939382 Inviato: 25 Giu 2009 15:59
 

Kenshin ha scritto:


Ciao!
Nella prima parte del tuo post mi trovi sostanzialmete d'accordo, e, già che ci siamo, ti ringrazio pubblicamente per i tuoi consigli, che mi hanno convinto a orientarmi sulla gixxer! 0509_up.gif

Aggiungo però tra i vantaggi, non da poco a mio modo di vedere, della ninjetta anche l'essere una formidabile scuola in previsione del "salto" verso il mondo delle 600 ss.

Riguardo alla seconda parte quello che dici è vero, ma ti faccio notare che le caratteristiche di cui parli erano, e sono, proprie delle vetture da corsa, dove la differenza la fa il pilota.
Sta di fatto che la linea guida nel campo automobilistico, anche a livello di supersportive, si è pesantemente orientata verso la facilità di guida e la sicurezza, mentre nel campo motociclistico si è cercato più la prestazione assoluta. A dimostrazione di questo basta vedere come molte delle recenti 600 siano più "pistaiole" dei modelli che le hanno precedute, comprese le Honda, che, assieme a Suzui, sono quelle più attente alla guida "reale".


Di nulla Ken 0510_five.gif
Personalmente e ci tengo a sottolineare PER SENTITO DIRE (visto che non ho mai avuto la possibilità di testare qualche vecchia gloria del passato), credo che sia le moto sia le auto fossero molto più difficili da portare al limite rispetto alle odierne discendenti, pur andando (come prestazione assoluta) più piano. E' naturale che le case automobilistiche investano nella facilità di guida, ma lo stesso vale per quelle motociclistiche. Alleggerimento delle masse in gioco, miglior grip, motori più regolari, elettronica, tcs, ammortizzatori di sterzo...ora "tutti" possono portare un mostro da 180 cv, ma prima?! In quanti si sarebbero fiondati ad occhi chiusi su un rgv 500 2T ?! In pochi...solo quelli con tanto, tantissimo pelo sullo stomaco.
Per quanto riguarda la ricerca della prestazione assoluta è ovvio che essa sia tenuta al primo posto nella mente dei progettisti, i numeri fanno vendere. Ma questo vale sia per le quattro che per le due ruote.

Lamps
 
7939640
7939640 Inviato: 25 Giu 2009 16:21
 

lulla ha scritto:
ho visto poco più sopra una yamaha 400 cc venduta in giappone dove esistono anche altri bellissimi modelli di 400 cc: basti pensare alla nuova honda cb 400 sf con o senza carena ma anche ad altre tipologie di moto come la kawasaki w 400 di cui in italia hanno commercializzato solo la versione di 650 cc. beh, per quel che riguarda la nuova honda, la casa dichiara una potenza di 53 cavalli che non mi sembrano affatto male per un 400cc.
è vero che le cilindrate superiori si vendono di più ma non capisco perchè non si possano importare moto di cilindrate inferiori magari in numero limitato come è stato con la nostra kawatappina di cui hanno importato nel primo anno di vendita solo 1000 unità.
che fine hanno fatto le varie kawa er5, honda cbf 500, suzuki gs 500 che forse erano proprio le moto più sfruttabili in termini di potenza di versatilità e di costi in generale?
io spero sempre che prima o poi le case si rendano conto che esiste una categoria di potenziale clientela che si orienterebbe proprio su quel tipo di moto e che si decidano perciò a produrre di nuovo una moto di media (ma veramente media!) cilindrata buona per farci un po' di tutto!



per quanto mi riguarda, se producessero ancora la zx-r 400, la comprerei al volo...
 
7939806
7939806 Inviato: 25 Giu 2009 16:33
 

Per questo ho parlato di investimenti in R&D da parte delle case. Per i freni non ce ne sarebbe nemmeno bisogno, basterebbe semplicemente utilizzare soluzioni già ampiamente applicate alle 600. Per ciclistica e motore, hai ragione... e sai cosa penso? Che con il know-how sviluppato dalle case per la produzione di SS, non sarebbe poi tanto difficoltoso (e soprattutto costoso) produrre moto "2 e mezzo" performanti e sicure.
Per quanto riguarda la potenza, è naturale che più cavalli ci sono, più la moto "va" e più agevolmente si effettuano sorpassi! Per arrivare ai famosi 130, però, 250 è secondo me la cubatura migliore (eccede quel che basta per non arrivare "al limite" in autostrada).

Ribadisco, poi, che chi usa la moto in pista ed ha velleità più che sportive fa benissimo a comprare le varie R1, CBR ecc.ecc.

Per tutto il resto, come direbbe il "Signor Tele2"... perche pagare di più? icon_biggrin.gif
 
7939821
7939821 Inviato: 25 Giu 2009 16:34
 

fpolle ha scritto:



per quanto mi riguarda, se producessero ancora la zx-r 400, la comprerei al volo...

STRAQUOTO
sono moto no valide, validissime, di assicurazione ci smeni meno rispetto ad un 600 e garantiscono prestazioni di tutto rispetto.
La zxr 400 hanno smesso di produrla nel 2003 ma aveva prestazioni ottime.
65 cv a 13000 giri, doppio disco anteriore da 310mm, peso di soli 176kg e velocita massima di oltre 220 kmh, con consumi intorno ai 20-22km/l
tanto di cappello 0510_inchino.gif
 
7940746
7940746 Inviato: 25 Giu 2009 18:02
 

scusate se mi intrometto non capisco dov'è il problema alla fine, i consumi son relativi come abbiam detto all'andatura, ovviamente un 600 andrà meglio agli stessi giri e allora? io sono del parere che se una moto o motorino non cammina con una giornata dal meccanico problema risolto, alla fine la spesa sarà sempre inferiore per l'acquisto di un 600.
E la cosa forte che non ci penso nemmeno a cambiare moto, figuratevi mi son preso l'A3 e mi son comprato la ninjetta perchè la considero una moto perfetta, non ha ripresa? gliela facciam avere... in ogni caso il mercato delle 250 non credo che sparirà del tutto, sicuramente ci vuol tempo, ossia dare la possiblità a tutti quelli ke compiano 18 di poter dire voglio un 250 perchè costa poco, ovviamente il tizio che ha una moto da 15.000 euro mi sa difficile che se la leva a costo di mettere 100 euro di benzina a settimana.
E comunque in ogni caso in arrivo c'è già un modello della yamaha carenato e uno honda naked sempre 250

icon_mrgreen.gif
 
7941036
7941036 Inviato: 25 Giu 2009 18:41
 

SerDantes ha scritto:

E comunque in ogni caso in arrivo c'è già un modello della yamaha carenato e uno honda naked sempre 250

icon_mrgreen.gif


CIOE??? hai qualche informazione?
 
7941810
7941810 Inviato: 25 Giu 2009 19:59
 

mi pare si kiama, yzf 250 R4 e honda (si presume Hornet) CB 250 F
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 5
Vai a pagina 12345  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum KawasakiForum Kawasaki Ninja 250R, Ninja 300, Z250, Z300 e Z400

Forums ©