Leggi il Topic


Indice del forumForum Moto d'EpocaForum Moto Guzzi d'epoca

   

Pagina 2 di 37
Vai a pagina Precedente  123...353637  Successivo
 
Superalce [info e consigli restauro]
6432332
6432332 Inviato: 29 Nov 2008 20:50
 

Vi ringrazio entrambi dei preziosi suggerimenti. Non sono ancora riuscito a svitare tutta la rubinetteria perchè...me la faccio sotto. Ho paura di creare altri danni! Contatterò il signore del sito e qualcuno che possa saldare il tubicino (anche se mi sembra talmente sottile che ho dei dubbi sulla possibilità di saldare i due pezzi lasciando aperto il foro della benzina).

Vi farò sapere! Mannaggia a me!

Vittorio.
 
6586506
6586506 Inviato: 21 Dic 2008 18:56
Oggetto: Tubetteria benzina sostituita e Superalce aggiustato!
 

Ho risolto il problema della rottura della tubetteria della benzina del mio Superalce. Come? Semplicemente, il meccanico di Mandello dal quale mi rivolgo per i problemi più disparati del mio "super cornuto" è riuscito a trovarmi un tubo originale d'epoca, in ottime condizioni, e cromato, e a sostituirmelo. Sono andato due volte a Mandello, la prima coi pezzi rotti e la seconda con la moto sul carrello. Però ora va che è una meraviglia.
Infatti oggi, 21 dicembre, primo giorno d'inverno, ho "ricaricato la batteria" facendo una settantina di chilometri. Perfetto, a parte il solito problema dell'eccesso di olio sulla parte bassa della moto e sulla scarpa destra. E, a questo proposito, stavo pensando di sostituire l'olio motore mettendone uno più viscoso (mi sembra sia l'HPX, non mi ricordo la marca, qualcuno se la ricorda?) per evitare che troppe goccioline che fuoriescono dalle valvole esterne si spargano ovunque. Che ne dite?
Saluti a tutti. E usate le moto anche d'inverno, mi raccomando!

Vittorio
 
6604380
6604380 Inviato: 24 Dic 2008 11:16
 

gspreca ha scritto:
ziorido ha scritto:
Concordo! Essendo un motore a carter secco la quantità di olio presente nel motore è all'incirca sempre la stessa, a meno che non funzioni bene la valvola che regola il passaggio dell'olio dal serbatoio. Può capitare che a motore fermo il serbatoio dell'olio si scarica riempiendo il motore. Per questo sulle vecchie Guzzi c'è un rubinetto nell'impianto dell'olio..


Ciao a tutti, ho anch'io un bel superalce rimesso in funzione alla fine di agosto dopo una dozzina d'anni di parcheggio, perde olio solo se non viene chiuso il rubinetto specifico. Attenzione però a non fare come me che non solo sono partito con il rubinetto chiuso ma ho anche percorso circa 35/40 Km di cui una decina in salita ed altrettanti a velocità "allegrotta - 60/70 km/h" e la moto andava che era una meraviglia. Volete sapere come è finita ? UDITE..UDITE.. assolutamente nulla, ma credo di aver avuto tanto Cu.... Ora ho imparato a mettere un elastico tra il rubinetto chiuso e la pedivella della messa in moto.


Bisogna dire che sei stato veramente fortunato.
Di partire col rubinetto dell'olio chiuso successe anche allo stesso Carlo Guzzi, e fuse il motore. In seguito inventò una valvolina da inserire nel circuito dell'olio che chiudeva e apriva automaticamente.
Martino

l'idea dell'elastico è ottima, Io per non dimenticarmi di partire col bloccadisco inserito, avvolgo la custodia dello stesso sulla manopola del gas.
 
6619380
6619380 Inviato: 27 Dic 2008 14:25
 

scusate se mi intrometto,ma solo ora ho appreso dell'esistenza di questo forum e me ne compiacio.non pensavo esistesse on line una realtà simile,in grado di interfacciare appassionati di mezzi d'epoca che,almeno dalle mie parti,invece di fare proseliti sono una razza in via di estinsione.da collezionista primipilo possiedo un gt 16 appartenuto a mio nonno,restaurato e marciante ma privo di targa(consegnata incoscientemente anni fa) ed un alce,acquistato di recente,marciante con documenti in regola e restaurato in livrea coloniale.entrambe trasudano olio(il gt abbastanza,l'alce pochissimo)ed in relazione a quest'ultima chiedevo delucidazioni su come effettuare la puliitura dello sfiato dell'olio(spero di non sbagliarmi)al serbatoio recentemente menzionato e se c'è un modo per controllare la quantità d'olio di cui il mezzo necessita.
mi scuso per l'apparente banalità delle domande e ringrazio anticipatamente quanti vorranno rispondere
 
6622215
6622215 Inviato: 27 Dic 2008 21:56
 

amicodelcigno sei il benvenuto!
 
6622502
6622502 Inviato: 27 Dic 2008 22:59
 

Benvenuto amicodelcigno, complimenti per le moto, in particolare per l'alce, coloniale è bellissima, posta una foto così la possono ammirare tutti, (che significa ....dalle mie parti....) io abito tra Chieti e Pescara e magari tu sei quà vicino.
 
6624466
6624466 Inviato: 28 Dic 2008 13:01
 

grazie dell'ospitalità amici.abito a terni e devo riconoscere,amareggiato,che nei dintorni di restauratori preparati ed esperti non ce ne sono...per ciò che so io.fortunatamente internet consente di abbattere molte "barriere" ed incontrare persone solerti che possono aiutarti a risolvere molti problemi.provo a postare le foto e mi scuso per la pessima qualità

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
6633320
6633320 Inviato: 29 Dic 2008 16:16
 

Spettacolare!!!! Complimenti vivissimi per il mezzo!. Davvero, e di cuore!

Vittorio P.
 
6634444
6634444 Inviato: 29 Dic 2008 19:29
 

Complimenti semplicemente stupenda, non avevo dubbi, l'alce in versione coloniale mi affascina, a questo punto mi immagino il gt16!!!, posta anche quella che la prima foto è da copertina. Per quanto riguarda il problema dello sfiato olio non ho ben capito se ti riferisci al foro sopra al rinvio della catena ? ( non sono abbastanza competente da poterti aiutare, ma tra noi c'è chi lo può fare e lo farà appena ti leggerà). A Terni c'è un ricambista Guzzi famoso,[/url]Nonsolomotoguzzi.com[url], sei mai stato nel suo negozio reale?
 
6635254
6635254 Inviato: 29 Dic 2008 21:10
 

gspreca ha scritto:
Complimenti semplicemente stupenda, non avevo dubbi, l'alce in versione coloniale mi affascina, a questo punto mi immagino il gt16!!!, posta anche quella che la prima foto è da copertina. Per quanto riguarda il problema dello sfiato olio non ho ben capito se ti riferisci al foro sopra al rinvio della catena ? ( non sono abbastanza competente da poterti aiutare, ma tra noi c'è chi lo può fare e lo farà appena ti leggerà). A Terni c'è un ricambista Guzzi famoso,[/url]Nonsolomotoguzzi.com[url], sei mai stato nel suo negozio reale?

ciao raga,grazie mille per i complimenti!il gt 16 è anch'esso in ottime condizioni ma pecca di alcune parti originali(fanaleria)e si trova in un altro"alloggio" ad una manciata di km da dove io vivo.provvederò quantoprima a realizzare un reportage fotografico della sorellona.
riguardo lo sfiato,mi riferivo a quello situato sul serbatoio sotto il tappo dell'olio e che dovrebbe "sbuffare"ad ogni pistonata.un utente vi accannava qualche post indietro.
il negozio da te menzionato...beh si qualche volta ci sono stato,ma il sempiterno padrone è un tipo un pò scorbutico e non di rado si è esposto alle mie richieste in malomodo.non so,non lo conosco bene ma se posso evito.
 
6636424
6636424 Inviato: 29 Dic 2008 23:38
 

Deve essere una caratteristica comune a molti ricambisti "quotati". Quest'anno ad Imola, Biliotti in persona mi ha trattato a pesci in faccia solo perchè dopo un preventivo per un manubrio completo, ho chiesto un po' di tempo per riflettere, poco ci mancava che mi citasse per danni di mancato guadagno. Cretino io che poi non solo ho accquistato ma mi sono fatto rifilare (non so se per errore o di proposito) le leve dell'airone-falcone al posto di quelle del superalce, così ora le devo cercare nuovamente.
 
6639416
6639416 Inviato: 30 Dic 2008 14:37
 

Ciao a tutti, volevo aggiungere un controllo da fare per le copiose perdite d'olio che vengono attribiute alle valvole: i bilanceri che spingono le valvole di asp. e scarico lavorano in bagno d'olio e per evitarne l'uscita ci sono due premistoppa. A me capitò che non sostituendole, su un motore di un GTV a valvole scoperte, perdesse copiosamente come è accaduto a voi. Sostituiti i premistoppa tutto è andato a posto. 0509_up.gif
 
6640246
6640246 Inviato: 30 Dic 2008 17:10
 

amicodelcigno ha scritto:

immagini visibili ai soli utenti registrati


Ma quant'e' bello , 'sto alce? icon_eek.gif

Complimentoni...
 
6641965
6641965 Inviato: 30 Dic 2008 21:03
 

sono lusingato icon_redface.gif .a questo punto posto l'immagine che la ritrae dall'altro lato e,a breve,inserirò quelle del gt 16.per la cronaca(senza presunzione)la borsa visibile nella prima foto è lo zaino tattico in dotazione a tutta la fanteria del regio esercito,meglio conosciuto come mod.39.l'altro oggetto è un telefono militare da campo inglese,ricondizionato.

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
6643167
6643167 Inviato: 31 Dic 2008 0:03
 

amicodelcigno ha scritto:
sono lusingato

Il fatto e' che io vado pazzo per le guzzi con "l'affettatrice".
Probabilmente un trauma infantile causato dal vicino di casa che aveva il falcone col sidecar. icon_asd.gif
La domenica passava mezza giornata in cortile a pulirla dopo il ritorno dalla campagna ed io rimanevo ipnotizzato dal punf punf del motore al minimo e da quell'affare rosso e cromato che girava... icon_eek.gif
 
6650346
6650346 Inviato: 1 Gen 2009 18:55
 

Veramente splendida e in condizioni pressochè perfette.
Complimenti amicodelcigno

Martino (Roma)
 
6685165
6685165 Inviato: 6 Gen 2009 23:37
 

[img]

immagini visibili ai soli utenti registrati

[/img]

...ecco, questo è invece il mio Superalce appena uscito dal...restauro! Ora, due anni e mezzo dopo, è ovviamente un po' usato, e il motore, per il noto problema dell'eccesso d'olio, è un po' "ingrigito", anche se, come è già stato detto, dopo l'uso ci passo parecchio tempo a pulirlo. L'ho infine inserito perchè penso che non sfiguri nei confronti dell'Alce di Amicodelcigno.
E' un'altra roba, ma entrambe sono degne della migliore tradizione Moto Guzzi!

Salute a tutti e buon anno.

Vittorio.

Ultima modifica di Toio il 9 Gen 2009 16:31, modificato 1 volta in totale
 
6686745
6686745 Inviato: 7 Gen 2009 12:36
 

Stupende tutte e due , complimenti ! 0509_up.gif
 
6691057
6691057 Inviato: 7 Gen 2009 20:19
 

Ok... Mi avete costretto ad inserire anche la mia, il restauro non è ancora completato, la devo rismontare per verniciarla, fare alcune parti cromate, sostituire qualche particorale non originale e poi iscriverla alla FMI, ma intanto ci circolo e me la godo anche così, e pur sempre una bella moto no...????
Ciao amici alcisti e superalcisti, postate le vostre, tutte meritano una passerella, qualsiasi sia lo stato.

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
6691154
6691154 Inviato: 7 Gen 2009 20:26
 

alce o super alce,rimangono pur sempre pezzi della Nostra storia
 
6692557
6692557 Inviato: 7 Gen 2009 22:13
 

Bella roba, bella roba davvero! Ma li avete fotografati prima del passaggio al....centro estetico? Io si. Eccolo qui com'era:

[img]

immagini visibili ai soli utenti registrati


[/img]

Mi piaceva molto anche com'era, e infatti fu un colpo di fulmine. Ma per me che fosse rosso era una " Conditio sine qua non" del Superalce, come per tutte le altre moto (e mezzi) che ho.
Il restauratore mi consigliò di andarlo a prendere pur conciato, ma con quanti più pezzi "da riverniciare" possibile. Questo della foto era un buon compromesso tra pezzi ed età. Ed allora il lavoro è cominciato da qua.

Ciao, Vittorio.

PS ho messo la foto di come era prima perchè se no diventa solo una vetrina di belle signore del passato, che han fatto ricorso al centro estetico, e non mi sembra giusto per coloro che hanno da mostrare dei Superalce o Alce vecchi, vissuti o conservati. Anche loro hanno un fascino tutto particolare. Non sono solo delle vecchie Moto Guzzi militari. Sono comunque dei gioielli da indossare anche così.
 
6693448
6693448 Inviato: 7 Gen 2009 23:57
 

immagini visibili ai soli utenti registrati


L'anno scorso era così, poi dopo una buona ripulita

immagini visibili ai soli utenti registrati


Il rospo baciato diventa Principe

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
6699856
6699856 Inviato: 8 Gen 2009 20:34
 

gspreca ha scritto:
Ok... Mi avete costretto ad inserire anche la mia, il restauro non è ancora completato, la devo rismontare per verniciarla, fare alcune parti cromate, sostituire qualche particorale non originale e poi iscriverla alla FMI, ma intanto ci circolo e me la godo anche così, e pur sempre una bella moto no...????
Ciao amici alcisti e superalcisti, postate le vostre, tutte meritano una passerella, qualsiasi sia lo stato.

immagini visibili ai soli utenti registrati



Ma riverniciare che eusa_naughty.gif per me un ottimo conservato come il tuo è molto meglio di un riverniciato. (oppure la vuoi "civilizzare" ?)
Martino
 
6702551
6702551 Inviato: 9 Gen 2009 0:00
Oggetto: Un sogno degli anni ´50 o vivo al presente?
 

Salve Alcisti e Superalcisti.

Sempre in tema di Superalce, vi voglio raccontare un fatto successomi la scorsa estate. Un fatto particolare ed insolito per la sua originalità e per la sorpresa.
Ero con mia moglie sulla mia Vespa 150 ET4 rossa diretto in Riviera di Levante, a Sestri, per la precisione . Era circa la fine della seconda settimana di luglio. Ci trovavamo tra Voghera e Tortona. La nostra velocità non superava gli 85 km/h. Avevo deciso di lasciare a casa il Superalce perchè non mi fidavo troppo, nè a lasciarlo in strada la notte e nè per l'affidabilità, chè dopo anni e anni mia moglie veniva con me in moto e se si rompeva qualcosa e ci lasciava a piedi, chissà cosa me ne avrebbe dette! La terza moto, la Breva 750 i.e. rossa, non l'avevo ancora, e anzi, proprio quel lento viaggio su strade statali fu d'impulso per l'acquisto di qualcosa di decisamente più potente.
Stavamo appunto andando di buona andatura lungo la statale, in un tratto un po' a curve, quando scorgo a distanza una moto ambigua, un po' carica, che procedeva tranquillamente, ma che non riuscivo a riconoscere da lontano. Ma man mano che mi avvicinavo aveva però dei profili sempre più familiari.
Finchè ad un tratto ho lanciato un grido: " Ma è un Superalce!!" Mia moglie si mise a ridere di gusto. Era diverso dal mio per la marmitta singola e per la livrea, che era tutta mimetizzata, con pennellature fini e cromatismi vari del verde. Ma, soprattutto, si diversificava per chi la guidava. Era un militare in divisa e col fucile! E che ci fa qui un militare solingo e col fucile piazzato sul portafucile laterale?! Mi avvicino con la Vespa, con cui andavo un po' più veloce e lo saluto gridando: " Buongiorno! E' un Alce o un Superalce...!" " S-u-p-e-r-alce!" "Aah bene, ne ho anch'io uno sa, ma è rosso" "Ah!" . Sempre andando sui sessantacinque all'ora gli chiedo: "Ma lei è un militare?! " "Si, Alpino!" "E dove sta andando!" " "Sto tornando in caserma" . Poi, con un po' di pudore, visto che si trattava di un alpino di leva - con casco anch'esso mimetizzato come la moto - e magari con qualche "segreto militare" da mantenere, provo a chiedergli ancora: "Ma da dove viene?!" " Da una manifestazione rievocativa a una settantina di km da qui" "Ah, bene, e ha ancora il Superalce in dotazione?" " Si, ne abbiamo ancora qualcuno. Oggi è partito solo questo" " Bene bene, complimenti ancora per il mezzo e per tutto. La salutiamo". E andammo via più lesti, in sella alla Vespa, verso il mare.
Insomma, quel breve incontro e quel dialogo dinamico fu una gran sorpresa. Non capii però che manifestazione o parata fosse e dove fosse, e, soprattutto, dove stesse ritornando di preciso, perchè erano zone appenniniche. Forse ci sarà una caserma dalle parti di Tortona o di Serravalle Scrivia. Ma fu veramente un fatto piacevole e nuovo. Pensavo diverse cose. Che se fosse successo cinquant'anni prima sarebbe stato del tutto normale e non gli avrei nemmeno parlato e, a tal proposito, mi venne il dubbio se non ci fossimo per caso trovati di colpo alienati negli anni cinquanta per via della Vespa (seppur moderna) e della nostra esclusiva percorrenza di strade statali, poco trafficate. E poi pensavo, e lo penso ancora, che diamine ci facesse un soldato lì e da solo, senza altri alpini con mezzi moderni a scortarlo, e da dove venisse e dove andasse. Boh? Comunque fu insolitamente divertente davvero.
Ecco, ve l'ho raccontato un'altro aneddoto del Superalce, visto che siamo in famiglia. Una Moto Guzzi che per la sua specificità e originalità penso proprio che mi continuerà a dare sorprese.

Saluti a tutti.

Vittorio

Ultima modifica di Toio il 9 Gen 2009 16:35, modificato 4 volte in totale
 
6702655
6702655 Inviato: 9 Gen 2009 0:21
 

Grazie Toio!!! una bella storia davvero!!
 
6709460
6709460 Inviato: 9 Gen 2009 21:58
 

Ciao Martino, ti rispondo dopo essermi letto la bella storia di Toio, non voglio "civilizzare il superalce" e francamente ho qualche remora a rimetter mano allo smontaggio con (soprattutto) lunga sosta senza moto alternativa, ma la vorrei riverniciare per una serie di motivi che ora ti espongo partendo da un dato di fatto; quello che a te sembra un ottimo conservato, è in realtà la conservazione di un cattivo restauro fatto 35 anni fà dal precedente proprietario il quale mi ha confessato fin dal primo momento che la sua intenzione era solo quella di sistemare un mezzo che camminasse senza nessuna pretesa, lui era all'epoca un carabiniere meccanico ed aveva reimmatricolata civile quella moto dismessa dall'Esercito che lui conosceva bene. Nulla da eccepire sul motore per il quale aveva sostituito con ricambi nuovi tutto cio che serviva (ad esempio, mi diede in dotazione due gomme nuove oltre a quelle montate, tre bottoni frizione con relativi cuscinetti cappellotti e viti registro, varie candele, attrezzi originali tra cui quello per cambiare le maglie della catena, l'igrassatore ecc.), ma per altre parti anzichè recuperare gli originali, ha preferito sostituirli con pezzi del nuovo falcone, un esempio eclatante è il manubrio completo, e poi il portatarga con il fanalino posteriore, la sella posteriore adattata con una anteriore, la tromba anche se molto simile non è originale e devo verificare il faro dove certamente il blocco interno del devioluci risulta diverso dallo schema del manuale d'officina. Per tornare alla vernice, quella fatta durante il primo restauro anche se grigioverde, non è la tonalità originale che ho trovato aprendo il tamburo della ruota, nella foto sotto notare la differenza di colore con il supporto del tamburo, ed infine un particolare a cui tengo molto, la cromatura del serbatoio che è indicata anche nella documentazione allegata al certificato d'origine rilasciatomi dalla Moto Guzzi, si nota benissimo nel restauro del superalce ROSSO di Toio.
A questo punto scusatemi tutti se vi ho annoiato e ringrazio Martino per avermi dato l'opportunità di vuotare il sacco, anche se adesso sono piu confuso di prima, AIUTATEMI...

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
6710099
6710099 Inviato: 9 Gen 2009 23:35
 

Non annoi nessuno, gspreca, ci mancherebbe. Il bello di tutte le nostre storie sono proprio queste vicende tecniche e umane che si accavallano. Anche tu, nel contatto con l'ex proprietario, hai raccontato una storia umana frammista a fatti tecnici.
Riguardo al colore, effettivamente sarebbe interessante almeno farlo ritornare a quello originale più chiaro. Che è poi quello dei Carabinieri. Però i Carabinieri avevano una moto più "lussuosa" perchè era appunto anche cromata e filettata, proprio come il mio SA che però è rosso. Anche quello verde più scuro è filettato.
Se vuoi delle ottime delucidazioni cromatiche ti consiglio di richiedere il n° 5 del maggio 2005 della rivista "Motociclismo d'Epoca" alla Edisport Editoriale SpA. via Gradisca, 11 20151 Milano - Motociclismo.it -. C'è un interessante articolo sui due Superalce con tantissime foto della moto e dei particolari delle stesse che vanno ad inquadrare anche i minimi particolari ad es. delle filettature e dei colori delle stesse.
Io credo, a mio sindacabile giudizio, che una riverniciatura d'autore sia giusta perchè la moto se la merita. Nell'articolo, e questo lo dico solo a ulteriore difesa del mio SA rosso, c'è testualmente scritto nella didascalia di una foto "... Privata dei silenziatori, l'Alce è verniciata di rosso, colore di cui è stato dipinto almeno un lotto destinato al mercato civile." Certo, parla di Alce e non di SA, ma comunque sulla base di questo lotto, la moto, la FMI me l'ha passata al Registro Storico, non prima di essersi accertati debitamente.
Per cui, gspreca, non ti "confondere" e cerca di trovare la rivista prima di riverniciarla perchè credo che valga la pena di andare sul sicuro prima di iniziare una così importante modifica estetica. Inoltre, se posso darti un consiglio, sempre molto sindacabile, io quelle frecce arancioni e bianche le toglierei proprio, oltre naturalmente al manubrio non autentico e al fanalino posteriore e a tutti i particolari non originali. I pezzi a cercarli con calma si trovano. Comincia dal colore quest'inverno, rimontala, eppoi goditela in primavera,d'estate e d'autunno. Poi cerca i pezzi che rimonti volta per volta. Il prossimo anno è tutta originale e rinnovata.
Sai già metterci le mani bene (molto meglio di me!), non credo che ti sarà difficile fare un bel lavoro nella parte relativa all'estetica e all'autenticità.

Vittorio.
 
6710448
6710448 Inviato: 10 Gen 2009 0:58
 

Ciao Toio e grazie, grazie per due motivi, 1 perchè mi hai dato dei consigli preziosi, 2 perchè in fondo hai detto quello che avrei voluto sentirmi dire (sei nella mia lista di amici 0510_amici.gif ). Per le frecce hai ragione, infatti le avevo tolte subito dopo lo scatto della foto, le avevo rimontate per la prima revisione, ma poi mi hanno detto che era superfluo e le ho tolte, il manubrio invece è montato ancora quello, ma ho già acquistato ad Imola un rifatto completo lo monterò appena trovo le leve del SA, al momento dell'acquisto per distrazione mi sono state date quelle dell'airone/falcone. Ciao Gianni 0510_abbraccio.gif
 
7143962
7143962 Inviato: 10 Mar 2009 21:57
Oggetto: Il Superalce ha un oliatore della catena?
 

Sta tornando la primavera, e con essa la voglia di usare le nostre moto d'epoca.

Oggi ho fatto un giretto di un paio di decine di chilometri col mio Superalce. L'ho sgranchito un po' e va bene.

Ma vorrei sapere se il Superalce ha un oliatore che agisce direttamente sulla catena, consentendone la lubrificazione continua. Mi sembra di averlo letto da qualche parte.

Se così fosse, credo che le solite perdite che trovo sui giornali che metto sotto la moto nel box, che sono a mio parere sempre eccessive, provengano da questo fantomatico oliatore. Questo l'ho dedotto dal fatto che le macchie che vedo sono dietro, in fondo al motore e vicino al cavalletto, più o meno in corrispondenza del pignoncino della catena.

E se tutto è così, come faccio a regolarlo?


Grazie in anticipo per le risposte agli edotti in Superalcismo.

V. P.
 
7224982
7224982 Inviato: 22 Mar 2009 22:13
 

Ciao Toio, è un po' che non ci si sente, anch'io una settimana fà ho rispolverato il Superalce con qualche chilometro di riscaldamento, ora però con questo freddo aspetterò che la primavera non sia solo sul calendario. La lubrificazione della catena avviene automaticamente da un foro di sfiato non regolabile posto sopra il pignone di trasmissione, sicuramente lo hai letto nel manuale uso e manutenzione alla voce "lubrificazione della catena" pag. 13. Se non possiedi il libretto uso e manutenzione o il manuale d'officina, vai sul sito Guzzitek.org e te li puoi scaricare.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 2 di 37
Vai a pagina Precedente  123...353637  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Moto d'EpocaForum Moto Guzzi d'epoca

Forums ©