Moto
Restauro conservativo moto d'epoca: quando e come farlo.
Scritto da girodan - Pubblicato 01/12/2014 17:30
In questo articolo cercherò di illustrare quando e come effettuare un restauro conservativo e le metodologie più comuni usate per riportare in piena efficienza il mezzo senza togliere quella pàtina di vissuto che lo scorrere del tempo gli ha conferito e che lo rende unico in mezzo a tanti...

Quando dobbiamo restaurare una moto d'epoca, spesso il dubbio che si presenta è sempre lo stesso: restauro totale o conservativo?? La tendenza fino a un po' di anni fa era quella di restaurare totalmente la moto e quindi sabbiatura, verniciatura, cromatura e tutto quello che serviva per riportarla come nuova… il risultato è un mezzo praticamente come nuovo, lucido e scintillante ma purtroppo “anonimo” ottenuto purtroppo cancellando i segni che lo scorrere dei decenni gli avevano impresso.

Fortunatamente, almeno per il sottoscritto, col tempo l’atteggiamento è cambiato e si sta sempre più apprezzando tra gli appassionati il restauro conservativo e il valore intrinseco che una moto con vari decenni sulle spalle, su cui è possibile “leggere” la storia e i trascorsi del tempo, inevitabilmente ha.

Personalmente mi sono cimentato nel restauro della mia Mv Agusta 175 CSTL del 55 e il risultato ottenuto mi ha dato grande soddisfazione. Guardando il serbatoio con le due decalcomanie col marchio in perfetto stato, la decisione sulla strada da prendere è stata facile: sarebbe stato un peccato mortale sabbiare tutto e riverniciare!!
Ovviamente non si può parlare di conservato se i mezzi sono particolarmente malmessi e danneggiati o comunque pesantemente rimaneggiati dove di solito si procede restaurando integralmente.

Un buon risultato si ottiene operando sempre con perizia e cognizione di causa durante tutte le varie fasi del restauro cominciando come sempre si deve fare con il documentarsi sull’originalità della moto e sulla possibilità di reperire i vari pezzi eventualmente mancanti.
Superata questa fase preliminare si comincia con lo smontaggio vero e proprio dividendo e catalogando tutti i pezzi… la meccanica va smontata completamente e si procede comunque a una revisione generale di motore, cambio, e in generale cambiando paraoli e cuscinetti e procedendo alla eventuale sostituzione di altri pezzi usurati.

Sulla mia Mv ho proceduto in questo modo e il risultato è stato più che buono:
dopo aver smontato completamente, tutta la moto le parti verniciate (telaio, serbatoio, parafanghi) sono state pulite usando paglietta fine e gasolio (o WD40 a scelta) che scioglie la ruggine dove presente ed elimina la patina opaca dalla vernice, poi lavaggio con detergente sgrassante e asciugatura con getto d’aria compressa.
Stesso lavoro per i cerchi ruota e le parti cromate usando però paglietta metallica più grossolana.

Ho trattato tutti i pezzi, sia verniciati che cromati, con OWATROL, prodotto specifico per fermare la ruggine e preservare il metallo da successive ulteriori ossidazioni stendendolo con uno straccio imbevuto per non creare troppo spessore che renderebbe troppo visibile lo strato applicato e lucida la superficie trattata.

Visto che il prodotto oltre che protettivo una volta asciugato è pure verniciabile, ho fatto qualche ritocco sui pezzi troppo arrugginiti come interno parafanghi, cavalletto, forcellone e pedane poggiapiedi oltre a qualche ritocchino qua e là. Ovviamente usando vernice preparata al tintometro per l’occasione.
Il blocco motore è stato smontato completamente e revisionato a fondo, lavando e pulendo carter, testa e cilindro usando sempre paglietta con gasolio prima e sgrassante poi rimontando il tutto mettendo paraoli e cuscinetti nuovi. Nel mio caso non ho dovuto fare altro essendo pistone, cilindro e valvole in perfetto stato… ho cambiato solo i segmenti come si fa di solito dopo lo smontaggio di pistone e cilindro.

Rigenerata pure la sua batteria originale in bachelite svuotandola e inserendo due comuni batterie al gel da 6 volt – 7 ampere. rifatto ovviamente anche l’impianto elettrico e trattato il serbatoio con la Tankerite… quest’ultimo, nonostante i quasi 60 anni di età, era internamente perfettamente integro e senza un filo di ruggine!!! Gli unici pezzi nuovi sono collettore, marmitta e rivestimento sella perché irrecuperabili gli originali e quasi introvabili d’epoca… le gomme, Pirelli originali, invece erano ancora in ottimo stato e senza screpolature e non hanno avuto bisogno di essere sostituite.

Questo è stato il mio primo restauro conservativo e devo dire che mi ha dato molta soddisfazione proprio perché è rimasta intatta l’anima e soprattutto il fascino che è giunto fino a noi dopo tanti decenni… sicuramente vi saranno tecniche più raffinate, ma già così è ottenibile un buon risultato e, senza avere particolari capacità, tutti possono cimentarsi nel recupero del loro mezzo a costi sicuramente più ridotti.

Fotogallery:















 

Commenti degli Utenti (totali: 12)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: JO74 il 03-12-2014 13:58
Bene, ora ho capito la differenza tra "totale" e "conservativo".
Ottimo articolo, preciso ed al contempo "leggero" (nel senso che si legge bene, non che i contenuti sono banali...).
Ma soprattutto, complimenti per il lavoro svolto, il risultato è veramente eccellente.
Concordo con il fatto che un restauro totale porti ad un risultato più anonimo, mentre il conservativo porti il mezzo ad avere più "anima".
Ammiro chi, come te, si cimenta a metter mani (e non solo) in queste "vecchie" moto...
Chissà, magari anch'io un giorno...
Bravo. Up
Commento di: Andrea64 il 09-12-2014 10:12
Articolo interessante e utile, per principianti e non. Sono d'accordissimo con il tuo pensiero riguardo a conservare le moto il più possibile: hanno poi un'altro fascino rispetto alle bellissime e luccicanti restaurate totali.
Poi, avendo visto di persona la moto, non posso far altro che dire: Ottimo lavoro! DoppioOk E' venuta proprio bene!
Commento di: speusippo83 il 10-01-2015 00:22
Complimenti. Articolo chiaro e illuminante. Sono uno storico della filosofia e ti posso dire che da 'storico' apprezzo molto il tuo approccio: ovviamente dove possibile.
Fra l'altro bellissima la MV Augusta!

J.
Commento di: ultrazzurro il 22-01-2015 08:27
Complimenti ottimo lavoro.
Io ho una cb 750 del '73 e per ora ho fatto solo le cose necessarie per farla partire....
Olio, candele, carburatori. ... piccole cose che però ti danno una grande soddisfazione quando finalmente la moto è... in moto....
una domanda banale però vorrei fartela. Visto che mi dovrò costruire un ponte alza moto "fai da te" con dei tubi di ferro ed un crick idraulico... come hai fatto a farla scendere da lassù?

Commento di: pianino il 22-01-2015 23:25
intressantisssssssimo , visto che ho appena preso una silverwing gl650 interstrate del 1983.
spero di riuscire a sistemarla per utilizzarla quotidianamente .

puoi darmi qualche dritta in + su come recuperare batteria epoca ??

e ora approfondisco il discorso " OWATROL"...se hai dritte in merito sono bene accette .

ps . la mia "nuova" bambina ;

Smile
Commento di: Gileriamo il 23-01-2015 11:22
Mi associo al commento precedente. Sto facendo un lavoro simile su una Gilera 150 sport del 53. Potresti illustrare meglio questo "OWATROL". Ho cercato sul loro sito ma hanno mille prodotti. Grazie e complimenti.
Commento di: pianino il 23-01-2015 22:46
gia'....almeno 3 potrebbero andare bene.ma penso che l,85 sia ideale ...lo danno anche per le marmitte , quindi deduco anche per le teste...

http://www.owatrol.com/index.php?langue=it&page=gamme-vehicule Think
Commento di: gdevil51 il 16-11-2019 11:12
È giusto che si chiama Owatrol RA.85 ???
Commento di: adlerv90 il 26-01-2015 00:05
Bel lavoro sulla MV, metti se riesci qualche foto di come hai fatto per svuotare la batteria e inserire quelle al Litio...
La Honda con fisionomia del motore V90 della Guzzi... si presta molto bene al restauro !!

detto da un Guzzista poi.... Si
Commento di: andreamotom il 17-03-2015 18:15
motom 48 c Ragazzi ciao a tutti , è da tanto tempo che non sono presente, ho un dubbio riguardo il montaggio del faro, ho sia a destra che sinistra uno spazio di circa 3 mm, vanno delle rondelle?mi dite in sequenza cosa mettere? bulloni e rondelle?
Commento di: cindy4ever il 18-10-2016 08:44
e la ruggine comela combatti??
Commento di: girodan il 02-02-2017 19:45
è l'owatrol che blocca la ruggine....