Leggi il Topic


Supermono 650 fatto in casa
16092884
16092884 Inviato: 23 Lug 2019 20:14
 

ciao ragazzi, 0510_sad.gif 0510_sad.gif 0510_sad.gif 0510_sad.gif 0510_sad.gif .
dica una gran elusione
ho portato la moto sul banco, e ci sono stati dei problemi con la messa a punto.
pronti via tutto funzionava bene, abbiamo iniziato a carburarla partendo dai 2000 giri in poi, fin che siamo arrivati ai fatidici 5500 e da li non siamo riusciti ad andare oltre.
abbiamo provato a tirare indietro la fare ed il motore girava giusto ma non prendeva giri, portata a circa 40 gradi di anticipo e scoppiettate a rafica, alla fine nulla da fare.
no provato vedere cosa siamo riusciti a tirare furi in questi 5000 giri, ed i valori sono 79nm di coppia 45cv di potenza, non era male se si riusciva ad arrivare ai 8500 giri.

ma forse oggi abbiam trovato la strada giusta ma mi sembra un po' strana, giocando con la fare a motore in folle e infastidendo il vicinato, sono riuscito ad arrivare al limitatore abbastanza bene, ma quello che mi sembra strano è che sono dovuto arrivare a 60 gradi di anticipo.
un valore a mio parere alto, ma forse non per questo motore, qualcuno ha mai avuto sotto mano i valori dell' anticipo della centralina originale??
 
16092909
16092909 Inviato: 23 Lug 2019 21:50
 

Caspita, sì, abbastanza deludente. Ma è normale per certi versi, un motore turbo non è certo una passeggiata da ritoccare a livello di carburazione e anticipo, figurati se te lo devi regolare pressoché da zero!

Se può aiutare:
icon_arrow.gif Messaggio #13355633
 
16092986
16092986 Inviato: 24 Lug 2019 0:47
 

Mh...una bella rogna.
Se non ricordo male quei motori avevano l'anticipo variabile. Ed è probabile che con il turbo tu debba farlo diventare ancora più variabile. Nel senso che ad alti regimi, quando la portata aumenta, rischi di incorrere a fenomeni di detonazione, che magari si presentano come una bassa efficienza di combustione, che appunto risulta in mancata potenza.

Aumentare l'anticipo riduce il rischio, visto che forzi la combustione ad avvenire prima.
Ma ai bassi con un anticipo così alto deve rendere davvero poco. Sarebbe un peccato
 
16093417
16093417 Inviato: 25 Lug 2019 13:28
 

Ugo51 ha scritto:
Aumentare l'anticipo riduce il rischio, visto che forzi la combustione ad avvenire prima.
Ma ai bassi con un anticipo così alto deve rendere davvero poco. Sarebbe un peccato


per i bassi giri non ci sono problemi, riesco a regolare l'anticipo a mio piacimento, quindi a bassi giri posso avere un anticipo basso ed a alti giri un anticipo alto.

in questi giorni mi sono informato sul problema della fase, ed effettivamente per come è fatto questo motore, ha bisogno di molto anticipo ad alti regimi, inoltre deve avere anche l'elettrodo della candela con una apertura compresa tra 0.8 a 1mm.
inoltre mio fratello (che smanetta nelle centraline delle auto da rally ) mi ha detto che molte centraline programmabili hanno una limitazione ad un massimo di 40°, ed è per questo che non riuscivo a superare i 5000 giri.
da programma si aumentava ma in realtà non cambiava.
purtroppo queste sono delle impostazioni che non conoscevo.
 
16093453
16093453 Inviato: 25 Lug 2019 15:37
 

Ce la fa la bobina a supportare un'apertura da 1mm?
 
16093477
16093477 Inviato: 25 Lug 2019 16:27
 

Domanda da ignorantone: si può escludere la turbina? Eventualmente potresti fare delle prove senza, per vedere se influisce così tanto sull'anticipo.
 
16093806
16093806 Inviato: 26 Lug 2019 13:23
 

Ugo51 ha scritto:
Ce la fa la bobina a supportare un'apertura da 1mm?


non saprei, la aprirò a 0.9mm e provo se funzione correttamente.
certo per andare sul sicuro bisognerebbe prendere una bobina più potente.
una cosa alla volta icon_mrgreen.gif
domani se riesco inizio a fare alcune prove. 0509_up.gif

Matthew_Versys ha scritto:
Domanda da ignorantone: si può escludere la turbina? Eventualmente potresti fare delle prove senza, per vedere se influisce così tanto sull'anticipo.


ciao non ci sono domande stupide, no non posso escludere la turbina, dovrei rifare la marmitta e tutto il condotto di aspirazione, è una bella lavorata.
posso dirti che mentre provavamo sul banco, abbiamo provato a tenere aperta la valvola wastegate per ridurre al minimo la pressione del turbo ed anche cosi non cambiava nulla.
quindi escluderei che sia un problema derivante dal turbo.
 
16094006
16094006 Inviato: 27 Lug 2019 7:33
 

Per vedere se la centralina arriva oltre i 40° di anticipo dovresti rimediare una pistola strobo .
Comunque 60° mi sembra un' esagerazione.
Che rapporto di compressione usi ?
A che pressione lavora la turbina ?
Sicuramente nell' aspirazione ( soprattutto sottodimensionato come lo hai fatto tu) si formano onde pulsanti importanti che potrebbero creare un bel po' di problemi di carburazione e anticipo. Dovresti trovare il modo di trovare un posto dove mettere una camera aggiuntiva , magari calcolandola come risuonatore helmontz

A me e' venuta un' idea un po' malsana: non e' che il carter lavora in sovrappressione?
 
16094452
16094452 Inviato: 29 Lug 2019 13:26
 

Ciao, questo fine settimana ho fatto alcune prove ed in effetti sono rimasto sotto ai 50 gradi e cosi facendo la moto prende i giri

immagini visibili ai soli utenti registrati



Il rapporto di compressione é quello originale 9,1:1 e la pressione che ho usato adesso é 0,2bar, ma voglio arrivare a 0,6.

Cosa imtendi dire quando dici che i carter lavorano in sivrapressione?
 
16094577
16094577 Inviato: 29 Lug 2019 21:12
 

Se la pressione all' interno del carter e' troppo alta , oltre ad avere grosse perdite di pompaggio, i segmenti potrebbero non lavorare correttamente.
0,2 bar praticamente e' un aspirato , rimango dell' idea che sia un problema di condotti d' asp
 
16094836
16094836 Inviato: 30 Lug 2019 13:12
 

snowstorm ha scritto:
Se la pressione all' interno del carter e' troppo alta , oltre ad avere grosse perdite di pompaggio, i segmenti potrebbero non lavorare correttamente.
0,2 bar praticamente e' un aspirato , rimango dell' idea che sia un problema di condotti d' asp


scusa se non sono d'accordo, forse non mi sono spiegato bene io.
se poniamo la pressione atmosferica come nostro 0 di partenza, un aspirato non potrà mai arrivare a +0,2bar di pressione accelerando da fermo, tanto meno a 0, ma rimarrà con un valore negativo.
ma poi se nel condotto di aspirazione ci fossero turbolenze, il sensore di pressione dovrebbe sentire delle variazioni giusto?
non credo che i carter vadano in sovrappressione, alla fine voglio arrivare ad una pressione di +0,6bar al massimo +0,8 se non ho problemi, e non è una pressione esagerata.
 
16095046
16095046 Inviato: 30 Lug 2019 21:33
 

mazzo1 ha scritto:
scusa se non sono d'accordo, forse non mi sono spiegato bene io.
se poniamo la pressione atmosferica come nostro 0 di partenza, un aspirato non potrà mai arrivare a +0,2bar di pressione accelerando da fermo, tanto meno a 0, ma rimarrà con un valore negativo.
ma poi se nel condotto di aspirazione ci fossero turbolenze, il sensore di pressione dovrebbe sentire delle variazioni giusto?
non credo che i carter vadano in sovrappressione, alla fine voglio arrivare ad una pressione di +0,6bar al massimo +0,8 se non ho problemi, e non è una pressione esagerata.


Senza dubbio 0,2 e' una sovralimentazione , ma di un valore estremamente basso, quindi l' aumento di massa aspirata ( o spinta) e' limitato rispetto ad un aspirato.
A riguardo del sensore di pressione, se intendi turbolanze come pulsazioni, il sensore non penso le misuri.
Per evitate che i carter vadano in sovrappessione basta usare uno sfiato dei vapori dimensionato correttamente
 
16100289
16100289 Inviato: 22 Ago 2019 16:08
 

ciao a tutti,
al rientro delle ferie, mi sono ritagliato una mattinata per riprovare a portare la moto sul banco prove, e stavolta pur avendo avuto problemi elettrici, quando ho finito ero molto soddisfatto dei mio lavoro.
dopo alcune prove andate male, abbiamo trovato il parametro della centralina che la volta precedente ci ha dato problemi e la moto ha iniziato a prendere i giri.
questo è il parametro che è stato abbassato.

immagini visibili ai soli utenti registrati



sistemato questo parametro anche la fase è rientrata ad un valore accettabile.

immagini visibili ai soli utenti registrati



dopo aver risolto questo problema ed aver carburata la moto dai 2000 ai 8000g/min a passi di 500 g/min alla volta, la sfiga si è ripresentata sotto forma di noia elettrica.
a causa delle vibrazioni si è rotto un componente sulla centralina causando un corto sull' alimentazione, provocando la fine della prova.
ho cerchiato i componenti bruciati.

immagini visibili ai soli utenti registrati



nonostante questo sono riuscito a fare un paio di foto al grafico dei risultati sul banco.
questo era in fase di carburazione fatta circa una ora e mezza dopo l' inizio delle prove

immagini visibili ai soli utenti registrati



e questa l'ho fatta poco dopo, una oretta dopo e doveva essere quella finale, proprio quando ho avuto il problema.
infatti si può vedere l'istante in cui è successo il corto circuito. icon_evil.gif

immagini visibili ai soli utenti registrati



pur avendo avuto questa noia, sono soddisfatto del risultato ottenuto.
ha la pressione del turbo è di 0,8 bar. non male direi icon_asd.gif
 
16102990
16102990 Inviato: 2 Set 2019 20:39
 

Dopo il priblema elettrico, ho deciso di sostituire la scatola della centralina, con una in metallo.
Non esistendo una di misura adeguata, me la sono creata icon_asd.gif

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
16102991
16102991 Inviato: 2 Set 2019 20:44
 

Questo é il risultato,

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
16102999
16102999 Inviato: 2 Set 2019 21:36
 

Non male, non male! Però, quanto scalda la circuiteria? Avendo avuto esperienze di cavi andati a fuoco, ormai tendo ad essere un pochetto paranoico su 'ste cose eusa_think.gif
 
16103082
16103082 Inviato: 3 Set 2019 9:17
 

i componenti che scaldano sono i tre transistor che ho spostato dalla scheda per montarli direttamente sulla parte metallica della scatola, cosi dovrebbe favorire meglio la dispersione di calore.
per il resto non credo di avere grossi problemi di temperatura.
guardando bene i componenti bruciati (cosa che dalle foto purtroppo non si riesce a vedere), credo che il problema non sia stato una conseguenza della temperatura, ma più dalle vibrazioni.

stupidamente ho montato un dispersore di temperatura sulla parte esterna della scatola in plastica, con delle torrette sono arrivato sui componenti montati sulla scheda.
io credo che la scatola in plastica con le vibrazione, fletteva anche di poco causando uno stress meccanico sui transistor, che ha causato la rottura.
 
16103113
16103113 Inviato: 3 Set 2019 10:34
 

mazzo1 ha scritto:
i componenti che scaldano sono i tre transistor


Ciao
più o meno di che potenza si parla? Dalla foto non riesco a leggere la sigla dei componenti.
L'aletta dissipatrice mi sembra un po' sottodimensionata. Montata a contatto con la carcassa certamente aiuta, ma se è troppo sottile non riesce a smaltire con la giustà velocità il calore generato, tra l'altro anche la scatoletta è sottilissima. Dalla foto non si vede lo spessore dell'aletta però mi pare roba di poco più di 1 mm. Secondo dovresti mettere un'aletta più spessa, magari con una ventolina a 12V, piccola, da 40/50 mm, di quelle ad alta velocità, oppure se riesci con lo spazio sarebbero più indicati dissipatori tipo questo sotto. Per le vibrazioni invece, per i componenti più critici, potesti usare un goccio di silicone per fissarli alla scheda altrimenti le vibrazioni a lungo andare ti spezzano i pin generando corti e casini vari.

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
16103137
16103137 Inviato: 3 Set 2019 11:02
 

Io metterei anche un goccino di pasta termoconduttiva, se va bene per i die delle CPU non vedo perché non possa andar bene per quelli dei transistor eusa_think.gif
 
16103169
16103169 Inviato: 3 Set 2019 11:58
 

TommyTheBiker ha scritto:
Io metterei anche un goccino di pasta termoconduttiva, se va bene per i die delle CPU non vedo perché non possa andar bene per quelli dei transistor eusa_think.gif


Per transistor, mosfet ecc che abbiano quel package, To220 e similari, è più indicato il pad termico per il fatto che il retro, la parte che va a contatto con il dissipatore, non è mai perfettamente regolare e liscia come il die delle cpu, poi considera che il transistor deve stare ben stretto sul dissipatore ma deve allo stesso tempo essere isolato elettricamente (salvo configurazione diversa) altrimenti lo metti in corto. A tale scopo si usa anche una boccola in nylon proprio per evitare che la vite faccia corto tra il dissipatore ed il case del componente.
Però adesso che ci penso, forse intendevi dire di mettere la pasta oltre al pad? Bè, se è così dimentica la filippica di cui sopra. rotfl.gif La puoi anche mettere però non credo che porti benefici tangibili, se il pad è di buona qualità ed è messo bene, secondo me è inutile, ma certo male non gli fa.
 
16103186
16103186 Inviato: 3 Set 2019 12:34
 

In realtà no, pensavo alla pasta e basta; la tua idea del pad è molto migliore, in effetti! 0509_up.gif
 
16103227
16103227 Inviato: 3 Set 2019 13:55
 

TommyTheBiker ha scritto:
In realtà no, pensavo alla pasta e basta; la tua idea del pad è molto migliore, in effetti! 0509_up.gif


Ah, allora no, solo la pasta evitando il pad termico e la boccola in nylon la puoi usare solo in caso di componenti con case "plastico", cioè completamente isolato, oppure quando i dissipatori non sono connessi a massa, altrimenti fa il botto icon_asd.gif poi ci sono altri casi ma la mia elettronica è parecchio arrugginita visto che ho cambiato mestiere e mai più ci sono ritornato da molti anni.
 
16103272
16103272 Inviato: 3 Set 2019 16:11
 

che occhio la parete della scatola sono di 1mm, sono partito da una lamiera e mi è sembrato un buon compromesso tra malleabilità e robustezza, le dimensioni sono 100x125x50 e non ho lo spazio per montare dissipatori direttamente sulla scheda o all' interno della scatola.
anche la ventola no posso utilizzarla, al momento non ha ancora un coperchio ma sarà completamente chiuso e quindi non ci sarà riciclo di aria.

l'aletta dove sono montati i transistor, effettivamente in origine doveva essere più grande, ma ho sbagliato alcune misure e mi sono dovuto accontentare di questa eusa_naughty.gif , la rifarò più grande assieme al coperchio, intanto per fare le prove va benone.

per il fissaggio dei componenti, ho utilizzato l'isolante da mettere sotto e la boccola sulla vite, ho anche messo la pasta termica per aiutare la dispersione.
l'Unica cosa che penso potrò fare in futuro, oltre ad aumentare l'aletta di raffreddamento, è quella montare dei dispersori esternamente alla centralina in prossimità dei transistor, ma devo verificare gli ingombri.
 
16103300
16103300 Inviato: 3 Set 2019 17:53
 

forse da questa foto si vede meglio la parte isolante dei transistor.

immagini visibili ai soli utenti registrati



ed i codici dei componenti sono (quello che vedo scritto sopra):

1 - LM2931T per stabilizzare il 5volt
2 - IRLZ44N IVRP305G per comandare gli iniettori
3 - J0115 62404.1 O840 per comandare la scintilla
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 9 di 9
Vai a pagina Precedente  123456789

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum TecnicoWork in Progress per moto stradali e da pista

Forums ©