Leggi il Topic


Applicare un radiatore olio sulla virago 535
15990796
15990796 Inviato: 17 Lug 2018 20:20
Oggetto: Applicare un radiatore olio sulla virago 535
 

Buona strada a tutti...allora, un anno addietro ho finito per comprare una virago 535, della quale sono abbastanza soddisfatto....ma a mio avviso scalda un pò troppo.
Ho proposto al mio meccanico un mio progettino, ovvero una presa dal tappo di scarico, una piccola pompa, un radiatore ed un ritorno tramite il tappo di carico (previsto anche un termostatino per l'avvio pompa in coincidenza di temp. elevate, con spia etc.etc.).
Progetto bocciato perchè:
" nel caso il livello olio fosse basso, l'attivazione della pompa potrebbe momentaneamente (ovvero prima che l'olio inizi a ricadere nel carter), abbassare ulteriormente il livello olio nella coppa, causando un pescaggio insufficiente, con grave riduzione della lubrificazione."
Premesso che potrei ovviare a questo con una valvolina di non ritorno sulla tubazione di mandata, in modo da lasciare il radiatore sempre pieno...la problematica esposta dal meccanico merita comunque considerazione.
Peraltro:
-il filtro olio è interno e quindi mette male attivare un punto di presa dalla flangia...e mette altrettanto male trovare un punto nei condotti interni per il ritorno.
- non ci sono predisposizioni in merito...od almeno non ho un esploso per verificarlo
-In rete ho trovato un post dove un utente Virago dice di avere trovato il sistema per mettere il radiatore...io non ho però trovato più lui.
Domanda: qualcuno saprebbe cosa consigliarmi o magari qualcuno ha già fatto questa modifica?
Ringrazio in anticipo chi potrà/vorrà rispondermi
 
15990983
15990983 Inviato: 18 Lug 2018 11:03
 

non capisco bene l'utilità della cosa... chi ha progettato quel motore avrà correttamente dimensionato il tutto per darti lubrificazione e raffreddamento ottimali, in pista immagino non ci vai icon_smile.gif quindi perchè metterci mano?

ciao

WK
 
15991039
15991039 Inviato: 18 Lug 2018 12:32
 

Secondo me mantenere la temperatura di TUTTO l'olio nei range previsti con un sistema fai da te sarebbe un impresa. Rischi di raffreddarlo troppo o in modo inefficiente. Se lo fai per la salute del motore pensa piuttosto a mettere un olio più denso. Ma secondo te scalda sempre o solo in città in estate ai semafori?
 
15991046
15991046 Inviato: 18 Lug 2018 12:51
 

wkowalski ha scritto:
non capisco bene l'utilità della cosa... chi ha progettato quel motore avrà correttamente dimensionato il tutto per darti lubrificazione e raffreddamento ottimali, in pista immagino non ci vai icon_smile.gif quindi perchè metterci mano?

ciao

WK


Bè, il fatto è che da fredda "gira" in modo perfetto, mentre quando è calda, diventa rumorosa da matti.
Ho sempre saputo e pensato che il calore diminuisse i giochi, mentre invece il meccanico sostiene che nella fattispecie aumentano, (punterie e distribuzione) per la dilatazione del corpo cilindri.
Ho proposto il passaggio ad olio più denso...ma anche qui lui sostiene che non serve, ovvero che non è la densità dell'olio che può ridurre la rumorosità.
Come al solito...tante opinioni diverse
Ciao a te.

Ultima modifica di sognidigloria il 18 Lug 2018 13:05, modificato 1 volta in totale
 
15991051
15991051 Inviato: 18 Lug 2018 13:04
 

cuneoman ha scritto:
Secondo me mantenere la temperatura di TUTTO l'olio nei range previsti con un sistema fai da te sarebbe un impresa. Rischi di raffreddarlo troppo o in modo inefficiente. Se lo fai per la salute del motore pensa piuttosto a mettere un olio più denso. Ma secondo te scalda sempre o solo in città in estate ai semafori?


Giusto quanto dici, ma ho citato, nel mio post, la posa di un termostato che dovrebbe attivare/fermare la pompa al raggiungimento di una temperatura preimpostata. L'aumento di temperatura si verifica in città, nelle code od ai semafori..premetto che trattasi di motore raffreddato ad aria e, se devo spiegare bene il mio progettino, esso prevede anche una ventola sul radiatorino olio.
In effetti stò cercando un motore 535 non funzionante da smontare, per verificare soprattutto la distanza dal fondo coppa della succhieruola della pompa olio ed eventuali possibili punti di presa per alimentare il radiatore.
Del resto molte Harley non hanno il radiatore olio, ma essendo predisposte, sussistono i kit aggiuntivi.
Ciao a te
 
15991094
15991094 Inviato: 18 Lug 2018 14:36
 

sognidigloria ha scritto:
Giusto quanto dici, ma ho citato, nel mio post, la posa di un termostato che dovrebbe attivare/fermare la pompa al raggiungimento di una temperatura preimpostata. L'aumento di temperatura si verifica in città, nelle code od ai semafori..premetto che trattasi di motore raffreddato ad aria e, se devo spiegare bene il mio progettino, esso prevede anche una ventola sul radiatorino olio.
In effetti stò cercando un motore 535 non funzionante da smontare, per verificare soprattutto la distanza dal fondo coppa della succhieruola della pompa olio ed eventuali possibili punti di presa per alimentare il radiatore.
Del resto molte Harley non hanno il radiatore olio, ma essendo predisposte, sussistono i kit aggiuntivi.
Ciao a te

E' quello che pensavo. Non conosco la tua moto ma ero andato a vedere qualche foto per capire di cosa stavamo parlando, non sarebbe più semplice aggiungere delle ventole vicino ai dissipatori del motore? Da attivarsi tramite sensori di temperatura. Certo, sarebbe anche da studiare a livello estetico. Alla fine, per avere comunque una ventola che raffredda n radiatore che raffredda il motore....
 
15991243
15991243 Inviato: 18 Lug 2018 18:48
 

sognidigloria ha scritto:
Ho sempre saputo e pensato che il calore diminuisse i giochi


esatto. Se fa rumore a caldo, c'è qualche problema... inizia a controllare il gioco valvole e il tenditore della catena di distribuzione... lascia perdere i radiatori supplementari che servono solo in circostanze molto particolari.

ciao

WK
 
15991250
15991250 Inviato: 18 Lug 2018 20:04
 

[quote="wkowalski"#15991243]esatto. Se fa rumore a caldo, c'è qualche problema... inizia a controllare il gioco valvole e il tenditore della catena di distribuzione... lascia perdere i radiatori supplementari che servono solo in circostanze molto particolari.

ciao

WK[/quote
Mah!, cosa vuoi che ti dica...magari sono fisime mie, certo che un motore raffreddato ad aria, in estate ed in colonna od in città, con tutte le soste ai semafori, deve scaldare per forza...e la cosa disturba la mia mentalità; oltretutto, non ha neppure il termometro olio, che peraltro servirebbe a poco, infatti anche se vedessi salire la temperatura...che fare? Se ti fermi è ancora peggio e correre non puoi....
Come detto, il meccanico (ufficiale Yamaha) dice che è normale così....ma poichè ho circa 40 anni di convivenza, lavoro ed utilizzo dei motori, le parole mi convincono solo se sono supportate dalle opportune motivazioni tecniche.
Ciao a te
 
15991254
15991254 Inviato: 18 Lug 2018 20:20
 

cuneoman ha scritto:
E' quello che pensavo. Non conosco la tua moto ma ero andato a vedere qualche foto per capire di cosa stavamo parlando, non sarebbe più semplice aggiungere delle ventole vicino ai dissipatori del motore? Da attivarsi tramite sensori di temperatura. Certo, sarebbe anche da studiare a livello estetico. Alla fine, per avere comunque una ventola che raffredda n radiatore che raffredda il motore....

Ecco...mettere un radiatorino a livello della coppa, con una ventolina fronte marcia delle stesse dimensioni è un conto, mettere una ventola per raffreddare i cilindri è un altro, perchè il primo sistema abbasserebbe la temperatura in maniera omogenea a tutto il motore, mentre la ventola che getta aria sui cilindri, oltre a generare problemi estetici, raffredderebbe principalmente il primo...il che creerebbe forse disugualianze nel raffreddamento; comunque avevo pensato anche a questo, ma ho abbandonato
Peraltro ...non sono mica sicuro che i progettisti provino poi personalmente le moto che mettono in circolazione...perchè ad esempio nel Quad avevo sempre il piede destro bollente per lo scarico aria del raffreddamento forzato; ho dovuto costruire ed aggiungere un carterino laterale che, isolandomi dalla parete del suddetto carter, portasse l'aria calda a valle...e così due problemi risolti in un colpo solo, l'altro era che la ventola di aspirazione succhiava aria proprio vicino al mio piede destro....e quindi succhiava aria più calda di quella atmosferica; ora, se chi ha progettato il tutto ci avesse fatto un giro, come me ne sono accorto io, se ne sarebbe accorto anche lui....
Ciao a te

Ultima modifica di sognidigloria il 18 Lug 2018 23:29, modificato 2 volte in totale
 
15991258
15991258 Inviato: 18 Lug 2018 20:32
 

La motivazione tecnica è "se sono stati progettati per funzionare anche in città e in coda non dovrebbero esserci troppi problemi". Ha dei dissipatori immensi e ben areati e se escludiamo soste di 1 ora a motore acceso, sotto il sole, fermi incolonnati, nel Sahara... Poi magari è più una mia idea, ma la vedo così.

Se così non fosse non produrrebbero più moto raffreddate ad aria dopo l'avvento del raffreddamento a liquido. Non è un modo per risparmiare sui costi di produzione, ma una filosofia diversa. Lo dico seriamente, ma se ti da così tanti pensieri, e pensare di cambiare moto direttamente?
 
15991287
15991287 Inviato: 18 Lug 2018 23:28
 

cuneoman ha scritto:

........Se così non fosse non produrrebbero più moto raffreddate ad aria dopo l'avvento del raffreddamento a liquido. Non è un modo per risparmiare sui costi di produzione, ma una filosofia diversa. Lo dico seriamente, ma se ti da così tanti pensieri, e pensare di cambiare moto direttamente?


Probabilmente hai ragione...il fatto è che "dato" un problema , cercare una soluzione è parte della mia mentalità..figurati che ho modificato anche il frigocongelatore di casa (nuovo).....e lasciami dire che và meglio.
Hemm...devo fare una precisazione: dicendo del mio quad, non è che lo scarico aria calda del carter motore soffiasse sul mio piede destro (questo sarebbe veramente criminale). Il fatto è che ho una scocca o fascia laterale continua, che inizia come proseguo del parafango anteriore, diventa pedana e risale per collegarsi al parafango posteriore; pertanto si crea una specie di vano che è surriscaldato dalla parete del carter in cui scorre aria calda. A dx c'è pure la bocca della ventola di aspirazione aria di raffreddamento. Il carterino che ho fatto è sagomato intorno a tale bocca e collegato sugli altri lati alla carenatura. Di fatto l'aria della corsa scorre tra il carterino aggiunto e quello originale (ci sono circa 2-3 cm di spazio), così il carterino è freddo, il mio piede anche e la bocca ventola aspira finalmente l'aria a temp. atmosferica.
Comunque grazie dell'interessamento e delle risposte
 
15991490
15991490 Inviato: 19 Lug 2018 12:26
 

Se è per quello anche la Dodge Viper GTS aveva un problema simile, i catalizzatori passavano ai lati dell'auto, vicino alle portiere creando disagi molto maggiori di quelli da te citati per salire e scendere, vista l'accessibilità al mezzo e che stiamo parlando di un V10 da 8.000 CC !!!

Spero di non averti rimesso il dubbio!!! rotfl.gif
Non conosco il tuo modello specifico e non l'ho mai provato, quindi bisognerebbe capire se è una tua sensazione, paranoia rispetto a tutti i motori raffreddati ad aria (e quindi cambia moto) oppure un problema specifico. Le moto sono fatte per essere guidate anche in città e fermarsi all'occorrenza. Penso che un disagio fisico sia normale avendolo in mezzo alle gambe, ma più calore smaltisce il motore, più sarà un bene per lui e più tu avvertirai questa massa d'aria calda... Come diceva Shrek, meglio fuori che dentro!!! (Quanta cultura nelle mie parole!!! icon_mrgreen.gif )
 
15991500
15991500 Inviato: 19 Lug 2018 12:45
 

sognidigloria ha scritto:
Mah!, cosa vuoi che ti dica...magari sono fisime mie, certo che un motore raffreddato ad aria, in estate ed in colonna od in città, con tutte le soste ai semafori, deve scaldare per forza...e la cosa disturba la mia mentalità;


ma è stato fatto apposta... considera che il problema dei motori raffreddati ad aria semmai è l'inverno, quando non vanno in temperatura manco a piangere icon_smile.gif ergo goditi la tua moto e non farti troppe paranoie, evita magari solo di lasciarla mezz'ora a girare ferma al minimo... icon_smile.gif

ciao

WK
 
15991517
15991517 Inviato: 19 Lug 2018 13:08
 

Ringrazio molto i forumisti per le parole incoraggianti, coincidenti peraltro con quelle del mio meccanico.
Penserò bene a tutto quanto; per adesso buona strada a tutti, me compreso...ma se qualcuno avesse info precise su questa modifica, non esiti a scrivere.
Ringrazio in anticipo.
Sognidigloria (eheheh....il primo è già "sfumato")
 
15991556
15991556 Inviato: 19 Lug 2018 14:42
 

Tempo fa avevo fatto uno "studio" sulle differenze di progettazione dei 2 sistemi di raffreddamento, con vantaggi e svantaggi. Non boccio il tuo progetto in se, ma alla fine ti ritrovi con un ibrido, con gli svantaggi di entrambi e nessun pregio. Poi c'è il problema estetico e forse di rivendibilità. Se ti allontani molto da casa e si rompe qualcosa avrai se ti va bene un meccanico che non sa dove mettere le mani e se va male un carro attrezzi che ti aspetta (ciò che non esiste non si può rompere!). Trlascio i discorsi revisione/assicurazione perchè su una custom sono relativi.

Pensa a quanti anni hai ancora intenzione di tenerla, poi vendila e prenditi una raffreddata a liquido! Anche a me piace dilettarmi con il Fai da Te, più come progettazione che altro, ed è divetente oltre che dare soddisfazioni!! Ma dobbiamo anche tenere conto di ciò che serve e di ciò che non serve!!

icon_arrow.gif Link a pagina di It.wikipedia.org
icon_arrow.gif Link a pagina di It.wikipedia.org

icon_arrow.gif Link a pagina di It.wikipedia.org
Buon proseguimento nel forum, alla guida....e nel fai da te!!
doppio_lamp.gif 0510_saluto.gif
 
15992130
15992130 Inviato: 20 Lug 2018 21:26
 

cuneoman ha scritto:
Tempo fa avevo fatto uno "studio" sulle differenze di progettazione dei 2 sistemi di raffreddamento, con vantaggi e svantaggi. Non boccio il tuo progetto in se, ma alla fine ti ritrovi con un ibrido, con gli svantaggi di entrambi e nessun pregio. Poi c'è il problema estetico e forse di rivendibilità. Se ti allontani molto da casa e si rompe qualcosa avrai se ti va bene un meccanico che non sa dove mettere le mani e se va male un carro attrezzi che ti aspetta (ciò che non esiste non si può rompere!)....
:

Ciao a te; innanzitutto ti ringrazio per i linck che cortesemente mi hai inviato, poi passo a risponderti, mettendola però sul piano puramente discorsivo, sperando di non appesantire il forum.
Allora: probabilmente lascerò la moto così come è, ma mi solletica pensare e progettare qualcosa che potrebbe a mio avviso essere utile, quindi lasciami riepilogare la situazione:
Per quelle che sono le mie conoscenze, nelle moto raffreddate ad aria incidono tre diversi scambi termici.
1) alettatura del corpo cilindri, testa etc. (sistema principale).
2) circolazione olio (anche se non specifico ad uso raffreddamento, è chiaro che l'olio assorbe calore, tant'è che si scalda con l'uso)
3) variazione della miscela aria benzina, in modo che il cilindro più nascosto (posteriore per i V in linea od interno per i fronte marcia) scaldi un pochetto meno.
Il primo sistema lavora bene in funzione della velocità; in autostrada ha poca importanza che l'aria sia 25 o 40 gradi, alle base velocità o da fermi...il discorso cambia moltissimo.
il terzo sistema è un artificio che lavora sulla combustione...quindi una volta tarato non si può modificare in funzione della temperatura.
Resta solo un pò di spazio di manovra sul secondo sistema, l'olio.
L'olio circola intorno ai punti caldi del motore e, per conduzione e convezione , sottrae calorie da questi punti, assorbendole (infatti con l'uso più o meno spinto del motore l'olio si scalda di più o di meno); ovviamente resta il problema di come smaltirle. Non essendo comunque pensabile di raffreddare il motore con la lubrificazione ordinaria (qui non abbiamo il sistema Suzuki), resta però valido lo scopo di tenere l'olio alla miglior temperatura di servizio. Come fare? Ci sono alcuni sistemi, per esempio si può avere una coppa alettata, oppure una coppa con condotti interni (tubi longitudinali) aperti all'aria, oppure si può prendere olio dal circuito interno e portarlo ad un radiatore esterno riportandolo poi in coppa. Onde evitare di manomettere il circuito originario e poter lavorare con semplicità dall'esterno, il mio sistema prevedeva:
1) una presa dal tappo di scarico (particolari su richiesta),
2)un tubo di mandata al radiatorino con una valvola di non ritorno affinche il radiatorino stesso resti sempre pieno di olio, con un tubo di ritorno con ingresso dal tappo carico olio.
3) un radiatorino di circa 200 x 100 mm con due ventoline.
4) un termometro olio con sensore a contatto e strumento in zona manubrio,
5) una piccola pompa di circolazione comandata manualmente,
6) un interruttore di attivazione ventole e pompa montato vicino allo strumento .
Vantaggi:
1) tutto fattibile col fai da tè, anche a “rate”.
2) nessuna modifica all'impianto originale.
3) possibilità di attivarlo quando serve, ovvero quando la temp. olio sale troppo, con la possibilità di contenere la temp. del suddetto nei margini ottimali (almeno spero)...e magari incrementare un pochettino anche il raffreddamento.
4) essendo impianto parallelo ed indipendente, può fermarsi, non funzionare bene o essere inutile, senza inficiare alcunchè.
Come detto, l'idea/necessità mi è venuta per la rumorosità del motore, che nel mio caso aumenta in modo direttamente proporzionalmente all'aumento della temperatura. Le spiegazioni e le considerazioni fornitemi dal meccanico (vedi miei post precedenti) non è che mi abbiano convinto molto, anche se non ho la competenza necessaria per contestarle; del resto non credo che una regolazione sia necessaria, perchè se ci fossero giochi eccessivi, si dovrebbero sentire ancora più da freddo e non viceversa. Passerò comunque ad un 15-50 (ora uso un 10-40) anche se il meccanico dice che non servirà.
Ultima cosa...se il forum ha una messaggeria privata, avvisami se qualche fine settimana vieni al mare percorrendo la E717 o la statale 28BIS...perchè mi passi praticamente sui piedi e sarebbe comodo per incontrarci....oppure prima o poi vengo su io.
Spero di non avere annoiato nessuno
Buona strada.
 
15992183
15992183 Inviato: 21 Lug 2018 0:33
 

che dire... l'olio serve anche a raffreddare, in ogni cilindro c'è un apposito getto che spara olio sul dietro del pistone, la cui superficie è appositamente alettata per favorire lo scambio termico... 2/3 dell'olio contenuto in coppa è superfluo per la lubrificazione, e serve appunto per il raffreddamento del motore. Il tutto è stato adeguatamente dimensionato da ing. con gli attributi, per cui il funzionamento è ottimale in qualsiasi condizione. Vuoi aggiungere un radiatorino? Metticelo, ma con un termostato che apra il circuito supplementare solo quando serve... e vedrai che non entrerà mai in funzione, e alla fine avrai solo aggiunto una manciata di tubi e raccordi che stanno lì pronti a guastarsi alla prima occasione 🙂
 
15992219
15992219 Inviato: 21 Lug 2018 9:43
 

wkowalski ha scritto:
che dire... l'olio serve anche a raffreddare, in ogni cilindro c'è un apposito getto che spara olio sul dietro del pistone, la cui superficie è appositamente alettata per favorire lo scambio termico... 2/3 dell'olio contenuto in coppa è superfluo per la lubrificazione, e serve appunto per il raffreddamento del motore. Il tutto è stato adeguatamente dimensionato da ing. con gli attributi, per cui il funzionamento è ottimale in qualsiasi condizione. Vuoi aggiungere un radiatorino? Metticelo, ma con un termostato che apra il circuito supplementare solo quando serve... e vedrai che non entrerà mai in funzione, e alla fine avrai solo aggiunto una manciata di tubi e raccordi che stanno lì pronti a guastarsi alla prima occasione 🙂


Probabilmente hai ragione....ma l'idea continua a solleticarmi
Comunque ho pensato che potrei prima di tutto potrei montare un termometro olio, giusto per vedere se ed in quali condizioni sussistano dei picchi troppo elevati di temperatura.
Grazie e buona strada.
 
15992227
15992227 Inviato: 21 Lug 2018 10:31
 

sognidigloria ha scritto:
Comunque ho pensato che potrei prima di tutto potrei montare un termometro olio


buona idea! li trovi a poco ormai... così vedrai che è tutto nella norma icon_smile.gif

ciao

WK
 
15992246
15992246 Inviato: 21 Lug 2018 13:14
 

[quote="wkowalski"#15992227]buona idea! li trovi a poco ormai... così vedrai che è tutto nella norma icon_smile.gif

ciao

WK[/quote

Comunque resta il problema dell'aumento della rumorosità con l'aumento della temperatura....
Ciao a te
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Custom e ChopperCustom - Tecnica / Meccanica

Forums ©