Leggi il Topic


Indice del forumForum Moto d'Epoca

   

Pagina 21 di 23
Vai a pagina Precedente  123...20212223  Successivo
 
Bianchi Mendola 125 [restauro e documentazione]
15444389
15444389 Inviato: 7 Set 2015 18:47
 



Ok mi scuso, mi sono dilungato un po' troppo! Non era mia intenzione andare off topic 0510_inchino.gif
 
15444604
15444604 Inviato: 7 Set 2015 23:57
 

salve ragazzi da un po di tempo ho iniziato il restauro di una Bianchi Mendola ,
purtroppo in fase di rimontaggio ho trovato qualche difficoltà nel rimontaggio della forcella telescopia anteriore ,smontata dal carrozziere per la verniciatura e cromatura dei vari componenti.
Qualcuno potrebbe aiutarmi?
Potreste indicarmi dove posso trovare qualche documento,manuali etc.
Quelli su RPW non spiegano bene .
 
15503279
15503279 Inviato: 25 Nov 2015 23:30
 

Salve, cosa ne pensate di questo clacson?

Ritengo che sia quello della Mendola prima serie... anche se fino ad ora li ho sempre visti senza targhetta, la forma e la marca e' giusta.

immagini visibili ai soli utenti registrati



0510_saluto.gif
 
15503359
15503359 Inviato: 26 Nov 2015 0:51
 

immagini visibili ai soli utenti registrati


Ciao, io avevo questo montato anche se purtroppo non funziona e non lo posso montare ma di sicuro è originale anche se non so di che marca
 
15505167
15505167 Inviato: 28 Nov 2015 16:56
 

Il claxon di MARIC non è della bianchi Mendola prima serie, ma è il tipo montato sulla Bianchina, in tutti i modelli. Quello di LAMPER assomiglia, ma non è l'originale, che è un Marelli, senza la targhetta, più leggero, ma col coperchio con foro al centro, in cui si trova un dado con esagono 7 mm.
 
15505194
15505194 Inviato: 28 Nov 2015 18:10
 

Io sulla mia prima serie ho trovato montato questo.... cromato.....
può essere quello giusto????

Dalla foto non si legge..... ma se non ricordo male è un CEV......

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
15506582
15506582 Inviato: 30 Nov 2015 21:58
 

Non è l'originale. Questo è un CeV, montato su moto, di diverse marche. Sulle Bianchi, era montato sulla Mendola N seconda serie con ruote 17". Sulla Mendola prima serie, era un Marelli tutto verrniciato nero, senza targhetta sul coperchio.
 
15526325
15526325 Inviato: 3 Gen 2016 21:54
 

Nota automatica: i messaggi aggiunti da questo punto in poi sono stati generati dalla fusione di due topic.
______________

Ciao a tutti. Avrei bisogno di aiuto sull'impianto elettrico di una mendola 125 . Ho visto sui Manuali di uso e manutenzione sul sito di Renato e sul sito alzavalvole che l'impianto è identico a quello del cervino immagino quindi che su queste 2t con batteria l'impianto fosse più o meno standard indipendentemente dalla cilindrata (125 Nella mendola e 175 nel cervino).
Esiste un manuale di officina?
Vi spiego . Sto aiutando un amico a rimontare una moto a seguito di un restauro. Avendola presa smontata non ha l'impianto originale e solo seguendo il manuale d'uso non ne usciamo.
Dal volano escono i soliti tre fili non riesco a capire perché sullo schema indica di collegare il cavo del volano che va alla bobina esterna attraverso il chiavino sul faro al - della batteria!
Trovo non abbia senso. In questo modo non può andare ... come si fa a collegare il meno della batteria che è una massa al positivo della bobina e il tutto assieme al cavo che esce dal volano attraverso le puntine??? Lo trovo assurdo o sbaglio io?
 
15526331
15526331 Inviato: 3 Gen 2016 22:01
 
 
15526550
15526550 Inviato: 4 Gen 2016 9:49
 
 
15526576
15526576 Inviato: 4 Gen 2016 10:51
 

Ora siamo nel Topic corretto.... icon_wink.gif

doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15526942
15526942 Inviato: 4 Gen 2016 19:00
 

enricopiozzo ha scritto:

Vi spiego . Sto aiutando un amico a rimontare una moto a seguito di un restauro. Avendola presa smontata non ha l'impianto originale e solo seguendo il manuale d'uso non ne usciamo.
Dal volano escono i soliti tre fili non riesco a capire perché sullo schema indica di collegare il cavo del volano che va alla bobina esterna attraverso il chiavino sul faro al - della batteria!
Trovo non abbia senso. In questo modo non può andare ... come si fa a collegare il meno della batteria che è una massa al positivo della bobina e il tutto assieme al cavo che esce dal volano attraverso le puntine??? Lo trovo assurdo o sbaglio io?


Adesso non ho sotto mano la moto.... per cui è possibile che dico una castroneria....
E' possibile che il filo che esce dal volano alimenti direttamente la bobina, mentre la chiave e il relativo circuito, normalmente aperto, serve soltanto a mettere a massa la bobina e quindi spegnere il motore???
eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif
 
15527016
15527016 Inviato: 4 Gen 2016 20:21
 

in teoria secondo me dovrebbe essere così, in più da cosa ho capito il chiavino dovrebbe staccare la massa dal - della batteria... il problema è che a me risulta che il chiavino, quando pianti la chiave, chiude il contatto, quindi dallo schema, butta a massa il cavo che arriva dal volano e che aliminenta la bobina... dev'esserci qualcosa che non va in quello...
 
15527327
15527327 Inviato: 5 Gen 2016 1:20
 

Scusatemi se intervengo, ma conosco a fondo tutto delle moto Bianchi, dal 1947, fino alla chiusura della fabbrica. L'impianto elettrico delle moto Bianchi 174 Cervino, Mendola 125 prima e seconda serie e 174 Pordoi, sono tutti uguali. L'unica differenza è che la Mendola seconda serie, montava il faro CEV, mentre le altre il faro Carello, tutti uguali. Dal volano magnete escono 3 fili. Verde, che va alla bobina accensione e poi prosegue alla chiave di accensione, inserendosi sul morsetto che va a massa a chiave disinserita. Giallo, si inserisce nella morsettiera del faro al morsetto A (alternatore). Serve per la luce del faro (abbagliante e anabbagliante). Rosso, al morsetto R, (carica batteria). Altri 4 fili entrano nel faro. Positivo batteria al morsetto B+. Negativo batteria alla chiave accensione che va a massa con chiave inserita. Fanalino posteriore al morsetto FT (fanale targa). 1 filo dell'avvisatore acustico (claxon) che va inserito nel morsetto T-, che collega il pulsante del deviatore luci del claxon. Il T+ (positivo del claxon) si collega direttamente col positivo batteria. Un ulteriore impianto (aggiunto) è quello dello Stop. Parte dal positivo della batteria, va all'interruttore comandato dal pedale freno e prosegue al fanalino posteriore, insieme al FT. Originalmente l'impianto Stop, non esisteva. A chiave disinserita, l'impianto elettrico è completamente disinserito, con l'accensione a massa.
 
15527389
15527389 Inviato: 5 Gen 2016 9:23
 

ti ringrazio moltissimo, sei un mito! eusa_clap.gif eusa_clap.gif eusa_clap.gif
ora è tutto chiaro
 
15527584
15527584 Inviato: 5 Gen 2016 16:02
 

Grazie.... Guido33.... allora ci ho azzeccato... 0509_up.gif
 
15527683
15527683 Inviato: 5 Gen 2016 19:12
 

x enricopiozzo.

riguardo all'impianto elettrico, forse può aiutare ciò che ho pubblicato in Agosto (sempre in questo topic) a pag.20. (forse i colori dei fili sono diversi, ma il concetto è quello).

Buon lavoro
 
15527777
15527777 Inviato: 5 Gen 2016 22:40
 

L'impianto ora è ok. Funziona tutto... la cosa strana è che la morsetti era era una cev ma non aveva i morsetti nella sequenza dello schema... era tutti mischiati ma seguendo le indicazioni di Guido sulle lettere non ci son stati grossi problemi. Per il devio sul faro gli schemi a pag.20 son molto comodi
 
15527985
15527985 Inviato: 6 Gen 2016 12:03
 

Ok perfetto !!
C'è qualcosa a riguardo anche a pag 19 (Maggio). (mi ero divertito a documentare)

Per quello che riguarda la parte elettrica sono ben lieto di aiutare... ma la meccanica mi è un pò ostile...
... qualcuno può aiutarmi nel capire quali possono essere le cause di un "basso rendimento" in salita ?
(Mendola 125 prima serie).
In parole povere nelle salite (anche non troppo impegnative) la moto fatica davvero molto, generando molto fumo allo scarico, mentre in pianura il motore va benissimo.
Il motore è stato rifatto alcuni anni fa: pistone e fasce nuovi, cilindro ri-alesato.
Il carburatore ha i getti nuovi. La frizione è buona. Tubo di scarico nuovo e pulito.

Può essere un problema di fasatura errata ?
Candela di grado termico sbagliato ? Miscela benzina/olio non giusta ?

Grazie a tutti
Saluti
 
15528103
15528103 Inviato: 6 Gen 2016 16:18
 

il 125 Bianchi due tempi dell'epoca non è certo paragonabile ad una moto moderna....

Se tu dici che in pianura il motore va bene.... non credo sia un problema di fasatura,

se in salita il motore si ingolfa e fuma allo scarico..... io direi di controllare i getti e la carburazione....

Che carburatore monti e quali getti???
 
15528195
15528195 Inviato: 6 Gen 2016 18:39
 

Si, sono perfettamente consapevole che le prestazioni non possono essere quelle di una moto odierna, e non le voglio nemmeno ottenere, volevo semplicemente indagare se è a posto così o se deve essere "regolato meglio" qualcosa.... sono oramai più di trent'anni che lo uso.
Confermo che in pianura, va benissimo.

Il carburatore è il suo originale Dell'Orto MA18. (con tutti i suoi pezzi originali):
-Diffusore: 18.
-Valvola: 65.
-Attacco: M23.
-Polverizzatore: 260 (non sostituito).
-Spillo conico: C1, regolato alla seconda "tacca" (non sostituito, ma osservato al microscopio sembra non consumato).
-Getto max: 70 ,sostituito con uno nuovo di recente, ed in effetti fa molto meno fumo (in pianura).
-Getto min: 45.
-Presa d'aria: F7.
-Galleggiante: 7.5 grammi.

Miscela: benzina verde (+ olio) al 5%.
Candela: BOSCH WR5AC. non si sporca nemmeno troppo, colore elettrodi abbastanza "noccioleggiante".
 
15528202
15528202 Inviato: 6 Gen 2016 18:48
 

Ecco, magari la percentuale di miscela sarebbe da ridurre.

Con gli olii moderni non c'è bisogno di rispettare la percentuale del tempo, si può abbassarla.
Che percentuale olio-benzina veniva consigliata all'epoca ?

doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15528224
15528224 Inviato: 6 Gen 2016 19:26
 

appunto al 5%.
la prossima primavera, (quando la ritiro fuori dal garage) proverò a ridurre la percentuale al 4% ...
ma sono sempre dubbioso a riguardo, per paura di "grippare".
 
15528280
15528280 Inviato: 6 Gen 2016 20:35
 

Direi che puoi arrivare anche la 3-3,5 percentuale.
Ne parlavamo in vari Topic qui in Epoca.
L'importante è usare un buon olio per miscela, non di sicuro le ciofeche che vendono nei supermercati.
Per quello che si usano le nostre vecchiette, merita trattarle bene; fatti consigliare da un buon ricambista. 0509_up.gif
Se spendi una quindicina d'euro per una confezione, dura una vita.

Personalmente ho ridotto del 50% circa le percentuali d'olio sui miei 2 tempi Moto Guzzi (Cardellino, Guzzino e Zigolo).
Mai avuto alcun problema.

Cambia candela, mettine una nuova nuova e fai la prova.
Macina almeno una trentina di km e poi contolla.

doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15528524
15528524 Inviato: 7 Gen 2016 8:53
 

con un buon olio sintetico, se la rettifica non l'han fatta con i giochi moderni ma hanno rispettato quelli del motore in origine, puoi scendere tranquillamente al 2-3%
il fumo è dovuto al 90% alla miscela mal bruciata
 
15528594
15528594 Inviato: 7 Gen 2016 11:56
 

Ho letto i Vs. commenti e suggerimenti per la percentuale olio miscela. Ho vissuto la vita lavorando colle moto, e lo faccio ancora adesso, con le moto d'epoca. Ridurre la percentuale dell'olio sul funzionamento dei vecchi motori 2T è sconsigliabile, poichè a quell'epoca sono stati progettati e costruiti con materiali e meccanica che richiedeva un'alta percentuale di lubrificante. E' vero che ora l'olio abbia fatto passi da gigante, ma meccanica, materiale e funzionamento richiedono la primitiva percentuale, specialmente le bielle, come il caso delle Bianchi e tante altre marche, hanno i rulli sciolti (non ingabbiati). Le Rumi, Guazzoni, MV, Itom, Benelli, Malanca, e tante altre marche al 8/10 per cento. Il problema della Mendola prima serie, che in salita è debole, la più importante è il rapporto mtore/ruota, pignone da 16 denti e corona da 46/48. Il cilindro/pistone, come forma e caratteristiche uguali a quella della Bianchina 125 GLE, come pure il carburatore, ma la moto è più pesante. Se è stato sostituito il pistone, bisognerebbe che un esperto (rari), controllasse le aperture delle finestre del cilindro e il rapporto compressione e fasatura accensione.
 
15528803
15528803 Inviato: 7 Gen 2016 17:12
 

Grazie Guido33,

i consigli dati mi sembrano davvero validi,

controllerò meglio la fasatura ho visto che deve essere 26 gradi, è il valore corretto ?
C'è qualche consiglio particolare per il metodo di verifica ?

Per favore, può spiegarmi meglio riguardo al controllo delle "finestre" del cilindro ?

Il pistone, a parte il suo diametro leggermente maggiorato, è perfettamente uguale all'originale.

Eviterò di ridurre la percentuale olio.

di nuovo Grazie per le preziose indicazioni.
 
15530024
15530024 Inviato: 9 Gen 2016 11:52
 

La cosa più importante, è il rapporto trasmissione motore/ruota. Pignone 16 e corona 46/48.
Per l'apertura delle finestre del cilindro, è un'operazione piuttosto complessa, bisogna avere una conoscenza e un'esperienza molto approfondita del funzionamento e resa del motore, basandosi sul rapporto compressione, cosa che pochissimi meccanici anziani, di moto sportive e da competizione possono fare. Attualmente (da35/40 anni) i cilindri/pistoni, hanno cratteristiche, conformazioni e potenze ben diverse. Per la fasatura accensione (anticipo), non ci sono comtrassegni sul volano magnete, bisogna farli. Togliere la candela, entrare con un piccolo cacciavite lunghezza punta 7/10 cm. neL foro, ruotare a mano il volano, e trovare il punto morto superiore preciso. Fare un piccolo contrassegno, sul volano e sul carter motore, che combaciano. Controllare attraverso la finestra del volano, il punto in cui le puntine "iniziano" ad aprirsi, Questo è il punto che avviene la scintilla. Fare un'altro contrassegno sul volano. Misurare la distanza dei 2 contrassegni. Misurare il diametro esterno del volano in mm. moltiplicarlo x 1,28, dividerlo x 360, poi moltiplicarlo x i mm. della distanza dei contrassegni, Il risultato, sono i gradi dell'anticipo. Penso di avervi dato il modo di misurare l'anticipo dell'accensione, che vale per tutte le moto con volano.
 
15530046
15530046 Inviato: 9 Gen 2016 13:03
 

Il mio rapporto motore/ruota è: pignone 15 e corona 48,
(a suo tempo ho sostituito catena, corona e pignone ma non ho ritrovato il pignone a 16 denti).
Sò che il dente i meno non è il massimo, per il consumo uniforme di catena, corona e pignone, ma considerato l'uso della moto...
Penso che il dente in meno sul pignone vada a mio favore. (per le salite)

Ho capito in cosa consiste il controllo delle luci del cilindro, ma ovviamente mi sembra giusto lasciare tutto così com'è.

Ok per il metodo di fasatura, è quello che ho seguito in passato. Riverificherò comunque il valore dell'anticipo.

Grazie ancora.
 
15533622
15533622 Inviato: 14 Gen 2016 16:37
 

Le risposte sono buone, anche il rapporto motore/ruota per la salita. Bisogna tener presente che la potenza del motore Mendola 125 è 5,2 CV a 5000 giri, quindi non si può pretendere troppo. Questi dati, li ho rilevati dal libro EDOARDO BIANCHI di Antonio Gentili, che racconta tutta la storia della ditta, con relative caratteristiche tecniche di tutte le moto e macchine, costruite dall'inizio del secolo scorso, fino alla chiusura.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 21 di 23
Vai a pagina Precedente  123...20212223  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Moto d'Epoca

Forums ©