Leggi il Topic


Indice del forumForum Autovelox, Patenti e LeggiMulte e Ricorsi

   

Pagina 2 di 2
Vai a pagina Precedente  12
 
[Autovelox] Posso fare ricorso ?
7624631
7624631 Inviato: 19 Mag 2009 7:41
 



Avevo letto male per quel che riguarda l'entità dell'infrazione, andando a memoria stavo ricordando di limite a 70km/h anzichè 90.

A parte il fatto che da Latina sono appena tornato e ho notato che la zona è infestata di autovelox anche più che qui al Nord...............

Su quelle famose sentenze della corte costituzionale c'è in atto una diatriba infinita.

Io resto sempre dell'idea che la notifica si perfezione con la consegna al trasgressore del verbale e che tutto il resto è un serie di forzature interpretazionali atte a favorire questo o quello.

Insomma, se lo stato ti da per legge 150 gg per identificare il trasgressore, tu (ente locale gabellatore) usa pure i mezzi che vuoi, ma fai avere a questi il verbale entro tale termine, senza attaccarti agli specchi perchè per un motivo o per l'altro non riesci a svolgere il tuo compito il termine (molto ampio) prescritto.
 
7625700
7625700 Inviato: 19 Mag 2009 10:36
 

Appunto se l'ente ha 150 gg perchè deve pagare per un eventuale ritardo o disguido causato da chi deve fare la notifica?

Per te cittadino cosa cambia?
Il tuo diritto alla difesa è sempre preservato dato che i 60 gg per proporre ricorso decorrono da quando ricevi il verbale.

Non mi sembra che ci sia diatriba sulle sentenze della corte Costituzionale.

icon_wink.gif
 
7625782
7625782 Inviato: 19 Mag 2009 10:47
 

Grifo ha scritto:
Appunto se l'ente ha 150 gg perchè deve pagare per un eventuale ritardo o disguido causato da chi deve fare la notifica?

Per te cittadino cosa cambia?
Il tuo diritto alla difesa è sempre preservato dato che i 60 gg per proporre ricorso decorrono da quando ricevi il verbale.

Non mi sembra che ci sia diatriba sulle sentenze della corte Costituzionale.

icon_wink.gif


Appunto, mi devi spiegare perchè se i 60 giorni decorrono da quando ricevo il verbale (l'hai scritto tu) gli stessi termini non debbano decorrere quando si tratta di farmi ricevere 'sto benedetto verbale: 150 giorni da quando commetto l'infrazione a quando lo ricevo io e non a quando viene depositato in posta..... l'ufficio postale non sono io, ma è un ente attraverso cui transita il verbale.

Tutto ciò dimostra quello che penso da sempre: in questa Itaglia le leggi non sono fatte per il cittadino ma per coloro che sono abbastanza furbi da poterle interpretare e gabbare.
Se uno è un ottimo avvocato ce ne verrà sempre fuori, se sei un povero diavolo la prenderai sempre in quel posto.

Tu Grifo ti ostini a difendere le leggi con il tipico atteggiamento di chi lavora in quell'ambiente (FdO o similari) e si mette un paraocchi di comodo per evitare qualsiasi discussione.

Io ci tengo come te a rispettare le leggi, ma quando il pulpito da cui vengono emesse è il primo a non rispettarle allora mi vien da dire "..... io non ci sto..." icon_asd.gif icon_asd.gif

Meno male che almeno esiste la libertà di pensiero e di parola, di modo che non verrò arrestato per aver espresso le mie convinzioni
 
7625812
7625812 Inviato: 19 Mag 2009 10:51
 

Ragazzi di sentenza "pippe" ne sentiamo tutti i giorni e credo che ormai gli Italiani ne abbiamo le scatole piene.
A volte i giudici se ne escono con cose assurde e sapete perchè? Perchè in Italia sono intoccabili. Ma è ora di finirla. Non si può dare l'attenuante ad un ragazzo che violenta una ragazza solo perchè la ragazza difendendosi l'ha ferito.
E non si può dare l'assoluzione ad un canile comunale che maltrattava i cani perchè erano troppi da gestire. Nonostante i video della protezione animali e di centinaia di volontari.
Ora questi sono solo un esempio che non c'èentrano nulla con l'argomento trattato ma se si permettono di fare queste cavolate figurati cosa combinano con i verbali... 0509_down.gif

0510_saluto.gif
 
7625920
7625920 Inviato: 19 Mag 2009 11:04
 

sagyttar ha scritto:


Appunto, mi devi spiegare perchè se i 60 giorni decorrono da quando ricevo il verbale (l'hai scritto tu) gli stessi termini non debbano decorrere quando si tratta di farmi ricevere 'sto benedetto verbale: 150 giorni da quando commetto l'infrazione a quando lo ricevo io e non a quando viene depositato in posta..... l'ufficio postale non sono io, ma è un ente attraverso cui transita il verbale.

Tutto ciò dimostra quello che penso da sempre: in questa Itaglia le leggi non sono fatte per il cittadino ma per coloro che sono abbastanza furbi da poterle interpretare e gabbare.
Se uno è un ottimo avvocato ce ne verrà sempre fuori, se sei un povero diavolo la prenderai sempre in quel posto.

Tu Grifo ti ostini a difendere le leggi con il tipico atteggiamento di chi lavora in quell'ambiente (FdO o similari) e si mette un paraocchi di comodo per evitare qualsiasi discussione.

Io ci tengo come te a rispettare le leggi, ma quando il pulpito da cui vengono emesse è il primo a non rispettarle allora mi vien da dire "..... io non ci sto..." icon_asd.gif icon_asd.gif

Meno male che almeno esiste la libertà di pensiero e di parola, di modo che non verrò arrestato per aver espresso le mie convinzioni


Sono d'accordo con te. Se le cose non vanno bene è per quello che hai scritto. Se ci sono dei termini da rispettare vanno rispettati.
Se tu proponi un ricorso al 61° giorno non te l'accettano. Perchè se il verbale mi arriva al 151° giorno devo pagarlo? Che colpa ne ha il cittadino se l'iter burocratico passa per enti privati (vedi Poste) per notificare un verbale? E poi ci lamentiamo dei ritardi?
0510_saluto.gif
 
7626140
7626140 Inviato: 19 Mag 2009 11:33
 

sagyttar ha scritto:

Meno male che almeno esiste la libertà di pensiero e di parola, di modo che non verrò arrestato per aver espresso le mie convinzioni


Siamo in un forun pubblico e ognuno è libero di esprimere le proprie convinzioni ma, perdonami, non vedo il costrutto a parlare per sentito dire o per convinzioni personali.

Dov'è la gabbatura che paventi?

Nessuna e ripeto nessuna norma di legge ordina che tu cittadino devi ricevere il verbale entro 150 gg.

La norma recita che il verbale deve, entro centocinquanta giorni dall'accertamento, essere notificato all'effettivo trasgressore.

Ora per capire cosa si intende per tempi di notifica bisogna conoscere l' art. 149 (Notificazione a mezzo del servizio postale) del c.p.c. che recita:

"Se non ne e' fatto espresso divieto dalla legge, la notificazione puo' eseguirsi anche a mezzo del servizio postale.
In tal caso l'ufficiale giudiziario scrive la relazione di notificazione sull'originale e sulla copia dell'atto, facendovi menzione dell'Ufficio postale per mezzo del quale spedisce la copia al destinatario in piego raccomandato con avviso di ricevimento. Quest'ultimo e` allegato all'originale.
La notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, al momento della consegna del plico all'ufficiale giudiziario e, per il destinatario, dal momento in cui lo stesso ha la legale conoscenza dell'atto."
(Questo comma è stato aggiunto dalla legge 263/05 con cui si è dato attuazione alle sentenze della Corte Costituzionale n. 477/02 e n. 28/04 )

Cosa c'è da interpretare?
Quale sarebbe la "fregatura" per il cittadino e la via d'uscita per il furbo?

In caso di ricorso per difetto di notifica la prima cosa che guarda qualsiasi giudice di pace è la data di trasmissione dall'atto e da lì si contano a ritroso i 150 gg.

Vale per tutti e il principio della scissione soggettiva per gli effetti della notifica è stato inserito proprio per questo motivo.

Può piacere o no come qualsiasi legge ma non per questo si deve "gridare allo scandalo" perchè non è a nostro favore.

icon_wink.gif

Ultima modifica di Grifo il 19 Mag 2009 12:10, modificato 1 volta in totale
 
7626187
7626187 Inviato: 19 Mag 2009 11:37
 

mczmakana ha scritto:
Se tu proponi un ricorso al 61° giorno non te l'accettano.
Corretto , ma non confondiamo due cose diverse in questo caso c'è una norma che detta rigidamente il termine per presentare il ricorso
"Il trasgressore o gli altri soggetti indicati nell'art. 196, nel termine di giorni sessanta dalla contestazione o dalla notificazione,"

Pertanto nulla è lasciato alla discrezionalità, oltre questo termine il ricorso è inaccettabile.
 
7626313
7626313 Inviato: 19 Mag 2009 11:54
 

Se uno pensa di avere ragione, deve sempre fare ricorso, anche per 10 centesimi.
 
7627633
7627633 Inviato: 19 Mag 2009 14:36
 

Allora Grifo, dato che sono ignorante e mastico molto malvolentieri la materia legale, proprio per l'astrusita del suo linguaggio ad uso e consumo degli azzeccagarbugli, ti chiedo gentilmente di rispondere alle mie domande (in parole povere ovviamente) per cercare di chiarirmi i dubbi:
1) Chi è l'ente notificante?
2) Chi è l'ufficiale giudiziario?
3) Cosa si intende per perfezionamento?
4) Non sarebbe ragionevole pensare che le date di perfezionamento per i due soggetti debbano essere coincidenti?

Ti prego, se puoi rispondi con parole ad uso del cittadino medio, alla cui categoria appartengo.

PS: non è che parlo per sentito dire: ho letto, mi sono documentato a mio tempo e il mio punto di vista è una interpretazione alle norme di legge che tu hai riportato.
Interpretazione la mia, che potrebbe addurre un qualsiasi avvocato e che potrebbe essere accettata come respinta da due GdP differenti.
Ci sarebbe anche da dire che la Corte Costituzionale è composta da persone le quali possono pure loro sbagliare ed emettere delle sentenze inesatte.
La legge dice giustamente che tali sentenze hanno valore di legge, ma ciò non significa che tali disposizioni siano in seguito confermate o che siano giuste in senso assoluto.
Dal 2005 ad oggi sono passati 4 anni e il CdS è stato riaggiornato nel frattempo, è pure difficile riuscire a star dietro puntualmente a tutto questo continuo aggiornamento.
 
7629731
7629731 Inviato: 19 Mag 2009 17:58
 

freegiampi ha scritto:
Se uno pensa di avere ragione, deve sempre fare ricorso, anche per 10 centesimi.


Il ricorso puoi farlo anche se non pensi di avere ragione ( per assurdo si intende ) perchè la legge è chiara e ti permette di farlo, bella o brutta che sia.
Ma qui un 'utente ha chiesto se poteva andare a buon fine , e se pur mi dispiace non può "andare bene" perchè le spiegazioni a tutti gli articoli che riguardano il suo quesito , sono state spiegate bene da Grifo.
Guarda che anch'io , non sono un avvocato o un espertone , ma dopo aver letto attentamente le considerazioni ( sempre di Grifo ) ho cercato di leggere con maggiore attenzione i vari articoli di legge interessati . Alla fine ho capito icon_wink.gif

poi che io , te , sagyttar, un qualsiasi avvocato o chiunque altro , può dare la "sua" interpretazione (ma qui c'è poco da interpretare , credimi) , ma ahime la legge è chiara , bella o brutta che sia.

E' solo il mio parere , si intende 0509_up.gif
 
7630807
7630807 Inviato: 19 Mag 2009 19:58
 

radan ha scritto:


Grazie ad entrambi ma la mia domanda nasceva dal fatto che nel post si diceva che i 150 gg si contano fino al giorno della consegna del verbale all'ente notificatore. Nel mio caso nel verbale la data è 25/03/2009 e quindi sarebbero passati circa 130gg.

Ciao


Non conta la data del verbale, ma la data del timbro postale, ergo quando viene consegnata alle poste, devi andare con il numero della raccomandata sul sito delle poste, e vedere in che giorno è stata consegnata all'ufficio postale...se è stata consegnata l'11 Aprile 8se ho fatto bene i conti, vinci anche dal prefetto...
 
7631802
7631802 Inviato: 19 Mag 2009 21:33
 

sagyttar ha scritto:

1) Chi è l'ente notificante?
2) Chi è l'ufficiale giudiziario?
3) Cosa si intende per perfezionamento?
4) Non sarebbe ragionevole pensare che le date di perfezionamento per i due soggetti debbano essere coincidenti?

1) Chi ti mette a conoscenza che hai commesso un'azione punita con una "multa" ( icon_redface.gif) ovvero chi ha scritto il verbale;

2) E' un impiegato dell'ufficio notificazioni, esecuzioni e protesti presso il tribunale e ha il compito (fra gli altri ) di provvedere alla notificazione degli atti, cioè è il tizio che dovrebbe bussarti alla porta e consegnarti la busta verde dopo averti fatto firmare l'apposito registro. Per le notifiche può essere sostituito da un agente di polizia giudiziaria oppure, per la notifica di atti non penali all'interno del territorio comunale dove ha sede il tribunale, da un messo comunale.

Come già scritto può avvalersi degli agenti postali per il semplice recapito dell'atto.

3) Quando un qualsiasi atto viene completato con tutti gli elementi necessari richiesti da una legge;

4)Perdonami ma non capisco a quali soggetti ti riferisci.

Spero che la spiegazione, ancorchè non ineccepibile, sia comprensibile.

Mi dissocio ma tralascio il commento su quanto scritto riguardo la Corte Costituzionale, si andrebbe troppo OT.

icon_wink.gif
 
7633668
7633668 Inviato: 20 Mag 2009 7:50
 

Pertanto Grifo, interpretando le tue parole che questa volta sono state molto chiare (e di questo ti ringrazio) e le norme del c.p.c. che hai menzionato precedentemtente, se io commetto una violazione il giorno x e questa viene accertata tramite apparecchio automatico, l'agente redige il verbale che consegna all'ufficiale giudiziario e l'ufficio postale (incaricato dall'ufficiale giudiziario) mi recapita legalmente tale verbale il giorno x+ 151 (cioè in caso di mia assenza mi lascia l'avviso di ritirare il plico raccomandato con ricevuta di ritorno con indicata la data di notifica che corrisponde a quella in cui mi è stato consegnato l'avviso) il verbale risulta nullo per scadenze del termine massimo per la notifica dell'atto.
O no?
 
7634094
7634094 Inviato: 20 Mag 2009 9:20
 

Perdonami ma credo di non essermi spiegato.

Il tuo ragionamento è valido solo se il verbale viene consegnato alle poste lo stesso giorno in cui ho commesso l'infrazione.

Per sapere se la notifica è stata effettuata nei termini di legge la data in cui ricevi il verbale non la devi guardare, non serve a niente, è inutile, è un giorno come tutti gli altri, per assurdo potrebbe essere ad un anno di distanza (365gg) dalla data in cui hai commesso l'infrazione.

L'unico motivo per cui ti interessa la data di ricezione è che da quel giorno decorrono i 60 gg per presentare ricorso.

La data che ti interessa è quella di consegna all'ufficiale giudiziario o all'ufficio postale del verbale (se chi emette il verbale sostituisce l'ufficiale giudiziario), è da quel giorno che conti a ritroso i 150 gg per vedere se la notifica è valida.

Nel periodo di tempo che il verbale rimane in mano alle poste (o all'ufficiale giudiziario) lo devi considerare come sospeso, quei giorni non vengono contati ne da chi ha emesso il verbale ne da te per la scadenza del termine di presentazione ricorso.

icon_wink.gif
 
7635045
7635045 Inviato: 20 Mag 2009 11:28
 

Grifo ha scritto:
Perdonami ma credo di non essermi spiegato.

Il tuo ragionamento è valido solo se il verbale viene consegnato alle poste lo stesso giorno in cui ho commesso l'infrazione.

Per sapere se la notifica è stata effettuata nei termini di legge la data in cui ricevi il verbale non la devi guardare, non serve a niente, è inutile, è un giorno come tutti gli altri, per assurdo potrebbe essere ad un anno di distanza (365gg) dalla data in cui hai commesso l'infrazione.

L'unico motivo per cui ti interessa la data di ricezione è che da quel giorno decorrono i 60 gg per presentare ricorso.

La data che ti interessa è quella di consegna all'ufficiale giudiziario o all'ufficio postale del verbale (se chi emette il verbale sostituisce l'ufficiale giudiziario), è da quel giorno che conti a ritroso i 150 gg per vedere se la notifica è valida.

Nel periodo di tempo che il verbale rimane in mano alle poste (o all'ufficiale giudiziario) lo devi considerare come sospeso, quei giorni non vengono contati ne da chi ha emesso il verbale ne da te per la scadenza del termine di presentazione ricorso.

icon_wink.gif


Beh effettivamente è molto chiaro. 0509_up.gif
Però l'unico modo che abbiamo per tutelarci è proporre ricorso, giusto? Ritornando a quello che ho scritto qualche giorno fa.......perchè a noi contano i peli sul c**o pur di metterci a 90? Ed è da qui che ognuno cerca l'appiglio per uscirne fuori. Quindi sono le istituzioni che ci inducono a questi comportamenti.
Perchè le bollette devi pagarle entro la data prevista altrimenti paghi le sanzioni mentre se devono darti dei soldi passano anni e anni e se non li ricevi devi pure stare zitto? eusa_think.gif
 
7636903
7636903 Inviato: 20 Mag 2009 15:07
 

Mi permetto di contraddirti.
L'articolo 201 del cds recita : "Qualora la violazione non possa essere immediatamente contestata, il verbale, con gli estremi precisi e dettagliati della violazione e con la indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata, deve, entro centocinquanta giorni dall'accertamento, essere notificato all'effettivo trasgressore o, quando questi non sia stato identificato e si tratti di violazione commessa dal conducente di un veicolo a motore, munito di targa, ad uno dei soggetti indicati nell'art. 196, quale risulta dai pubblici registri alla data dell'accertamento. Se si tratta di ciclomotore la notificazione deve essere fatta all'intestatario del contrassegno di identificazione. Nel caso di accertamento della violazione nei confronti dell'intestatario del veicolo che abbia dichiarato il domicilio legale ai sensi dell'articolo 134, comma 1 bis, la notificazione del verbale è validamente eseguita quando sia stata effettuata presso il medesimo domicilio legale dichiarato dall'interessato.. omissis....."

Ora non vorrai farmi credere che il perfezionamento della notifica avviene con la consegna del verbale nelle mani dell'ufficiale giudiziario che deve consegnarmelo perchè la cosa è inesatta e questo lo capisco citando quanto avevi tu stesso scritto prima:
"La notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, al momento della consegna del plico all'ufficiale giudiziario e, per il destinatario, dal momento in cui lo stesso ha la legale conoscenza dell'atto." Grifo, l'ufficiale giudiziario e il trasgressore sono due persone diverse, sarai d'accordo almeno su questo no?

Converrai anche che qui si sta parlando di verbali relativi ad infrazioni al codice della strada e che quindi come prima cosa ci si riferisca agli articoli relativi al codice della strada.

Nella tua citazione infatti facevi riferimento ad un articolo del c.p.c., che è si valido, ma ti porta ad affermare una contraddizione.

Se io, Lorenzo, commetto un'infrazione e tu Grifo (Vigile urbano) mi identifichi e mi mandi un verbale utilizzando gli strumenti che la legge ti mette a disposizione e avvalendoti anche di strumenti opzionali (le poste sono uno strumento opzionale, nessuno ti obbliga ad utilizzarle) consegnandolo al messo comunale Pinco o all'ufficiale Giudiziario Pallino entro 130gg e costoro mi consegnano di persona il verbale al 151° giorno (ovvero le poste mi recapitano la raccomandata con timbro postale al 151° giorno), io farò ricorso al GdP perchè, come recita l'articolo 201 del CdS tale verbale non è stato consegnato entro i termini previsti dalla legge.

Poi vedremo come andrà a finire e mi auguro che tu non faccia il Giudice di Pace.
Ciao
Lorenzo
 
7636919
7636919 Inviato: 20 Mag 2009 15:09
 

Grifo ha scritto:
Perdonami ma credo di non essermi spiegato.

Il tuo ragionamento è valido solo se il verbale viene consegnato alle poste lo stesso giorno in cui ho commesso l'infrazione.

Per sapere se la notifica è stata effettuata nei termini di legge la data in cui ricevi il verbale non la devi guardare, non serve a niente, è inutile, è un giorno come tutti gli altri, per assurdo potrebbe essere ad un anno di distanza (365gg) dalla data in cui hai commesso l'infrazione.

L'unico motivo per cui ti interessa la data di ricezione è che da quel giorno decorrono i 60 gg per presentare ricorso.

La data che ti interessa è quella di consegna all'ufficiale giudiziario o all'ufficio postale del verbale (se chi emette il verbale sostituisce l'ufficiale giudiziario), è da quel giorno che conti a ritroso i 150 gg per vedere se la notifica è valida.

Nel periodo di tempo che il verbale rimane in mano alle poste (o all'ufficiale giudiziario) lo devi considerare come sospeso, quei giorni non vengono contati ne da chi ha emesso il verbale ne da te per la scadenza del termine di presentazione ricorso.

icon_wink.gif


Caro, mi permetto di aggiungere una cosa, superflua perché quello che hai scritto è ineccepibile.
Questo principio del "doppio termine" (per il notificante ai fini del rispetto dei termini, la notifica si considera al momento della consegna all'ufficiale giudiziario o all'ufficio postale) è un principio fondamentale. Più volte ribadito dalla giurisprudenza.
Di questo benedetto principio ce ne avvantaggiamo anche noi "cittadini".
Faccio un esempio: dalla notifica del verbale di contestazione decorrono 60 giorni per l'opposizione innanzi al Prefetto o GdP. Il termine di 60 giorni è rispettato se il sessantesimo giorno il ricorso viene inviato, al Gdp per esempio, a mezzo posta. Che poi pervenga alla cancelleria del Giudice di Pace dieci giorni dopo non importa.

Tanto per chiarire. I termini non sono mai a favore di uno o dell'altro.

cyb giurisprudenziale
 
7637243
7637243 Inviato: 20 Mag 2009 15:33
 

sagyttar ha scritto:

Nella tua citazione infatti facevi riferimento ad un articolo del c.p.c., che è si valido, ma ti porta ad affermare una contraddizione.
Scusami ma la contraddizione dove la vedi?

L' articolo del CdS ti dice che entro un determinato periodo di tempo devi portare a conoscenza del trasgressore il fatto che ha commesso, l'articolo del c.p.c. ti spiega come fare per dirglielo rispettando i tempi richiesti dal CdS.

Più semplice di così.


sagyttar ha scritto:
io farò ricorso al GdP perchè, come recita l'articolo 201 del CdS tale verbale non è stato consegnato entro i termini previsti dalla legge.

Poi vedremo come andrà a finire e mi auguro che tu non faccia il Giudice di Pace.
Non sono un giudice di pace, fare ricorso è un tuo diritto, ma fondarlo su quanto hai scritto è facile prevedere il risultato. 0509_down.gif

icon_wink.gif


icon_arrow.gif cyb i tuoi interventi sono illuminanti.0510_abbraccio.gif
 
7776129
7776129 Inviato: 6 Giu 2009 19:44
 

un conoscente che ha preso la multa su quel tratto di strada mi ha riferito che l'aggeggio è illegale e pare l'abbiano rimosso
 
7778225
7778225 Inviato: 7 Giu 2009 8:07
 

ibyscus ha scritto:
un conoscente che ha preso la multa su quel tratto di strada mi ha riferito che l'aggeggio è illegale e pare l'abbiano rimosso


Eccallà!
Apperecchiature illegali installate a norma di legge ..... ogni ulteriore commento credo sia davvero superfluo, ennesima figura di m(beep)a a carico delle care amministrazioni locali 0509_down.gif 0509_down.gif

Viva l'Itaglia
 
7785890
7785890 Inviato: 8 Giu 2009 11:32
 

Che schifo. Mi viene la nausea a sentire certe cose. Le truffe legalizzate e per di più messe a segno da organi dello stato. Amministrazioni pubbliche che invece di essere dalla parte del cittadino sono contro.
Che sdegno. W l'Italia. 0509_down.gif
 
7865731
7865731 Inviato: 17 Giu 2009 13:25
 

forse sono arrivato in ritardo ma per quanto riguarda i 150 gg gli artt. 200 e 201 C.d.S. è chiaro ma al riguardo c'è da discutere... infatti una recente sentenza del Tribunale di ROMA ha sancito "è preciso onere della P.A. attivarsi affinché il trasgressore riceva la multa entro i 150 giorni, termine che deve ritenersi del tutto congruo per poter effettuare la notifica del verbale".
riguardo poi all'autovelox in questione, ossia Sonnino, c'è molta polemica sia per quanto riguarda la visivibilità dell'apparecchio e sia la scarsa segnaletica.
io sono un dottore in legge abilitato e ho già presentato al Giudice di Pace di Priverno 6 ricorsi contro multe del tuo stesso tipo.
ciao e in bocca al lupo
 
7873532
7873532 Inviato: 18 Giu 2009 10:47
 

antoard ha scritto:
.... una recente sentenza del Tribunale di ROMA ha sancito "è preciso onere della P.A. attivarsi affinché il trasgressore riceva la multa entro i 150 giorni, termine che deve ritenersi del tutto congruo per poter effettuare la notifica del verbale"....


Su questo non ci sono dubbi. Però è anche vero che l'iter burocratico per la trasmissione dei verbali è talmente sofisticata che risulta lenta in partenza. Ma non per colpa della P.A. bensì per colpa degli appalti a ditte private esterne che se ne fregano altamente di mandare i verbali. 0510_saluto.gif
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 2 di 2
Vai a pagina Precedente  12

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Autovelox, Patenti e LeggiMulte e Ricorsi

Forums ©