Leggi il Topic


Indice del forumForum Generale

   

Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo
 
La FMI dice stop ai nulla osta per le Road Races
15920374
15920374 Inviato: 2 Gen 2018 23:27
Oggetto: La FMI dice stop ai nulla osta per le Road Races
 



La FMI (Federazione Motociclistica Italiana) non permetterà ai piloti con licenza italiana di gareggiare al IOMTT, al ManxGP, al MacaoGP, et simila, e nelle gare su strada del calendario internazionale.

icon_arrow.gif Link a pagina di Corsedimoto.com

icon_rolleyes.gif icon_rolleyes.gif
 
15920431
15920431 Inviato: 3 Gen 2018 0:39
 

E secondo loro i piloti diranno signorsì? icon_lol.gif

Le possibili reazioni dei piloti sono solo due:

1)"andatevene affa, toglietemi pure la licenza, mi tessero presso un'altra federazione"

2)"io partecipo lo stesso, se vi piace è così, se non vi piace vedi sopra"
 
15920463
15920463 Inviato: 3 Gen 2018 8:58
 

Mah... Possibile che siamo così... Hem... Limitati?
Una persona non può scegliere come vivere?

Non sarebbe meglio che la Federazione spendesse il proprio peso ( icon_rolleyes.gif ) politico in altri temi:
- Aumentare la diffusione di autodromi;
- Aiutare i giovanissimi ad avvicinarsi a questo sport;
- Chiedere strade più sicure;
- Chiedere percorsi dedicati per chi vuole praticare enduro.
Ecc ecc...

Che Road Race siano pericolose nessuno lo nega (così come le cronoscalate o le gare di enduro estremo), però se persone mature ed in pieno possesso delle loro facoltà mentali vogliono comunque mettersi alla prova non vedo perchè la Federazione deve mettersi contro di loro.
 
15920473
15920473 Inviato: 3 Gen 2018 9:19
 

Mi spiegate perchè le organizzazioni italiane, che siano esse associazioni, società, partiti politici, ecc. senza distinzione alcuna, debbano sempre ergersi come paladini impavidi a tutela di categorie che non necessitano di tutela alcuna? In quanto autonomi ed in grado di provvedere da soli alla propria sussistenza? icon_asd.gif

Cioè, io boh... in ogni caso... forza Bonetti! Mandali a fare in **** 0509_campione.gif
 
15920478
15920478 Inviato: 3 Gen 2018 9:36
 

Piccola curiosità mia, senza fine polemico, davvero.

Ma la FMI cosa fa per i piloti iscritti, oltre a riscuotere la tessera??

Perché se si sentono in dovere di fare da tutori e baby sitter, probabilmente investono nei piloti dei gran soldi, ma non si direbbe, visto che le uniche scuole di pilotaggio e di crescita per piloti sono private...
 
15920483
15920483 Inviato: 3 Gen 2018 9:50
 

CBR_125R ha scritto:
Che Road Race siano pericolose nessuno lo nega (così come le cronoscalate o le gare di enduro estremo), però se persone mature ed in pieno possesso delle loro facoltà mentali vogliono comunque mettersi alla prova non vedo perchè la Federazione deve mettersi contro di loro.

Stanno facendo agostinismo. E' un fenomeno che abbiamo già patito in passato, sebbene per una giusta causa all'epoca (le protezioni erano ben diverse, le moto non avevano elettronica e il TT era una tappa del motomondiale... ingiusto obbligare qualcuno a rischiare la propria vita per vincere un trofeo... allo stesso modo sarebbe ingiusto ora obbligare qualcuno a non rischiarla per vincerlo).

Secondo me è tutto soltanto riconducibile a questioni economiche.
Cercano di fare il possibile per disincentivare e/o sabotare le RR, che negli anni recenti sono diventate un fenomeno mediatico, la loro popolarità è arrivata alle stelle, attraggono masse di appassionati ed entertain-gono giustamente molto di più della classica gara in circuito che ormai sa "di visto", perchè:

icon_arrow.gif Non ci sono cronoscalate e/o circuiti cittadini degni di risonanza mediatica internazionale in Italia
icon_arrow.gif La FMI non detiene diritti TV per le gare del circuito Duke Road Racing Rankings

Fondamentalmente, je rode er chiccherone e hanno paura di restare tagliate fuori dal giro di denaro che c'è potenzialmente dietro a questo tipo di eventi... lo vedo un po' analogo a quanto accaduto sempre in epoca recente tra le federazioni di pugilato e quelle delle MMA.
 
15920520
15920520 Inviato: 3 Gen 2018 11:07
 

Sicuramente, come dice Neo, è una mossa per boicottare queste corse e sminuirle visto che non ci guadagnano.

Per rispondere a AG ecco cosa propone il sito: Link a pagina di Federmoto.it
A ben vedere è tipo essere soci di un supermercato: si hanno sconti particolari e si ha diritto a promozioni che i non tesserati non hanno.
Ovviamente loro organizzano eventi nazionali per piloti che devono essere tesserati presso di loro.
 
15920523
15920523 Inviato: 3 Gen 2018 11:11
 

mmm... eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif vedo che tra i "vantaggi" della tessera viene menzionata una copertura assicurativa. eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif Non nascerà anche e soprattutto da lì il problema con le road races?? eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif rispetto a una gara in pista, bisogna essere obiettivi, il rischio è di diversi ordini di grandezza maggiore.

Ciò non toglie che se un pilota si assicura per fatti suoi, non vedo perché la FMI debba mettere il becco nelle sue scelte professionali e di vita.
 
15920531
15920531 Inviato: 3 Gen 2018 11:36
 

AG_KTM ha scritto:
rispetto a una gara in pista, bisogna essere obiettivi, il rischio è di diversi ordini di grandezza maggiore.

Sì, ma la gente non è che va lì per morire... è vero che se cadi è improbabile che ti rialzi, a differenza della pista... ma non è che cadere sia la prerogativa di chi partecipa a questi eventi eusa_shifty.gif
Senza considerare che non si tratta di sprovveduti: prima di partecipare ad una gara sul IOM TT Course c'è un sacco di gavetta che dev'essere fatta dai piloti per ottenere l'autorizzazione dai marshall, senza considerare che ci vogliono circa quattro anni per imparare bene il tracciato eusa_think.gif
 
15920536
15920536 Inviato: 3 Gen 2018 11:45
 

-Neo- ha scritto:
Sì, ma la gente non è che va lì per morire... è vero che se cadi è improbabile che ti rialzi, a differenza della pista... ma non è che cadere sia la prerogativa di chi partecipa a questi eventi eusa_shifty.gif
Senza considerare che non si tratta di sprovveduti: prima di partecipare ad una gara sul IOM TT Course c'è un sacco di gavetta che dev'essere fatta dai piloti per ottenere l'autorizzazione dai marshall, senza considerare che ci vogliono circa quattro anni per imparare bene il tracciato eusa_think.gif


scusami Neo, mi sono spiegato male. Essenzialmente sono d'accordo con te.

Ma capisco che se la FMI vende una tessera comprensiva di assicurazione con un costo tarato sul rischio "pista" (poniamolo a 1) e poi il tesserato rischia di essere risarcito dopo una road race (poniamo il rischio a 7? a 10?) il discorso cambia parecchio. C'è un aggravio di rischio esagerato. Mi sa che il discorso dei nulla osta a questo punto potrebbe nascere più dalla compagnia assicurativa che non dalla FMI stessa eusa_think.gif eusa_think.gif eusa_think.gif
 
15920553
15920553 Inviato: 3 Gen 2018 12:39
 

TommyTheBiker ha scritto:
E secondo loro i piloti diranno signorsì? icon_lol.gif

Le possibili reazioni dei piloti sono solo due:

1)"andatevene affa, toglietemi pure la licenza, mi tessero presso un'altra federazione"

2)"io partecipo lo stesso, se vi piace è così, se non vi piace vedi sopra"
Per il punto 1: sicuramente andrà a finire così, prenderanno la licenza di una nazione meno burocratica (si parla ad esempio della Croazia)
Per il punto 2: il nulla-osta della federazione è obbligatorio ragion per cui... si ritorna al punto 1
icon_wink.gif


-Neo- ha scritto:
Stanno facendo agostinismo. E' un fenomeno che abbiamo già patito in passato, sebbene per una giusta causa all'epoca (le protezioni erano ben diverse, le moto non avevano elettronica e il TT era una tappa del motomondiale... ingiusto obbligare qualcuno a rischiare la propria vita per vincere un trofeo... allo stesso modo sarebbe ingiusto ora obbligare qualcuno a non rischiarla per vincerlo).
Mi permetto di rispondere al termine "agostinismo".
Vero è che il paladino dell'allora "diciamo basta al TT" è stato Ago. Il suo dire basta era dato dal fatto che, come detto da Neo, allora era una tappa del mondiale, quindi ci si doveva correre per forza.
Ora non è più così, chi ci corre lo fa per scelta e per potervi partecipare ci sono determinate "selezioni".
Personalmente trovo giusto che non faccia parte del mondiale (non avrebbe senso) e che sia una cosa "a scelta".
A tutt'oggi, Ago non rinnega la sua scelta di allora, né è un paladino del "basta TT".
Ho avuto il piacere di incontrarlo ad alcune serate e sul tema si è sempre espresso in modo limpido e coerente. Allora era giusto che il TT venisse estromesso dal mondiale, ora è giusto che il TT continui con piloti che, per scelta, decidono di parteciparvi.
Tutto 'sto papiro per dire che Ago, ad oggi, non è contro il TT.
(Neo mi son permesso perché non vorrei che alcuni capissero che Ago è a tutt'oggi contro il TT)
icon_wink.gif


Per il discorso assicurazione.
Sinceramente non so se l'assicurazione della FMI copra le Road Races (ricordiamoci però che ci sono diversi tipi di tessere, che hanno costi diversi e quindi penserei anche a coperture assicurative diverse), però so per certo che nell'iscrizione al TT è compresa l'assicurazione (che è una tra le maggiori spese che devono sostenere gli organizzatori e che copre anche gli spettatori).
 
15920670
15920670 Inviato: 3 Gen 2018 18:07
 

Svelato l'arcano dietro al no per i nulla-osta:
"La nuova polizza infortuni Unipol non copre gli infortuni nelle manifestazioni su strada"
icon_arrow.gif Link a pagina di Corsedimoto.com

Ok, vero che a parlare senza "esserci dentro", è facile, però...
Però non ci si poteva pensare prima? Non si poteva scegliere un'altra compagnia di assicurazione? Non si poteva "trattare" con la compagnia? Non si poteva pensare magari ad una assicurazione a "rischi ridotti"? Non si poteva pensare ad un nulla-osta legato ad uno scarico di responsabilità?

Poi:
La FMI specifica anche che “I piloti che volessero comunque partecipare a tali manifestazioni saranno pertanto obbligati a procurarsi autonomamente il titolo di partecipazione presso l’organizzatore locale, consapevoli che in nessun caso la FMI potrà essere ritenuta responsabile delle conseguenze della loro partecipazioni alle gare in questione.”
Riguardo il grassettato, sinceramente non l'ho capita...
Per quel che ne so, molti organizzatori per l'iscrizione alla gara richiedo obbligatoriamente il nulla-osta, quindi non riesco a capire cosa voglia dire la FMI...
 
15920679
15920679 Inviato: 3 Gen 2018 18:31
 

JO74 ha scritto:
Per il punto 2: il nulla-osta della federazione è obbligatorio ragion per cui... si ritorna al punto 1
Certo; quel che intendevo dire è che un pilota affermato può permettersi di fare un poco di voce grossa minacciando di tesserarsi altrove, negoziando una... scappatoia ad personam, mettiamola così.

Perché parliamoci chiaro, se un po' di "piloti famosi a caso" se ne vanno sbattendo la porta, urlando la cosa sui social e sui siti di notizie sportive, nel contempo magari elogiando un'altra federazione... beh, sarebbe un bel pasticcio per la FMI: sicuro danno di immagine e molto probabile danno economico per via di un conseguente calo di iscritti. Sarebbe perciò furbo da parte di FMI convincere quei "piloti famosi a caso" a rimanere, anche a costo di inserire una clausoletta nel regolamento.

JO74 ha scritto:
quindi non riesco a capire cosa voglia dire la FMI...
Ed eccola qua, la clausoletta! icon_asd.gif

Per come la vedo io, quelle righe significano: non c'è più un nulla osta "automatico", ma devi richiedercelo espressamente di volta in volta... firmando contestualmente uno sgravio di responsabilità totale. Se lo firmi puoi partecipare, altrimenti no.

La butto lì eh, vedremo se c'ho preso o meno icon_smile.gif
 
15920681
15920681 Inviato: 3 Gen 2018 18:32
 

La lungimiranza di AG_KTM ha vinto tutto il cucuzzaro icon_asd.gif
 
15920717
15920717 Inviato: 3 Gen 2018 20:19
 

"A pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca" icon_lol.gif icon_lol.gif
Ormai nessuno fa più nulla per un ideale, nel 90 per cento dei casi c'è sempre dietro una faccenda "monetaria" icon_asd.gif
 
15920750
15920750 Inviato: 3 Gen 2018 21:14
 

La FMI ormai sta diventando un dinosauro burocratico inutile, vedasi la questione targhe per le gare Enduro dove la federazione è stata incapace nel difendere la categoria dall'obbligo della targa originale, con le conseguenze che tutti conosciamo in caso di perdita.
La federazione tutela poco e male il motorsport, la realtà è che ormai sta diventando un'organizzazione fine a se stessa, non vedo grandi risultati a favore dei motociclisti ottenuti da tale istituzione...sia a livello sportivo che civile.
Ormai questo caso ha fatto luce sul fatto che la federazione vede i suoi affiliati come un fondo cassa... icon_evil.gif
 
15920828
15920828 Inviato: 4 Gen 2018 7:00
 

Da molti anni ripudio ogni forma di affiliazione alla Federazione , fondamentalmente per i motivi citati dal Nostro Amico .
Da ex cronoscalatore , ho perso diversi amici , deceduti proprio in competizioni del genere .
Sono però convinto che ognuno debba fare le proprie scelte , comprese quelle relative ai rischi di un' attività sportiva estrema , come le Road Races certamente sono .
Se le motivazioni della Federazione avessero avuto origine da ragioni inerenti alla sicurezza , avrei però potuto anche accettarlo .
Ma purtroppo , anche in questa occasione , hanno dimostrato di "meritarsi" le valutazioni espresse da "Bigsen" , con cui concordo in toto .



doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15921146
15921146 Inviato: 5 Gen 2018 8:28
 

E' che la FMI è come tutte le federazioni sportive italiane, cioè di fatto inutile e comandata da degli incompetenti.
Volete una riprova, la federnuoto. Il presidente ha tutto meno che dello sportivo. I campioni o si allenano presso società private (vedi Pellegrini, Paltrinieri, ....) o presso corpi militari dello stato. L'unica cosa che sono in grado di organizzare sono i collegiali, i campionati italiani, e qualche gara minore. Il trofeo più importante è il settecolli a roma, che però si paga con gli sponsor.
Per citare un'altra federazione messa così basta pensare a quella di atletica. Fino a che ci sono i genitori che pagano gli atleti vanno avanti, appena devono fare il salto di qualità e la federazione dovrebbe aiutarli sul serio cominciano a sparire, a infortunarsi ecc. Vi faccio una domanda, secondo voi è normale che gli allenatori più vecchi siano quelli legati alla federazione? Secondo voi è normale che gli atleti italiani si allenino come si faceva trent'anni fa? E' normale che gli unici due atleti decenti che abbiamo siano due saltatori in alto che si allenano con lo stesso staff?

La FMI di fatto sarebbe meglio che chiudesse i battenti.
La corsa su strada viene abolita, ma poi non ti aiuta ad andare in pista o a manutenere le piste come si deve. Secondo voi se non ci fossero Ducati e Ferrari il Mugello e Misano avrebbero ancora delle gare?
L'unico circuito oggi che campa coi soldi federali è Monza e tutti gli anni peggiora un po'. E per fortuna che l'ACI di Milano ci tiene e contribuisce, altrimenti avrebbe chiuso da un pezzo.
La FMI dovrebbe spingere per organizzare i campionati per i ragazzi. Fare un trofeo Moto3 di livello per esempio. Oggi ai campionati FMI partecipano quattro gatti e avere un team buono vuole dire spesso avere una moto 2 secondi più veloce delle altre. Vai in spagna e vedi cosa succede.

Ohi non fraintendetemi, qualcuno che dia delle regole ci vuole, ma se devi pagare della gente che non fa il lavoro che dovrebbe fare non ha senso continuare a tenerla dov'è. Piuttosto vai in Dorna e fatti aiutare da loro.

Un ultima riflessione, è vero le gare su strada sono più pericolose e un errore spesso lo paghi molto caro. Al TT ogni anno muoiono un paio di piloti è vero. Ma quelli che le fanno sul serio le gare su strada perché cadono pochissimo per voi?
Marquez al TT probabilmente ci sarebbe già rimasto secco visto il numero di cadute che fa. Il fatto è che spesso il pilota moderno cerca il limite arrivando alla caduta. Il pilota stradale ha l'approccio alla Agostini, prima di arrivare a cadere meglio che chiudo il gas.
Perché prendete il numero di cadute che fanno i piloti durante un GP e il numero di cadute durante un TT e scoprirete che non c'è paragone.
Questo cosa vuole dire, che l'idea della federazione italiana è che i piloti sono bambini che non sono capaci di prendersi le responsabilità per le loro decisioni e che quindi bisogna trattarli come bambini.
Secondo me invece la federazione dovrebbe darti una mano, cercare di agevolarti e responsabilizzarti. Renderti più facile fare le cose, non più difficile.
Tanto poi le gare su strada illegali o meno le fanno lo stesso. Meglio che tu dia la possibilità di organizzarle con un minimo di sicurezza garantita no? Poi è ovvio che se tu sei a 280 all'ora su un rettilineo e davanti hai un muro e non freni ti schianti e poi ti vengono a raccogliere col cucchiaino, ma non puoi pensare che perché un imbecille non frena in quella situazione allora tu devi impedire a tutti gli altri di correre. Anche perché 9 volte su 10 quello che non frena e si schianta è uno che fa le stesse cose mentre guida tutti i giorni e questo è decisamente più pericoloso e non solo per lui.
 
15921162
15921162 Inviato: 5 Gen 2018 9:06
 

gtdesmo ha scritto:
Al TT ogni anno muoiono un paio di piloti è vero. Ma quelli che le fanno sul serio le gare su strada perché cadono pochissimo per voi?
Marquez al TT probabilmente ci sarebbe già rimasto secco visto il numero di cadute che fa. Il fatto è che spesso il pilota moderno cerca il limite arrivando alla caduta. Il pilota stradale ha l'approccio alla Agostini, prima di arrivare a cadere meglio che chiudo il gas.

Quoto e, a tal proposito, mi fa piacere tirare in ballo questo esempio.



Qui si vede tutta la differenza tra un pilota esperto, che per carità... si è fatto un bel cv nel mondiale Endurance... ma che è ancora considerato un rookie per una corsa come il TT , siccome vi corre "solo" dal 2013 e probabilmente non ha ancora familiarizzato bene con il tracciato, ed un vero e proprio TT maniac.

Guy Martin è un aeroplano? Probabilmente no.
Horst Saiger è una pippa? Non direi.

Semplicemente non je la fa ancora a tenere aperta tutta su quel tratto... perchè ci va pelo e certi piloti sono dei professionisti, non dei suicidi.
Sanno qual è il loro limite e sanno quello che rischiano... sanno fare quello che non sa fare invece la maggior parte dei motociclisti... ossia capire quando è il momento di chiudere il gas.

+Bonus Vid (perchè McGuinness è chiamato "Morecambe Missile"; da qua si capisce che uno che fa un lap del genere non può essere considerato uno sprovveduto, ne ha bisogno che una federazione di motociclisti tuteli il suo interesse... perchè sa perfettamente quello che sta facendo e, nonostante tutto, riesce a farlo come nessun'altro al mondo)

 
15921208
15921208 Inviato: 5 Gen 2018 10:30
 

Che per correre nelle Road Races bisogna essere un poco "pazzi", sono d'accordo. Ma il termine "pazzi" io lo intendo in senso buono. E comunque, se non si ha la testa sulle spalle e la consapevolezza di qual che può succedere, non ci arrivi mica a casa sano...
Poi ovvio, tutto può succedere, ma questo in qualsiasi sport/attività.

Personalmente anch'io non nutro gran simpatia per la FMI.
Quando penso all'accanimento sugli enduristi...
Quando penso all'obbligo di targa originale a chi fa gare di enduro...
Quando penso alle auto civetta che in alcune località "istigano" i motociclisti...
Quando penso alle tariffe autostradali (ivi comprese la nuova "bella" trovata assieme agli amici di Motociclismo)...
Eccetera... Eccetera... Eccetera...
Poi mi chiedo: cos'ha fatto la FMI per tutelare i motociclisti?
Nulla. Ah ok, bene così.
 
15921282
15921282 Inviato: 5 Gen 2018 14:01
 

Stefano Bonetti sul caso nulla-osta:

... l’unica cosa certa, al momento, è che mi vedrete ... ci sono nazioni dove non esistono così tanti problemi per correre nelle road races. Stiamo contattando diverse federazioni, per esempio Slovenia e San Marino ... siamo cinque-sei piloti in Italia a gareggiare stabilmente in questo genere di competizioni e capisci che non c’è neppure troppa volontà di risolvere la questione in senso positivo. Per la federazione italiana se così pochi piloti non possono correre, pazienza, non sposta nulla ... parlavo con Paton per rinnovare la partecipazione al Lightweight TT ... ci tenevano ad avere un binomio moto italiana-pilota italiano ... non sarebbe la stessa cosa correre con un italiano che ha la licenza di un’altra nazione ...

icon_arrow.gif Link a pagina di Corsedimoto.com
 
15921313
15921313 Inviato: 5 Gen 2018 15:15
 

Non avevo alcun dubbio sul fatto che "Bonnie" avrebbe comunque aggirato il problema , gareggiando ugualmente .
E credo che anche Curinga e gli altri troveranno la maniera .
Scusate lo sfogo , ma non posso non scriverlo : tie.gif alla FMI !



doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15921377
15921377 Inviato: 5 Gen 2018 19:19
 

ansetup ha scritto:
Scusate lo sfogo , ma non posso non scriverlo : tie.gif alla FMI !
Avete presente gli adesivi con Calvin che fa pipì su una scritta o marchio?

Potrebbe essere un'idea per la livrea 2018... icon_mrgreen.gif
 
15921378
15921378 Inviato: 5 Gen 2018 19:20
 

Ah, comunque; di seguito uno stralcio di un comunicato ufficiale della Paton di poche ore fa:

Citazione:
In seguito alle notizie, apparse in questi giorni sui principali organi di comunicazione, riguardanti la mancata concessione dei nullaosta ai piloti italiani da parte della FMI, Advanced Group srl – titolare dei marchi SC-Project e Paton - intende chiarire che, nel rispetto degli impegni presi con il pilota, con gli sponsor e con i tifosi, nulla cambierà in merito al supporto offerto al pilota ed amico Stefano Bonetti e che lo stesso rimane un punto fermo della stagione agonistica 2018 del team Paton SC-Project Reparto Corse.

Stefano, che vogliamo ricordare essere il pilota italiano più veloce di sempre sull’Isola di Man, avrà il supporto di SC-Project e di Paton con qualsiasi licenza voglia utilizzare per correre al Tourist Trophy. Saremo estremamente felici di poter far correre il pilota con licenza del suo paese di nascita, noi che facciamo della nostra italianità un vanto, ma saremo altresì disposti a fornire a Bonetti una Paton S1-R Lightweight ufficiale anche con licenza estera.
Tradotto: col c***o che ci fermiamo! icon_lol.gif
 
15921383
15921383 Inviato: 5 Gen 2018 19:40
 

Zio bonino... Grande Paton...!! eusa_clap.gif eusa_clap.gif
 
15922889
15922889 Inviato: 9 Gen 2018 22:20
 

Tocca emigrare! Una volta dall Italia fuggivano i cervelli e basta...ora fuggono giovani, famiglie, cervelli, piloti...

Per me fondamentalmente la domanda è: la FIM fa il calendario internazionale. La FMI riconosce tale calendario. FMI stipula una polizza che non copre gare del calendario che la FMI riconosce.
Ma che c@zzo si sono fumati?!
Come diceva un comico:"a me me pare na strunzata!"
 
15922912
15922912 Inviato: 9 Gen 2018 23:39
 

Comunque il controsenso assoluto si raggiunge con il campionato europeo salita. Per esempio: lo scorso anno mi pare la Spoleto - Forca di Cerro era valida per il CIVS e l europeo. Quindi quest anno ospiteremo tappa (o tappe) di campionati a cui non si può partecipare? Nel senso: uno con licenza FMI può fare la tappa italiana ma non le straniere? Quindi non può competere per il campionato?
 
15923143
15923143 Inviato: 10 Gen 2018 12:18
 

Non vorrei dire una castroneria (non ho verificato), ma le gare in salita, non sono equiparate alla Road Race, quindi direi che per i campionati salita, non dovrebbero esserci problemi.
 
15923228
15923228 Inviato: 10 Gen 2018 15:04
 

JO74 ha scritto:
Non vorrei dire una castroneria (non ho verificato), ma le gare in salita, non sono equiparate alla Road Race, quindi direi che per i campionati salita, non dovrebbero esserci problemi.




Credo anchio .
Le "regole del gioco" sono ben diverse e forse proprio per questo la Compagnia assicurativa convenzionata FMI non ha sollevato la questione relativa alle cronoscalate .
Nelle cronoscalate il regolamento prevede una velocità media massima di 100 km/h .
Praticamente una velocità media più che dimezzata , rispetto ad alcune Road Race .
Per questo , quando necessario , vengono allestite chicane artificiali ( con balle di paglia ) nei tratti più scorrevoli .
Inoltre in cronoscalata è praticamente impossibile il confronto diretto fra un pilota ed un altro .
E anche questo riduce non di poco il rischio ( e soprattutto la sua entità ) che la Compagnia si deve assumere .


doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
15923413
15923413 Inviato: 10 Gen 2018 21:18
 

0510_five.gif 0509_up.gif
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Generale

Forums ©