Leggi il Topic


Guzzi S e GTS 500 [solo amaranto per le Guzzi anni '30 ?]
13024409
13024409 Inviato: 19 Feb 2012 23:30
Oggetto: Guzzi S e GTS 500 [solo amaranto per le Guzzi anni '30 ?]
 

La discussione è aperta......solo per questa motivazione e solo per questi modelli di Guzzi.

Non postate altro.

Grazie.

doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
13371209
13371209 Inviato: 20 Mag 2012 1:13
 

Finalmente sono riuscito ad esaminare attentamente la Guzzi S splendidamente conservata di cui avevo precedentemente postato qualche foto. A questo punto mi sono convinto che la Guzzi, almeno fino ad un certo periodo, verniciava i modelli S con una colorazione bicolore.
Sono altresì convinto che il colore più scuro non fosse il Faggio (codice Lechler 8015) come per il modello Sport 15 bensì fosse il Nero.

Non me ne vogliano i moderatori se mi dilungo un po' sulla descrizione del mezzo e se posto anche delle foto relative a particolari che non hanno nulla a che fare con l'oggetto del topic, ma credo che questo sia fondamentale per constatare l'assoluta originalità della moto.

La moto che ho osservato è una moto del 1935 che nel 1939 è stata interamente smontata dal primo proprietario per essere poi nascosta in una soffitta. L'attuale fortunato proprietario l'ha acquistata e rimontata una quindicina di anni fa e non ha sostituito nessun particolare, quindi si trova esattamente nelle condizioni in cui si trovava nel 1939 ad eccezione delle due decalcomanie del sidecar Tittarelli. Purtroppo infatti qualche anno fa l’attuale proprietario, partecipando ad un raduno, ha avuto la geniale idea di applicare dei numeri adesivi sul sidecar conservato e quando è andato successivamente a toglierli sono venute via le decalcomanie originali "Tittarelli Jesi". Recentemente, non avendo trovato le decalcomanie originali ha applicato una fedele riproduzione delle decalcomanie "Tittarelli Roma" (Sacrilegio!).

Il massimo esperto nazionale di sidecar mi ha spiegato che, il fatto che il sidecar sia stato realizzato da Tittarelli quando ancora operava a Jesi è una cosa molto importante che avvalora l'originalità del mezzo in quanto già a partire dal 1937 Tittarelli lavorava a Roma.
Che il sidecar sia stato costruito a Jesi oltre ad essere dimostrato dalla targhetta in ottone del parafango è confermato dal fatto che questo modello nel 1937 non veniva più prodotto.

La moto oltre ad avere il libretto di circolazione originale è anche corredata dei seguenti documenti:
Autorizzazione alla circolazione con motocarrozzetta rilasciata dall’Ispettorato Generale delle Ferrovie, Tranvie e Automobili datata 9/9/1935 XIII E.F.;
Richiesta di rinnovo d’iscrizione e aggiunta di carrozzetta all’Ufficio del pubblico Registro Automobilistico datata 16/9/1935
Foglio complementare rilasciato dal R.A.C.I. datato 16/9/1935;
Licenza di circolazione provvisoria valida fino al 28/9/1935 rilasciata dalla Prefettura di Roma.

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Particolare della decalcomania originale del concessionario Moretti di Macerata

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati




Targhetta originale in ottone della ditta Tittarelli di Jesi

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Ora osserviamo attentamente le specchiature scure della verniciatura che non sono di color Faggio bensì sono NERE:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Sulla parte superiore è visibile la traccia della decalcomania ormai consumata del venditore di Macerata. Molto spesso le verniciature nere, ormai consumate dal tempo, tendono a far trasparire il colore di fondo che insieme a quello che rimane del nero può trarre in inganno facendo credere che la verniciatura sia di color Faggio.

immagini visibili ai soli utenti registrati



Confronto tra il colore Nero del serbatoio ed il Faggio (8015) della mazzetta ASI della Lechler:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Il nero è nero:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Ora osserviamo la verniciatura delle taschette:


Confronto tra il colore Nero delle taschette ed il Faggio (8015) della mazzetta ASI della Lechler:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Il nero è nero:

immagini visibili ai soli utenti registrati



Considerando che abbiamo deciso di terminare il restauro della nostra Guzzi S del 1935 che si protrae ormai da anni e, considerando che stiamo per smontare le ruote con la parte centrale erroneamente verniciata in amaranto per riverniciarla in Nero (cosa che comporta anche il rifacimento dei filetti), sarò grato a chiunque voglia commentare quanto da me postato.
Saranno altresì graditissime foto di altri esemplari visto che questa è la documentazione che presenterò in sede di omologazione ASI suscitando sicuramente svariate polemiche.

Saluti.
 
13371419
13371419 Inviato: 20 Mag 2012 8:46
 

Ciao Jack
Sono rimasto BASITO!!!
Quello di cui ero abbastanza convinto qualche tempo fà comincia a vacillare ........benvenga un serio aggiornamento!!
La cosa migliore sarebbe uno studio sull'argomento di esperti di marca ASI....ma pensi che arrivino ad una soluzione??
In altre parti d'Italia esistono altri esempi di moto come questa.....ne esistono anche altri che pur avendo gli stessi colori sono state chiaramente riverniciate......
Con esempi seri farai riflettere i comissari (in bocca al lupo!!).......però se non cambia qualcosa oggi la mettono come nota!!
Saluti
 
13372697
13372697 Inviato: 20 Mag 2012 16:36
 

Spettacolare documentazione jack72 !

Insomma qualcosa di vero c'è, speriamo in altre documentazioni da parte di chi ci legge!
 
13372934
13372934 Inviato: 20 Mag 2012 17:38
 

jack72 ha scritto:
Finalmente sono riuscito ad esaminare attentamente la Guzzi S splendidamente conservata di cui avevo precedentemente postato qualche foto. A questo punto mi sono convinto che la Guzzi, almeno fino ad un certo periodo, verniciava i modelli S con una colorazione bicolore.
Sono altresì convinto che il colore più scuro non fosse il Faggio (codice Lechler 8015) come per il modello Sport 15 bensì fosse il Nero.

Non me ne vogliano i moderatori se mi dilungo un po' sulla descrizione del mezzo e se posto anche delle foto relative a particolari che non hanno nulla a che fare con l'oggetto del topic, ma credo che questo sia fondamentale per constatare l'assoluta originalità della moto.

La moto che ho osservato è una moto del 1935 che nel 1939 è stata interamente smontata dal primo proprietario per essere poi nascosta in una soffitta. L'attuale fortunato proprietario l'ha acquistata e rimontata una quindicina di anni fa e non ha sostituito nessun particolare, quindi si trova esattamente nelle condizioni in cui si trovava nel 1939 ad eccezione delle due decalcomanie del sidecar Tittarelli. Purtroppo infatti qualche anno fa l’attuale proprietario, partecipando ad un raduno, ha avuto la geniale idea di applicare dei numeri adesivi sul sidecar conservato e quando è andato successivamente a toglierli sono venute via le decalcomanie originali "Tittarelli Jesi". Recentemente, non avendo trovato le decalcomanie originali ha applicato una fedele riproduzione delle decalcomanie "Tittarelli Roma" (Sacrilegio!).

Il massimo esperto nazionale di sidecar mi ha spiegato che, il fatto che il sidecar sia stato realizzato da Tittarelli quando ancora operava a Jesi è una cosa molto importante che avvalora l'originalità del mezzo in quanto già a partire dal 1937 Tittarelli lavorava a Roma.
Che il sidecar sia stato costruito a Jesi oltre ad essere dimostrato dalla targhetta in ottone del parafango è confermato dal fatto che questo modello nel 1937 non veniva più prodotto.

La moto oltre ad avere il libretto di circolazione originale è anche corredata dei seguenti documenti:
Autorizzazione alla circolazione con motocarrozzetta rilasciata dall’Ispettorato Generale delle Ferrovie, Tranvie e Automobili datata 9/9/1935 XIII E.F.;
Richiesta di rinnovo d’iscrizione e aggiunta di carrozzetta all’Ufficio del pubblico Registro Automobilistico datata 16/9/1935
Foglio complementare rilasciato dal R.A.C.I. datato 16/9/1935;
Licenza di circolazione provvisoria valida fino al 28/9/1935 rilasciata dalla Prefettura di Roma.

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Particolare della decalcomania originale del concessionario Moretti di Macerata

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati




Targhetta originale in ottone della ditta Tittarelli di Jesi

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Ora osserviamo attentamente le specchiature scure della verniciatura che non sono di color Faggio bensì sono NERE:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Sulla parte superiore è visibile la traccia della decalcomania ormai consumata del venditore di Macerata. Molto spesso le verniciature nere, ormai consumate dal tempo, tendono a far trasparire il colore di fondo che insieme a quello che rimane del nero può trarre in inganno facendo credere che la verniciatura sia di color Faggio.

immagini visibili ai soli utenti registrati



Confronto tra il colore Nero del serbatoio ed il Faggio (8015) della mazzetta ASI della Lechler:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Il nero è nero:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Ora osserviamo la verniciatura delle taschette:

immagini visibili ai soli utenti registrati



Confronto tra il colore Nero delle taschette ed il Faggio (8015) della mazzetta ASI della Lechler:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Il nero è nero:

immagini visibili ai soli utenti registrati



Considerando che abbiamo deciso di terminare il restauro della nostra Guzzi S del 1935 che si protrae ormai da anni e, considerando che stiamo per smontare le ruote con la parte centrale erroneamente verniciata in amaranto per riverniciarla in Nero (cosa che comporta anche il rifacimento dei filetti), sarò grato a chiunque voglia commentare quanto da me postato.
Saranno altresì graditissime foto di altri esemplari visto che questa è la documentazione che presenterò in sede di omologazione ASI suscitando sicuramente svariate polemiche.

Saluti.


Ciao jack72, che la moto nelle foto la hai vista in un ristorante nei pressi dei castelli romani??? mi sembra un ambiente che conosco!!!

ciao

ciao
 
13373298
13373298 Inviato: 20 Mag 2012 19:21
 

filippov35 ha scritto:


Ciao jack72, che la moto nelle foto la hai vista in un ristorante nei pressi dei castelli romani??? mi sembra un ambiente che conosco!!!

ciao

ciao


Si. E' proprio quella di Walter.

Saluti
 
13596844
13596844 Inviato: 19 Lug 2012 20:35
Oggetto: colore 500s
 

Ciao,sono un nuovo ospite del forum.

Sono entrato in possesso circa un anno e mezzo fà di una Guzzi 500S.
Dopo aver effettuato il lavoro di sistemazione del motore e di cromatura dei vari pezzi della moto,passo ora alla fase di verniciatura,dove mi sorgono dei dubbi.

Premetto che la moto è stata in possesso di varie persone, e riverniciata molte volte dai precedenti proprietari.

L'unica parte che deduco sia rimasta del colore originale,è la parte laterale verniciata del serbatoio benzina,in quanto ancora visibili i filetti e il logo Moto Guzzi.

Dopo una ricerca presso l'archivio storico Guzzi,sò che la moto è del 1935,ed è stata venduta al ministero della marina di Roma.

Se veramente la moto nasceva solo nel colore amaranto totale come comunicatomi dalla Guzzi,oppure in versione bicolore come nel caso del conservato del forum,il mio serbatoio presenta un'altro tipo di colore ancora?

E qui si rimette ancora tutto in discussione.... icon_sad.gif

immagini visibili ai soli utenti registrati



Un saluto a tutti i Guzzisti
 
13596904
13596904 Inviato: 19 Lug 2012 20:49
Oggetto: Re: colore 500s
 

Angelin ha scritto:
Ciao,sono un nuovo ospite del forum.

Sono entrato in possesso circa un anno e mezzo fà di una Guzzi 500S.
Dopo aver effettuato il lavoro di sistemazione del motore e di cromatura dei vari pezzi della moto,passo ora alla fase di verniciatura,dove mi sorgono dei dubbi.

Premetto che la moto è stata in possesso di varie persone, e riverniciata molte volte dai precedenti proprietari.

L'unica parte che deduco sia rimasta del colore originale,è la parte laterale verniciata del serbatoio benzina,in quanto ancora visibili i filetti e il logo Moto Guzzi.

Dopo una ricerca presso l'archivio storico Guzzi,sò che la moto è del 1935,ed è stata venduta al ministero della marina di Roma.

Se veramente la moto nasceva solo nel colore amaranto totale come comunicatomi dalla Guzzi,oppure in versione bicolore come nel caso del conservato del forum,il mio serbatoio presenta un'altro tipo di colore ancora?

E qui si rimette ancora tutto in discussione.... icon_sad.gif

Un saluto a tutti i Guzzisti


Immagine: Link a pagina di I49.tinypic.com



Ciao
Benvenuto !!
"Si rimette ancora tutto in discussione"???

Non credo !! ......con l'occhio verniciato " in forma" non propio come il conservato soprastante e decalcomania anni 50 !!!
 
13651758
13651758 Inviato: 7 Ago 2012 11:12
 

Altre foto di una Guzzi 500 S con sidecar, restaurata, in cui si nota la bi-colorazione.

La prima di 3/4 post. si nota meglio la differenza di colore tra lo sportello del cassettino e il resto della carrozzeria:


immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati

 
13712734
13712734 Inviato: 1 Set 2012 13:04
 

Metto qui una foto di una 500 S postata da CCarlo, sempre in tema col topic:

ccarlo ha scritto:
Vedo che il forum diventa movimentato e mi fa piacere, è sempre interessante sentire più campane.
Per quanto riguarda il carburatore ho trovato un MCS25 con la trombetta smontabile che ha sostituito quello con la trombetta monoblocco, non so da quale anno.
Credo che per la mia S del 1936 vada bene, ne ho viste altre di S e GTS dello stesso periodo con quel carburatore.
Relativamente al discorso del bicolore sono andato a vederne una conservata dove il nero o quasi è ben evidente, posto una foto.

immagini visibili ai soli utenti registrati



Nella moto visionata sono sicuramente neri il serbatoio (anche sopra) e l'interno dei cassettini, forse l'interno dei cerchi.
Non so se sono state fatte così lungo tutto l'arco di produzione o solo in alcuni anni.
Relativamente al cambio mi hanno detto che di serie era a piede mentre quello a mano era fornibile a richiesta mentre l'acceleratore era di serie a manettino e a richiesta sulla manopola.
 
15160093
15160093 Inviato: 19 Ott 2014 23:32
 

Posto delle foto di un'altra S conservata:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Indubbiamente è bicolore e il colore scuro sembra proprio nero.
 
15189555
15189555 Inviato: 20 Nov 2014 12:35
 

Se è vero che due indizi fanno una prova, direi che la colorazione amaranto - nero è appurata.
 
15189571
15189571 Inviato: 20 Nov 2014 13:00
 

Bellissimo conservato!!!! complimenti al proprietario 0509_up.gif

jack, se non fossi convinto nella tua buona fede, penserei alla premeditazione per partito preso.
Foto scure che fanno diventare l'amaranto un marrone scuro.
Guarda con occhio libero il confronto claxon gomma serbatoio e fanale .... il nero fianchetto è diverso ....
Ho ingrandito quanto possibile il primo piano serbatoio .... il filetto nero di bordo NON è il "nero" interno fra oro e rosso ....

.... o cavolo! anche il mio fianchetto è diventato nero ....

immagini visibili ai soli utenti registrati


url immagine
 
15234880
15234880 Inviato: 18 Gen 2015 18:00
 

matitrial ha scritto:
Bellissimo conservato!!!! complimenti al proprietario ^?l:

jack, se non fossi convinto nella tua buona fede, penserei alla premeditazione per partito preso.
Foto scure che fanno diventare l'amaranto un marrone scuro.
Guarda con occhio libero il confronto claxon gomma serbatoio e fanale .... il nero fianchetto è diverso ....
Ho ingrandito quanto possibile il primo piano serbatoio .... il filetto nero di bordo NON è il "nero" interno fra oro e rosso ....

.... o cavolo! anche il mio fianchetto è diventato nero ....

immagini visibili ai soli utenti registrati


url immagine


Mati già ti stimavo molto come customizzatore e romanziere ma devo dire che te la cavi molto bene anche come prestigiatore.

Siccome però questo topic è nato per inserire documentazione e foto di moto conservate con lo scopo di far luce su un dilemma specifico, spero che i numeri di magia finiscano qui.

Non ho risposto subito perché le foto che ho pubblicato non le ho fatte io, ma mi sono state gentilmente trasmesse da un amico e, non avevo quindi la possibilità di farne delle altre.

Il 26 dicembre u.s. ho avuto la fortuna di partecipare all'audax invernale (bellissimo raduno organizzato dal club "il Velocifero") ed in quell'occasione ho avuto la possibilità di visionare dal vero questa moto constatando che le specchiature sono di color nero.
Durante il raduno sono stato molto impegnato a risolvere vari problemini che avevo con la nostra Simplex del 1937 fresca di restauro e mai collaudata prima e sono rimasto praticamente ipnotizzato da uno stupendo esemplare di Benelli 500 sport del 1935 conservata uguale alla moto che stiamo restaurando.
Non ho quindi minimamente pensato di scattare altre foto alla Guzzi S.
Fortunatamente un caro amico che era presente al raduno è stato più efficiente di me:

immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati


immagini visibili ai soli utenti registrati



Le foto si commentano da sole.

Un saluto a tutti
 
15499294
15499294 Inviato: 20 Nov 2015 11:25
 

Foto di una GTS del '37 direi conservato , anche qui colorazione nera sul serbatoio e cassettine posteriori:

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati

 
15512002
15512002 Inviato: 9 Dic 2015 8:49
 
 
15512078
15512078 Inviato: 9 Dic 2015 11:38
 

Scusate l'OT ma, la signorina asiatica che ci fa tra le foto? eusa_think.gif
 
15512157
15512157 Inviato: 9 Dic 2015 14:14
 

Nortonxx ha scritto:
Scusate l'OT ma, la signorina asiatica che ci fa tra le foto? eusa_think.gif

probabilmente pubblicata per errore e sfuggita ai moderatori...ota tutto sistemato. 0509_up.gif
 
15602590
15602590 Inviato: 18 Apr 2016 14:46
 
 
15682371
15682371 Inviato: 23 Ago 2016 9:32
 

Ho trovato altri primi piani della Guzzi GTS di cui sopra e li posto come ulteriore documentazione:

Particolare del serbatoio:

immagini visibili ai soli utenti registrati



Fascia centrale nera dei cerchioni:

immagini visibili ai soli utenti registrati

 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Moto d'EpocaForum Moto Guzzi d'epoca

Forums ©