Leggi il Topic


Indice del forumTecnica di Guida

   

Pagina 4 di 4
Vai a pagina Precedente  1234
 
Tutti i trucchi per una buona "piega"
14864184
14864184 Inviato: 25 Feb 2014 6:31
 



-Neo- ha scritto:

Comunque ribadisco il concetto: io sono qui per imparare.


bene perche' per un attimo ho avuto l'impressione che volessi insegnare : a come raddrizzare la moto in curva e sul perche' dell'effetto autoradrizzante .

consigli e spiegazioni che mi lasciano basito ....

rimango fedele ai miei vecchi concetti dove principalmente ovvero dove la manovra piu' efficace per raddrizzare la moto in curva (senza accelerare) sia agire sullo sterzo (spingendolo il giusto a chiudere)

se poi voglio anche frenare per non tamponare qualcuno ad es. , mentre alzo la moto di sterzo , freno... cosa ben diversa dal frenare davanti per raddrizzare la moto.



inoltre per me principalmente l'effetto autoraddrizzante in frenata e' determinato dalle caratteristiche del pneumatico e deriva ... quindi profilo , pressione e rigidita' .... e solo in secondo piano e maniera marginale a giochi di leve ed equilibri/ disequilibri che si vengono a creare.

bye 0510_saluto.gif
 
14864413
14864413 Inviato: 25 Feb 2014 11:19
 

-Neo- ha scritto:
Signori... io vengo qua sperando di trovare gente esperta e seria abbastanza da potermi aiutare a fare luce su un determinato evento icon_rolleyes.gif
Purtroppo quello che mi trovo di fronte è più simile all'asilo in cui i bimbi si divertono a sfottere dandosi le pacche sulle spalle a vicenda... onestamente non ho capito bene quale sia il problema per Argenta, che pare avermi preso in simpatia da subito... non saprei, è così difficile accettare che qualcuno possa aver fatto una piega bassa con la mia moto? icon_rolleyes.gif
Comunque ribadisco il concetto: io sono qui per imparare.
È da poco che sono motociclista, ci sono molte cose che ancora non conosco... è per questo che vengo qua a postare. Per imparare qualcosa però mi serve il parere di gente esperta che sa quello che dice... e capite bene che se devo mettermi io, che guido appena da un anno, a spiegare a voi motociclisti vissuti dell'effetto di autoraddrizzamento... la vostra credibilità quali esperti nei miei confronti vacilla un pochetto, ecco.
Questo per dire, o meglio, per suggerire... che non è che dobbiate sentirvi per forza in dovere di postare una risposta se non siete in grado di dare un contributo costruttivo alla discussione, diciamo.
Non autoaccreditatevi un'esperienza assolutamente opinabile icon_smile.gif

Quanto all'effetto di autoraddrizzamento, non c'è nemmeno bisogno di doversi spingere a leggere le riviste specializzate... basta che facciate una ricerca sul forum piuttosto che su Google e troverete diversi post in cui se ne parla. Tuttavia non ho alcun problema a darvi una spiegazione più o meno esaustiva (nei limiti delle mie competenze) del fenomeno:
Premesso che diversi tipi di forze in gioco influenzano la dinamica della moto, la più rilevante nel caso di nostro interesse si deve al fatto che frenando si genera una coppia (frenante appunto, ma che funziona analogamente alla coppia motrice che generiamo accelerando) alla ruota che agisce lungo l'asse della ruota stessa e genera una forza verso la mezzeria della gomma: siccome la moto è piegata e solo una porzione di gomma poggia sull'asfalto, ne consegue uno scostamento tra la risultante della forza all'asse e il fulcro dell'inclinazione... questa distanza funge da braccio per la risultante, andando ad alterare l'equilibrio del mezzo e quindi tendendo a raddrizzare la moto per via dell'effetto giroscopico.
E questo principio vale PER TUTTE le moto, quale più quale meno... l'intensità dell'effetto è legata ad un insieme di fattori diversi: avancorsa, regolazione delle sospensioni, impianto frenante, mescola e forma degli pneumatici... e si può agire su queste variabili per attenuarlo (anche di molto)... però ciò è naturalmente insito nella fisica di un qualsiasi mezzo a due ruote e, beh... ora che lo sapete anche voi, cercate di fare un po' meno gli spiritosi la prossima volta.

doppio_lamp_naked.gif

Io rispondo alle cose che leggo e non vado certo a simpatie. Se un post mi sembra una banfata lo scrivo. Il tuo lo sembra dall'inizio alla fine.
Nell'ipotesi remota che l'esperienza riportata fosse vera ho dato una risposta, ma non avendo né gridato allo scandalo né al fenomeno è ovvio che tu non l'abbia ritenuta soddisfacente.
Mettersi in cattedra facendo copia e incolla da Google su un forum di gente che la moto la guida comporta di questi rischi. Ogni ulteriore risposta comporterebbe solo un ripetermi per cui ci salutiamo qui ma tu insisti: magari prima o poi qualcuno ti fa pure i complimenti.
0510_saluto.gif
 
14864985
14864985 Inviato: 25 Feb 2014 16:51
 

neo, potrebbero essere state mille cose... non si può dire da dietro allo schermo.
inoltre ti presti bene alle prese in giro per cui ti lamenti quando dichiari pieghe ai limiti della fisica con un monster icon_wink.gif
 
14865041
14865041 Inviato: 25 Feb 2014 17:19
 

Dico anche io la mia
Dunque......circa metà febbraio temperatura abbastanza bassa, ma certamente non prossima allo zero
Gomme sicuramente fredde, in quanto con queste temperature, girando per strada non si scaldano nemmeno con il lanciafiamme.
Asfalto sicuramente freddo, quasi sicuramente umido e poco gommato e molto probabilmente anche un po' sporco.
In queste condizioni pieghe al limite, secondo la mia opinione, in strada non se ne possono fare, con nessuna moto.

Inoltre mi permetto di dire la mia sulla posizione in sella.
La posizione classica, sedere indietro e per metà fuori dalle sella, perno sulla punta del piede e ginocchio in fuori, braccio esterno disteso e gomito sopra al tappo del serbatoio, busto piegato in avanti e all'interno della curva e faccia davanti allo specchio ecc. ecc. è la posizione in cui si riesce ad affrontare al meglio una curva.........in pista, infatti si dice che strisciare il ginocchio in curva è un effetto collaterale dovuto ad una corretta posizione in sella e ad una adeguata velocità di percorrenza.

Questa posizione, perfetta, anzi no, indispensabile in pista, oltre a essere quasi inutile in strada, ha alcune controindicazioni quando viene appunto usata per strada.
La prima è che riduce la visibilità, in modo maggiore nelle curve a destra, motivo per in pista non ci sono muretti, guardrail, alberi, siepi e costoni di montagna all'interno delle curve e per lo stesso motivo, se osserviamo i piloti del TT, potremmo vedere che mediamente tengono la testa un po' più al centro della moto rispetto ai piloti che corrono in pista.
Inoltre, in quella posizione, si ha un controllo più difficile della moto nel caso in cui nel bel mezzo della curva si debba eseguire una manovra d'emergenza, motivo per cui in pista non si trovano automobilisti intenti a pisciare proprio all'uscita della curva e nemmeno ciclisti intenti a chiacchierare affiancati proprio nel punto di corda, tantomeno si trovano mucche, cinghiali e galline che prendono il sole.


doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14865048
14865048 Inviato: 25 Feb 2014 17:21
 

brusca ha scritto:
neo, potrebbero essere state mille cose... non si può dire da dietro allo schermo.
inoltre ti presti bene alle prese in giro per cui ti lamenti quando dichiari pieghe ai limiti della fisica con un monster icon_wink.gif


Anche con il monster si possono fare pieghe al limite dalla fisica, solo che in quella moto, quel limite è dato da qualche parte della motoretta che sfrega (precocemente) in terra icon_wink.gif

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14865062
14865062 Inviato: 25 Feb 2014 17:25
 

Argenta ha scritto:
Io rispondo alle cose che leggo e non vado certo a simpatie. Se un post mi sembra una banfata lo scrivo. Il tuo lo sembra dall'inizio alla fine.
Nell'ipotesi remota che l'esperienza riportata fosse vera ho dato una risposta, ma non avendo né gridato allo scandalo né al fenomeno è ovvio che tu non l'abbia ritenuta soddisfacente.
Mettersi in cattedra facendo copia e incolla da Google su un forum di gente che la moto la guida comporta di questi rischi. Ogni ulteriore risposta comporterebbe solo un ripetermi per cui ci salutiamo qui ma tu insisti: magari prima o poi qualcuno ti fa pure i complimenti.
0510_saluto.gif

Io sento rumore di polpastrelli e specchi, e sai perchè?
Questo è l'alibi di chi, ignorando qualcosa, fa il gradasso mettendosi a sfottere il prossimo sino al triste momento in cui sbatte il naso e quindi prova a salvare la faccia alla bene meglio cercando di non ammettere l'errore icon_smile.gif

Risposte ne hai date, eccome, peccato che pure nell'unica che avrebbe potuto ritenersi seria non hai fatto altro che gettare cattiva luce sui fatti da me narrati, riscrivendoli e rimarcandoli in chiave esagerata: leggasi, la credibilità della tua risposta seria era rasente i livelli "presa per il culo" icon_mrgreen.gif
Peccato... in quattro post non avresti potuto farmi un'impressione peggiore su di te icon_asd.gif
Ma dopotutto tu sei una che la moto la guida e le riviste le legge... tu sì che ne sai, mica come noi comuni mortali che Googliamo e la teniamo coperta in garage a fare la polvere... tutta teoria e niente pratica... e poi vogliamo pure venire qui a "banfarci"?? Con te??
Ma per favore! Che poi sei una che va pure in pista quindi puoi, anzi no, devi elevarti ad un livello divino superiore per puntare il dito e dubitare della veridicità di quello che gli altri raccontano: stima eusa_clap.gif
Dai va... ora io me ne resto qua buonino in attesa che qualcuno venga a congratularsi con me per essere quasi caduto (come un deficiente per altro icon_rolleyes.gif) per strada... temo che dovrò attendere parecchio... ma tu d'altro canto sentiti libera di continuare dall'alto della tua spocchiosa arroganza a sputare sentenze basate su chissà che cosa, oppure ingannare il tempo facendo ulteriore ironia spicciola sul mio racconto icon_smile.gif

brusca ha scritto:
neo, potrebbero essere state mille cose... non si può dire da dietro allo schermo.
inoltre ti presti bene alle prese in giro per cui ti lamenti quando dichiari pieghe ai limiti della fisica con un monster icon_wink.gif

Ma no brusca, io non ho mai parlato di pieghe iperboliche, assurde, da limite della fisica, che neanche Stoner sa fare... ho semplicemente detto di aver piegato tanto per la moto che ho con le gomme che si ritrova..! Posso essere arrivato al limite del Monster o poco ci manca, ma non ho mai parlato di piega con gomito e spalla a terra... è Argenta che ha esagerato le cosa tirando in ballo analogie e riferimenti alla MotoGP! icon_smile.gif

doppio_lamp_naked.gif
 
14865099
14865099 Inviato: 25 Feb 2014 17:46
 

-Neo- ha scritto:
oggi, in piega bassa (molto molto bassa)...
...vista pure l'inclinazione proibitiva...

-Neo- ha scritto:
Per il resto ci tengo a ribadire, nonostante il terzo eventuale scetticismo, tutti i dettagli già precisati nell'altro post tra cui la proibitività dell'inclinazione raggiunta all'apice della piega icon_smile.gif

LOL
-Neo- ha scritto:
non saprei, è così difficile accettare che qualcuno possa aver fatto una piega bassa con la mia moto? icon_rolleyes.gif

Onestamente? Sì.
-Neo- ha scritto:
Ma no brusca, io non ho mai parlato di pieghe iperboliche, assurde, da limite della fisica, che neanche Stoner sa fare... ho semplicemente detto di aver piegato tanto per la moto che ho con le gomme che si ritrova..! Posso essere arrivato al limite del Monster o poco ci manca, ma non ho mai parlato di piega con gomito e spalla a terra... è Argenta che ha esagerato le cosa tirando in ballo analogie e riferimenti alla MotoGP! icon_smile.gif
doppio_lamp_naked.gif

Ops...
Sai una cosa, in effetti hai ragione, è perfettamente inutile risponderti ironicamente, stai facendo benissimo tutto da solo. A questo punto non c'è proprio altro da aggiungere icon_wink.gif
0510_saluto.gif
P.S: quando inizierai a piegare davvero con il tuo monsterino 620 ti accorgerai che il limite non sono propriamente gli pneumatici, quanto il fatto che consumerai più metallo che gomme.
0510_saluto.gif
 
14865101
14865101 Inviato: 25 Feb 2014 17:47
 

Intanto un grazie ad Outlaw93 e biondob che hanno evidenziato la questione gomme... alla quale io non avevo proprio nemmeno pensato e che trascuravo...
Premesso che non ero appena uscito di casa, quindi stavo girando già da un quarto d'ora almeno... ancora non entrano in temperatura se fuori stiamo sui 10 gradi centigradi? In effetti l'evento è capitato ad uno dei primi curvoni del tratto... quindi può essere in effetti che la spalla delle gomme, ancora fredda, abbia contribuito alla perdita d'aderenza.

Però io ripensando al fatto continuo ad avere il dubbio della velocità... aumentavo il grado di piega ma non aumentavo la velocità di percorrenza... la tenevo costante perchè mi pareva già di andare abbastanza forte. Non vorrei fosse quello il problema, che fidandomi della moto sono andato giù convinto e sereno ma che non stessi viaggiando abbastanza spedito (o comunque lì lì, al pelo) da dare l'effetto giroscopico sufficiente a tenermi lì: in questo caso cosa succederebbe?
Si cade subito se non si va abbastanza forti o ci può stare un attimo di incertezza in cui si vacilla e non si sa ancora bene se si cadrà oppure no?

doppio_lamp_naked.gif
 
14865109
14865109 Inviato: 25 Feb 2014 17:52
 

-Neo- ha scritto:
Ma no brusca, io non ho mai parlato di pieghe iperboliche, assurde, da limite della fisica, che neanche Stoner sa fare... ho semplicemente detto di aver piegato tanto per la moto che ho con le gomme che si ritrova..! Posso essere arrivato al limite del Monster o poco ci manca, ma non ho mai parlato di piega con gomito e spalla a terra... è Argenta che ha esagerato le cosa tirando in ballo analogie e riferimenti alla MotoGP! icon_smile.gif

doppio_lamp_naked.gif

Precisamente hai detto:
-Neo- ha scritto:
.........oggi, in piega bassa (molto molto bassa)... traiettoria ottima, ero piantato ..........................sarei finito per terra vista pure l'inclinazione proibitiva......

Ora una piega bassa, ma molto molto bassa da più l'dea di una piega al limite della fisica o di una piega accentuata considerando la moto e le gomme che monta (che non hai citato).

Inoltre perché una piega bassa si possa definire al limite della fisica, quanti "molto" bisogna inserire prima di bassa???

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14865138
14865138 Inviato: 25 Feb 2014 18:07
 

-Neo- ha scritto:
Intanto un grazie ad Outlaw93 e biondob che hanno evidenziato la questione gomme... alla quale io non avevo proprio nemmeno pensato e che trascuravo..
Premesso che non ero appena uscito di casa, quindi stavo girando già da un quarto d'ora almeno...
ancora non entrano in temperatura se fuori stiamo sui 10 gradi centigradi? In effetti l'evento è capitato ad uno dei primi curvoni del tratto... quindi può essere in effetti che la spalla delle gomme, ancora fredda, abbia contribuito alla perdita d'aderenza.

Però io ripensando al fatto continuo ad avere il dubbio della velocità... aumentavo il grado di piega ma non aumentavo la velocità di percorrenza... la tenevo costante perchè mi pareva già di andare abbastanza forte. Non vorrei fosse quello il problema, che fidandomi della moto sono andato giù convinto e sereno ma che non stessi viaggiando abbastanza spedito (o comunque lì lì, al pelo) da dare l'effetto giroscopico sufficiente a tenermi lì: in questo caso cosa succederebbe?
Si cade subito se non si va abbastanza forti o ci può stare un attimo di incertezza in cui si vacilla e non si sa ancora bene se si cadrà oppure no?

doppio_lamp_naked.gif


Sei in una piega bassa, molto molto bassa, con un inclinazione proibitiva (parole tue) perdi entrambe le ruote e non pensi alle gomme, che tra l'altro sono l'unica cosa che collega la nostra moto all'asfalto.
Inoltre ragioniamo un attimo, se le gomme con 10 gradi di temperatura le gomme si scaldano dopo 15 minuti, cosa succede dopo che si gira due ore con 40 gradi? Si sciolgono le gomme.

Poi l'unico modo per aumentare il grado di piega senza variare la velocità è che la curva chiuda.
Ad una determinata velocità ed ad un determinato angolo di piega corrisponde un determinato raggio di curvatura.
Rimanendo fisso il raggio di curvatura l'unico modo per aumentare l'angolo di piega è aumentare la velocità, non c'è altro modo.

Quindi, visto che parlavi di curvoni, che notoriamente sono a raggio costante o quasi, è impossibile che tu aumentassi l'angolo di piega, molto probabilmente, visto che la velocità era costante ti è solo sembrato di aumentare l'angolo di piega, che invece è rimasto invariato.
Se tu avessi aumentato l'angolo di piega avresti dovuto aumentare anche la velocità e dubito che tu abbia girato la manetta del gas senza rendertene conto, senza accorgerti.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif


P.S.
Dio bò, va a finire che ti tocca togliere almeno un "molto" dalla tua piega icon_wink.gif

Ultima modifica di biondob il 25 Feb 2014 18:10, modificato 1 volta in totale
 
14865142
14865142 Inviato: 25 Feb 2014 18:08
 

biondob ha scritto:
Ora una piega bassa, ma molto molto bassa da più l'dea di una piega al limite della fisica o di una piega accentuata considerando la moto e le gomme che monta (che non hai citato).

Inoltre perché una piega bassa si possa definire al limite della fisica, quanti "molto" bisogna inserire prima di bassa???

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif

Ossignore... ma davvero vi state appigliando al numero di "molto" per pesare il preciso numero di gradi di inclinazione che aveva assunto la mia piega in curva? icon_asd.gif
Cioè, boh... state più "flessibili" su quello che scrive uno, soprattutto se non riporta un dato oggettivo e precisamente misurabile icon_neutral.gif
Rilassiamoci tutti quanti ragazzi...

Mi dispiace se non sono stato chiaro ad espormi in modo che riuscissi a fare arrivare il messaggio in maniera corretta (a maggior ragione dopo il processo/putiferio che si è creato nelle ultime due pagime), quello che volevo dire, semplicemente, è che la mia piega era notevolmente accentuata, e stop: non è il tipo di piega che uno dovrebbe normalmente e usualmente fare per strada. Era una piega da ginocchio esterno a terra e saponetta grattata.
Poi boh, io davo per scontato che deste per scontato che tutto ciò che avete letto si riferiva a quel determinato tipo di moto, una naked, e più precisamente ad una Monster. Davo per scontato che con quegli aggettivi pensaste comunque ad una piega esagerata nei limiti del normale che può essere per una naked, non una piega dove avevo grattato via pedana, la marmitta sinistra che era finita sotto la sella e avevo spiaccicato due o tre lombrichi sulla visiera del casco... insomma... icon_neutral.gif
 
14865175
14865175 Inviato: 25 Feb 2014 18:19
 

-Neo- ha scritto:
Ossignore... ma davvero vi state appigliando al numero di "molto" per pesare il preciso numero di gradi di inclinazione che aveva assunto la mia piega in curva? icon_asd.gif
Cioè, boh... state più "flessibili" su quello che scrive uno, soprattutto se non riporta un dato oggettivo e precisamente misurabile icon_neutral.gif
Rilassiamoci tutti quanti ragazzi...

Mi dispiace se non sono stato chiaro ad espormi in modo che riuscissi a fare arrivare il messaggio in maniera corretta (a maggior ragione dopo il processo/putiferio che si è creato nelle ultime due pagime), quello che volevo dire, semplicemente, è che la mia piega era notevolmente accentuata, e stop: non è il tipo di piega che uno dovrebbe normalmente e usualmente fare per strada. Era una piega da ginocchio esterno a terra e saponetta grattata.
Poi boh, io davo per scontato che deste per scontato che tutto ciò che avete letto si riferiva a quel determinato tipo di moto, una naked, e più precisamente ad una Monster. Davo per scontato che con quegli aggettivi pensaste comunque ad una piega esagerata nei limiti del normale che può essere per una naked, non una piega dove avevo grattato via pedana, la marmitta sinistra che era finita sotto la sella e avevo spiaccicato due o tre lombrichi sulla visiera del casco... insomma... icon_neutral.gif


Sei stato tu a definire la piega molto, molto bassa, a definire l'inclinazione proibitiva.
E adesso aggiungi che, per strada con una temperatura di 10 gradi, gomme fredde, asfalto non gommato e probabilmente umido, con un monster 620 sei riuscito ad appoggiare il ginocchio e grattare la saponetta, cioè il ginocchio strisciava veramente sull'asfalto?
E tutto questo se non ho letto male, dopo un anno che guidi la moto.
Se è così i casi possono essere solamente due, o non è assolutamente vero che hai strisciato il ginocchio oppure suppo non capisce niente di piloti e dovrebbe darti l'honda di marquez.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14865179
14865179 Inviato: 25 Feb 2014 18:20
 

biondob ha scritto:
Sei in una piega bassa, molto molto bassa, con un inclinazione proibitiva (parole tue) perdi entrambe le ruote e non pensi alle gomme, che tra l'altro sono l'unica cosa che collega la nostra moto all'asfalto.
Inoltre ragioniamo un attimo, se le gomme con 10 gradi di temperatura le gomme si scaldano dopo 15 minuti, cosa succede dopo che si gira due ore con 40 gradi? Si sciolgono le gomme.

Pensavo di essere venuto a postare domanda qui proprio per imparare qualcosa di nuovo o perchè qualcuno mi aiutasse a far luce su qualcosa che non avevo considerato, dal momento che ancora non so tutto... icon_rolleyes.gif
Sai com'è...

biondob ha scritto:
Poi l'unico modo per aumentare il grado di piega senza variare la velocità è che la curva chiuda.
Ad una determinata velocità ed ad un determinato angolo di piega corrisponde un determinato raggio di curvatura.
Rimanendo fisso il raggio di curvatura l'unico modo per aumentare l'angolo di piega è aumentare la velocità, non c'è altro modo.

Quindi, visto che parlavi di curvoni, che notoriamente sono a raggio costante o quasi, è impossibile che tu aumentassi l'angolo di piega, molto probabilmente, visto che la velocità era costante ti è solo sembrato di aumentare l'angolo di piega, che invece è rimasto invariato.
Se tu avessi aumentato l'angolo di piega avresti dovuto aumentare anche la velocità e dubito che tu abbia girato la manetta del gas senza rendertene conto, senza accorgerti.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif


P.S.
Dio bò, va a finire che ti tocca togliere almeno un "molto" dalla tua piega icon_wink.gif


Infatti avevo spazio ed ho piegato ulteriormente per prendermelo tutto e sfruttarlo: ero entrato largo in curva per buttarmi giù dentro e stringere la traiettoria chiudendo la curva.
L'angolo di piega l'ho aumentato di sicuro, perchè per buona parte della percorrenza mentre calavo sul fianco le cose sono andate alla grande e la moto filava che era un piacere... è stato solo ad un certo punto della discesa in piega che la moto ha iniziato a dare questi segni di instabilità in forma lieve.

doppio_lamp_naked.gif
 
14865201
14865201 Inviato: 25 Feb 2014 18:29
 

biondob ha scritto:
Sei stato tu a definire la piega molto, molto bassa, a definire l'inclinazione proibitiva.
E adesso aggiungi che, per strada con una temperatura di 10 gradi, gomme fredde, asfalto non gommato e probabilmente umido, con un monster 620 sei riuscito ad appoggiare il ginocchio e grattare la saponetta, cioè il ginocchio strisciava veramente sull'asfalto?
E tutto questo se non ho letto male, dopo un anno che guidi la moto.
Se è così i casi possono essere solamente due, o non è assolutamente vero che hai strisciato il ginocchio oppure suppo non capisce niente di piloti e dovrebbe darti l'honda di marquez.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif

Questo allora lo prenderò come il complimento che mi diceva di aspettare Argenta icon_asd.gif
Curva a sinistra, tracciato conosciuto a memoria e percorso decine e decine di volte quest'anno... strada extraurbana senza immissioni (più simile a pista in realtà) sulle colline della Serra Morenica... saponetta grattata... (posizionata col velcro sull'esterno del ginocchio).

In realtà non c'è nulla di positivo o di cui vantarsi in ciò, da come ne parli sono stato un incosciente che ha sottistimato il pericolo e gli ha detto solo bene...
 
14865207
14865207 Inviato: 25 Feb 2014 18:32
 

-Neo- ha scritto:
Pensavo di essere venuto a postare domanda qui proprio per imparare qualcosa di nuovo o perchè qualcuno mi aiutasse a far luce su qualcosa che non avevo considerato, dal momento che ancora non so tutto... icon_rolleyes.gif
Sai com'è...


Dovresti essere un po' più umile e soprattutto raccontare meno favole, sai com'è

-Neo- ha scritto:

Infatti avevo spazio ed ho piegato ulteriormente per prendermelo tutto e sfruttarlo: ero entrato largo in curva per buttarmi giù dentro e stringere la traiettoria chiudendo la curva.
L'angolo di piega l'ho aumentato di sicuro, perchè per buona parte della percorrenza mentre calavo sul fianco le cose sono andate alla grande e la moto filava che era un piacere... è stato solo ad un certo punto della discesa in piega che la moto ha iniziato a dare questi segni di instabilità in forma lieve.

doppio_lamp_naked.gif


Sarai entrato largo quanto vuoi ma la strada per traverso non è tanto lunga.
Entri in curva, pieghi e punti la corda, se, da quando cominci a puntare la corda vuoi aumentare l'angolo di piega devi per forza aumentare la velocità, non ci sono entrate larghe che tengano.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif

P.S.
A pensarci bene c'è un modo per percorrere una curva a raggio costante e variare l'angolo di piega senza variare la velocità, ed è percorrerla ad una velocità talmente bassa da consentirti di fare la "lavatrice"
 
14865218
14865218 Inviato: 25 Feb 2014 18:39
 

-Neo- ha scritto:
Questo allora lo prenderò come il complimento che mi diceva di aspettare Argenta icon_asd.gif
Curva a sinistra, tracciato conosciuto a memoria e percorso decine e decine di volte quest'anno... strada extraurbana senza immissioni (più simile a pista in realtà) sulle colline della Serra Morenica... saponetta grattata... (posizionata col velcro sull'esterno del ginocchio).

In realtà non c'è nulla di positivo o di cui vantarsi in ciò, da come ne parli sono stato un incosciente che ha sottistimato il pericolo e gli ha detto solo bene...


E tutto questo nel mese di febbraio, con temperatura di 10 gradi, gomme fredde, guidando un monster 620 per strada, dopo solo una anno che giri in moto.
Perdonami, ma con tutta la buona volontà del mondo non ti credo.
Per cui mi vedo costretto a farti l'emoticon che altri ti hanno fatto prima di me 0510_saluto.gif
Inoltre, considerato che in confronto all'asfalto della pista quello della strada, anche la migliore, è una saponetta di teflon, ti consiglio veramente di praticare motociclismo agonistico, se ti riescono queste cose per strada nelle condizioni descritte, con un minimo di pratica riuscirai a demolire tutti i record di tutte le piste del mondiale. 0510_saluto.gif 0510_saluto.gif 0510_saluto.gif


doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14865244
14865244 Inviato: 25 Feb 2014 19:04
 

Onestamente biondob io penso che l'umiltà non mi sia mai mancata in questa discussione, ho sempre ribadito che sono qua per imparare vista la mia poca esperienza e non a caso ho posto la domanda. L'unica volta che ho dovuto correggere qualcuno (e mi riferisco al discorso sull'autoraddirzzamento) l'ho fatto con toni pacati senza voler mancare nessuno di rispetto. Il problema pare, è che qua la gente sia più presa dallo "smascherare?" il mio racconto manco dovesse trattarsi di chissà quale cospirazione ai vostri danni che non per dare una mano concreta a capire le cause di quello che è successo.
Però ormai l'argomento pare essersi abbastanza consumato grazie al tuo aiuto, come anche quello di altri... che ho apprezzato molto. Ho apprezzato un po' meno la presa per il culo finale, hai tutto il diritto di non credermi ma non penso di meritare certe offese alla mia intelligenza, ecco icon_smile.gif

Se vuoi buttare giù due righe sul discorso "lavatrice", che ignoro completamente, prima dei saluti... sarebbe apprezzato.

doppio_lamp_naked.gif
 
14865946
14865946 Inviato: 26 Feb 2014 3:11
 

Allora partendo dal presupposto che non sono un pilota quello che posso dirti e che a mio parere ai sbagliato è, intanto come gia ti ho detto a febbraio e con una temperatura di 10 gradi è meglio non cercare determinate cose perchè o ti tiene un santo o vai x terra perchè la gomma con quella temperatura neanche credo dopo un ora di moto sarà alla giusta temperatura... Poi sul fatto che dicevi di cadere, no purtroppo non c'è nessuno che ti dice stai x cadere (magari ci fosse tutti ci saremmo evitati qualche caduta) ti trovi x terra e basta senza neanche capire x i primi secondi cosa è successo e te lo dico sempre x mia esperienza personale...Quindi "Neo" x ora vatti a fare giri senza rischiare perchè di sti periodi ci sono alte probabilità di ricevere brutte sorprese,nelle pieghe non esagerare basta una zona di ombra con la strada un po umida x ritrovarti x terra....
 
14868012
14868012 Inviato: 27 Feb 2014 15:25
 

-Neo- ha scritto:
Curva a sinistra, tracciato conosciuto a memoria e percorso decine e decine di volte quest'anno... strada extraurbana senza immissioni (più simile a pista in realtà) sulle colline della Serra Morenica... saponetta grattata... (posizionata col velcro sull'esterno del ginocchio).


come diceva uno che conosco, la saponetta si gratta anche a moto dritta...

se e quando avrai budget per affrontarla, prova la pista: è tutta un'altra cosa icon_wink.gif
 
14868341
14868341 Inviato: 27 Feb 2014 19:24
 

brusca ha scritto:
come diceva uno che conosco, la saponetta si gratta anche a moto dritta...

se e quando avrai budget per affrontarla, prova la pista: è tutta un'altra cosa icon_wink.gif

Questo consiglio lo seguirò senz'altro 0509_doppio_ok.gif
In realtà è una cosa che da sempre avrei voluto provare, anche solo per soddisfare la curiosità, solo che è da poco che mi sono traferito nel Lazio e dalle zone da cui provengo io non ci sono circuiti aperti al pubblico (che io sappia) per fare trackday. Però proverò senz'altro... qua di circuiti ce ne sono parecchi.

Preciso che solitamente per strada non sono uno spericolato, anzi, mi ritengo uno abbastanza prudente e con la testa sulle spalle... mi lascia un senso di amaro in bocca aver rischiato in questa occasione avendo sottovalutato il pericolo, perchè sono dell'idea che appunto per correre e rischiare ci siano le piste con le loro vie di fuga in caso di caduta. Quindi se uno vuole correre va in pista.
Però ci sono queste due celebri strade in Piemonte, dalle mie parti, che sono davvero "come delle piste"... asfalto perfetto, ottima visibilità, zero immissioni, poco trafficate... anche un fermone (tipo me) finisce col raggiungere tranquillamente medie di 80/90 all'ora: ti invogliano proprio a percorrerle almeno ad un passo allegro e sostenuto, e in condizioni ottimali permettono di fare certe cose (come grattare le saponette) in maniera spontanea e naturale senza fare grande fatica o rischiando il numero improbabile.

doppio_lamp_naked.gif
 
14868836
14868836 Inviato: 28 Feb 2014 2:17
 

E come si chiamano queste strade in piemonte???
 
14868930
14868930 Inviato: 28 Feb 2014 9:44
 

La "Serra" che collega Biella ad Ivrea e la "Cremosina" che collega Orta con Borgosesia.

immagini visibili ai soli utenti registrati



immagini visibili ai soli utenti registrati

 
14869951
14869951 Inviato: 28 Feb 2014 22:45
 

La serra la faccio quasi ogni anno ma finchè non la riasfalteranno e non la riguardano un po è una strada pericolosa, più che bella è solo leggenda x gare in moto passate.... X l'altra non so mai stato penso eusa_think.gif
 
14869960
14869960 Inviato: 28 Feb 2014 22:54
 

Outlaw93 ha scritto:
La serra la faccio quasi ogni anno ma finchè non la riasfalteranno e non la riguardano un po è una strada pericolosa, più che bella è solo leggenda x gare in moto passate.... X l'altra non so mai stato penso eusa_think.gif

Non la ricordi bene temo icon_asd.gif
Sulla Serra ci saranno al più un centinaio di metri di rettilineo dove l'asfalto non è messo benissimo, qualche curva dopo l'entrata del golf club in direzione Ivrea... per il resto la pavimentazione è davvero intonsa.
Sicuro di non confonderti con la Panoramica Zegna, sempre da quelle parti? (Bellissima strada ma asfalto in condizioni pietose)

doppio_lamp_naked.gif
 
14870360
14870360 Inviato: 1 Mar 2014 12:59
 

-Neo- ha scritto:
Non la ricordi bene temo icon_asd.gif
Sulla Serra ci saranno al più un centinaio di metri di rettilineo dove l'asfalto non è messo benissimo, qualche curva dopo l'entrata del golf club in direzione Ivrea... per il resto la pavimentazione è davvero intonsa.
Sicuro di non confonderti con la Panoramica Zegna, sempre da quelle parti? (Bellissima strada ma asfalto in condizioni pietose)

doppio_lamp_naked.gif


Neo, per cortesia evitiamo OT (immagini etc. etc.) che nulla hanno a che vedere con la tecnica di guida, grazie!
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 4 di 4
Vai a pagina Precedente  1234

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumTecnica di Guida

Forums ©