Leggi il Topic


Indice del forumTecnica di Guida

   

Pagina 1 di 4
Vai a pagina 1234  Successivo
 
Come rallentare in piega??
8607285
8607285 Inviato: 3 Ott 2009 11:52
Oggetto: Come rallentare in piega??
 



Salve a tutti,sono un motociclista alle prime armi e nonstante stia facendo esperienza leggendo e provando su strada molti dei consigli presenti nei topic di guida mi rimangono ancora dei dubbi.Principalmente non riesco a capire come rallentare in piega;ho visto che con il freno davanti non conviene(per non perdere il posteriore) quindi l'unica soluzione sarebbe o utilizzare l'effetto giroscopico o frenare col freno di di dietro...voi cosa mi consigliate??

ps:se la curva è a destra e quindi devo mettere la punta del piede sulla pedalina come faccio ad usare il freno di dietro per rallentare?

Grazie mille a tutti icon_razz.gif
 
8607371
8607371 Inviato: 3 Ott 2009 12:04
 

..... dal basso della mia esperienza ti posso consigliare innanzi tutto di non entrare in piega troppo veloce finche non avrai sufficente pratica.... e comunque di frenare leggermente con il freno posteriore e sei sei alle prime armi di fregartene semplicemente della posizione in punta sulla pedana... icon_wink.gif ......

.

0510_saluto.gif & doppio_lamp.gif
 
8607388
8607388 Inviato: 3 Ott 2009 12:08
 

col freno davanti non perdi il posteriore, ma o si blocca la ruota anteriore perdendo aderenza e scivoli, oppure si chiude (nel senso che ti si gira troppo) lo sterzo e cadi...
per rallentare si usa il freno dietro con dolcezza, devi sentire il limite, frenare al massimo ma senza far bloccare la ruota.. oppure pieghi di più e affronti la curva senza rallentare,ma puoi farlo solo se non hai preso la curva già al massimo... oppure rimetti la moto dritta e freni al massimo con tutti e due i freni (senza far bloccare le ruote ovviamente) fin quando puoi e all'ultimo ributti giù la moto e affronti la curva, ma questo ovviamente non sempre è possibile, dipende tutto da che curva è, da che strada è...
 
8607660
8607660 Inviato: 3 Ott 2009 12:49
 

volendo puoi toccere leggermente con il freno post..assolutamente non usare qullo anteriore..se no spiuttosto entra + piano dentro la curva in modo da non dover frenare
 
8610513
8610513 Inviato: 4 Ott 2009 0:16
 

i freni in curva li puoi usare entrambi, l'importante è essere delicati.

basta sapere che, se freni con l'anteriore la moto tende a risalire dalla piega, se freni con il posteriore la moto tenderà ad aumentare l'angolo di piega.

per il piede in punta sulla pedana, visto che non lo dice il dott. di tenerlo cosi, devi valutare la situazione, in quella curva è meglio il piede in punta o il piede sul freno? e ti comporterai di conseguenza.
 
8626973
8626973 Inviato: 6 Ott 2009 18:13
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Raffaele86 ha scritto:
Salve a tutti,sono un motociclista alle prime armi e nonstante stia facendo esperienza leggendo e provando su strada molti dei consigli presenti nei topic di guida mi rimangono ancora dei dubbi.Principalmente non riesco a capire come rallentare in piega;ho visto che con il freno davanti non conviene(per non perdere il posteriore) quindi l'unica soluzione sarebbe o utilizzare l'effetto giroscopico o frenare col freno di di dietro...voi cosa mi consigliate??

ps:se la curva è a destra e quindi devo mettere la punta del piede sulla pedalina come faccio ad usare il freno di dietro per rallentare?

Grazie mille a tutti icon_razz.gif



La moto non è una calcolatrice e tu non sei un ragioniere...
la parola d'ordine nel tuo caso è Km Km Km... ciò posto, il freno davanti và usato sempre perchè anche in piega è quello che ti dà la decelazione maggiore... il segreto è saperlo dosare in relazione a velocità, tipo di strada, tipo di curva da affrontare e condizioni dell'asfalto in primis.
Alle prime armi funziona così... (ti parlo della gita tipo del weekend, in città è un altra cosa)
1) frenare sempre sempre e sempre sul dritto prima dell'ingresso in curva; impara a conoscere la decelazione in relazione alla distanza da percorrere ed alla pressione che devi applicare alla leva del freno anteriore - SOPRATTUTTO in discesa (dove il freno dietro non ti serve se non a scaldare il disco ed il mozzo ruota);
2) entri in curva senza freni... bravo... come hai visto tu utilizzando se riesci l'effetto giroscopico
3) punti l'acceleratore a metà curva ed esci in accelerazione.

Se devi correggere con il freno l'ingresso di curva è perchè l'hai sbagliato.

Con il tempo acquisirai l'esperienza per entrare in curva a velocità maggiore anche con il freno in mano (e parecchio strizzato)... ma per il momento vai per step...

così facendo comunque ti succederà di voler entrare in curva sempre un po più forte... il freno davanti usalo pure senza paura ma con molto rispetto, noterai un effetto raddrizzante, ossia tende ad alzarti la moto.. allora tu... sempre utilizzando l'effetto giroscopico darai più forza per tenere la moto alla corda... la risultante delle due forze applicate è uno schiacciamento a compressione della gomma anteriore che ti darà molto più grip 0509_up.gif
 
8629542
8629542 Inviato: 6 Ott 2009 22:31
 

di solito quando si frena in curva vuol dire che si è sbagliato qualcosa e sei troppo veloce ...
il "di quanto" cambia un pò le possibili soluzioni:
se di poco basta aumentare l'angolo di piega , se di tanto meglio aiutarsi col freno dietro cercando di sfruttare tutto lo sapzio della tua carreggiata possibile ...
se di troppo ti devi affidare alla fortuna....
frenare piegati anche con l'anteriore si può però bisogna appena pelare il freno ed essere molto sensibili icon_rolleyes.gif
 
8630379
8630379 Inviato: 7 Ott 2009 9:07
 

novy89 ha scritto:
..assolutamente non usare qullo anteriore..


no! assolutamente! piuttosto schiantati che frenare con quello davanti!!!
dai perfavore, come se frenando davanti in curva sia matematico stendersi... prova prima di parlare e non andare per sentito dire a bellagio.
 
8632094
8632094 Inviato: 7 Ott 2009 13:56
 

Esistono troppe variabili come eusa_think.gif il tipo di curva, la velocità di percorrenza, eventuali pendenze e contropendenze, ecc… e poi le variabili date dalla moto come cilindrata, gomme, pastiglie e soprattutto le sospensioni... e per tutto questo non credo che sia possibile insegnarti “su un forum” come quando e quanto usare il freno anteriore.0510_confused.gif
Posso dirti che si può usare, anzi come dice Brusca se non vuoi schiantarti, va usato! icon_wink.gif
Io l’ho usato più volte in più situazioni e in diverse circostanze e solo una volta ho quasi perso l’anteriore. Era una esse in discesa, una macchina targata svizzera ha invaso di colpo la mia corsia… fortunatamente il mio radar anti-teutonici ha visto il pericolo in anticipo e quindi non ci sono arrivata lanciata come al solito… quindi, su strada, ricordati che è meglio sacrificare una curva entrando una velocità tale da poter gestire un eventuale imprevisto, tieniti sempre del margine.
Per il resto l’importante è conoscere il proprio mezzo e modulare la frenata, essere delicati… non farti prendere dal panico e poi i soliti km, km e ancora km, questi sono gli unici che alla fine ti potranno portare al giusto feeling con la tua moto e con la strada. Quando avrai imparato ad ascoltare la tua moto e saprai come reagisce e quindi come trattarla … sorriderai dei dubbi che ora ti attanagliano. 0509_up.gif

Per il freno posteriore io lo uso solo (otre che sul bagnato e sporco), su strade che non conosco bene e quindi quando pennello.
Ogni volta che in ingresso ho il dubbio d’essere un po’ lunga lo uso per riprendere la corda, in percorrenza invece quasi non ricordo d’averlo usato.. anzi c’è una curva a sinistra in contropendenza che tende a fregarmi (è una strada che farò max 2 volte l’anno), lì finisco sempre a picchiettare il freno posteriore… quel fosso non vuole proprio stare al suo posto!!! icon_mrgreen.gif
 
8634176
8634176 Inviato: 7 Ott 2009 18:30
 

mah... è questione di tecnica di guida... in effetti ogniuno ha la sua.. icon_biggrin.gif

Io il freno dietro l'ho usato due volte, una pioveva e l'altra ero fermo ad un semaforo un po in discesa, ma la colpa non è mia... ma della mia motina... che ha una brutta frenatura posteriore.

Inoltre per consolarti e tirarti un po su di morale posso dirti che comunque vadano le cose, fai 100000 km in montagna, corsi di guida e quant'altro... potresti sempre non imparare mai ... e rimenere un cancello come tanti (me compreso). 0509_up.gif
 
8637555
8637555 Inviato: 8 Ott 2009 9:46
 

Posso solo aggiungere che in casi di emergenza può essere utile scalare di una marcia,anche se la manovra non risulterà molto fluida icon_asd.gif
 
8637608
8637608 Inviato: 8 Ott 2009 10:00
 

si certo... l'argomento era "frenare davanti in curva"... io non ho specificato l'uso del freno a motore e la scalata che è di assoluto riferimento (è per questo che non uso il freno posteriore)...
 
8638509
8638509 Inviato: 8 Ott 2009 12:40
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Raffaele86 ha scritto:
Salve a tutti,sono un motociclista alle prime armi e nonstante stia facendo esperienza leggendo e provando su strada molti dei consigli presenti nei topic di guida mi rimangono ancora dei dubbi.Principalmente non riesco a capire come rallentare in piega;ho visto che con il freno davanti non conviene(per non perdere il posteriore) quindi l'unica soluzione sarebbe o utilizzare l'effetto giroscopico o frenare col freno di di dietro...voi cosa mi consigliate??

ps:se la curva è a destra e quindi devo mettere la punta del piede sulla pedalina come faccio ad usare il freno di dietro per rallentare?

Grazie mille a tutti icon_razz.gif


Aggiungiamo un'ennesima risposta...

Per rallentare:
- chiudi il gas e lascia fare al freno motore. I mocilindrici ne hanno molto, i bicilindrici abbastanza i quadricilindrici poco freno motore, ma c'è. Se vuoi aumentare l'effetto, scala una marcia avendo cura di farlo con dolcezza.

- Frena con l'anteriore delicatamente. Una pressione troppo forte PUO' causare la chiusura dello sterzo con conseguente scivolata a terra. Per aumentare la tua sicurezza, cerca di sporgerti maggiormente anche solo con il busto e raddrizzare un poco la moto con le braccia. Più la moto è dritta meglio è. (ovviamente non è applicabile immediatamente in quelle pieghe abbastanza accentuate).
Frenare con l'anteriore tende a raddrizzare la moto anche se questo effetto è molto dipendente dagli pneumatici.

- Frena con il posteriore quanto basta. Una pressione troppo forte blocca la ruota posteriore e la mette di traverso. C'è il possibile rischio di farti disarcionare (causa compressione/rilascio del monoammortizzatore). Frenare con il posteriore tende a chiudere la curva senza necessariamente incrementare l'angolo di piega.

Ovviamente puoi usare tutti e tre i sistemi in combinazione tra loro (dando per scontato l'uso del freno motore, chiaro.)

Nelle curve a destra, devi scendere ad un compromesso. Levi il piede dalla pedalina e premi il freno. Punto.

icon_exclaim.gif icon_exclaim.gif IMPORTANTE icon_exclaim.gif icon_exclaim.gif
In riferimento anche ad un altro topic.... non è che ora che qualcuno (non necessariamente io con questa risposta) ti ha spiegato come fare, ti sarà automatico farlo. Prova e riprova in tutte le combinazioni possibili. In salita, in piano, in discesa, in curve che chiudono, nei tornanti ecc ecc ecc sempre a bassa velocità fino a quando non ti sei impratichito e ci hai preso di più la mano. icon_wink.gif
 
8639624
8639624 Inviato: 8 Ott 2009 15:05
 

quando hai finito di provare le conbinazioni possibili sarai come valentino rossi 0509_up.gif
 
8680494
8680494 Inviato: 14 Ott 2009 22:03
Oggetto: Q
 

tritagomme ha scritto:



La moto non è una calcolatrice e tu non sei un ragioniere...
la parola d'ordine nel tuo caso è Km Km Km... ciò posto, il freno davanti và usato sempre perchè anche in piega è quello che ti dà la decelazione maggiore... il segreto è saperlo dosare in relazione a velocità, tipo di strada, tipo di curva da affrontare e condizioni dell'asfalto in primis.
Alle prime armi funziona così... (ti parlo della gita tipo del weekend, in città è un altra cosa)
1) frenare sempre sempre e sempre sul dritto prima dell'ingresso in curva; impara a conoscere la decelazione in relazione alla distanza da percorrere ed alla pressione che devi applicare alla leva del freno anteriore - SOPRATTUTTO in discesa (dove il freno dietro non ti serve se non a scaldare il disco ed il mozzo ruota);
2) entri in curva senza freni... bravo... come hai visto tu utilizzando se riesci l'effetto giroscopico
3) punti l'acceleratore a metà curva ed esci in accelerazione.

Se devi correggere con il freno l'ingresso di curva è perchè l'hai sbagliato.

Con il tempo acquisirai l'esperienza per entrare in curva a velocità maggiore anche con il freno in mano (e parecchio strizzato)... ma per il momento vai per step...

così facendo comunque ti succederà di voler entrare in curva sempre un po più forte... il freno davanti usalo pure senza paura ma con molto rispetto, noterai un effetto raddrizzante, ossia tende ad alzarti la moto.. allora tu... sempre utilizzando l'effetto giroscopico darai più forza per tenere la moto alla corda... la risultante delle due forze applicate è uno schiacciamento a compressione della gomma anteriore che ti darà molto più grip 0509_up.gif


io in genere freno prima della curva per tenermi margine (anche perchè di rado faccio sempre le stesse strade ed inoltre considera che ho la moto nuova R6 2006 originale).

Generlamente uso sia il corpo che la pressione al lato interno del manubrio (cioè l'effetto giroscopico)e sposto culo in fuori scorrendo anche un po' lungo il serbatoio. Sbaglio?

Il problema è: se sto correndo un po' e mi accorgo di andar troppo forte (mi accorgo che la curva chiude) continuo la frenata mentre piego (e fino a qua nulla di anomalo, anzi!!) la moto la devo buttare giù di cattiveria (ovvio, più duro farla scendere). Quello che non mi riesce è di premere sul semimanubrio oltre che buttare giù la moto. Come devo fare in questi casi? Basta il corpo?

grazie
 
8681082
8681082 Inviato: 15 Ott 2009 7:15
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Lex-85 ha scritto:



Per rallentare:
- chiudi il gas e lascia fare al freno motore. I mocilindrici ne hanno molto, i bicilindrici abbastanza i quadricilindrici poco freno motore, ma c'è. Se vuoi aumentare l'effetto, scala una marcia avendo cura di farlo con dolcezza.



stai consigliando di farlo a moto piegata?

mai sentita la frase "se sei incerto tieni aperto!"?

questa frase non è solo un modo di dire tra motociclisti, ma è anche un fattore molto importante, a moto inclinata le cose che più la destabilizzano sono mollare il gas di colpo e scalare marcia.






-per l'effetto giroscopico non è che se spingete su un semimanubrio lo usate se non lo fate non lo usate, perchè anche se pensate di non spingere lo fate comunque, altrimenti la moto non scenderebbe in piega 0510_sad.gif


-per l'effetto raddrizzante della frenata con anteriore, il modo migliore per compensare queste effetto appunto non è spingere di più con il braccio interno, ma usare anche il freno dietro che ha l'effetto opposto e non quello di scaldare solo il mozzo icon_wink.gif
 
8681291
8681291 Inviato: 15 Ott 2009 8:22
 

Alex-5 ha scritto:
i freni in curva li puoi usare entrambi, l'importante è essere delicati.

basta sapere che, se freni con l'anteriore la moto tende a risalire dalla piega, se freni con il posteriore la moto tenderà ad aumentare l'angolo di piega.

per il piede in punta sulla pedana, visto che non lo dice il dott. di tenerlo cosi, devi valutare la situazione, in quella curva è meglio il piede in punta o il piede sul freno? e ti comporterai di conseguenza.


QUOTO in pieno!!!!

Bravo Alex 0509_up.gif

doppio_lamp_naked.gif
 
8681302
8681302 Inviato: 15 Ott 2009 8:25
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Alex-5 ha scritto:


stai consigliando di farlo a moto piegata?

mai sentita la frase "se sei incerto tieni aperto!"?

questa frase non è solo un modo di dire tra motociclisti, ma è anche un fattore molto importante, a moto inclinata le cose che più la destabilizzano sono mollare il gas di colpo e scalare marcia.






-per l'effetto giroscopico non è che se spingete su un semimanubrio lo usate se non lo fate non lo usate, perchè anche se pensate di non spingere lo fate comunque, altrimenti la moto non scenderebbe in piega 0510_sad.gif


-per l'effetto raddrizzante della frenata con anteriore, il modo migliore per compensare queste effetto appunto non è spingere di più con il braccio interno, ma usare anche il freno dietro che ha l'effetto opposto e non quello di scaldare solo il mozzo icon_wink.gif


RI-QUOTO in pieno!!!!

Ri-Bravo Alex 0509_up.gif 0509_up.gif

doppio_lamp_naked.gif
 
8683095
8683095 Inviato: 15 Ott 2009 13:33
Oggetto: Re: Q
 

sebarm86 ha scritto:


io in genere freno prima della curva per tenermi margine (anche perchè di rado faccio sempre le stesse strade ed inoltre considera che ho la moto nuova R6 2006 originale).

Generlamente uso sia il corpo che la pressione al lato interno del manubrio (cioè l'effetto giroscopico)e sposto culo in fuori scorrendo anche un po' lungo il serbatoio. Sbaglio?

Il problema è: se sto correndo un po' e mi accorgo di andar troppo forte (mi accorgo che la curva chiude) continuo la frenata mentre piego (e fino a qua nulla di anomalo, anzi!!) la moto la devo buttare giù di cattiveria (ovvio, più duro farla scendere). Quello che non mi riesce è di premere sul semimanubrio oltre che buttare giù la moto. Come devo fare in questi casi? Basta il corpo?

grazie


Se pizzichi qua e là tra le risposte una la trovi....

1) Se non ti senti pienamente padrone di poter mettere le gomme dove vuoi, soprattutto su strade che non conosci devi aumentare il margine di cui parlavi all'inizio... (un consiglio naturalmente)

2) se usi sia il corpo che l'effetto giroscopico (come dicevi) non vedo la difficoltà nel buttar giù la moto di forza... inoltre... come riportato da alex... per migliorare la percorrenza in curva ti puoi aiutare con il freno "pelando" il freno posteriore...
per quanto riguarda il corpo l'argomento (per me) diventa più complicato...
guidare la moto con il corpo non va bene e gli spostamenti in sella devono solo servire per abbassare e spostare il baricantro all'interno curva compensando le forze che ti portano verso l'esterno nonchè assecondare la moto in percorrenza; secondo me... prima bisogna imparare bene le dinamiche della moto e poi si affinano con l'utilizzo delle tecniche di spostamento del corpo...
perchè non è sempre detto che il corpo lo si sappia utilizzare bene, ad esempio quello che fanno in molti buttandosi fuori dalla sella è andare in rotazione con il bacino... e come altri sport (sci ad esempio) la ritazione del bacino peggiora di molto le cose.
Non so se interpreto male io... ma l'effetto giroscopico lo usiamo tutti e comunque le differenza sostanziale sta solo nell'applicarlo....
se hai già la moto piegata, in frenata e la curva continua a stringere.... non è che se diamo una botta sui semimanubri chiudiamo la curva... dipende soprattutto da quanto margine di piega abbiamo ancora... ; la stessa spinta in ingresso di curva (io) la do per arrivare al punto di corda (che è anche il momento di massima piega), ma se poi sono su strada e il punto di corda non era quello icon_eek.gif hai voglia a pensare a come fare per chiudere ancora... per questo l'unica cosa potrebbe essere aiutarsi con il freno posteriore
io "che non voglio scaldare il mozzo posteriore 0509_pernacchia.gif " a volte mi aiuto entrando in curva con una marcia più bassa e cercando di compensare con la frizione il freno motore (e mettermi di traverso)..
poi penso che si possa parlare all'infinito di tecnica di guida... so "quasi" per certo che quella più pulita e con meno sbavature è anche la più redditizia, un esempio tra tutti la differenza di tecnica guida tra ROSSI e GIBERNAU (ai bei tempi).
 
8683532
8683532 Inviato: 15 Ott 2009 14:13
Oggetto: Re: Q
 

tritagomme ha scritto:

la stessa spinta in ingresso di curva (io) la do per arrivare al punto di corda (che è anche il momento di massima piega), ma se poi sono su strada e il punto di corda non era quello icon_eek.gif hai voglia a pensare a come fare per chiudere ancora... per questo l'unica cosa potrebbe essere aiutarsi con il freno posteriore
io "che non voglio scaldare il mozzo posteriore 0509_pernacchia.gif "


il problema è nel cercare la corda in strada, non si è in pista, sono 2 guide differenti, se lasci perdere il discorso corda e segui semplicemente la strada tondeggiando le traiettorie, in una situazione di pericolo se ti sei tenuto del margine basta piegare di più o frenare, se invece come fanno molti "vi" ostinate a cercare la corda in strada, come la sbagli, o ti trovi nell'altra corsia o in un fosso.

guidare spigolando lo si può fare in pista, bisognerebbe imparare a distinguere le due tipologie di guida, se guidi tondo in strada hai sempre margine per frenare a moto inclinata, sia davanti che dietro, se spigoli questo margine si riduce notevolmente

se anche solo con un piccolo errore si finisce nella corsia opposta o nel fosso, vuol dire che di margine non ne abbiamo, e questo spesso dipende molto dalla traiettoria sbagliata, tondeggiando difficilmente può capitare di finire fuori, chiaramente tenendosi il margine di cui tutti parlano, salvo poi vederli nelle corsie sbagliate.
 
8683668
8683668 Inviato: 15 Ott 2009 14:28
Oggetto: Re: Q
 

Alex-5 ha scritto:


il problema è nel cercare la corda in strada, non si è in pista, sono 2 guide differenti, se lasci perdere il discorso corda e segui semplicemente la strada tondeggiando le traiettorie, in una situazione di pericolo se ti sei tenuto del margine basta piegare di più o frenare, se invece come fanno molti "vi" ostinate a cercare la corda in strada, come la sbagli, o ti trovi nell'altra corsia o in un fosso.

guidare spigolando lo si può fare in pista, bisognerebbe imparare a distinguere le due tipologie di guida, se guidi tondo in strada hai sempre margine per frenare a moto inclinata, sia davanti che dietro, se spigoli questo margine si riduce notevolmente

se anche solo con un piccolo errore si finisce nella corsia opposta o nel fosso, vuol dire che di margine non ne abbiamo, e questo spesso dipende molto dalla traiettoria sbagliata, tondeggiando difficilmente può capitare di finire fuori, chiaramente tenendosi il margine di cui tutti parlano, salvo poi vederli nelle corsie sbagliate.


naturalmente quoto

Link a pagina di Youtube.com

esempio del ragionamento 0509_si_picchiano.gif

ovvero

1- guida sporca
2- confusione mentale tra strada e pista
3- il risultato finale ancora non si vede..... (ma purtroppo arriverà)
 
8683745
8683745 Inviato: 15 Ott 2009 14:36
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Alex-5 ha scritto:


mai sentita la frase "se sei incerto tieni aperto!"?

Dal basso della mia inesperienza ed altro, posso dire pero' che e' un consiglio maledettamente buono.
Non c'e' niente di piu' incontrollabile di una moto senza trazione (vabbe', ci siamo capiti).
Con una chiusura piu' o meno brusca oltre a destabilizzarla ottieni anche che la forza centrifuga non
ti regge piu' con quell'angolo di piega e inoltre, per il rallentamento, la moto comincia a chiudere la curva.
A quel punto se riapri ma non sei abbastanza delicato e la tua moto ha l'effetto on-off sono cavoletti.
Ora, a meno che non hai toppato clamorosamente perche' ti sei distratto a guardare la bionda per strada,
e' piuttosto improbabile che fisicamente la moto non ce la fa a fare la curva.
Il problema e' nostro di fare la manovra giusta.
E tra agire in maniera scomposta e tenere aperto in molti casi e meglio la seconda.
La riduzione dell'angolo di piega, se e' un problema, la puoi ottenere sporgendoti ancora di piu' verso
l'interno della curva, magari calandoti per abbassare ulteriormente il baricentro.
Pero' ci vuole tanto sangue freddo e, come diceva qualcuno molto piu' titolato di me (de_corsa ??), una infinita fiducia nella fisica.

Guido
 
8686250
8686250 Inviato: 15 Ott 2009 20:09
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Raffaele86 ha scritto:
Salve a tutti,sono un motociclista alle prime armi e nonstante stia facendo esperienza leggendo e provando su strada molti dei consigli presenti nei topic di guida mi rimangono ancora dei dubbi.Principalmente non riesco a capire come rallentare in piega;ho visto che con il freno davanti non conviene(per non perdere il posteriore) quindi l'unica soluzione sarebbe o utilizzare l'effetto giroscopico o frenare col freno di di dietro...voi cosa mi consigliate??

ps:se la curva è a destra e quindi devo mettere la punta del piede sulla pedalina come faccio ad usare il freno di dietro per rallentare?

Grazie mille a tutti icon_razz.gif


Direi che tutto sommato serafico e definitivo posso solo dire: in piega NON si frena, si accelera dolcemente magari (pelando il gas), ma si accelera!!!
Quindi.... FRENA PRIMA o PIEGA DI PIU'!!!

doppio_lamp_naked.gif
 
8696254
8696254 Inviato: 17 Ott 2009 18:37
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Alex-5 ha scritto:

stai consigliando di farlo a moto piegata?

mai sentita la frase "se sei incerto tieni aperto!"?

questa frase non è solo un modo di dire tra motociclisti, ma è anche un fattore molto importante, a moto inclinata le cose che più la destabilizzano sono mollare il gas di colpo e scalare marcia.


La risposta alla tua - retorica - domanda è "sì"

Ma io sono perfettamente sul fatto che togliere il gas destabilizzi la moto, però dipende anche come viene fatto e perchè!
Pur sulla mia piccola moto se cavi il gas di colpo il freno motore causa dei grossi scompensi all'assetto specialmente a moto piegata. (e lo so per esperienza icon_wink.gif )
Il gas va tolto gradualmente con una maggiore o minore sensibilità a seconda - specialmente - del frazionamento del mezzo.

La domanda iniziale era "come rallentare in piega" non tanto "come chiudere una curva stringendo la traiettoria" (discorso verso il quale poi si è deviati).
La differenza è sostanziale.
Non mi verrai a dire che se devo rallentare in curva, non tarto per chiuderla, ma perchè DEVO rallentare o addirittura fermarmi il consiglio è utilizzare il freno posteriore tenendo il gas aperto o puntato!!!!!
E questo è quantomai più vero quanto il fatto che sopra è stato consigliato di usare il freno anteriore: sicchè io dovrei tirare il freno davanti con il gas aperto?!?

Qualcuno sotto ha poi scritto che una moto, senza gas, è allo sbando. Io lo trovo sbagliato. Un veicolo è allo sbando quando escludo completamente la trazione sulle ruote (=tiro la frizione o sfollo) sia che questa sia positiva (=gas aperto) oppure che sia negativa (=freno motore).
 
8696643
8696643 Inviato: 17 Ott 2009 19:38
 

se devi frenare forte per fermarti o per un grosso errore, rialzi la moto mentre chiudi il gas e pinzi a moto dritta.

se sei lungo e devi usare il freno anteriore presumo tu sia ancora in inserimento (salvo una enorme cazzata, ma torni alla spiegazione precedente), quindi con il gas chiuso.

se sei invece in percorrenza e hai bisogno di rallentare alleggerisci il gas e usi il freno posteriore.



probabilmente ho interpretato male quello che hai scritto, ma messo giù cosi, consigliando anche di scalare una marcia..... puoi farlo ad angoli di piega poco accentuati, altrimenti.... icon_mrgreen.gif
 
8697433
8697433 Inviato: 17 Ott 2009 23:52
Oggetto: Re: Come rallentare in piega??
 

Lex-85 ha scritto:



Qualcuno sotto ha poi scritto che una moto, senza gas, è allo sbando. Io lo trovo sbagliato. Un veicolo è allo sbando quando escludo completamente la trazione sulle ruote (=tiro la frizione o sfollo) sia che questa sia positiva (=gas aperto) oppure che sia negativa (=freno motore).

Non era proprio questo che ho scritto, parlavo di moto non in trazione.
A gas chiuso non e' che e' cosi facile direzionare la moto, tenuto conto soprattutto del fatto che l'esperienza non e' tantissima.
Ovviamente in caso di sfollata o frizione tirata e' panico totale.
Citazione:

La domanda iniziale era "come rallentare in piega" non tanto "come chiudere una curva stringendo la traiettoria" (discorso verso il quale poi si è deviati).
La differenza è sostanziale.
Non mi verrai a dire che se devo rallentare in curva, non tarto per chiuderla, ma perchè DEVO rallentare o addirittura fermarmi il consiglio è utilizzare il freno posteriore tenendo il gas aperto o puntato!!!!!
E questo è quantomai più vero quanto il fatto che sopra è stato consigliato di usare il freno anteriore: sicchè io dovrei tirare il freno davanti con il gas aperto?!?

Hmmm, in effetti dal testo del post io ho inteso proprio che il caso fosse quello di un rallentamento
perche' magari la curva stringe piu' di quello che si pensava, insomma una situazione abbastanza
ordinaria, non qualcosa da richiedere addirittura di fermarsi.
Una correzione insomma.
Ma forse sbaglio.

Guido
 
8697454
8697454 Inviato: 18 Ott 2009 0:04
 

Alex-5 ha scritto:

se sei invece in percorrenza e hai bisogno di rallentare alleggerisci il gas e usi il freno posteriore.


Ecco la parola chiave! 0509_up.gif
(in riferimento anche al post di ganzuoni)
 
8723395
8723395 Inviato: 22 Ott 2009 13:36
Oggetto: Re: Q
 

tritagomme ha scritto:


naturalmente quoto

Link a pagina di Youtube.com

esempio del ragionamento 0509_si_picchiano.gif

ovvero

1- guida sporca
2- confusione mentale tra strada e pista
3- il risultato finale ancora non si vede..... (ma purtroppo arriverà)

Beh, direi che questa è l'enciclopedia della guida sicura su strada: cambi di corsia, sorpassi in punti ciechi, 6 traversi in ingresso curva e una frenata stoppie!!
Purtroppo è pieno di gente così e poi ci si lamenta che in moto ci sono incidenti mortali!

Quindi, per ricapitolare: se sono in curva e devo fermarmi tiro su la moto e pinzo davanti, se sono arrivato lungo entro un po' pinzato e se in percorrenza devo chiudere la traiettoria freno col posteriore, giusto? Ma nei primi due casi non si perde l'anteriore?
 
8723671
8723671 Inviato: 22 Ott 2009 14:06
 

ho inserito il link del video proprio perchè sono rappresentate "praticamente" le tue perplessità,
si nota infatti come "il pirla" al manubrio frena (davanti) in ingresso di curva... ,ma è combattuto perchè il neurone che ha in testa vorrebbe stare attaccato all'amico che lo precede (e che guida molto meglio), ma ha sempre paura di essere lungo... allora scala e forse pizzica anche il freno posteriore e la moto si mette di traverso.... ma non è un male perchè controsterzando la moto resta dritta e può continuare a frenare con l'anteriore ed è così che fa un ingresso tipo motard...(peccato abbia un altra moto.... bisognerebbe informarlo?? eusa_think.gif )

l'anteriore sul dritto lo perdi solo quando l'asfalto è sporco (acqua, gasolio, olio, terriccio, ghiaia, ghiaietto, rocce ecc) o scivolodo perchè molto liscio e consumato, in caso contrario sul dritto l'anteriore non lo perderai MAI piuttosto ti ribalti in avanti.

se arrivi lungo togli il gas... e ti aiuti con quello davanti e quello dietro...
 
8726282
8726282 Inviato: 22 Ott 2009 20:02
 

0509_si_picchiano.gif
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 4
Vai a pagina 1234  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumTecnica di Guida

Forums ©