Leggi il Topic


Valentino Rossi Testa Airbag al Mugello
7720081
7720081 Inviato: 30 Mag 2009 20:26
Oggetto: Valentino Rossi Testa Airbag al Mugello
 



Come sapete sono spesso critico con Dainese (e altri). E a ragione.

Ma per questa volta devo lasciare uno spiraglio alla "speranza" verso la tecnologia vicentina.

Questo week end al mugello, a sentire motoblog, Rossi sarà in pista con la tuta in pelle dotata di Airbag.

Ignoro se sia una trovata più o meno interessante, ma volevo segnalarlo e riflettere su questa notizia.

Sulla carta la cosa è interessante. Funzionerà? Avrà un seguito? Ci sarebbe molto da dire sul livello di sicurezza attualmente offerto da Dainese, ma chissà se questi progetti possano portare a un passo avanti questa importante azienda che come sappiamo fa da "traino" a molte altre.
 
7720353
7720353 Inviato: 30 Mag 2009 21:34
 

Sicuramente se funziona a dovere servirà eccome! L'unico problema è che non appena entrerà in produzione costerà un botto (come tutte le cose innovative del resto).
 
7720532
7720532 Inviato: 30 Mag 2009 22:44
 

beh però FINALMENTE si comincerà a parlare di airbag per moto...

anche solo a livello di immagine..se l'airbah comincarà a diventare una "moda" come sta diventando il paraschiena..è solo che meglio

chiariamoci...il paraschiena dainese è una vera ciofeca..ma sono sicuro che se non fosse cosi figoso la maggior parte della gente manco lo userebbe il paraschiena...quindi da questo punto di vista...bisogna anche fare i complimenti a dainese...
 
7720614
7720614 Inviato: 30 Mag 2009 23:05
 

Il problema di Dainese è che è un "impero". Traina gli altri produttori di tutto il mondo, sia nell'estetica che nell'immagine e nella comunicazione.
Ha il pilota più grande e simpatico... basta solo Valentino Rossi a far vendere milioni di capi (fatti in cina e ormai lontani dal mitico artigianato veneto).

Questo grande vantaggio di immagine porta secondo me a perdere di vista le cose veramente utili.

Inventano l'airbag nella tuta (ben venga) ma non mettono ancora il doppio strato di pelle nei giubbotti e nelle tute oggi in produzione, lasciando tutto al minimo sindacale.

Questa dicotomia fra innovazione iniziale e vivere di rendita mi lascia perplesso.

Alla Dainese parlano molto di sicurezza, fanno giustamente ricerca e innovazione, ma tendono forse a perdersi troppo nel profitto e nella moda.

Sono immensamente curioso di vedere come va a finire questo progetto, se è l'inizio di un nuovo step nella sicurezza passiva del motociclista, se aggiorneranno tutte le protezioni, se aumenteranno la resistenza all'abrasione eccetera.

E' importante perché Dainese (non che me ne freghi niente dell'azienda nel particolare, anzi, non ho mai comprato e mai comprerò da loro)... dicevo che è importante perché Dainese sancisce un po' lo standard a cui tutti gli altri si uniformano per tentare di farle concorrenza.

E' il marchio più famoso al mondo, e quindi ogni miglioramento introdotto nel mercato da Dainese produce un effetto a valanga sugli altri produttori che si ingegneranno per trovare nuove ed efficaci soluzioni.

Purtroppo o per fortuna l'economia di mercato funziona così...

Ultima modifica di Coniglione il 31 Mag 2009 14:09, modificato 1 volta in totale
 
7721525
7721525 Inviato: 31 Mag 2009 8:57
 

Sono scettico.
L'airbag Dainese è in giro da molti anni, lo sviluppo al rallentatore... per la sua concezione è destinato ad essere usato soprattutto nelle piste (sta nella gobba) ed è destinato ad essere costoso... tra l'altro -se ho ben letto- la protezione si limita al collo e la parte alta del busto...
i francesi sono più avanti!

eusa_think.gif
 
7722004
7722004 Inviato: 31 Mag 2009 10:31
 

Coniglione ha scritto:
E' il marchio più famoso al mondo, e quindi ogni miglioramento introdotto nel mercato da Dainese produce un effetto a valanga sugli altri produttori che si ingegneranno per trovare nuove ed efficaci soluzioni.



Tradotto : altri copieranno icon_asd.gif

Questo airbag non và confuso con il precedente di Dainese che era un brevetto israeliano poi fu testato pure da alpinestars.
E' un nuovo concetto e l' ho visto in funzione 2 anni fa e il primo pilota a testarlo fu Mauro Lucchiari ad una gara del CIV a Misano. Al sabato durante le prove gli esplose a seguito di una brutta imbarcata e Mauro riuscì a stare in sella per puro caso. Subito l' ingegnere che segue quel progetto andò a modificare qualche parametro di intervento.
Il lavoro di messa a punto ha bisogno di molte condizioni estreme (dicasi "botti"...) per poter avere il maggior numero di info possibili.... non è cosa facile ma senz'altro e fattibile.
Questo nuovo sistema funziona anche in caso di scivolata mentre il precedente in scivolata non si apriva icon_rolleyes.gif
 
7722074
7722074 Inviato: 31 Mag 2009 10:42
 

questo spiega la enorme gobba che hanno icon_wink.gif
 
7722230
7722230 Inviato: 31 Mag 2009 11:04
 

il discorso che facevo nell`altra discussione,
d`accordo con Coniglione.

Il problema e` che c`e` un conflitto di interessi (sempre lui eusa_wall.gif )
per questo parlavo di un team di ricerca finanziato dallo Stato, sulla base dei risultati raggiunti e non del fatturato annuo sui prodotti venduti. Inoltre c`e` il discorso che le ricerche dovrebbero essere Coordinate, e non scoordinate come sono oggi.
Se e` la prima causa di morte (non naturale) in Italia, forse varrebbe la pena investirci dei soldi...visto che se ne buttano tanti al vento.
Lo scopo di Dainese quale e`?
Fare soldi, o fare ricerca?
Notate che le domande sono a tratti incompatibili. E la compatibilita` delle due, provoca una cosa solo: RITARDI paurosi.

in 10 anni, non e` possibile essere ancora cosi` indietro, i motivi sono ben altri
non il fatto che sia difficile o complesso.

E` inevitabile che Dainese e altri da una parte facciano ricerca per dimostrare al mondo di essere i migliori, ma che poi si perdano sull`immagine, non approfondendo
i dettagli della tecnica.

E la cosa grave, e` che questa strategia funziona, perche` vendono...anche per l`estetica.
a volte anche prodotti buoni, ma come diceva Coniglione, vivendo di rendita, o non cercando la superiorita` tecnica assoluta.

P.s
Comunque e` una buona notizia, ora l`interesse per l AirBag sara` maggiore...
tutto sommato e` un buon passo avanti. Fosse solo a livello di comunicazione.
La MotoGP sta introducendo il concetto che si puo` essere piloti e nello stesso tempo
tenere alla sicurezza (che va ricercata). E anche questo non e` poco.
 
7723367
7723367 Inviato: 31 Mag 2009 14:13
 

Chiedo, se qualcuno lo sa.

Gli airbag delle automobili sono tutti basati sullo stesso brevetto, o ogni azienda ha la sua tecnologia proprietaria?
Provo a fare una ricerchina.
 
7726285
7726285 Inviato: 31 Mag 2009 21:20
 

Ciao a tutti ... posto il video che viaggia per il "tubo" ... a voi .


 
7726636
7726636 Inviato: 31 Mag 2009 22:00
 

Non so se avete sentito....
Oggi Guido Meda, ha parlato di Guard Rail pericolosi e di ostacoli fissi...rivolgendosi
ai politici, che facciano qualcosa...e Loris Reggiani ha giustamente precisato:
basterebbe poco, tappare la via di fuga sotto e altro che ora non ricordo...

Che dire, si vede che parlare di queste cose, serve perche` qualcuno evidentemente ha parlato con loro...sembra che qualcuno li abbia pregati di dire questo.
E loro giustamente lo hanno fatto (penso sia andata cosi`).

Non e` male, visto che la MotoGp e`molto seguita.
E sorpattutto si e` parlato per 5 secondi oltre che di campionato, degli utenti della strada e delle troppe vittime. Sottolineando il fatto non sempre sia colpa dell`imprudenza.
E quando e` cosi` la cosa diventa inaccettabile.

Un grazie a Guido Meda e Loris Reggiani.
Sarebbe da proporgli di aprire una rubrica dedicata SOLO alla sicurezza:
paraschiena, ecc ecc..
La gente si fida solo della TV, lo sappiamo eusa_wall.gif ma la cosa potrebbe essere a fin di bene
 
7727127
7727127 Inviato: 31 Mag 2009 23:18
 

frabiker ha scritto:
Non so se avete sentito....
Oggi Guido Meda, ha parlato di Guard Rail pericolosi e di ostacoli fissi...rivolgendosi
ai politici, che facciano qualcosa...e Loris Reggiani ha giustamente precisato:
basterebbe poco, tappare la via di fuga sotto e altro che ora non ricordo...

Che dire, si vede che parlare di queste cose, serve perche` qualcuno evidentemente ha parlato con loro...sembra che qualcuno li abbia pregati di dire questo.
E loro giustamente lo hanno fatto (penso sia andata cosi`).

Non e` male, visto che la MotoGp e`molto seguita.
E sorpattutto si e` parlato per 5 secondi oltre che di campionato, degli utenti della strada e delle troppe vittime. Sottolineando il fatto non sempre sia colpa dell`imprudenza.
E quando e` cosi` la cosa diventa inaccettabile.

Un grazie a Guido Meda e Loris Reggiani.
Sarebbe da proporgli di aprire una rubrica dedicata SOLO alla sicurezza:
paraschiena, ecc ecc..
La gente si fida solo della TV, lo sappiamo eusa_wall.gif ma la cosa potrebbe essere a fin di bene


Peccato che la tv è commerciale e viva di pubblicità... non farà mai una rubrica sulla sicurezza seria.

Per quanto riguarda i guard-rail... ma io tutti 'sti guard rail non li vedo, eppure vivo a un passo dai monti. Tra l'altro non vedo come ci si possa finire sotto se si guida entro i limiti di velocità.

Ho sempre saputo, lo dicono le statistiche, che il luogo con più rischio mortale è la città. E in città di guard-rail non ce ne sono. Sono scemo io o qualcuno scombina le carte?
 
7728264
7728264 Inviato: 1 Giu 2009 9:14
 

Coniglione ha scritto:
Tra l'altro non vedo come ci si possa finire sotto se si guida entro i limiti di velocità.


Perchè in moto si può scivolare anche se non si va a grattare il ginocchio e si viaggia entro i limiti. Le concause di una caduta possonoe ssere innumerevoli e non necessariamente legate alla velocità; per esempio ci può essere imperizia, traiettoria sbagliata, errata valutazione del fondo (tipo brecciolino mal interpretato per via dell'ombra irregolare delle fronde degli alberi, condizione tipica montana), tutto legittimo, perchè pochissimi di noi sono piloti ed in ogni caso il neofita che si è preso la moto 3 mesi prima può incappare in questi inconsapevoli errori.

Riguardo l'airbag nelle tute:

immagini visibili ai soli utenti registrati



è da un po' che se ne parla ed appunto in quest'immagine dell'anno scorso si vede che la sperimentazione è già avanti. Se ci avete fatto caso, sempre l'anno scorso molti piloti, fra cui anche Rossi, avevano un'antennina che spuntava dalla gobba: c'era una centralina che rilevava la "meccanica del pilota", così da poter costruire i modelli necessari all'apertura dell'airbag riconoscendo la situazione correttamente. Questo sistema si propone infatti di consentire l'apertura prima di toccare terra e senza avere il laccetto alla moto, come invece hanno i gilet-airbag già in commercio.
Riguardo alla zona di protezione, credo sia sensata, perchè ipotizzando che la tuta protegga già al massimo della tecnologia possibile (ipotizzando...) il resto del corpo, il punto debole e di difficile protezione è proprio il collo, come l'ha dimostrato l'incidente di Laconi.
 
7730555
7730555 Inviato: 1 Giu 2009 13:54
 

Paolo558 ha scritto:


Perchè in moto si può scivolare anche se non si va a grattare il ginocchio e si viaggia entro i limiti. Le concause di una caduta possonoe ssere innumerevoli e non necessariamente legate alla velocità; per esempio ci può essere imperizia, traiettoria sbagliata, errata valutazione del fondo (tipo brecciolino mal interpretato per via dell'ombra irregolare delle fronde degli alberi, condizione tipica montana), tutto legittimo, perchè pochissimi di noi sono piloti ed in ogni caso il neofita che si è preso la moto 3 mesi prima può incappare in questi inconsapevoli errori.



Sì è vero, ne sono consapevole. Ma una guida prudente scongiura gran parte del rischio. Il vero rischio, statisticamente parlando - le cifre sono schiaccianti rispetto le stradine di montagna, è la guida in città dove di guard-rail non ce ne sono e dove circola la maggior parte dei due ruote.

La questione guard-rail è limitata a chi va a fare nel week-end il deficiente sui tornanti, che è comunque una minoranza rumorosa dei motociclisti.

Chiudiamo l'OT.

A proposito di questi nuovi airbag sarà interessante vedere che efficacia hanno appunto in situazioni tipo guard-rail, paletti, cippi e altri oggetti contundenti... In pista non ci sono sporgenze ma in strada sì.... come faranno ad evitare che questi palloni si buchino vanificando l'effetto di ritenuta del collo?

Io rimango ancora sostenitore del collarino: non si gonfia, non scoppia, non parte a casaccio, non è suscettibile alle condizioni meteo (come può essere un congegno elettronico nel vestiario), forse è meno protettivo ma offre una protezione costante e "misurabile"....

Ma sono molto curioso di vedere come si sviluppa la faccenda.
 
7732025
7732025 Inviato: 1 Giu 2009 17:37
 

io avevo una specie di pettorina ( ma che si poteva mettere anche sulla schiena) con all' interno una piccola bomboletta di gas, un cilindretto di 10 cm per mezzo cm di diametro per farla gonfiare. era collegato ad un moscettone da attaccare alla moto (al telaio) così nell' ipotesi di cascare il filo strappandosi "innescava" il gonfiaggio.
una specie di spoletta da bomba a mano.
Mi era stato REGALATO da un gommista tanto tempo fa al mio primo cambio gomme con la vecchia moto ( oggi chi le fa ste cose ??? )

Magari non sarà stato il marchingegno migliore del mondo, ma almeno l' idea c'era, parliamo di circa 10 anni fa
 
7732915
7732915 Inviato: 1 Giu 2009 19:31
 

davvero???
puoi dire la marca.....

pazzesco, te lo ha regalato.....costano 350 euro minimo.....
sono curioso di sapere che modello sia.

0510_saluto.gif

P.s
la sfida vera degli air bag sara`:

1) aprirsi in frazioni di secondo piccolissime
2) non esplodere contro ostacoli fissi, seppur pesantemente dilatati
(passi se vengano bucati da punte, ma scoppiare per dilatazione, quello NO)
3) essere rivestiti di materiale che ne scongiuri (anche appena sufficientemente)
l`abrasione e conseguente rottura. Che ne so` uno strato di pelle particolarmente robusta e uno di cordura sopra. In modo da creare un buon compromesso peso/comfort.


In ordine di importanza, questi sono i punti importanti.
Dopo, anche studiare bene le posizioni dove devono gonfiarsi, io sostengo da tempo
l`importanza del collo, perche` produce moltissimi morti. Si rompe perche` va in torsione.
poi schiena, poi petto/costole
e gia` sarebbe tantissimo.

Oltre tutto non la ritengo un`impresa cosi` impossibile.
E` solo che si e` investito troppo poco in merito eusa_wall.gif ma credo sia fattibile, per nulla fantascienza.
 
7733154
7733154 Inviato: 1 Giu 2009 19:54
 

aquilotto probabilmente parla di Link a pagina di Webbikeworld.com
una cinesata ancor oggi diffusa in america, che non dà garanzia alcuna.
Ma 10 anni fa c'era solo il cambridge standard e la en 1621.1
 
7733281
7733281 Inviato: 1 Giu 2009 20:08
 

quanto costa questo obrorio nella versione Gilet?
Se costasse 60/70/80 euro potrei provarlo per sfizio icon_asd.gif
nella mia attesa di qualcosa di rivoluzionario e completo.

Link X l`acquisto?


P.s
ho visto di la` che parlate di gilet fluo:
Link a pagina di Tobefast.com
non so se sia buono....comunque metto il link, non si sa mai.
 
7733383
7733383 Inviato: 1 Giu 2009 20:22
 
 
7736515
7736515 Inviato: 2 Giu 2009 11:16
 

frabiker ha scritto:
Ho trovato questi:
Link a pagina di Airbagco.com

ma i prezzi?


Ma fra!!!

E' una ditta taiwanese... ok che a taiwan fanno un sacco di tecnologia, ma non so quanto siano pronti a progettarla loro... soprattutto sono completamente all'oscuro su ogni tipo di normativa...

Magari qualcosa fa... però... il fatto che non sia disponibile in europa (anche se vantano una approvazione del tuv) qualcosa vuol dire.

Se ci fosse qualcuno in grado di produrre e vendere un sistema airbag da moto che funziona a prezzo accettabile lo avrebbero già messo in commercio e venduto abbondantemente.
 
7736634
7736634 Inviato: 2 Giu 2009 11:29
 

icon_asd.gif

per curiosita` devo chiedere i prezzi, certo che se mi rispondono 300 euro
li mando a c..... icon_asd.gif
nasce dal fatto che all`utente sopra, e` stato regalato, quindi mi viene da pensare che costa poco, se costasse 50/80 euro...(per esempio) me lo prenderei, giusto per sfizio..consapevole del limitato campo di azione.
(anche perche` di materiale non credo valga granche`).

La voglia di AirBag, mi sta portando a valutare l`impossibile icon_asd.gif eusa_wall.gif

Devo dire la verita`, se il Motoairbag cosi` come e`, avesse anche un frontale e/o costole e/o collo lo avrei gia` preso. Spendere tanto, e trovarmi qualcosa di non completo e sviluppato (avendo gia` un paraschiena di Liv.2), mi risulta difficile.
Chissa` se cedero` io o loro... icon_asd.gif

Comunque credo che ormai e` solo questione di tempo, dobbiamo pazientare,
anche la Motoairbag a quanto sembra ha in forno nuove evoluzioni (almeno cosi` dicono).

pero` che barba...
mi consola il fatto che il passo evolutivo da fare non e` cosi` grande e credo possibile
per avere qualcosa di completo e soddisfacente. (almeno come buon inizio)
 
7740432
7740432 Inviato: 2 Giu 2009 19:56
 

frabiker ha scritto:
pero` che barba...
mi consola il fatto che il passo evolutivo da fare non e` cosi` grande e credo possibile
per avere qualcosa di completo e soddisfacente. (almeno come buon inizio)


... il primo airbag completo e soddisfacente sarà questo (tra poco in commercio):

Link a pagina di Motorevue.com

(era stato segnalato in una vecchia discussione)

0510_saluto.gif
 
7740710
7740710 Inviato: 2 Giu 2009 20:18
 

grazie Bull... icon_biggrin.gif
si si il bering, sentito parlare, non sapevo pero` a Settembre icon_wink.gif

Pero` mi lascia perplesso il sistema di attivazione wireless, se ho ben capito eusa_think.gif
devo vedermelo bene...

tipo se uno inchioda di colpo col freno davanti e viene cappottato, i sensori lo capiscono?
o capiscono solo l`incidente per deformazione?

P.s
notate nella simulazione di incidente come ancora una volta, il collo sia vulnerabile...
schiena e petto/costole , rimangono le cose piu` importanti da proteggere.
 
7741083
7741083 Inviato: 2 Giu 2009 20:49
 

...a sto punto se funziona via Wire-less, sarebbe da farci pure i pantaloni coordinati
(cosi` se cadi ti gonfi ed eviti di romperti le gambe, questo giusto per gradire... icon_asd.gif
ovviamente ci sono casi in cui te le rompi comunque, e` facile capirlo.. )

Anche se il sistema elettronico, mi lascia molti dubbi (forse perche` non l`ho capito) eusa_think.gif
chissa` pure quanto costera`, lo sapete?
 
7741199
7741199 Inviato: 2 Giu 2009 21:01
 

frabiker ha scritto:
Pero` mi lascia perplesso il sistema di attivazione wireless, se ho ben capito eusa_think.gif
devo vedermelo bene...

tipo se uno inchioda di colpo col freno davanti e viene cappottato, i sensori lo capiscono?
o capiscono solo l`incidente per deformazione?


Il sistema d'attivazione senza fili è l'aspetto che permette di non avere ritardi nel gonfiamento... poi penso che il sensore sia simile a quelli auto, perciò già a punto nel rilevare soltanto decellerazioni brusche...

Grosso difetto di questa prima versione, l'attivazione solo per urto frontale.
 
7741267
7741267 Inviato: 2 Giu 2009 21:07
 

grazie

ecco hai detto niente... eusa_wall.gif
ci risiamo, possibile che non se la studino bene la questione?!!!
ogni volta un difetto eclatante.

decelerazioni brusche,
quindi scivolate per perdita di aderenza, e volo per sbalzo frontale, gia` non le contempla? eusa_wall.gif

macchina mi tocca in curva mi fa cadere, quindi l`air non si gonfia? eusa_wall.gif

incrocio macchina mi centra il posteriore lateralmente, facendomi volare in aria, l`air non va? eusa_think.gif


mi sa che allora era meglio il Motoairbag a sto punto, se e` davvero cosi` la questione.
Che tempi aveva piu` di apertura?
 
7742840
7742840 Inviato: 3 Giu 2009 1:09
 

Ci provano tutti a fare l'airbag... è un po' la pietra filosofale della sicurezza, l'asso pigliatutto. Però mi sa che si sono accorti che in moto non c'è l'ambiente chiuso e controllato di un'auto. In auto sei ancorato e i movimenti che puoi fare sono limitati in un certo range. E comunque hanno implementato via via un numero sempre maggiore di airbag: laterali, ginocchia, centrali, finestrini...

In moto si è troppo in balia di eventi casuali non riproducibili e non analizzabili. Davvero non riesco a capire quanto questa cosa dell'airbag sia veramente promettente oppure nasconde il solito marketing... e considerato che sulle auto esiste da molti anni la tecnologia non è dovuta essere creata da zero.

I punti fermi sono per ora che l'attivazione non può essere meccanica, che l'attivazione deve essere tempestiva ma non inopportuna, che l'elettronica deve distinguere uno sbalzamento da uno scarto improvviso... per non parlare poi della forma e delle caratteristiche del cuscino. Troppe variabili che fanno preferire per ora, secondo me, i protettori tradizionali.

Sto pensando a come sarebbe utile un airbag che coprisse solo la zona del collo e gli impatti del viso (lasciando per un momento petto e schiena ai protettori statici): esso sarebbe di piccole dimensioni, abbastanza leggero, relativamente rapido ad aprirsi, avrebbe l'ingombro del collarino leatt ma senza l'incomodo delle possibli fratture che può causare il collarino.

Ma se poi questo airbag scoppia in un momento in cui non è necessario? I circuiti non sono al sicuro nella carrozzeria ma esposti alle inteperie, al sole... un airbag da moto che scoppia per i cazz sua è un rischio mortale.

Chi correrebbe il rischio?

Meglio il collarino...
 
7743086
7743086 Inviato: 3 Giu 2009 7:45
 

Coniglione ha scritto:

I punti fermi sono per ora che l'attivazione non può essere meccanica

Cosa c'è che non va nell'attivazione meccanica ? Io mi sentirei molto più sicuro con un cavo che aziona l'airbag piuttosto che con un computer che cerca di indovinare se sto avendo un incidente o no. Non è che il sistema meccanico non abbia dei limiti - per esempio non è altrettanto comodo da usare e il posizionamento del cavo è critico - ma io sono della scuola che quello che non c'è non si può rompere, e un sistema wireless come quello di Bering ha semplicemente troppi punti deboli e troppe limitazioni per farmi stare tranquillo.

(o magari i due sistemi potrebbero essere integrati in modo da assicurarsi che l'airbag si apra anche se la moto si sdraia o viene tamponata, o se il bluetooth fa i capricci... )
 
7744656
7744656 Inviato: 3 Giu 2009 11:39
 

io mi domando una cosa...ma valentino ci andrebbe mai a giro con questi sistemi e le tute che si comprano nei negozi?????..lo sapra per forza che la qualita delle tute che gli forniscono e molto diversa da quella che vendono ..non e che poi la cosa ricadra sull airbag..ovvero prodotti di serie c1 zona retrocessione fatto per guadagnare e basta ..
 
7746357
7746357 Inviato: 3 Giu 2009 14:14
 

Django ha scritto:

Cosa c'è che non va nell'attivazione meccanica ? Io mi sentirei molto più sicuro con un cavo che aziona l'airbag piuttosto che con un computer che cerca di indovinare se sto avendo un incidente o no. Non è che il sistema meccanico non abbia dei limiti - per esempio non è altrettanto comodo da usare e il posizionamento del cavo è critico - ma io sono della scuola che quello che non c'è non si può rompere, e un sistema wireless come quello di Bering ha semplicemente troppi punti deboli e troppe limitazioni per farmi stare tranquillo.

(o magari i due sistemi potrebbero essere integrati in modo da assicurarsi che l'airbag si apra anche se la moto si sdraia o viene tamponata, o se il bluetooth fa i capricci... )


Il cavo è un po' aleatorio... quanto lungo? e se cadi sotto la moto e non lo tiri abbastanza? e se scoppia quando sei già caduto perché non abb. veloce?

Sulle auto non è meccanico ma c'è un apparato di sensori...
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumAbbigliamento Tecnico e Accessori per Mototurismo

Forums ©