Leggi il Topic


Indice del forumTecnica di Guida

   

Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo
 
Iniziare a guidare una moto [partendo da zero] solo in pista
16000616
16000616 Inviato: 20 Ago 2018 2:51
Oggetto: Iniziare a guidare una moto [partendo da zero] solo in pista
 

Salve ragazzi, cerco di spiegare quel che con un titolo "poco esplicativo" ho già anticipato.
Sono un ragazzo di venti anni, con una grande passione per il motociclismo, che dopo tanti anni passati da spettatore, vorrebbe iniziare a mettere le proprie chiappe in sella.

Ora, per diversi motivi, non ho mai avuto l'occasione di iniziare a guidare in strada, ne a 16 anni, ne a 18.
I motivi principali sono il non aver mai avuto il consenso familiare, ed essendo uno studente che vive sotto il tetto dei genitori non mi sarei potuto opporre, ed il non aver mai avuto la reale possibilità economica.

La mia idea quindi è quella di acquistare una licenza agonistica, o anche solo una tessera sport della FMI, in modo da poter avviare questa mia passione in pista.
Risolvendo così il problema della patente ed i rischi della strada, ed in parte anche i problemi economici.
In parte poiché non dovendo acquistare un mezzo immatricolato, evito di pagare bolli, assicurazioni ecc, e l'utilizzo della moto sarebbe ovviamente un decimo di quello stradale, in quando in pista inizialmente non potrei andare più di un paio di volte al mese; di conseguenza anche a livello manutentivo potrei ridurre i costi.
Disponendo già di auto e carrello per trasporto, l'unica spesa rimarrebbe la pista, con ovvie aggiunte quali gomme, carburante e componentistica di usura.

Inoltre, non dovendo rispettare i limiti della patente A2, piuttosto che spendere 3000 euro per una 300 4t moderna, potrei acquistare a poche centinaia di euro vecchie 600cc di inizio anni duemila. (Anche se nel caso ne trovassi uno a poco, prenderei un 125 2T anni 90', in modo da poter imparare a far scivolare la moto nelle curve, non voglio saltare nessun gradino)

Il mio dubbio fondamentale però, anche ammesso che riesca nell'impresa, è quello dell'incominciare a guidare una moto in pista.
(premetto che le prime cifre le dedicherei categoricamente a corsi di guida in pista, più di uno, e magari prima ancora di acquistare una moto all'allenamento su minigp & co.)
Non avendo mai guidato neanche un 125, è secondo voi fattibile muovere i primi passi in pista e nei corsi di guida appositi?
Essendo io del Lazio, ovviamente non penso a piste come Vallelunga, ma a piccoli Kartodromi magari come il Sagittario o una piccola e lenta pista come l'ISAM ad Anagni.

Grazie mille in anticipo a tutti.
P.S. Chiaramente fra qualche anno, con un lavoro serio alle spalle e non piccoli lavori part-time, inizierei anche su strada, magari con 2 o 3 anni di pista alle spalle e quindi anche più sicurezza.
 
16000618
16000618 Inviato: 20 Ago 2018 4:46
 

Ciao!
è sicuramente fattibile, prima di cominciare con le moto serie, se posso permettermi un consiglio, fai qualche corso con le MiniGP o moto a ruote piccole comunque imparerai a prendere dimestichezza con il discorso della piega e della frenata, dopo che avrai accumulato qualche giornata di esperienza (anche basandoti su quanto ti dirà il tuo istruttore) il passaggio alle moto "vere" sarà naturale.

Metti in preventivo un bel pò di soldini però. 0509_up.gif
 
16000643
16000643 Inviato: 20 Ago 2018 9:44
Oggetto: Re: Iniziare a guidare una moto [partendo da zero] solo in pista
 

Asphixya ha scritto:
La mia idea quindi è quella di acquistare una licenza agonistica, o anche solo una tessera sport della FMI, in modo da poter avviare questa mia passione in pista.

Al momento non ti serve ne l'una ne l'altra... parti da zero, se devi imparare vanno più che bene i turni neofiti delle prove libere... se ti butti in gara ti massacrano come tempi sul giro e sarebbe avvilente.

Asphixya ha scritto:
Risolvendo così il problema della patente ed i rischi della strada...

La pista non è esente da rischi, tutt'altro... diciamo sono rischi diversi ma ti puoi fare ugualmente male.

Asphixya ha scritto:
... ed in parte anche i problemi economici.

Ehm... correre in pista in sicurezza costa probabilmente più di quanto ti immagini a livello manutentivo e ricambistico...

Asphixya ha scritto:
In parte poiché non dovendo acquistare un mezzo immatricolato, evito di pagare bolli

Se hai la fortuna di trovare una vecchia moto radiata, bene... perchè calcola che ormai questo giochetto che la targa si può radiare per non pagare il bollo non si può più fare per come sono cambiate le leggi.

Asphixya ha scritto:
potrei acquistare a poche centinaia di euro vecchie 600cc di inizio anni duemila. (Anche se nel caso ne trovassi uno a poco, prenderei un 125 2T anni 90', in modo da poter imparare a far scivolare la moto nelle curve, non voglio saltare nessun gradino)

Ricordati che compri quello che paghi: non pensare di prendere per due lire una moto di 20 o 30 anni fa, salirci in sella e buttarti nella mischia con il gas spalancato... perchè quella moto non è più come quando è uscita dal concessionario all'epoca; anche qua devi mettere in conto una manutenzione non indifferente prima... che la moto sia ciclisticamente adeguata e che ci si possa correre "ad occhi chiusi" (inteso ad es. come "quando dovrai fermarti stai certo che la moto frenerà").

Asphixya ha scritto:
Il mio dubbio fondamentale però, anche ammesso che riesca nell'impresa, è quello dell'incominciare a guidare una moto in pista.

Questo è il problema minore, considera che molti piloti ad alto livello neanche ce l'hanno la patente per guidare in strada la moto... però corrono da che avevano cinque anni...
Secondo me va bene la pista per iniziare, però anche qua non so se il gioco vale la candela... perchè dovrai spendere molti soldi in corsi di guida che sicuramente ti svoltano la vita ma che, in proporzione, costano molto più delle lezioni che ti fa una scuola guida random per imparare a portare la moto in strada.
Quindi boh... valuta bene. L'importante è anche qua non buttarsi subito nella mischia in pista senza avere prima consapevolezza di quello che si fa, perchè metteresti in pericolo te e gli altri... quindi prima imparare e poi provare a correre: io una volta ho fatto un bel volo per non centrare la lumaca-neofita che mi sono trovato davanti all'improvviso in piena curva (traiettoria ideale), che ignorava completamente il significato della bandiera blu che gli stavano dando i commissari icon_mrgreen.gif
 
16000654
16000654 Inviato: 20 Ago 2018 10:16
 

Secondo me ti conviene imparare su strada con qualche moto facile tipo cbr 125, che se hai la patente b puoi gia guidare tranquillamente.. Poi se vai in pista un due volte al mese per qualche ora hai voglia a prendere veramente confidenza con le due ruote , impari molto prima su strada a parer mio
 
16000675
16000675 Inviato: 20 Ago 2018 11:39
 

La premessa iniziale è sbagliata: in pista non si risparmia proprio. Si va in pista, spendendo di più che in strada, per poter andare forte in relativa sicurezza.

Fare due pistate al mese con lavoretti saltuari part time: auguri.....

O hai già un bel gruzzolo da parte, altrimenti di pistate te ne potrai permettere forse due all'anno, non al mese...
 
16000692
16000692 Inviato: 20 Ago 2018 12:43
 

CBR_125R ha scritto:
Ciao!
è sicuramente fattibile, prima di cominciare con le moto serie, se posso permettermi un consiglio, fai qualche corso con le MiniGP o moto a ruote piccole comunque imparerai a prendere dimestichezza con il discorso della piega e della frenata, dopo che avrai accumulato qualche giornata di esperienza (anche basandoti su quanto ti dirà il tuo istruttore) il passaggio alle moto "vere" sarà naturale.

Metti in preventivo un bel pò di soldini però. 0509_up.gif


Si ci avevo pensato, anche perché salire per la prima volta in moto su qualcosa di "vero", sarebbe effettivamente problematico.

Specifico comunque che prima di iniziare con questo percorso prenderei comunque la patente A2, quindi le basi dello star in moto le imparerei.

AG_KTM ha scritto:
La premessa iniziale è sbagliata: in pista non si risparmia proprio. Si va in pista, spendendo di più che in strada, per poter andare forte in relativa sicurezza.

Fare due pistate al mese con lavoretti saltuari part time: auguri.....

O hai già un bel gruzzolo da parte, altrimenti di pistate te ne potrai permettere forse due all'anno, non al mese...

Bhè se vuoi girare al Mugello forse si, è come dici tu.
In piste per iniziare come il circuito internazionale d'abruzzo, con 60€ paghi un'intera giornata.
Con 10€ di gasolio ci arrivo in auto, venti se consideri il ritorno.
Metti di girare un 3/4 ore in quella giornata, metti i soldi del carburante, e un treno di gomme ogni 6/7 uscite (non sono un pro che brucia le gomme con mezzo turno, le stradali li reggono bene quei turni da quel che ho capito).
Spendi un 150, o poco più, euro a giornata.
Un paio di pistate al mese ci stanno easy.

-Neo- ha scritto:
Asphixya ha scritto:
La mia idea quindi è quella di acquistare una licenza agonistica, o anche solo una tessera sport della FMI, in modo da poter avviare questa mia passione in pista.

Al momento non ti serve ne l'una ne l'altra... parti da zero, se devi imparare vanno più che bene i turni neofiti delle prove libere... se ti butti in gara ti massacrano come tempi sul giro e sarebbe avvilente.

Asphixya ha scritto:
Risolvendo così il problema della patente ed i rischi della strada...

La pista non è esente da rischi, tutt'altro... diciamo sono rischi diversi ma ti puoi fare ugualmente male.

Asphixya ha scritto:
... ed in parte anche i problemi economici.

Ehm... correre in pista in sicurezza costa probabilmente più di quanto ti immagini a livello manutentivo e ricambistico...

Asphixya ha scritto:
In parte poiché non dovendo acquistare un mezzo immatricolato, evito di pagare bolli

Se hai la fortuna di trovare una vecchia moto radiata, bene... perchè calcola che ormai questo giochetto che la targa si può radiare per non pagare il bollo non si può più fare per come sono cambiate le leggi.

Asphixya ha scritto:
potrei acquistare a poche centinaia di euro vecchie 600cc di inizio anni duemila. (Anche se nel caso ne trovassi uno a poco, prenderei un 125 2T anni 90', in modo da poter imparare a far scivolare la moto nelle curve, non voglio saltare nessun gradino)

Ricordati che compri quello che paghi: non pensare di prendere per due lire una moto di 20 o 30 anni fa, salirci in sella e buttarti nella mischia con il gas spalancato... perchè quella moto non è più come quando è uscita dal concessionario all'epoca; anche qua devi mettere in conto una manutenzione non indifferente prima... che la moto sia ciclisticamente adeguata e che ci si possa correre "ad occhi chiusi" (inteso ad es. come "quando dovrai fermarti stai certo che la moto frenerà").

Asphixya ha scritto:
Il mio dubbio fondamentale però, anche ammesso che riesca nell'impresa, è quello dell'incominciare a guidare una moto in pista.

Questo è il problema minore, considera che molti piloti ad alto livello neanche ce l'hanno la patente per guidare in strada la moto... però corrono da che avevano cinque anni...
Secondo me va bene la pista per iniziare, però anche qua non so se il gioco vale la candela... perchè dovrai spendere molti soldi in corsi di guida che sicuramente ti svoltano la vita ma che, in proporzione, costano molto più delle lezioni che ti fa una scuola guida random per imparare a portare la moto in strada.
Quindi boh... valuta bene. L'importante è anche qua non buttarsi subito nella mischia in pista senza avere prima consapevolezza di quello che si fa, perchè metteresti in pericolo te e gli altri... quindi prima imparare e poi provare a correre: io una volta ho fatto un bel volo per non centrare la lumaca-neofita che mi sono trovato davanti all'improvviso in piena curva (traiettoria ideale), che ignorava completamente il significato della bandiera blu che gli stavano dando i commissari icon_mrgreen.gif


1) Si intendevo per girare nelle prove libere, con la A2 non so se posso girare con 600cc nel caso, ma questi son dubbi che devo chiarire, se posso risparmio i 110€ della tessera sport autodromi.

2) Si è ovvio che non è esente da rischi, ma minori rispetto a quelli stradali, dato che rimuovo diverse possibilità di subirne a causa altrui (se stai bene in pista e segui le regole), hai vie di fuga ecc ecc

3) Non mi sembra di aver scritto che è gratis, ma con i 1500 euro che risparmierei solo di assicurazione e bollo, in un anno ne pago tanta di pista, e la manutenzione la fai anche se "spingi" in strada, la benzina che consumi camminando un interno anno la metti in conto?
Le gomme le consumi molto meno, e quella son la spesa principale.
A livello meccanico se la moto è in buono stato e tagliandata regolarmente, i 4 cilindri 4T sono praticamente eterni.
Certo se cado vado di riparazioni, ma in strada è la stessa cosa.

4) D'accordissimo con te!
La moto va revisionata da cima a fondo, e con quel che compro devo capire cosa compro e se posso risparmiare rispetto alla strada.

5)Eh su questo ho ragionato e sto ragionando, la patente A2 la prenderò e quindi le guide le farò, però si, i corsi di guida costano molto, e dovrò farne diversi, sicuramente più facile imparare in strada.

Bhè le bandiere e i vari significati li spiegano nel Briefing pre entratata, li il problema non è la velocità, ma il non rispetto delle regole.
P.S. Non farei troppo lo sveglio in termini di amatore eh, ne ho conosciuti tanti tanti negli anni, e altrettanti li ho visti su internet, ce ne fosse mezzo che gira decentemente nei circuiti come Vallelunga.
Uno dico.
Alla fine tutti sti fulmini io non li vedo, ed i turni son divisi, i neofiti e poi le categorie in base al tempo.
Poi ovviamente in piste cosi grandi si va dopo che uno ha esperienza, e prima di ogni pista corsi di guida.

GugThePro88 ha scritto:
Secondo me ti conviene imparare su strada con qualche moto facile tipo cbr 125, che se hai la patente b puoi gia guidare tranquillamente.. Poi se vai in pista un due volte al mese per qualche ora hai voglia a prendere veramente confidenza con le due ruote , impari molto prima su strada a parer mio

Come dicevo su, hai ragione, e ne sono consapevole, ma per un 125 2T dovrei prendere la A2, e lo farò.
Il discorso spese deriva da assicurazione e bollo, 1500 euro l'anno.
Sono tantissimi.
Soldi che potrei investire in altro!

Il problema però è che come dici tu in strada impari molto prima.
 
16000696
16000696 Inviato: 20 Ago 2018 12:59
 

Quel che vorrei sottolineare, e che molti sembrano ignorare, è che avere una moto su strada non è gratis, come non lo è la pista, ma quale delle due ipotesi mi costerebbe meno?

Un mezzo in strada, oltre ad un acquisto minimo di 3000€ (a meno di non prendere un 125, che mi limiterebbe comunque negli spostamenti), prevede minimo altri 1500€ di assicurazione e bollo.
Le strade qui intorno fanno c****e, e a meno di non fare almeno 60/100 km non se ne trovano di buone, si le basi le imparerei mooolto più facilmente su strada, potrei comunque guidare molto e fare pratica andando piano, imparare la posizione in sella, come e quando spostare il corpo, la posizione dei piedi sulle pedane, imparare a conoscere l'asfalto ed il concetto di piega e staccata, ma provar a spingere di più in strada da principianti è rischioso.

Mettete poi in conto che in un anno, non potrei fare chissà quanti chilometri con un lavoretto part-time, la benzina costa molto, e anche per 10/15.000 km servono quei 2/3 treni di gomme, se la moto la si utilizza bene.

Inoltre una moto stradale, nel caso di rottura, richiede manutenzione poiché diventa un mezzo che tu paghi anche per tenerlo fermo, assicuro la moto, cado e mi devo sbrigare a ripararla dato che magari ho appena pagato 1000 euro di assicurazione.

Una moto su carrello nel garage, only track, se cado ho tutto il tempo di ripararla, la fermo quando voglio, non ho spese su quel mezzo.
E' vero ci sono le spese aggiuntive dei corsi di guida.
E' vero si paga la pista.
E' vero si consuman molte più gomme.
La manutenzione dovrei farla anche in strada, per una questione di sicurezza e comunque di usura.

Quindi io ad oggi sto cercando di capire se realmente conviene o meno.

Ringrazio comunque tutti per le vostre utilissime opinioni.
 
16000697
16000697 Inviato: 20 Ago 2018 13:02
 

In strada, parere personale, impari si ma la vera padronanza del mezzo la possiedi solo imparando a guidare al limite, questo lo si fa, in sicurezza, solo in pista.

Comincia per step, fai corsi di guida in pista ed impara, anche fossero due pistate l'anno, fai esperienza poi quando e se ti compri la moto.

Sono 11 anni che guido in strada e percorro di media 25/30000km anno, posso affermare senza dubbio che un bel corso di guida in pista ti toglie tutte le brutte abitudini che si acquisiscono con la guida stradale, che sono:
- guidare senza sporgersi dalla moto;
- affrontare le curve sotto coppia;
- frenare con solo un freno (anteriore o posteriore);
- non muoversi sulla sella;
- varie ed eventuali.
In pista con il maestro si ha sempre da imparare e la guida in strada ne ha solo da giovare, non tanto per la velocità ma per la consapevolezza di quello che si fa.
 
16000699
16000699 Inviato: 20 Ago 2018 13:06
 

La moto la puoi noleggiare.
Vero che devi lasciare una cauzione, alla peggio ti compri un ravatto da 2000€ radiata alla quale cambi le gomme e le pastiglie, olio e filtro e per imparare ne hai d'avanzo.

Sta storia delle gomme poi è da ridimensionare: se giri con tempi da pilota e con moto belle potenti (un 1000cc) allora ok, ma con un 600, girando da amatore, con un treno di gomme (tipo le D212 Racer della Dunlop) ci fai serenamente più di un paio di uscite.

Per imparare potresti cercare anche un 300 ex trofeo: impari i rudimenti con un mezzo facile e divertente, con la poco potenza che ha ti concentri su traiettorie e freni, oltre che sulla posizione in sella, spendi poco di gomme e di manutenzione. 0509_up.gif
 
16000714
16000714 Inviato: 20 Ago 2018 14:16
 

CBR_125R ha scritto:
In strada, parere personale, impari si ma la vera padronanza del mezzo la possiedi solo imparando a guidare al limite, questo lo si fa, in sicurezza, solo in pista.

Comincia per step, fai corsi di guida in pista ed impara, anche fossero due pistate l'anno, fai esperienza poi quando e se ti compri la moto.

Sono 11 anni che guido in strada e percorro di media 25/30000km anno, posso affermare senza dubbio che un bel corso di guida in pista ti toglie tutte le brutte abitudini che si acquisiscono con la guida stradale, che sono:
- guidare senza sporgersi dalla moto;
- affrontare le curve sotto coppia;
- frenare con solo un freno (anteriore o posteriore);
- non muoversi sulla sella;
- varie ed eventuali.
In pista con il maestro si ha sempre da imparare e la guida in strada ne ha solo da giovare, non tanto per la velocità ma per la consapevolezza di quello che si fa.


Non potrei che essere più d'accordo.
L'ideale chiaramente sarebbe unire entrambe le possibilità, moto su strada ed in pista.
Però è veramente difficile solo in strada apprendere realmente la tecnica ed il milione di informazioni riguardanti la guida in moto.
Anche solo per il tipo di ambiente che si frequenta in pista e la possibilità di parlare con piloti esperti.
Penso a ragazzi che potete trovare su Youtube come Murtanio o RTrent6, che hanno iniziato in strada, Murtanio con una Ninja 300, ha imparato a guidare sulle montagne tedesche, e ora è un pilota IRRC (e sta facendo comunque tonnellate di pista), quindi da autodidatta si può, qualche corso di guida e tanta tanta pratica in montagna, ma rimane comunque un percorso probabilmente più lungo, seppur la strada che avrei voluto intraprendere io.
Ma pochi "c***i" la realtà è che per avere una moto su strada servono molti soldi, e io per ora non li avrei, invece una moto in pista, come dici te, anche solo un paio di uscite all'anno, ti permette di iniziare a sperimentare.

E tutto quello che imparo fra un paio di anni lo applicherò in strada.

CBR_125R ha scritto:
La moto la puoi noleggiare.
Vero che devi lasciare una cauzione, alla peggio ti compri un ravatto da 2000€ radiata alla quale cambi le gomme e le pastiglie, olio e filtro e per imparare ne hai d'avanzo.

Sta storia delle gomme poi è da ridimensionare: se giri con tempi da pilota e con moto belle potenti (un 1000cc) allora ok, ma con un 600, girando da amatore, con un treno di gomme (tipo le D212 Racer della Dunlop) ci fai serenamente più di un paio di uscite.

Per imparare potresti cercare anche un 300 ex trofeo: impari i rudimenti con un mezzo facile e divertente, con la poco potenza che ha ti concentri su traiettorie e freni, oltre che sulla posizione in sella, spendi poco di gomme e di manutenzione. 0509_up.gif


Anche qui concordo su tutta la linea, se riesco prendo un 300 ex trofeo, ma i costi penso siano elevati, e non saprei neanche dove provare a cercarli, altrimenti si, vecchie 600 di inizio anni 2000, le prendi a meno di duemila euro e vanno bene per poter fare esperienza in pista.

Poi se iniziassi a guadagnare di più mentre studio, magari potrei pensarci a prendere un 125 2T stradale o una 300 moderna.
Ma certamente con minimo 500/600 euro di stipendio, con meno è impossibile anche facendo pochi chilometri.
 
16000744
16000744 Inviato: 20 Ago 2018 16:00
 

Asphixya ha scritto:
Non mi sembra di aver scritto che è gratis, ma con i 1500 euro che risparmierei solo di assicurazione e bollo, in un anno ne pago tanta di pista, e la manutenzione la fai anche se "spingi" in strada, la benzina che consumi camminando un interno anno la metti in conto?
Le gomme le consumi molto meno, e quella son la spesa principale.
A livello meccanico se la moto è in buono stato e tagliandata regolarmente, i 4 cilindri 4T sono praticamente eterni.
Certo se cado vado di riparazioni, ma in strada è la stessa cosa.

Non mi sembra di aver detto che l'hai scritto! Ti faccio solo presente che così come non c'è paragone tra esperienza di guida in pista ed esperienza di guida in strada (da una parte impari a padroneggiare la moto, dall'altra impari a portarla e nulla più), a parità di budget non c'è paragone nemmeno tra percorrenza/tempo in sella che potrai permetterti in pista e quello che con la stessa cifra potrai permetterti in strada... perchè la pista costa molto più della strada, quando fatta bene e in sicurezza.

Non voglio entrare nel merito delle riparazioni per scivolate o altro, perchè da una parte sono dell'idea che la moto si faccia generalmente danni meno gravi (anche se più consistenti) cadendo in pista che non in strada (dove spesso va a sbattere contro cose che piegano forcelle, telaio, ecc.)... però d'altro canto credo anche che in strada, andando a velocità gestibili e non usandola come surrogato della pista, proprio perchè si è più lontani dal limite proprio e della moto, il rischio di cadere sia molto minore rispetto al correre in pista.

Ad ogni modo molto dipende pure da quanta manutenzione avrai modo e sarai in grado di fare per conto tuo autonomamente... perchè altrimenti quei 1500€ che risparmi da bollo e assicurazione voleranno molto più rapidamente di quanto credi anche solo per quella manutenzione necessaria prima di pistare la moto. Facciamo una rapida stima:
  • gomme nuove: le prendiamo buone, del resto sono l'unica cosa a costituire la "carta di credito" del pilota, anche se hanno una percorrenza ridotta a ritmi elevati... diciamo che ci faresti 3000km in strada, da neofita in pista ci farai 4-5 giornate, certo con qualche euro meno e utilizzando la moto stradale avresti potuto prendere una gomma con cui ci facevi il doppio dei km se non di più, e sarebbe andato bene uguale... ma qua siamo in pista ed è meglio spendere prima di fare il danno, dunque icon_arrow.gif Pirelli Supercorsa, montate da Robertino a Boccea... 350€?
  • pastiglie nuove, tubi in treccia aeronautica, dischi anteriori nuovi (?), sostituzione liquido del circuito frenante: anche qua, ad usare la moto in strada per passeggiare e prenderci confidenza senza forzare il ritmo forse andava bene anche così come stava messa quando l'hai comprata... ma quando uno alza il ritmo e corre, deve poi anche essere certo di fermarsi bene e in fretta icon_arrow.gif dunque fanno 200 le ZCOO avanti e dietro, 100 i tubi, 380 dei dischi a margherita Braking e 30€ il liquido freni... a cui aggiungiamo un 20% di manodopera del meccanico? 850€
  • per il motore ci limitiamo ad un cambio olio 10w50, filtro e i liquidi per il raffreddamento... però poi ci ricordiamo che in una moto da pista il motore si apre ogni 5000km, mentre su una moto utilizzata in strada quell'intervento lo fai forse (forse), a seconda del modello, ogni 30-50.000 km... comunque anche qua, per ora, fanno sui 200€
  • revisione mono e forcella + setup biomeccanico... 200+200+200? tra manodopera di revisione e setup

Praticamente non hai ancora messo piede in pista, la moto non l'hai ancora guidata... neanche accesa... che il budget iniziale è stato eroso e non hai ancora pagato:
  • giornata di pista
  • prima lezione di X con istruttore
  • ... l'abbigliamento tecnico obbligatorio... ce l'hai già?


E per il resto credo di aver reso l'idea su quanto si restringano gli intervalli di manutenzione/sostituzione da che corri in moto facendone un uso intensivo rispetto all'uso stradale, quindi vedi tu... pensaci e fai bene i tuoi conti perchè sei la prima persona che conosco a considerare la pista più economica della strada...... anzi, ho molti amici che corrono fin troppo in strada proprio perchè "eh ma andare in pista costa" (non che li giustifichi per questo).
 
16000751
16000751 Inviato: 20 Ago 2018 16:39
 

Pensare di fare più pistate al mese con uno stipendio di 500 euro è oltre l'utopia e il mondo delle favole. Non ci stai dentro nemmeno se le pistate le fai con il ciao..

A meno che lo stipendio serva SOLO per le pistate
 
16000770
16000770 Inviato: 20 Ago 2018 17:57
 

-Neo- ha scritto:
Non mi sembra di aver detto che l'hai scritto! Ti faccio solo presente che così come non c'è paragone tra esperienza di guida in pista ed esperienza di guida in strada (da una parte impari a padroneggiare la moto, dall'altra impari a portarla e nulla più), a parità di budget non c'è paragone nemmeno tra percorrenza/tempo in sella che potrai permetterti in pista e quello che con la stessa cifra potrai permetterti in strada... perchè la pista costa molto più della strada, quando fatta bene e in sicurezza.

Non voglio entrare nel merito delle riparazioni per scivolate o altro, perchè da una parte sono dell'idea che la moto si faccia generalmente danni meno gravi (anche se più consistenti) cadendo in pista che non in strada (dove spesso va a sbattere contro cose che piegano forcelle, telaio, ecc.)... però d'altro canto credo anche che in strada, andando a velocità gestibili e non usandola come surrogato della pista, proprio perchè si è più lontani dal limite proprio e della moto, il rischio di cadere sia molto minore rispetto al correre in pista.

Ad ogni modo molto dipende pure da quanta manutenzione avrai modo e sarai in grado di fare per conto tuo autonomamente... perchè altrimenti quei 1500€ che risparmi da bollo e assicurazione voleranno molto più rapidamente di quanto credi anche solo per quella manutenzione necessaria prima di pistare la moto. Facciamo una rapida stima:
  • gomme nuove: le prendiamo buone, del resto sono l'unica cosa a costituire la "carta di credito" del pilota, anche se hanno una percorrenza ridotta a ritmi elevati... diciamo che ci faresti 3000km in strada, da neofita in pista ci farai 4-5 giornate, certo con qualche euro meno e utilizzando la moto stradale avresti potuto prendere una gomma con cui ci facevi il doppio dei km se non di più, e sarebbe andato bene uguale... ma qua siamo in pista ed è meglio spendere prima di fare il danno, dunque icon_arrow.gif Pirelli Supercorsa, montate da Robertino a Boccea... 350€?
  • pastiglie nuove, tubi in treccia aeronautica, dischi anteriori nuovi (?), sostituzione liquido del circuito frenante: anche qua, ad usare la moto in strada per passeggiare e prenderci confidenza senza forzare il ritmo forse andava bene anche così come stava messa quando l'hai comprata... ma quando uno alza il ritmo e corre, deve poi anche essere certo di fermarsi bene e in fretta icon_arrow.gif dunque fanno 200 le ZCOO avanti e dietro, 100 i tubi, 380 dei dischi a margherita Braking e 30€ il liquido freni... a cui aggiungiamo un 20% di manodopera del meccanico? 850€
  • per il motore ci limitiamo ad un cambio olio 10w50, filtro e i liquidi per il raffreddamento... però poi ci ricordiamo che in una moto da pista il motore si apre ogni 5000km, mentre su una moto utilizzata in strada quell'intervento lo fai forse (forse), a seconda del modello, ogni 30-50.000 km... comunque anche qua, per ora, fanno sui 200€
  • revisione mono e forcella + setup biomeccanico... 200+200+200? tra manodopera di revisione e setup

Praticamente non hai ancora messo piede in pista, la moto non l'hai ancora guidata... neanche accesa... che il budget iniziale è stato eroso e non hai ancora pagato:
  • giornata di pista
  • prima lezione di X con istruttore
  • ... l'abbigliamento tecnico obbligatorio... ce l'hai già?


E per il resto credo di aver reso l'idea su quanto si restringano gli intervalli di manutenzione/sostituzione da che corri in moto facendone un uso intensivo rispetto all'uso stradale, quindi vedi tu... pensaci e fai bene i tuoi conti perchè sei la prima persona che conosco a considerare la pista più economica della strada...... anzi, ho molti amici che corrono fin troppo in strada proprio perchè "eh ma andare in pista costa" (non che li giustifichi per questo).


Uno dei punti a favore della pista è proprio il minore utilizzo che ne farei, chiaramente non è paragonabile con l'utilizzo che puoi farne in strada, dove puoi utilizzarla tutti i giorni.

- 350€ Per due gomme ci stanno, ma stai considerando le migliori stradali sul mercato
- Pastiglie nuove si, tubi in treccia forse, i freni delle moto non soffrono molto di fading, e ho fatto pistate in auto coni tubi in gomma stock, basta fermarsi a far raffreddare il circuito un paio di giri ogni 4/5 fatti a ritmo.
- Dischi anteriori nuovi? Hai già visto la moto e capito che devi sostituirli? Se sono in buono stato per iniziare vanno benissimo quelli stock.
Quegli 850€ diventano poco più di 500, nel caso decida di mettere anche i tubi.

- Un tagliando Olio+filtri 200€ ?
Mi chiedo certe volte se vi divertiate a spaventare giovani ragazzi, io ho 20 anni ma ho un auto e mio padre ha avuto più moto negli anni, 3 litri di olio e filtro olio costano 40€ su Amazon (Bardhal XTC). Il cambio olio so farlo da solo, nessuna spesa di manodopera.
Quei 200€ sono 40 in realtà.
Il motore in una moto da pista si apre ogni 5000km se lo prepari, stock regge tranquillamente i ritmi con controlli ogni 12/15k km. (Ritmi de che poi, che non so manco ingranare una marcia, prima di vedere forse giri non dico decenti ma accettabili ci vorrà un anno e mezzo)
- Per forcella e mono basta la revisione, non sono un pro e se sono meccaniche il setup lo troverò col tempo da solo.

L'abbigliamento tecnico obbligatorio lo comprerei comunque, in strada non vado col giacchetto e i jeans. Quindi tuta+casco+guanti+stivali.

Non capisco se ho speigato bene il discorso neofita che va in pista ad imparare anche solo come si sta in sella, farò decine di turni piano a concentrarmi anche su un solo aspetto della guida alla volta.
Non andrei a girare come Salvadori ed a bruciare copertoni e valvole in powersliding ai 220.

Non fraintendermi, io apprezzo moltissimo quello che hai scritto, e ci hai speso tempo per scriverlo, perché vuoi farmi rendere conto di quello che è la pista, e ne sono consapevole, tanto, però voglio cercare di capire REALMENTE se posso risparmiare, e in un confronto pista strada onesto la maggior parte delle cose inserite le avrei dovuto fare anche in strada. Anche perché non vado in montagna a fare pratica senza revisione a forcella e mono, senza gomme nuove e senza tagliando all'impianto frenante.

La pista costa? Si
Puoi utilizzare la moto in pista quanto in strada? No
E' un modo per iniziare ad andare in moto spendendo un po meno in partenza? Forse si.

E per inciso, io sono "d'accordo" coi tuoi amici, la pista costa, la strada no, e preferisco i passi di montagna alle solite 10 curve in pista, se sapessi già guidare e avessi 4/5 anni di esperienza fatti bene alle spalle ed uno stipendio non ci penserei due volte a fare 60% strada 40% pista.
Considerando che con la pista segui piloti ed istruttori ed impari, ed in strada ti eserciti. Per quanto chiaramente non giustifica il correre per strada, come hai scritto.

Ma le mie condizioni sono quelle di un neofita con pochi soldi e che deve imparare tutto!
Inoltre oltre ai 1500€ di spese legali, non sarei costretto a spendere 3500€ per un RC390 volendo, e potrei con 1000/1500€ prendere già qualcosa, certo come dici tu, su moto vecchie poi devi ritrovarti a fare manutenzione in partenza che su quella nuova non fai.
Ma eccetto un 125 2T a 1000€, per la strada sportive da A2 sono l 300 recenti e partono da quei prezzi.

Comunque, nel caso come hai detto tu mi rendessi conto che neanche ho messo piede in pista, ho già eroso il budget e mancano ancora i corsi ecc, a quel punto abbandono l'idea e aspetto direttamente di prenderla su strada.
Cioè io non è che son felice a non poterla portare su strada anzi!
La mia prima ipotesi resta sempre quella di prendere una moto, 1252T che sia o altro e fare strada e pista. Ci mancherebbe. Spero solo di riuscire a trovare una soluzione per iniziare spendendo meno.
Grazie comunque di tutti i consigli Neo. Ci penserò su bene ed a lungo, farò i miei conti e vedrò..Grazie comunque.

AG_KTM ha scritto:
Pensare di fare più pistate al mese con uno stipendio di 500 euro è oltre l'utopia e il mondo delle favole. Non ci stai dentro nemmeno se le pistate le fai con il ciao..

A meno che lo stipendio serva SOLO per le pistate


Praticamente si, i soldi li potrei dedicare tranquillamente solamente a quello. La settimana la passo sui libri e la mia unica passione è questa.
Ragazze non ne ho, amici si, e questo fanno ahah
 
16000970
16000970 Inviato: 21 Ago 2018 13:17
 

Se vuoi solo praticare in pista, costi permettendo io inizierei con le PItBike o miniGP in kartdromo. Una volta trovato il mezzo i costi per le giornate non sono impossibili e sono una buona base per iniziare.

Costi di gestione bassi e possibilita' di fare danni ridotte. Poi una volta imparato i rudimenti saprai da solo che fare.

Ciao doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
16000997
16000997 Inviato: 21 Ago 2018 14:36
 

sinceramente mi accodo a chi ha evidenziato dubbi sulla fattibilità del tutto con le tue entrate attuali

la pista costa, costa cara
i tuoi conti possono essere più o meno giusti ma sono ottimisti , basta una caduta (anche la più banale) , un guasto o qualsiasi altra cosa per far saltare tutto!

i corsi poi sono molto molto cari(quelli seri), la giornata in pista non costa i 100/200 euro di ingresso, devi pensare a :
trasporto moto
ingresso
benzina
gomme
pasti
possili guasti
possibili cadute
manutenzione

e per ognuna di questi ci possono essere 10000 imprevisti.

in conclusioni non ti dico che NON si può fare, ma sarà molto difficile..
 
16001083
16001083 Inviato: 21 Ago 2018 19:22
 

loller ha scritto:
sinceramente mi accodo a chi ha evidenziato dubbi sulla fattibilità del tutto con le tue entrate attuali

la pista costa, costa cara
i tuoi conti possono essere più o meno giusti ma sono ottimisti , basta una caduta (anche la più banale) , un guasto o qualsiasi altra cosa per far saltare tutto!

i corsi poi sono molto molto cari(quelli seri), la giornata in pista non costa i 100/200 euro di ingresso, devi pensare a :
trasporto moto
ingresso
benzina
gomme
pasti
possili guasti
possibili cadute
manutenzione

e per ognuna di questi ci possono essere 10000 imprevisti.

in conclusioni non ti dico che NON si può fare, ma sarà molto difficile..

Se cado in strada?
Non danneggio la moto?
Non prendo la moto in strada per passeggiare, voglio imparare a guidare, e quindi nel fare tentativi cadrò, in pista scivoli via nelle vie di fughe, in strada? In strada chissà. Alberi, guard rail, auto.
I danni non sono neanche lontanamente paragonabili. Ma chiaramente li metto in conto, in pista come in strada, son d'accordo con te.

Ti faccio un prospetto di una pistata nelle condizioni che andrei a vivere io.
Esempio di un circuito in cui potrei andare non avendo mai guidato una moto: Circuito internazionale d'Abruzzo:
-Ingresso TUTTA LA GIORNATA: 65€ (200 Euro li paghi a Vallelunga o al Mugello, non nei pistini che ho scritto frequenterei io)
-Trasporto moto con carrello di mia proprietà, gasolio per andata e ritorno 30€.
-Benzina per una giornata di pista, la stessa che consumerei in 600 km di montagna di domenica, vuoi una media più bassa? Ok qualche spicciolo in più di benzina.
-Le gomme le compro, in strada mi durano 3000km, in pista 6/700, e su questo siamo d'accordo, spesa maggiore per le gomme (l'avevo già evidenziato in altri commenti)
-Pasti? Quando vado in auto mi porto un panino, fai te. Ne porto due? Saranno 3 euro?

Possibili guasti e manutenzione -> Stesse spese che affronterei su una moto stradale

Da neofita i ritmi che terrei in pista non sono poi cosi lontani a quelli stradali. Su moto stock c'è la manutenzione ordinaria e straordinaria in caso di guasto, idem in strada,

Son d'accordo con te comunque, non so se si può fare, e neanche se ne valga la pena.
Può essere un modo però, anche spendendo di più della strada, di imparare a guidare bene, e fra un paio di anni, andare in strada con esperienza alle spalle!
 
16001300
16001300 Inviato: 22 Ago 2018 12:25
 

Asphixya ha scritto:
.
Può essere un modo però, anche spendendo di più della strada, di imparare a guidare bene, e fra un paio di anni, andare in strada con esperienza alle spalle!


qui ti appoggio al 10000000%!!!

in strada puoi cadere così come in pista (e quando cadi e più pericoloso a causa di ostacoli auto ecc) ma in pista dopo un pò che ci vai, cercherai di trovare il limite (tuo più che della moto nel 99% dei casi) e quando guidi al limite le probabilità di errore crescono

questi sono tutti ragionamenti che faccio cercando di pensare a me (come persone) e a come vivrei un'esperienza come quella che vuoi fare tu!

60 euro una giornata intera li spendi forse dove dici tu , solo che tu vada a modena fai presto a spenderne 120 solo per 3-4-5 turni da 20 minuti (che comunque son già belli che stancanti)

se riuscirai a fare tutto ciò che dici sarai stato davvero bravo !
 
16001316
16001316 Inviato: 22 Ago 2018 12:48
 

Asphixya ha scritto:
loller ha scritto:
sinceramente mi accodo a chi ha evidenziato dubbi sulla fattibilità del tutto con le tue entrate attuali

la pista costa, costa cara
i tuoi conti possono essere più o meno giusti ma sono ottimisti , basta una caduta (anche la più banale) , un guasto o qualsiasi altra cosa per far saltare tutto!

i corsi poi sono molto molto cari(quelli seri), la giornata in pista non costa i 100/200 euro di ingresso, devi pensare a :
trasporto moto
ingresso
benzina
gomme
pasti
possili guasti
possibili cadute
manutenzione

e per ognuna di questi ci possono essere 10000 imprevisti.

in conclusioni non ti dico che NON si può fare, ma sarà molto difficile..

Se cado in strada?
Non danneggio la moto?
Non prendo la moto in strada per passeggiare, voglio imparare a guidare, e quindi nel fare tentativi cadrò, in pista scivoli via nelle vie di fughe, in strada? In strada chissà. Alberi, guard rail, auto.
I danni non sono neanche lontanamente paragonabili. Ma chiaramente li metto in conto, in pista come in strada, son d'accordo con te.

Ti faccio un prospetto di una pistata nelle condizioni che andrei a vivere io.
Esempio di un circuito in cui potrei andare non avendo mai guidato una moto: Circuito internazionale d'Abruzzo:
-Ingresso TUTTA LA GIORNATA: 65€ (200 Euro li paghi a Vallelunga o al Mugello, non nei pistini che ho scritto frequenterei io)
-Trasporto moto con carrello di mia proprietà, gasolio per andata e ritorno 30€.
-Benzina per una giornata di pista, la stessa che consumerei in 600 km di montagna di domenica, vuoi una media più bassa? Ok qualche spicciolo in più di benzina.
-Le gomme le compro, in strada mi durano 3000km, in pista 6/700, e su questo siamo d'accordo, spesa maggiore per le gomme (l'avevo già evidenziato in altri commenti)
-Pasti? Quando vado in auto mi porto un panino, fai te. Ne porto due? Saranno 3 euro?

Possibili guasti e manutenzione -> Stesse spese che affronterei su una moto stradale

Da neofita i ritmi che terrei in pista non sono poi cosi lontani a quelli stradali. Su moto stock c'è la manutenzione ordinaria e straordinaria in caso di guasto, idem in strada,

Son d'accordo con te comunque, non so se si può fare, e neanche se ne valga la pena.
Può essere un modo però, anche spendendo di più della strada, di imparare a guidare bene, e fra un paio di anni, andare in strada con esperienza alle spalle!


Non sono d'accordo su alcune cose,
in pista non puoi tenere ritmi "stradali", fai ammazzare le persone. sei pericoloso.
un po' devi spingere per forza...
quindi usura, manutenzione e guasti vanno ad aumentare...
nella malaugurata ipotesi che ti scatafasci la moto contro quella di un'altro?
devi pagare anche la sua, non solo la tua...
secondo me è un azzardo con così poche entrate economiche e non sicure....
però ogni persona si fa i propri conti.
spero vivamente tu possa farcela 0509_campione.gif

doppio_lamp.gif
 
16001338
16001338 Inviato: 22 Ago 2018 13:59
 

Io volevo solo esprimere un dubbio, ma non voglio aggiungermi a quelli che te lo sconsigliano.

Ho letto tutto d'un fiato, ma la mia perplessità nessuno l'ha ancora segnalata:
La pista è vuota?

Perchè se devi imparare a ingranare le marce e ad impostare un minimo le curve e le traiettorie, immagino che le tue velocità iniziali siano ridicole, per poi salire spero velocemente, ma sempre bassissime rispetto ad un utilizzo pista.

Ho un amico con il kart che frequenta spesso questi ambienti e immagino che non ti farebbero neanche girare a questi livelli. Faresti da "tappo" e rovineresti le curve e traiettorie agli altri utenti. Utenti che pagano per arrivare al limite e divertirsi, che non possono rischiare di passarti troppo vicino e spediti, sopratutto non sapendo che traiettorie prenderai e come reagirai.
Per assurdo, arrivi in una curva, ti fermi quasi e ti cade la moto. Loro arrivano tutto sparato e che fanno con te in mezzo ad un tornante?
 
16001372
16001372 Inviato: 22 Ago 2018 17:02
 

Di fatti si stava consigliando di partire dalle mini GP.

E poi ragazzi parliamo chiaro: ai corsi ti prendono anche se hai ZERO esperienza.
Ti fanno venire in giornate dove ci sono persone come te.
Piuttosto che in strada dove, oltre ad imparare a stare in equilibrio, devi imparare a sopravvivere al traffico meglio la pista, che poi pista: probabilmente i primi corsi li farà nel piazzale dell'autodromo dove gli insegneranno i rudimenti della guida.
 
16001462
16001462 Inviato: 22 Ago 2018 23:23
 

Vorrei intanto ringraziare tutti per i consigli e le indicazioni, mi siete molto d'aiuto, e alla fine rimango dell'idea che come ho detto qualche commento su:
"Può essere un modo però, anche spendendo di più della strada, di imparare a guidare bene, e fra un paio di anni, andare in strada con esperienza alle spalle!"

CBR_125R ha scritto:
Di fatti si stava consigliando di partire dalle mini GP.

E poi ragazzi parliamo chiaro: ai corsi ti prendono anche se hai ZERO esperienza.
Ti fanno venire in giornate dove ci sono persone come te.
Piuttosto che in strada dove, oltre ad imparare a stare in equilibrio, devi imparare a sopravvivere al traffico meglio la pista, che poi pista: probabilmente i primi corsi li farà nel piazzale dell'autodromo dove gli insegneranno i rudimenti della guida.

Diciamo che dopo la A2, e qualche giornata in mini GP, proprio le basi basi le avrò apprese. Almeno a stare in equilibrio ahah

Chiaramente ci tengo a specificare che prima di entrare in pista realmente, per imparare farò due o tre corsi di guida. In modo da poter essere almeno non un intralcio.
E poi ne farò altri nel tempo.

Comunque, facendo due conti con più precisione, la spesa iniziale è di molto minore, ma chiaramente la pista costa, e questo comporterà un utilizzo molto minore della moto, ma ho deciso che anche andando ad utilizzarla meno, preferisco farlo in un ambiente migliore e a ritmi più intensi. Meno tempo ma di qualità migliore. Per la strada ho tutto il tempo del mondo in futuro.

La pista come ambiente, la possibilità di conoscere persone esperte, e di passare giornate intere magari focalizzati anche su un solo aspetto della guida.
Quello è il mio obiettivo principale, imparare a guidare.
Da neofita la strada è davvero poco sfruttabile. In settimana tra lavoro e studio non esisto, mi rimane libero il solo week end, e nel week end potrei fare quel paio di giornate in montagna, nel traffico e con strade complicate per un neofita (dislivelli, curve concatenate e a raggio variabile ecc).

In pista magari potrò fare un paio di giornate al mese se tutto va bene, ma saranno giornate intense e molto più proficue.

Inizierò in Kartodromi come il Sagittario di latina, dove a stento appoggi la terza sul rettilineo principale, ma perfette per iniziare, o il Circuito internazionale D'abruzzo, poi più in là ci sono circuiti medi come Magione o ISAM.
E poi i classici Vallelunga/ Mugello, anche se li i costi lievitano e non poco.

Ci sono r6 inizio anni 2000 con allestimento da coppa a 1500/1800 euro, perfette per iniziare.
Considerate che per stare in strada in media spenderei:
RC390 - 3600€ (unica sportiva disponibile per la A2, le RS2500 costano come una casa, i 125 sono limitanti negli spostamenti, le altre 300 costano uguale)
Ass + bollo - 1500€
Attrezzatura usata - 900€ (Casco + Guanti + Stivali + Tuta intera, vorrei evitare di risparmiare qui)
Tot. 6000€ iniziali

Per la pista invece:
Moto - Dai 1300 delle prime R6 ai 1800 di quelle allestite ex cup
Attrezzatura - 900€
Tessera sport autodromi - 110€
Tot. (con 1800 euro moto) ~2900€

Ci sono su carta circa 3000€ di risparmio iniziale.
Certo, i corsi di guida, la manutenzione extra, la pista, molti più treni di gomme, la benzina, insomma spenderò di più e utilizzerò molto meno la moto, ma ai fini dell'imparare a guidare la reputo una scelta migliore. Anche a parità di spesa.

Ho fatto inoltre qualche ipotesi dei vari circuiti. Chiaramente solo su carta e stimando alla buona, non linciatemi. (I costi delle piste però sono effettivi, e verificabili nei listini)

ISAM
4 ORE - 70€
Trasporto - 15€
Benzina 20/25 litri - ~ 35€
tot. 120€

Sagittario
8 ORE (all day) - 50€
Trasporto - 5€
Benzina ~ 45 litri - 70€
tot. 125€

4 ore (1 turno) - 35€
Trasporto - 5€
Benzina 22 litri - ~ 30€
tot. 80€

Circuito Abruzzo
All day - 65€
Trasporto - 30€
Benzina ~ 40 litri - 65€
tot. 160€

Vallelunga
1 giorno(Open pit) - 160€
Trasporto - 20€
Benzina ~ 65 litri - 100€
tot. 280€

2 ore - 110€
Trasp. - 20€
Benzina ~ 20 litri - 30€
tot. 160€

Le gomme si trovano usate con un pomeriggio alle spalle, nei mercatini, a circa 80/120 euro, per iniziare e fare 3 o 4 uscite van benone quelle, visti i ritmi.
Poi volendo si potrebbero acquistare nuove. Quei 350€ per 7 uscite? Sono un 50€ in più a uscita da considerare.
I primi tempi soprattutto non girerei "continuamente", ogni 5/6 giri mi fermerei per fare il punto, migliorare il setup e capire cosa va e cosa no. Quindi comunque i litri di benzina sono calcolati per tempo di utilizzo, e lunghezza del circuito.
C'è da mettere in conto la manutenzione ordinaria, tagliandi ecc, se la moto in partenza è messa bene il costo ordinario non è elevato.
Quella straordinaria nel caso di incidenti, e li nel caso il danno supera una certa cifra starei fermo un paio di mesetti anche nella peggiore delle ipotesi.

P.S. Magari dopo un anno o più, dopo aver preso manualità, pensavo di potermi affacciare alla strada anche per variare tramite le gare in salita.
Si può partecipare con una Licenza agonistica base (150€), magari non per gareggiare, ma solo per partecipare alle prove libere.
 
16001552
16001552 Inviato: 23 Ago 2018 10:21
 

aggiungo una nota, giusto per sicurezza :

il mio (e penso di poter dire "nostro") negativismo non è per rompere le palle o fare i saccenti , è semplicemente per evitare che tu posso intraprendere un percorso e dopo poco dover mollare con tutte le rotture di palle e perdite (morali ed ecnomiche di turno)


io cerco di fornirti più punti di vista e info possibili a fin chè tu possa decidere dopo aver considerato veramente tutto
 
16001791
16001791 Inviato: 24 Ago 2018 9:56
 

Non voglio fare il solito vecchio rompixoglixni,
come in tutte le cose un minimo di gavetta bisogna pur farla e bisogna avvicinarcisi con rispetto e umiltà...
non essere mai salito sulla moto e parlare in primis di licenza agonistica, turni in pista, moto radiate ecc...
ragazzi di cosa stiamo parlando?
anch'io alle superiori volevo diventare un pilota di aerei da caccia ma non ci sono salito cercandone uno usato su subito.it. icon_asd.gif
 
16001793
16001793 Inviato: 24 Ago 2018 10:00
 

Sono due cose diverse.

Comprare una R6 a 2000€, radiata, per farci un paio di corsi in un anno non mi pare una cosa sbagliata.
Piuttosto che buttarsi in strada senza esperienza.

O leggo male io?
 
16001794
16001794 Inviato: 24 Ago 2018 10:04
 

CBR_125R ha scritto:
Sono due cose diverse.

Comprare una R6 a 2000€, radiata, per farci un paio di corsi in un anno non mi pare una cosa sbagliata.
Piuttosto che buttarsi in strada senza esperienza.

O leggo male io?


sono daccordo, sicuramente non è una cosa sbagliata, R6 usato con un bel corso di guida sicura e corso di guida sportiva, ci sta sicuramente.

forse ho letto male io, qui ho capito questo : non sono salito nemmeno su un Ciao è inizierei con una licenza, una moto radiata e via col carrello a misano, mugello ecc.ecc.... 0509_down.gif
 
16001800
16001800 Inviato: 24 Ago 2018 10:33
 

Ciao, seguo il post perché mi interessano i corsi di guida in pista, e qui analizzate più o meno attentamente tutti i punti da considerare.
Vorrei però lanciare una provocazione: come mai tutta sta paura a guidare la moto? Certo la strada ha dei pericoli che la pista non ha (e viceversa) ma la mia percezione è che se hai così tanta paura all'idea di andare in strada, non so in pista cosa cambi, alla fine. In strada ci sono dei pericoli, e si ha bisogno di riflessi, ma anche in pista! Le prime volte vai con un istruttore, ma anche in strada lo faresti, credo che l'abbiamo fatto quasi tutti.. Poi se è unicamente una questione di denari, allora non parlo più, ma la moto se usata con la testa non è un suicidio assicurato!
 
16001807
16001807 Inviato: 24 Ago 2018 11:16
 

Diegowl ha scritto:
Ciao, seguo il post perché mi interessano i corsi di guida in pista, e qui analizzate più o meno attentamente tutti i punti da considerare.
Vorrei però lanciare una provocazione: come mai tutta sta paura a guidare la moto? Certo la strada ha dei pericoli che la pista non ha (e viceversa) ma la mia percezione è che se hai così tanta paura all'idea di andare in strada, non so in pista cosa cambi, alla fine. In strada ci sono dei pericoli, e si ha bisogno di riflessi, ma anche in pista! Le prime volte vai con un istruttore, ma anche in strada lo faresti, credo che l'abbiamo fatto quasi tutti.. Poi se è unicamente una questione di denari, allora non parlo più, ma la moto se usata con la testa non è un suicidio assicurato!


purtroppo sono sempre più influenti i fattori esterni, per quanto uno guidi la moto con testa e con attenzione, c'e' sempre quello col telefonino, che non guarda, che non da precendenza, che passa col rosso e che si sposta senza guardare... c'e' sempre più traffico, tanta disattenzione e mancanza di rispetto.
Posso capirla anch'io la crisi del "basta prendo una moto radiata e solo pista".
 
16001865
16001865 Inviato: 24 Ago 2018 14:29
 

Diegowl ha scritto:
Ciao, seguo il post perché mi interessano i corsi di guida in pista, e qui analizzate più o meno attentamente tutti i punti da considerare.
Vorrei però lanciare una provocazione: come mai tutta sta paura a guidare la moto? Certo la strada ha dei pericoli che la pista non ha (e viceversa) ma la mia percezione è che se hai così tanta paura all'idea di andare in strada, non so in pista cosa cambi, alla fine. In strada ci sono dei pericoli, e si ha bisogno di riflessi, ma anche in pista! Le prime volte vai con un istruttore, ma anche in strada lo faresti, credo che l'abbiamo fatto quasi tutti.. Poi se è unicamente una questione di denari, allora non parlo più, ma la moto se usata con la testa non è un suicidio assicurato!

Tu la chiami paura, io la chiamo consapevolezza.

Consapevolezza che in strada devi temere dietro ogni curva che ci sia:
- ghiaia;
- auto ferma;
- pozza di liquidi;
- pedone/ ciclista;
- buca;
ecc ecc...

Prova ad andare in pista!
Mi ritengo uno che in strada dava "abbastanza" gas, dopo l'ultimo incidente ho calato, mi sento libero solo in pista. Ok non ho smesso di andare in strada ma quando diventi CONSAPEVOLE del male che puoi farti anche per, che so, un agricoltore che in una strada di campagna sta innaffiando la strada e tu ti fratturi una vertebra e tua moglie si deve fare 15 giorni in intensiva e tre mesi immobile a letto e dopo due anni da questo fatto ne porti ancora i segni, ecco capisci che la pista ti da quella sicurezza che in strada è sbagliato avere.
Non si deve guidare con l'ansia, questo mai, ma non mi sento di mortificare un ragazzo che prima di andare in strada vuole imparare a guidare. 0509_up.gif

Fatevi un corso (PRIMA di andare in pista per conto vostro), solo uno, vedrete come vi cambia.
 
16001866
16001866 Inviato: 24 Ago 2018 14:31
 

amigu1974 ha scritto:
sono daccordo, sicuramente non è una cosa sbagliata, R6 usato con un bel corso di guida sicura e corso di guida sportiva, ci sta sicuramente.

forse ho letto male io, qui ho capito questo : non sono salito nemmeno su un Ciao è inizierei con una licenza, una moto radiata e via col carrello a misano, mugello ecc.ecc.... 0509_down.gif

Da quanto scrive vorrebbe cominciare con le mini moto e poi andare in circuito con la moto "grande", di fatti stava valutando pure un 300 ex trofeo.
Ed i circuiti da lui proposti sono tutt'altra cosa dal Mugello o Misano.
 
16001890
16001890 Inviato: 24 Ago 2018 15:54
 

No no io non lo sto mortificando, sia chiaro, volevo solo capire! Perché sinceramente non ho capito il suo scopo finale quale sia, se andare sempre in pista e diventare un bravo pilota di velocità, o se guidare in strada normalmente, forte di una preparazione pregressa che sta pianificando ora. Nel primo caso, sta seguendo la strada giusta (secondo me, sia chiaro) nel secondo caso la strada non è assolutamente sbagliata, ma penso che comunque si possa fare le ossa direttamente su strada e poi piuttosto più in là (visto che evidentemente non ha tantissimi fondi immediati) farsi qualche corso di guida. Alla fine ciò che intendevo dire è che un neofita totale può andare su strada e divertirsi anche in pochi km
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumTecnica di Guida

Forums ©