Leggi il Topic


Indice del forumForum Autovelox, Patenti e LeggiMulte e Ricorsi

   

Pagina 3 di 3
Vai a pagina Precedente  123
 
Aiuto multa autovelox si può contestare? [oltre 40km/h]
14839952
14839952 Inviato: 6 Feb 2014 20:15
 

Davide ha scritto:
Rimossa, non entro nel merito ma sicuramente era un'affermazione frutto di un'idea di biondob da cui mi dissocio e che era sicuramente idonea a generare flame, cosa che qui sul Tinga non si vuole


Quello che hai rimosso non era stato scritto per generare flamme e non era scritto con l'intenzione di offendere nessuno.
Era solo un pensiero che credevo di poter esternare, se nel farlo qualcuno si è sentito offeso e se ho infranto il regolamento o le usanze del forum chiedo umilmente scusa.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14840073
14840073 Inviato: 6 Feb 2014 21:18
 

biondob ha scritto:
Quello che hai rimosso non era stato scritto per generare flamme e non era scritto con l'intenzione di offendere nessuno.
Era solo un pensiero che credevo di poter esternare, se nel farlo qualcuno si è sentito offeso e se ho infranto il regolamento o le usanze del forum chiedo umilmente scusa.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif


amen.
se si è esaurito il tuo attacco personale nei miei riguardi, magari se ci sarà occasione tornerò con piacere a discutere con voi di multe e ricorsi.
(ho visto negli altri topic e parlate solo di multe svizzere e temo di non capirne nulla... icon_neutral.gif )
 
14840506
14840506 Inviato: 7 Feb 2014 8:16
 

RICORSI_net ha scritto:
amen.
se si è esaurito il tuo attacco personale nei miei riguardi, magari se ci sarà occasione tornerò con piacere a discutere con voi di multe e ricorsi.
(ho visto negli altri topic e parlate solo di multe svizzere e temo di non capirne nulla... icon_neutral.gif )


Di personale non c'era assolutamente niente, mi spiace che tu non l'abbia capito.
Io ho sempre e solo chiesto un aiuto, cioè tutte le informazioni necessarie, per poter decidere se in un caso come quello esposto da Alessio, che credo sia molto simile a molti verbali fatti con velox mobile, sia conveniente o meno fare ricorso sperando nelle mancanze della pubblica amministrazione.

Per convenienza intendo una relazione tra spese, tempo perso e probabilità di successo e visto che tu sei un esperto del settore credevo tu fossi in grado di fornire tutti le informazioni per risolvere questa "equazione".

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14841063
14841063 Inviato: 7 Feb 2014 15:18
 

biondob ha scritto:
Di personale non c'era assolutamente niente, mi spiace che tu non l'abbia capito.



...e adesso mi tocca pure passare per lo stupido che non capisce.

biondob ha scritto:

Io ho sempre e solo chiesto un aiuto, cioè tutte le informazioni necessarie, per poter decidere se in un caso come quello esposto da Alessio, che credo sia molto simile a molti verbali fatti con velox mobile, sia conveniente o meno fare ricorso sperando nelle mancanze della pubblica amministrazione.



allora provo a riscriverlo affinchè anche tu capisca.
è conveniente ed giusto.



è conveniente poichè Alessio dichiarava di dubitare di aver commesso l'infrazione e perchè qualcun altro ribadiva il concetto secondo cui nessuno si sarebbe potuto dimenticare di aver superato in passato il limiti di velocità di oltre 40 kmh.
Queste affermazioni avvalorano l'ipotesi che forse l'autovelox non abbia funzionato a dovere.

è giusto perchè anche la p.a. è tenuta a rispettare le leggi.

biondob ha scritto:

Per convenienza intendo una relazione tra spese, tempo perso e probabilità di successo e visto che tu sei un esperto del settore credevo tu fossi in grado di fornire tutti le informazioni per risolvere questa "equazione".



l'equazione l'ho risolta ma forse Tu non l'hai capito.
Mi sforzo di spiegarlo meglio, ma sforzati un po' anche tu.

La convenienza non è un valore assoluto. Se l'avvocato ti chiedesse 1000 euro l'opposizione non sarebbe ovviamente conveniente. Se invece ti chiedesse 50 centesimi sarebbe conveniente. Poi c'è da valutare la questione punti: se sei a secco e rischi la sospensione allora la posta in gioco sale. Altrimenti il contrario.

L'altra variabile per risolvere l'equazione che poni in essere prevede il fattore "probabilità di successo". A questa variabile (proprio per tutelare le tue ragioni di cliente che ha interesse al frigo pieno e non ai sofismi) è giusto e doveroso che l'avvocato onesto non dia risposta. è guisto così semplicemente perchè la risposta non può darla, poichè nel nostro sistema giudiziario il precedente giurisprudenziale non è vincolante. Se ti dicessi è sicuro 100% che vinci ti starei ingannando. E per logica deduzione se ti dicessi la vinci al 25% oppure al 40,8% oppure al 72,4% oppure al 94,2% evidentemente ti starei ingannando lo stesso e starei tirando solo numeri a caso...oppure pensi che gli studi legali si avvalgano di consulenti in statistica per poter offrire risposta ad una domanda che è sbagliata fin da principio?

Evidentemente avrai avuto brutte esperienze con il tuo avvocato di fiducia o perchè gli hai sottoposto una materia per la quale non era sufficientemente specializzato o perchè non ti ha chiarito questi stessi concetti.
Allora, visto che senza motivo mi hai buttato fango addosso fino ad ora, tengo a ribadirti che:

1) nel servizio che offriamo ci proponiamo di offrire assistenza esclusivamente per la materia per la quale siamo specializzati senza sfruttare la notorietà acquisita per proporci in altri settori per i quali potremmo non essere altrettanto competenti;

2) sempre in ogni nostra comunicazione ribadiamo all'utente la necessità di leggere la guida ai nostri servizi, affinchè fraintendimenti del genere non abbiano a verificarsi. Linkiamo in particolare una pagina che è raggiungibile attraverso la nostra home page e attraverso tutte le pagine del sito. Non si tratta di una paginetta in cui sono scritte piccole piccole ed in linguaggio incomprensibile informazioni che teniamo a nascondere all'utente per fargli spendere quattrini (come solitamente fanno le compagnie telefoniche, assicurative o le banche), ma di una pagina che abbiamo strutturato in "domande frequenti" per rendere ancora più chiara la comprensione e scorrevole la lettura. Ma non solo: per incentivarne la conoscenza al termine della pagina regaliamo uno sconto agli utenti che l'abbiano letta tutta. In questa pagina tra le primissime cose che scriviamo chiariamo che l'esito e l'accoglimento del ricorso non è garantito.

Ti pare che ci sia da parte nostra l'intento di ingannare qualcuno? Di mandare messaggi subliminali?
Se siamo qui e possiamo confrontarci apertamente è perchè operiamo in modo onesto e trasparente, perchè lavoriamo con passione e con passione rispondiamo a messaggi anche alle due del mattino.
 
14841437
14841437 Inviato: 7 Feb 2014 20:30
 

RICORSI_net ha scritto:
l'equazione l'ho risolta ma forse Tu non l'hai capito.
Mi sforzo di spiegarlo meglio, ma sforzati un po' anche tu..................

La convenienza non è un valore assoluto. Se l'avvocato ti chiedesse 1000 euro l'opposizione non sarebbe ovviamente conveniente. Se invece ti chiedesse 50 centesimi sarebbe conveniente. Poi c'è da valutare la questione punti: se sei a secco e rischi la sospensione allora la posta in gioco sale. Altrimenti il contrario.....


Non sei tu che deve risolvere l'equazione, ma chi deve fare il ricorso, tu devi fornire tutti dati che servono per risolverla, la convenienza non è uguale per tutti.
Se dovessi fare ricorso per 150 euro con l'assoluta certezza di vincerlo senza spendere un euro in avvocato, ma per farlo devo perdere due mattine di lavoro, a me conviene pagare la multa (magari di sabato mattina).

RICORSI_net ha scritto:

L'altra variabile per risolvere l'equazione che poni in essere prevede il fattore "probabilità di successo". A questa variabile (proprio per tutelare le tue ragioni di cliente che ha interesse al frigo pieno e non ai sofismi) è giusto e doveroso che l'avvocato onesto non dia risposta. è guisto così semplicemente perchè la risposta non può darla, poichè nel nostro sistema giudiziario il precedente giurisprudenziale non è vincolante. Se ti dicessi è sicuro 100% che vinci ti starei ingannando. E per logica deduzione se ti dicessi la vinci al 25% oppure al 40,8% oppure al 72,4% oppure al 94,2% evidentemente ti starei ingannando lo stesso e starei tirando solo numeri a caso...oppure pensi che gli studi legali si avvalgano di consulenti in statistica per poter offrire risposta ad una domanda che è sbagliata fin da principio?.


Non servono percentuali esatte e non servono consulenti in statistica, basta che l'esperienza dell'avvocato, se un avvocato si occupa spesso di ricorsi, saprà quali sono le P.A. più diligenti e quelle meno, saprà se i ricorsi presentati con quelle motivazioni ad un determinato giudice di pace/prefetto vengo di solito accettati o respinti.

Se io voglio presentare ricorso per un velox che mi ha fatto la municipale del tal comune e l'avvocato sa, per esperienza, che quel comune/municipale è virtuosissimo, me lo deve dire, se è onesto, anche se non glielo chiedo, non si deve tenere questo fattore dell'equazione per se.
Se la maggiorparte dei ricorsi simili al mio fatti al giudice a cui devo presentare il mio vengono respinti, l'avvocato onesto me lo deve dire, poi sarò io a risolvere l'equazione.


RICORSI_net ha scritto:
Evidentemente avrai avuto brutte esperienze con il tuo avvocato di fiducia o perchè gli hai sottoposto una materia per la quale non era sufficientemente specializzato o perchè non ti ha chiarito questi stessi concetti.
Allora, visto che senza motivo mi hai buttato fango addosso fino ad ora.


Ho avuto brutte esperienze con avvocati che tenevano per se una parte delle informazioni e esperienze positive con avvocati che ti davano tutte le informazioni.
Tengo a precisare che a volte le esperienze positive si sono concluse con la "sconfitta" ma prima di intraprendere la "battaglia" avevo tutte le informazioni per risolvere l'equazione.

Non ti ho mai offeso ne gettato fango addosso, l'avevo già spiegato ma mi hanno bannato, comunque se è te piace pensare che l'ho fatto, continua a pensarlo, io intanto ti chiedo scusa, di nuovo.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14841458
14841458 Inviato: 7 Feb 2014 20:56
 

biondob ha scritto:


Non servono percentuali esatte e non servono consulenti in statistica, basta che l'esperienza dell'avvocato, se un avvocato si occupa spesso di ricorsi, saprà quali sono le P.A. più diligenti e quelle meno, saprà se i ricorsi presentati con quelle motivazioni ad un determinato giudice di pace/prefetto vengo di solito accettati o respinti.

Se io voglio presentare ricorso per un velox che mi ha fatto la municipale del tal comune e l'avvocato sa, per esperienza, che quel comune/municipale è virtuosissimo, me lo deve dire, se è onesto, anche se non glielo chiedo, non si deve tenere questo fattore dell'equazione per se.
Se la maggiorparte dei ricorsi simili al mio fatti al giudice a cui devo presentare il mio vengono respinti, l'avvocato onesto me lo deve dire, poi sarò io a risolvere l'equazione.



ci giri intorno ma non risolvi il problema. E se l'avvocato non è onesto? E se è onesto e malgrado ciò l'esito non è quello che in coscienza si aspettava? ma soprattutto, in coscienza che ne può sapere degli esiti??? Se la p.a. è solitamente diligente: ma la p.a. di quale comune? ...che ne so io di come si comportano tutte le p.a. fossero d'Italia o della provincia presso cui opero. Sai quante polizie municipali ci sono? Poi ci sono le polizie provinciali, regionali, la polizia di stato e le polizie dei vari consorzi comunali. E i GdP? Pensi che ce ne sia uno per ufficio? A Roma, Milano, Napoli o Palermo hai idea di quanti giudici ci siano? E se nel frattempo la Cassazione non se ne esce con una decisione che stravolge l'orientamento corrente?

Vedi queste sono in effetti tutte le scuse che potrei trovare se la causa andasse male e, contravvenendo al mio obbligo deontologico (che è pensato per tutelare te ed il tuo frigorifero), azzardassi delle percentuali che per forza di cose potranno solo essere inattendibili.

L'unica cosa che ti dico e che ti posso dire è se ci sono o meno i presupposti, ovvero una legge o un precedente giurisprudenziale su cui fare fondamento per muovere un'opposizione, per intraprendere una causa.

Quindi se Alessio ha ricevuto una multa ma non gli pare di aver commesso l'infrazione l'unica cosa che può fare (e che gli si può consigliare) è chiedere di verificare che il dispositivo fosse in regola. Poi ovviamente, ove ci fosse stata occasione di esaminare il suo verbale sarebbero magari emersi altri elementi su cui ulteriormente fondare la richiesta di annullamento.

biondob ha scritto:

Non ti ho mai offeso ne gettato fango addosso, l'avevo già spiegato ma mi hanno bannato, comunque se è te piace pensare che l'ho fatto, continua a pensarlo, io intanto ti chiedo scusa, di nuovo.



Scuse accettate e fine della storia.
 
14842017
14842017 Inviato: 8 Feb 2014 14:55
 

RICORSI_net ha scritto:


ci giri intorno ma non risolvi il problema. E se l'avvocato non è onesto? E se è onesto e malgrado ciò l'esito non è quello che in coscienza si aspettava? ma soprattutto, in coscienza che ne può sapere degli esiti??? Se la p.a. è solitamente diligente: ma la p.a. di quale comune? ...che ne so io di come si comportano tutte le p.a. fossero d'Italia o della provincia presso cui opero. Sai quante polizie municipali ci sono? Poi ci sono le polizie provinciali, regionali, la polizia di stato e le polizie dei vari consorzi comunali. E i GdP? Pensi che ce ne sia uno per ufficio? A Roma, Milano, Napoli o Palermo hai idea di quanti giudici ci siano? E se nel frattempo la Cassazione non se ne esce con una decisione che stravolge l'orientamento corrente?

Vedi queste sono in effetti tutte le scuse che potrei trovare se la causa andasse male e, contravvenendo al mio obbligo deontologico (che è pensato per tutelare te ed il tuo frigorifero), azzardassi delle percentuali che per forza di cose potranno solo essere inattendibili.

L'unica cosa che ti dico e che ti posso dire è se ci sono o meno i presupposti, ovvero una legge o un precedente giurisprudenziale su cui fare fondamento per muovere un'opposizione, per intraprendere una causa.

Quindi se Alessio ha ricevuto una multa ma non gli pare di aver commesso l'infrazione l'unica cosa che può fare (e che gli si può consigliare) è chiedere di verificare che il dispositivo fosse in regola. Poi ovviamente, ove ci fosse stata occasione di esaminare il suo verbale sarebbero magari emersi altri elementi su cui ulteriormente fondare la richiesta di annullamento. .


L'esito della causa non conta, conta che vengano date tutte le informazioni necessarie per decidere se può valere la pena di presentare ricorso, una volta deciso con tutte le informazioni del caso, l'esito della causa sarà quello che sarà.
Non tutte le città sono grandi come milano, a me, per esempio è capitato di presentare un ricorso dove c'era un solo gdp.
Mica devi conoscere la p.a. le le municipali di tutta italia, ma di quelle della zona dove operi qualcosa saprai. Se devo presentare un ricorso al giudice di pace di ravenna non prenderò sicuramente un avvocato di milano.
Io non credo che un avvocato di ravenna che si occupa di queste cose non sappia niente delle "usanze" delle p.a., delle polizie mnicipali e dei gdp della zona.

doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif doppio_lamp.gif
 
14842124
14842124 Inviato: 8 Feb 2014 17:20
 

axels ha scritto:
Bho, io vedo troppa acrimonia in biondob e tanta pazienza in chi scrive sotto ricorso.net
Indi, speriamo che ricorsi.net rimanga qui sul forum per aiutare , consigliare e chiarire quel mondo intricato che sono le PA
Io tra le righe ho letto invece che ricorsi consigliava ciò: se andavi a 160 e non ti ricordi di averlo fatto, in mancanza di verbale da visionare, nonostante spesso spessissimo le PA si comportino al limite della legalità , paga e shh.
Se invece ci sono altri elementi, se ne parla( di un ricorso) proprio per gli stessi motivi di cui sopra.


Mi auto quoto per ribadire quanto dissi e per dire anche che, visti i livelli delle strade e gli importi delle multe,mi sembra logico in formarsi sopratutto se tal Alessio non ricorda di tale ( folle) velocità . Non amo difendere i furbetti con ricorsi strampalati ma odio le PA che in mala fede( quasi sempre) giocano con gli apparecchi che fanno le multe. Dico anche che se il verbale fosse perfetto, il " non ricordo a quanto andavo" resta una labile base .
Se il verbale avesse dei " problemini" si potrebbe pensare che il nin ricordare sia qualcosa in più di una scusa.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 3 di 3
Vai a pagina Precedente  123

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Autovelox, Patenti e LeggiMulte e Ricorsi

Forums ©