Leggi il Topic


Kawasaki Mach III 500 (3 cilindri 2 tempi)
9924276
9924276 Inviato: 25 Mag 2010 19:04
 



dove è possibile mettere in vendita alcune parti del mach III 500 H1A ???....
c'è un sito dedicato ???
(ho ritrovato le pedane passeggero, ammortizzatori post., una forcella marzocchi completa di piastre e freno a tamburo ( mi sembra grimeca ) a 4 ganasce autoavvolgenti... un paio di frecce originali, il contakm però con il vetro rotto... ed il mozzo posteriore, forse anche il pedale freno....)
ciao attutti doppio_lamp_naked.gif
massimo
 
9928971
9928971 Inviato: 26 Mag 2010 14:43
 

Moto stupenda! ti dico solo che vedendola, su internet...me ne sono innamorato!
Ho 27 anni ma questa moto mi ha stregato! ne ho comprata una due anni fa', un h1 e rossa, lo trovata dopo tante fatiche visto che non e' semplice trovarne un esemplare in condizioni discrete.
Alla mia ho dovuto rifare tutto il motore albero motore completo pistoni e revisione carburatori, il problema e' che non e' facile trovare i ricambi, in kawasaki non hanno niente, tranne qualche guarnizione, per il resto ho trovato tutto alla fiera di imola dove ci sono alcuni rivenditori francesi specializzati in kawasaki 3 cilindri dove praticamento trovi tutto quello che ti serve, per i prezzi....diciamo semplicemente impopolari!!!
Non badare a tutte quelle stupidagini che senti nei forum, di moto con ciclistica ridicola, ne tantomeno della favola del cilindro centrale che grippa... ovvio non e' una moto paragonabile a quelle attuali ne come ciclistica ne come affidabilita' ne come consumi, ne come fascino! e' praticamente unica nel suo genere tanto che si e' guadagnata la nomina di "bara" da delle soddisfazioni incredibili, ed e' un investimento che con il tempo acquistera' ancora valore!
Non appena ti fermi hai il solito gruppetto di persone che chiedono informazioni....e mi hanno fatto diverse offerte x quanto riguarda la vendita.... icon_asd.gif
Appena posso inserisco le foto della mia che e' davvero rimessa a nuovo in ogni particolare valore circa 9/10.000 eurini offerti.... la mia risp ovviamente..... eusa_naughty.gif eusa_naughty.gif
 
9944572
9944572 Inviato: 28 Mag 2010 22:18
 

Vorrei chiedervi un'informazione sulla lubrificazione del mio kawa 500:il mio ex meccanico mi aveva regolato il flusso dell'olio del miscelatore,dicendo che non conta niente e che la quantità di olio che si mescolaalla benza è sempre lo stesso;c'è un metodo sicuro per capire la giusta regolazione dell'uscita dell'olio?Grazie
 
9946540
9946540 Inviato: 29 Mag 2010 13:39
 

dall'album dei ricordi eusa_think.gif ..... se togli il carter, sopra la pompa olio vedi la piastrina che gira solidale dal filo comandato dalla manopola gas, con sopra una tacca allineata ad un'altra tacca sul corpo pompa quando la manopola è chiusa.... quindi la pompa dell'olio aumenta la mandata in base alla rotazione del gas e dei giri del motore ( perchè calettata sull'albero )... il registro sul punto di arrivo del cavetto serve ad allineare appunto le tacche.... mi ricordo che sulla mia ( si parla di 30 anni fà ), la tacca era leggermente negativa, cioè un pochino + chiusa rispetto alla pompa, perchè se molli il registro non c'è battuta, e quindi le tacche non combaciano...
spero di aver ricordato bene...
ciao attutti doppio_lamp_naked.gif
massimo
 
9958314
9958314 Inviato: 31 Mag 2010 19:43
 

Grazie Caspario dell'informazione andrò a controllare .
 
9971147
9971147 Inviato: 3 Giu 2010 6:44
 

ciao,alcuni dei tuoi ricambi mi possono interessare,se vuoi mi puoi contattare al 3493000079
 
10028432
10028432 Inviato: 12 Giu 2010 21:24
 

caspario ha scritto:
dove è possibile mettere in vendita alcune parti del mach III 500 H1A ???....
c'è un sito dedicato ???
(ho ritrovato le pedane passeggero, ammortizzatori post., una forcella marzocchi completa di piastre e freno a tamburo ( mi sembra grimeca ) a 4 ganasce autoavvolgenti... un paio di frecce originali, il contakm però con il vetro rotto... ed il mozzo posteriore, forse anche il pedale freno....)
ciao attutti doppio_lamp_naked.gif
massimo


Ciao Caspario, qualche ricambio può servirmi, puoi chiamarmi al 339 4819069 ? Grazie!
 
10028513
10028513 Inviato: 12 Giu 2010 21:42
 

carracci ha scritto:
Ho visto la replica di Legend, unico appunto,non ho sentito "tirare"un paio di marce come si deve,erano tutti molto tranquilli. Vi chiedo un consiglio:sul mio modello (quello rosso del servizio)io ho il manubrio "alto"il classico che si vede nelle pubblicità dell'epoca,non so se cambiarlo con quello drl servizio,dritto e basso,mi sembra che la moto acquisti molto in estetica,anche se perde in originalità,in più dovrei tagliare tutti i fili,troppo lunghi.Voi cosa fareste?lamps


Ciao, per quanto ricordo (e ho una buona memoria) non ho MAI visto una Kawasaki H1 500 o H2 750 col manubrio alto all'americana. L'importatore dell'epoca F.lli Abbo & C. sas di Genova, distribuiva solo moto col manubrio basso per compensare la distribuzione dei pesi che penalizzava la stabilità dell'anteriore. Non credo che i manubri li cambiasse lui, ne è prova il fatto che la Kawasaki aveva in listino anche i cavi corti.
Comunque col manubrio piatto la moto è molto più bella e ha un'aria slanciata e sportiva ... poi è questione di gusti.

Ciao!
 
10029133
10029133 Inviato: 13 Giu 2010 4:47
 

Sportcity4road ha scritto:
Ecco, appunto, più di 3.500/4.000 € non vorrei spenderci... E l'H1B ha il disco anteriore, quindi una sicurezza in più... eusa_think.gif


Scusate se mi intrometto, premesso che che con quelle cifre puoi trovare solo le ultime versioni H1D-E-F, molto meno apprezzate delle precedenti, ma un po' più razionali e facili da guidare, voglio dirti che il tuo approccio non è corretto.

Quando compri una moto d'epoca non puoi porti il problema del freno, è come se un miliardario non comprasse una preziosissima e rarissima e costosissima Isotta Fraschini solo perchè ha i freni a tamburo!!! ... Ma ti pare???

Se adottassimo questo criterio tutte le moto d'epoca col freno a tamburo sarebbero da scartare.

Qualche tempo fa ho avuto la fortuna di guidare alternativamente per un giorno intero un'H1B e un'H1 rossa del '70 coi freni a tamburo.

L'H1B è una bella moto, potente, progressiva e stabile nonostante le cazzate che dicono quelli che non ne hanno MAI guidata una di persona.

Però posso dirti con ASSOLUTA certezza che, se dovessi scegliere, non avrei nemmeno un attimo di esitazione a prendere l'H1 '70 o l'H1A '71 coi freni a tamburo.

Ti assicuro che con l'olio SAE 20 nella forcella (la casa prescrive il SAE 10) e le ganasce nuove e BEN REGOLATE, la moto frena discretamente e a velocità ragionevoli si mantiene in traiettoria senza troppi problemi. Quel freno a tamburo è a doppia camma e se le camme non sono sincronizzate correttamente frena veramente poco.

Poi sei tu che guidi e nessuno ti obbliga a spalancare il gas a sproposito nè ad andare per lunghe discese a tutto gas e staccare alla Valentino Rossi facendo arroventare i freni.
E' è ovvio che con quei i freni è bene anticipare la frenata e mantenere una corretta distanza di sicurezza, e un po' di senno quando si "gira" la manopola giova alla tua salute e a quella della moto.

Poi non ascoltare tutte le cazzate sparate da chiaccheroni e incompetenti individui che girano per i forum sproloquiando quà e là, di queste moto, SU QUESTO e su altri forum si raccontano sciocchezze inaudite e ogni giorno se ne sentono di nuove, sempre più fantasiose e incredibili.

Il motore delle prime versioni, fino al '71 è meno potente ai bassi e medi regimi, ma quando entra in coppia parte come un jet, suona come una turbina e spinge veramente forte, più forte delle altre, una vera libidine!

Ciao!
 
10029136
10029136 Inviato: 13 Giu 2010 5:25
 

kawa2t ha scritto:
Si, avevo capito, che tu avevi capito, c'era uno con un h2a oro, un altro con un h2 azzurro, con il casco jet, ed io, polo bianca e casco integrale grigio, e naturalmente h2 azzurro.
I due servizi sull'h1 e h2 sono belli pure perchè intervistano un personaggio famosissimo tra i kawasakari romani e non solo, nella sua officina, rimasta come era negli anni '70, Betto Zambotti, che è stato il primo nel '69 a vendere kawa, e alla sua veneranda età (non sò quanti anni abbia, ma me lo ricordo anziano quando io ero ragazzo), va ancora in moto.


Sai dirmi dove si trova l'officina Zambotti a Roma?

Grazie!
 
10033181
10033181 Inviato: 13 Giu 2010 22:39
 

Per Deanm:la prima pubblicità uscita in Italia del kawa 500 h1 è quello della giapponesina aaedere sul kawa rosso,lei ha il cappello e stivali rossi e bianchi,e minigonna bianca;la mia è identica con lo stesso manubrio che impugna la ragazza;è per quello che sono indeciso tra la comodità e la fedeltà all'originale,oppure cambiare e mettere il manubrio "basso e dritto"che rende la moto molto più bella e grintosa dal punto di vista estetico,ma gli togli fedeltà.Saluti
 
10033406
10033406 Inviato: 13 Giu 2010 23:08
 

carracci ha scritto:
Per Deanm:la prima pubblicità uscita in Italia del kawa 500 h1 è quello della giapponesina aaedere sul kawa rosso,lei ha il cappello e stivali rossi e bianchi,e minigonna bianca;la mia è identica con lo stesso manubrio che impugna la ragazza;è per quello che sono indeciso tra la comodità e la fedeltà all'originale,oppure cambiare e mettere il manubrio "basso e dritto"che rende la moto molto più bella e grintosa dal punto di vista estetico,ma gli togli fedeltà.Saluti

Ma prima che venisse fuori quella foto, la Kawasaki aveva già venduto parecchie H1 '69 bianche con fascia blu e antracite, e tutte col manubrio piatto e i cavi corti, quindi originali.

Anche il primo esemplare provato da Motociclismo, di cui conservo ancora la prova su strada acquistata nell'estate '69, ha il manubrio piatto.

Hai verificato se la tua moto è versione americana o europea?

L'estetica rimane un fatto personale, può piacere nell'uno o nell'altro modo.

Io ho provato l'uno e l'altro, la moto rimane maneggevolissima con ambedue i manubri essendo molto leggera, quello alto è appena un po' più confortevole, ma la moto si impenna più facilmente.

Ciao!
 
10038306
10038306 Inviato: 14 Giu 2010 20:21
 

La mia è Americana, l'ho targata con l'FMI 2 anni fa
 
10040775
10040775 Inviato: 15 Giu 2010 10:47
 

Ciao, personalmente starei il più possibile sull'originalità del modello, se ti capita di provarne una con il manubrio dritto vedrai che le differenze non sono molte, solo alle alte velocità, parlo da 140 kmh in su, con il dritto ti trovi meglio, ma sul misto allegro i manubri si equivalgono, poi il lato estetico è un puro fattore personale.
Al museo della Kawasaki in Svizzera gli esemplari di H1 bianco e quello rosso avevano il manubrio alto.
 
10045182
10045182 Inviato: 15 Giu 2010 20:50
 

Siete sicuri che in Italia non arrivavano tutti con il manubrio alto, ma smontate, in casse di legno? e nel montarle i vari concessionari, e all'inizio quando alle moto giapponesi non ci credeva nessuno, i concessionari erano più che altro meccanici, che si erano messi a vendere quelle novità, non le montavano con il manubrio a stecca o quello un pochino più alto tipo h1d, reputato quello originale troppo turistico per gli "sportivi" motociclisti italiani?
Bisognerebbe chiederlo a chi a quei tempi le montava!
 
10045840
10045840 Inviato: 15 Giu 2010 22:09
 

kawa2t ha scritto:
Siete sicuri che in Italia non arrivavano tutti con il manubrio alto, ma smontate, in casse di legno? e nel montarle i vari concessionari, e all'inizio quando alle moto giapponesi non ci credeva nessuno, i concessionari erano più che altro meccanici, che si erano messi a vendere quelle novità, non le montavano con il manubrio a stecca o quello un pochino più alto tipo h1d, reputato quello originale troppo turistico per gli "sportivi" motociclisti italiani?
Bisognerebbe chiederlo a chi a quei tempi le montava!


Non è credibile che TUTTI i concessionari d'Italia si siano messi TUTTI d'accordo per buttare i loro soldi dalla finestra e montare a loro spese TUTTI lo stesso tipo di manubrio basso originale e abbiano buttato nella spazzatura TUTTI i manubri all'americana e TUTTI i cavi freno, frizione, starter, acceleratore!!!

Le cose stanno diversamente.
La Kawasaki ha sempre avuto in catalogo per l'H1 Mach III 1969-1972 DUE soli manubri : il 46003-005 quello piatto coi cavi corti, e quello alto americano 46003-017 coi cavi lunghi.
Il tipo intermedio fu costruito per l'H1D nel 1973, prima non esisteva.

I manubri piatti montati su quelle moto sono originali Kawasaki, anche se poi la Tommaselli e qualche altra casa italiana fecero delle repliche meno costose.

Evidentemente la Kawasaki ha ritenuto opportuno fornire tutte le moto italiane, tedesche e di molti altri paesi europei con un equipaggiamento più consono alla tradizione, alle strade e alla guida europea.
Ricordiamoci che in Europa all'epoca non c'erano quasi limiti di velocità, mentre negli Stati Uniti il limite di 60 Mph era già molto severo.

Con il MASSIMO rispetto per chi preferisce il manubrio alto .... ve l'immaginate cosa succede in rettilineo ad una moto così leggera d'avantreno con quel manubrio?

Come dicevo, io li ho provati ambedue e ad andature MOLTO turistiche va bene tutto, ma non dimentichiamo che la moto di serie più potente mai costruita non nasceva per il turismo tranquillo!


Ciao! Deanm
 
10046253
10046253 Inviato: 15 Giu 2010 22:54
 

Per Ds 23 grazie per l'informazione sul museo svizzero,il problema è sempre quello:si deve andare di storicità o di bellezza?Il manubrio a "stecca"della Tommaselli è lì in un angolo che mi guarda,devo solo decidere !Lamps
 
10051522
10051522 Inviato: 16 Giu 2010 19:34
 

deanm ha scritto:


Non è credibile che TUTTI i concessionari d'Italia si siano messi TUTTI d'accordo per buttare i loro soldi dalla finestra e montare a loro spese TUTTI lo stesso tipo di manubrio basso originale e abbiano buttato nella spazzatura TUTTI i manubri all'americana e TUTTI i cavi freno, frizione, starter, acceleratore!!!

Le cose stanno diversamente.
La Kawasaki ha sempre avuto in catalogo per l'H1 Mach III 1969-1972 DUE soli manubri : il 46003-005 quello piatto coi cavi corti, e quello alto americano 46003-017 coi cavi lunghi.
Il tipo intermedio fu costruito per l'H1D nel 1973, prima non esisteva.

I manubri piatti montati su quelle moto sono originali Kawasaki, anche se poi la Tommaselli e qualche altra casa italiana fecero delle repliche meno costose.

Evidentemente la Kawasaki ha ritenuto opportuno fornire tutte le moto italiane, tedesche e di molti altri paesi europei con un equipaggiamento più consono alla tradizione, alle strade e alla guida europea.
Ricordiamoci che in Europa all'epoca non c'erano quasi limiti di velocità, mentre negli Stati Uniti il limite di 60 Mph era già molto severo.

Con il MASSIMO rispetto per chi preferisce il manubrio alto .... ve l'immaginate cosa succede in rettilineo ad una moto così leggera d'avantreno con quel manubrio?

Come dicevo, io li ho provati ambedue e ad andature MOLTO turistiche va bene tutto, ma non dimentichiamo che la moto di serie più potente mai costruita non nasceva per il turismo tranquillo!


Ciao! Deanm


Se sei sicuro di quello che dici posso evitare di domandarlo a vecchi concessionari, anche se ora siamo fissati con l'originalità, all'epoca non ricordo nessuna Honda four o kawa 900 con le sue marmitte, ma con i 4 in 1 Marwing, nessuna moto senza le manopole in para, ammortizzatori a gas e tanti altri accessori after market, che chi non li aveva era out.
 
10051870
10051870 Inviato: 16 Giu 2010 20:15
 

Ricordo bene quando entrai in concessionaria Honda a comprare il 350 Four,aspettai 2 o 3 giorni in più per averla col manubrio a "stecca" e la sella a "panettone"e l'anno dopo da verde la feci tutta bianca con filetti serbatoio oro,e steli forcella scoperti;un'altra uguale non c'era,praticamente ogni moto era firmata,due uguali non c'erano!
 
10055847
10055847 Inviato: 17 Giu 2010 12:46
 

Allora era doveroso trasformare le moto, manubri bassi, selle scamosciate e bombate, pedane arretrate, ammortizzatori sportivi, 4 in 1 e coni ai carburatori erano la regola, io feci montare un Kit Termignoni da 1200 cc e 120 cv sulla mia testanera spendendo allora una follia per trovarmi tra le gambe una moto inguidabile, nel senso che sotto i 3000 giri andava avanti a strappi e borbottii, ma come superava i 3000 giri partiva a cannono, solo che i 3000 giri in quinta erano 90 kmh, praticamente bisognava andare sempre oltre i 90 kmh!
Ora invece quelle moto sono diventate degli oggetti di culto, di passione, alcuni sono pezzi rari e stà nel cuore di chi li possiede decidere cosa fare, cè chi la vuole tutta originale e restaurata, come la vedeva allora nelle vetrine dei concessionari, chi la vuole originale ma conservata (io) con i segni del tempo e tutta la loro storia palpabile, chi le preferisce modificate come allora, chi stile cafè racer, insomma il mondo è bello perchè vario!
 
10056415
10056415 Inviato: 17 Giu 2010 13:50
 

ds23ie1970 ha scritto:
Allora era doveroso trasformare le moto, manubri bassi, selle scamosciate e bombate, pedane arretrate, ammortizzatori sportivi, 4 in 1 e coni ai carburatori erano la regola, io feci montare un Kit Termignoni da 1200 cc e 120 cv sulla mia testanera spendendo allora una follia per trovarmi tra le gambe una moto inguidabile, nel senso che sotto i 3000 giri andava avanti a strappi e borbottii, ma come superava i 3000 giri partiva a cannono, solo che i 3000 giri in quinta erano 90 kmh, praticamente bisognava andare sempre oltre i 90 kmh!
Ora invece quelle moto sono diventate degli oggetti di culto, di passione, alcuni sono pezzi rari e stà nel cuore di chi li possiede decidere cosa fare, cè chi la vuole tutta originale e restaurata, come la vedeva allora nelle vetrine dei concessionari, chi la vuole originale ma conservata (io) con i segni del tempo e tutta la loro storia palpabile, chi le preferisce modificate come allora, chi stile cafè racer, insomma il mondo è bello perchè vario!


Non c'è nulla di nuovo, non era la moda degli anni '70, ancora oggi tantissime supersportive montano tubi freno speciali, bullonerie in titanio variopinte, centraline elettroniche speciali, costosissimi scarichi in titanio, dischi freno smerlettati etc... e continuano ad esistere migliaia di ditte che costruiscono accessori e pezzi speciali.

Comunque il mercato premia solo l'originalità, sono le moto fedeli all'originale quelle che spuntano i prezzi più alti e le differenze sono anche del 100%.
Lo stesso vale per i ricambi, ancora oggi per le Kawa Z1900 i si trovano i 4 in 1 Marving nuovi di magazzino a qualche centinaio di euro, mentre le marmitte esatta riprodizione dell'originale, costano intorno ai 2000 euro!

Ciao! Deanm
 
10061511
10061511 Inviato: 18 Giu 2010 10:23
 

deanm ha scritto:


Non c'è nulla di nuovo, non era la moda degli anni '70, ancora oggi tantissime supersportive montano tubi freno speciali, bullonerie in titanio variopinte, centraline elettroniche speciali, costosissimi scarichi in titanio, dischi freno smerlettati etc... e continuano ad esistere migliaia di ditte che costruiscono accessori e pezzi speciali.

Comunque il mercato premia solo l'originalità, sono le moto fedeli all'originale quelle che spuntano i prezzi più alti e le differenze sono anche del 100%.
Lo stesso vale per i ricambi, ancora oggi per le Kawa Z1900 i si trovano i 4 in 1 Marving nuovi di magazzino a qualche centinaio di euro, mentre le marmitte esatta riprodizione dell'originale, costano intorno ai 2000 euro!

Ciao! Deanm


Naturalmente, se uno guarda la originalità e il valore di mercato, ben fà a documentarsi sul minimo particolare, allora potrà dire: posseggo un oggetto dal valore di tot.., e più è originale e più vale tot, ma se uno non ha animo bottegaio, ma nostalgia delle cose belle e brutte che ha vissuto da ragazzo, di cose che rifarebbe e altre che cancellerebbe, e in quegli anni si viveva intensamente, e si moriva facilmente, molti amici non li abbiamo più, o perchè caduti per l'eroina, o per vivere troppo intensamente quegli anni violenti, e ogni tanto avendo nostalgia della gioventù e delle cose belle, o ricordando qualcuno, ti viene in mente il kawasaki che possedevi con la sella bianca, e lo vorresti uguale, non pensando che con la sella bianca di valore perde tot..

Ma il mio pensiero è forse solo indice di vecchiaia.
 
10063002
10063002 Inviato: 18 Giu 2010 13:44
 

kawa2t ha scritto:


Naturalmente, se uno guarda la originalità e il valore di mercato, ben fà a documentarsi sul minimo particolare, allora potrà dire: posseggo un oggetto dal valore di tot.., e più è originale e più vale tot, ma se uno non ha animo bottegaio, ma nostalgia delle cose belle e brutte che ha vissuto da ragazzo, di cose che rifarebbe e altre che cancellerebbe, e in quegli anni si viveva intensamente, e si moriva facilmente, molti amici non li abbiamo più, o perchè caduti per l'eroina, o per vivere troppo intensamente quegli anni violenti, e ogni tanto avendo nostalgia della gioventù e delle cose belle, o ricordando qualcuno, ti viene in mente il kawasaki che possedevi con la sella bianca, e lo vorresti uguale, non pensando che con la sella bianca di valore perde tot..
Ma il mio pensiero è forse solo indice di vecchiaia.


Premesso che non è bello ciò che è bello, ma è bello SOLO ciò che piace,

mi sembra quantomeno riduttivo paragonare a miserabili BOTTEGAI tutti coloro che amano le moto originali.

Ciao!
 
10064790
10064790 Inviato: 18 Giu 2010 19:44
 

Per Kawa 2t,sarà anche indice di vecchiaia,ma se cominciamo a ricordare cosa potevamo fare,senza divieti,senza caschi,ai130/150 sorridavamo tutti,(perchè l'aria allarga le labbra),4in 1 omologati? divieti di velocità? pezzi fatti incasa,revisioni?Io ricordo(che brutta parola)molta più libertà!Per me di morti ce ne sono di più oggi,ogni albero in collina ha un fiore !! Una volta venivano chiamati birilli.
 
10066666
10066666 Inviato: 19 Giu 2010 2:19
 

deanm ha scritto:


Premesso che non è bello ciò che è bello, ma è bello SOLO ciò che piace,

mi sembra quantomeno riduttivo paragonare a miserabili BOTTEGAI tutti coloro che amano le moto originali.

Ciao!


Non vorrei che mi avessi frainteso, volevo solo dire che molti come me se ne fregano che montando un pezzo after market dell'epoca perda di valore il mezzo, tanto non lo venderanno mai, e il valore è dato soltanto dai suoi ricordi, poi se qualcuno vuole il pezzo come era in vetrina senza essere vissuto, ben fà a cercare l'originalità, il "miserabili BOTTEGAI" l'hai aggiunto tu, io ho solo detto che non ho l'animo bottegaio, cioè che non mi interessa il valore, ma solo ciò che per me rappresentano, e le emozioni che mi hanno fatto vivere da ragazzo e continuano a farlo.
Non era assolutamente mia intenzione offendere nessuno, e se qualcuno ci sia rimasto male me ne dispiace, ma basta rileggere attentamente per capire che non ce l'avevo con nessuno, tanto meno con chi ama i Kawasaki, ma c'è chi ama l'oggetto per l'oggetto stesso, e chi lo ama ciò che rappresenta.
Capisco che scrivere nei forum non è come parlare a 4 occhi, e spesso ci si fraintende, ma se hai visto nuvolari c'è il mio 750 h2 tutto originale, meno il manubrio, che ho cambiato perchè reputavo più comodo quello del 500 h1d, ma ho anche la stecca e quello "americano" nel box, ma non li uso, fregandomene di ciò che dice la gente, l'altro h2 del servizio aveva le trombette ai carburatori, ma conoscendolo molto bene, sò che ha scatola e filtro in casa che non usa, perchè gli piace sentire il rumore dell'aspirazione, pur sentendosi criticare sempre, ma non gli importa nulla.
Ognuno di noi ha le sue idee, giuste o sbagliate sono idee, e per questo cerco di rispettarle tutte e non offenderei mai nessuno.
Sperando di essermi chiarito saluto doppio_lamp_naked.gif
 
10066886
10066886 Inviato: 19 Giu 2010 8:37
 

OK, no problem!

Ciao, Deanm
 
10486259
10486259 Inviato: 30 Ago 2010 22:11
 

ds23ie1970 ha scritto:
L'H1B è stata la prima Kawasaki 500 a montare il freno a disco anteriore,l'avantreno è lo stesso della solrella maggiore la 750 uscita nello stesso anno.
Sicuramente migliora la guidabilità e la frenata, sia per la forcella più grossa ed il disco, ma diminuisce la tendenza all'impennata per la diversa inclinazione del canotto di sterzo, il peso della moto aumentato e la mancanza di qualche CV per migliorare la fludità dell'accellerazione e rientrare nelle norme antinquinamento USA.
IL "difetto" dell'H1B è l'accensione, misteriosamente a puntine invece della solita e collaudata accensione elettronica.
Con quelle con accensione elettronica ho fatto migliaia di km senza nessun inconveniente, con l'H1B, ne ho avute 3 e ne stò rimettendo in vita un'altra, non ho mai percorso più di 3-400 km tra una regolazione e l'altra.
La Kawasaki uscì nel 1969 con l'accensione elettronica quando ancora tutte le inglesi, le tedesche e le italiane, e anche le giapponesi uscivano con l'accensione a puntine.
Solo in Francia, per u'assurda legge militare che vietava sui veicoli l'uso di accensioni elettroniche in quanto potevano interferire con apparecchiature di controllo, le H1 venivano vendute con l'accensione a puntine.


ciao, sono luciano e sono in procinto di acquistare una 500 mach 3 del 1974 e avrei bisogno del manuale d'officina. Sai dove posso procurarmelo?
grazie
 
10487705
10487705 Inviato: 31 Ago 2010 9:32
 

Ciao Luciano, cos'è una D o una E ? anche se meccanicamente non cambia nulla.
Com'è messa e quanto ti costa? stai attento perchè un restauro o una riparazione ti possono costare una follia, purtroppo cè chi su quelle moto ne approfitta alla grande.
metti una foto
 
10494495
10494495 Inviato: 1 Set 2010 10:52
 

ds23ie1970 ha scritto:
Ciao Luciano, cos'è una D o una E ? anche se meccanicamente non cambia nulla.
Com'è messa e quanto ti costa? stai attento perchè un restauro o una riparazione ti possono costare una follia, purtroppo cè chi su quelle moto ne approfitta alla grande.
metti una foto


ciao,a dire il vero devo ancora andare a vederla; so solo che è del 1973 e di colore verde. Il tizio chiede circa 3200 euro è omologata ASI con targa e libretto originali. Una cosa che mi interessa, tra l'altro, è la possibilità di scaricare o trovare, magari sul Mulo, il manuale d'officina che è di vitale importanza per la manutenzione.
 
10498144
10498144 Inviato: 1 Set 2010 20:39
 

Ciao,per quel prezzo,con iscrizione Asi,io la prenderei,sia D o E.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 3 di 5
Vai a pagina Precedente  12345  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum KawasakiForum Kawasaki Generale e Altri Modelli

Forums ©