Leggi il Topic


Indice del forumForum Suzuki

   

Pagina 1 di 1
 
Suzuki Gsx-550-Ef [problemi: per voi a cosa sono dovuti??]
6631955
6631955 Inviato: 29 Dic 2008 15:04
Oggetto: Suzuki Gsx-550-Ef [problemi: per voi a cosa sono dovuti??]
 

Ragazzi mio zio possiede questa moto del 1985...purtroppo non la usa causa problemi vari quali:

icon_arrow.gif In autostrada quando è solo la moto sopra i 100 km/h comincia a sbacchettare improvvisamente rendendo la guida pericolosa. Se è con passeggero tutto normale...

icon_arrow.gif A freddo la moto affoga e la carburazione è pessima, ha girato moltissime officine suzuki ma non si capisce il problema...

Cosa potrebbero essere queste cose icon_question.gif
Inoltre a 18 anni come potrebbe essere come prima moto icon_question.gif
Grazie in anticipo per le risposte icon_wink.gif
 
6632142
6632142 Inviato: 29 Dic 2008 15:19
Oggetto: Re: Suzuki Gsx-550-Ef
 

The_Godfather ha scritto:
Ragazzi mio zio possiede questa moto del 1985...purtroppo non la usa causa problemi vari quali:

icon_arrow.gif In autostrada quando è solo la moto sopra i 100 km/h comincia a sbacchettare improvvisamente rendendo la guida pericolosa. Se è con passeggero tutto normale...

icon_arrow.gif A freddo la moto affoga e la carburazione è pessima, ha girato moltissime officine suzuki ma non si capisce il problema...

Cosa potrebbero essere queste cose icon_question.gif
Inoltre a 18 anni come potrebbe essere come prima moto icon_question.gif
Grazie in anticipo per le risposte icon_wink.gif


ho avuto una moto identica a questa ma ciò che dico è valido per qualsiasi moto

- nel 99% dei casi, uno sbacchettamento come descritto dipende dalle cattive condizioni di usura, pressione o qualità della gomma POSTERIORE (per quanto possa sembrare strano!)

nel rimanente 1% dei casi, dalla presenza di un (grosso?) bauletto montato sul portapacchi...

- per il problema riguardante la carburazione non è possibile fare ipotesi a distanza in quanto potrebbe dipendere da molti fattori, anche non strettamente legati alla carburazione. bisognerebbe vedere la moto...
 
6634782
6634782 Inviato: 29 Dic 2008 21:19
Oggetto: Re: Suzuki Gsx-550-Ef
 

de_corsa ha scritto:
The_Godfather ha scritto:
Ragazzi mio zio possiede questa moto del 1985...purtroppo non la usa causa problemi vari quali:

icon_arrow.gif In autostrada quando è solo la moto sopra i 100 km/h comincia a sbacchettare improvvisamente rendendo la guida pericolosa. Se è con passeggero tutto normale...

icon_arrow.gif A freddo la moto affoga e la carburazione è pessima, ha girato moltissime officine suzuki ma non si capisce il problema...

Cosa potrebbero essere queste cose icon_question.gif
Inoltre a 18 anni come potrebbe essere come prima moto icon_question.gif
Grazie in anticipo per le risposte icon_wink.gif


ho avuto una moto identica a questa ma ciò che dico è valido per qualsiasi moto

- nel 99% dei casi, uno sbacchettamento come descritto dipende dalle cattive condizioni di usura, pressione o qualità della gomma POSTERIORE (per quanto possa sembrare strano!)

nel rimanente 1% dei casi, dalla presenza di un (grosso?) bauletto montato sul portapacchi...

- per il problema riguardante la carburazione non è possibile fare ipotesi a distanza in quanto potrebbe dipendere da molti fattori, anche non strettamente legati alla carburazione. bisognerebbe vedere la moto...


Grazie delle risposte icon_wink.gif

La moto comunque ha problemi di avviamento a freddo e finchè il motore non entra in temperatura fà storie ed è ingovernabile...come si scalda tutto a posto, un vero gioiellino...
 
7014422
7014422 Inviato: 20 Feb 2009 13:50
 

io avevo due gsx-550 -e con le 6 marcie in bella vista sul cruscotto...
una bianca e rossa e l'altra bianco perlato - azzurro- blu chiaro...erano del 1982 entrambi...la mia prima "vera" moto che portai addiritura agli esami per la patente...tutti avevano enduro e io questa....bei ricordi comunque...e veramente affidabile... icon_biggrin.gif
 
8077654
8077654 Inviato: 12 Lug 2009 13:35
 

Ragazzi riuppo questo topic per aggiornavi un po'... icon_wink.gif
La moto è sempre in stato di fermo, parlando con dei meccanici Suzuki che conoscono a fondo questa moto è stato detto che potrebbero essere i "pippotti" delle candele (cose che effettivamente non è mai stata cambiata) che non danno abbastanza corrente per fare una scintilla come si deve... icon_wink.gif

Se la prenderò Io pensavo di farci un cambio olio, filtro olio, filtro aria, freni (olio e pastiglie), pippotti candele, candele, batteria ed infine una pulizia generale ed una carburazione... icon_wink.gif

La moto ha quasi 54000 km, il motore però è nuovo e non ha nemmeno 12000 km, però ormai è fermo da 5 anni se non di più, dite che ancora quanto potrà camminare icon_question.gif

Grazie in anticipo... icon_wink.gif
 
8821686
8821686 Inviato: 9 Nov 2009 13:36
 

Per tutti coloro che hanno difficoltà ad accendere e governare la GSX 550 ef
a freddo che provino a cambiare le candele indicate dalla Suzuki con delle candele più facili
Tipo le NGK DR7 o B7 al posto delle più "fredde" DR9 o B8 o B9 e poi mi sapranno dire.
 
8855212
8855212 Inviato: 15 Nov 2009 20:06
 

dakota1 ha scritto:
Per tutti coloro che hanno difficoltà ad accendere e governare la GSX 550 ef
a freddo che provino a cambiare le candele indicate dalla Suzuki con delle candele più facili
Tipo le NGK DR7 o B7 al posto delle più "fredde" DR9 o B8 o B9 e poi mi sapranno dire.


Grazie 1000, proverò subito appena avrò la moto sotto mano... icon_wink.gif
Non c'è rischio di rovinare qualcosa mettendo candele più calde delle originali icon_question.gif
 
8858269
8858269 Inviato: 16 Nov 2009 14:13
 

Montando delle candele più "facili" non succede proprio nulla, le moto
antecedenti il 1990 sono carburate per la benzina -rossa- ed in modo "abbondante",
con la -verde- l'accensione è più difficile ed il motore tende ad ingolfarsi,
la candela "tenera" o più "calda" ovvia a questo incnveniente. Tutto quello che può
succedere è che a moto calda quando ci sarà molto caldo qulche candela possa "cuocersi"
e far sbagliare qualche colpo al motore, tutto qui.
Allora rispondo anche agli altri due interrogativi:
1°, per un ragazzo di 18 anni se a termini di legge gli è possibile guidarla su strade pubbiche
è secondo il mio parere decisamente troppo veloce.
2°,lo sbacchettamento in rettilineo è dovuto al retrotreno che o è trppo leggero come
sospensione quindi è necessario irrigidirlo (avvitando la manopola di regolazione della
sospensione), o il pneumatico sempre posterire si è indurito al punto tale che quando c'è
il solo pilota il suo peso non è sufficiente a schiacciare i tasselli del pneumatico sull'asfalto
e quindi rotolando trasmette all'avantreno le sue sconnessioni facendolo dondolare.
Necessiterebbe un pneumatico nuovo ma indurendo la sospensione si può eliminare di molto,
intuitivamente, il problema.
Io con una moto così c'ho fatto anche 1000 Km in neanche due giorni e non di autostrada!
 
8858732
8858732 Inviato: 16 Nov 2009 15:31
 

dakota1 ha scritto:
Montando delle candele più "facili" non succede proprio nulla, le moto
antecedenti il 1990 sono carburate per la benzina -rossa- ed in modo "abbondante",
con la -verde- l'accensione è più difficile ed il motore tende ad ingolfarsi,
la candela "tenera" o più "calda" ovvia a questo incnveniente. Tutto quello che può
succedere è che a moto calda quando ci sarà molto caldo qulche candela possa "cuocersi"
e far sbagliare qualche colpo al motore, tutto qui.
Allora rispondo anche agli altri due interrogativi:
1°, per un ragazzo di 18 anni se a termini di legge gli è possibile guidarla su strade pubbiche
è secondo il mio parere decisamente troppo veloce.
2°,lo sbacchettamento in rettilineo è dovuto al retrotreno che o è trppo leggero come
sospensione quindi è necessario irrigidirlo (avvitando la manopola di regolazione della
sospensione), o il pneumatico sempre posterire si è indurito al punto tale che quando c'è
il solo pilota il suo peso non è sufficiente a schiacciare i tasselli del pneumatico sull'asfalto
e quindi rotolando trasmette all'avantreno le sue sconnessioni facendolo dondolare.
Necessiterebbe un pneumatico nuovo ma indurendo la sospensione si può eliminare di molto,
intuitivamente, il problema.
Io con una moto così c'ho fatto anche 1000 Km in neanche due giorni e non di autostrada!


Quindi in definitiva che candele consigli icon_question.gif
Inoltre bisogna agire e modificare qualcosa ai carburatori icon_question.gif

Per la regolazione del mono come regolo icon_question.gif
Grazie in anticipo icon_wink.gif
 
8858763
8858763 Inviato: 16 Nov 2009 15:36
 

dakota1 ha scritto:
...
2°,lo sbacchettamento in rettilineo è dovuto al retrotreno che o è trppo leggero come
sospensione quindi è necessario irrigidirlo (avvitando la manopola di regolazione della
sospensione), o il pneumatico sempre posterire si è indurito al punto tale che quando c'è
il solo pilota il suo peso non è sufficiente a schiacciare i tasselli del pneumatico sull'asfalto
e quindi rotolando trasmette all'avantreno le sue sconnessioni facendolo dondolare.
Necessiterebbe un pneumatico nuovo ma indurendo la sospensione si può eliminare di molto,
intuitivamente, il problema....


non è proprio così...

d'accordo per la responsabilità della gomma posteriore (infatti nel 90% dei casi la responsabilità di uno sbacchettamento risiede nella gomma posteriore) ma la tua teoria del peso (meno valida di quanto sembra perché irrigidendo la molla il peso sulla gomma rimane lo stesso a meno di non considerare dei valori istantanei di picco che si generano solo nelle fasi iniziali di uno schiacciamento della sospensione) si scontra contro la realtà dei fatti che vede spesso un miglioramento delle condizioni di aderenza del retro se la molla si ammorbidisce invece di indurire!!

la riprova empirica di questo potrebbe risiedere nel verificare che tali sbacchettamenti non si verifichino col passeggero a bordo: anche in questo caso il motivo può non risiedere in un'eccessiva stagionatura o usura della gomma ma semplicemente in un precarico eccessivo per il pilota da solo (ma buono in due)
del resto è per questo che esiste la possibilità di precaricare le molle!!

ad ogni modo ho usato a lungo una moto simile e se l'ammortizzatore è a posto nella sua idraulica, si tratta certamente della gomma posteriore indurita o troppo consumata.
la moto, col suo cerchio anteriore da 16" è molto sensibile alle condizioni della gomma posteriore.
la ricordo tuttavia come una moto molto valida, piacevole e veloce su strada (a patto di non farla scendere troppo sotto i 10.000giri...) e perfino in città.
 
8861170
8861170 Inviato: 16 Nov 2009 21:27
 

Ho sentito mio zio e la moto DOVREBBE montare le 9 di grado termico...passare ad una 8 o direttamente mettere la 7 icon_question.gif
 
8863081
8863081 Inviato: 17 Nov 2009 10:19
 

Certo che la candela è la -9-, ma qui non siamo di fronte ad una moto attuale e nuova bensì ad una
motocicletta di un'altra epoca e non più nuova, inoltre se ricordo bene che è anche stata ferma per
un tempo cosiderevole.
Per spiegare le conseguenze di questi vari fattori racconterò un aneddotino.

Si dice che Napoleone Bonaparte avesse promesso un ricco compenso a chiunque fosse riuscito a farlo diventare fisicamente più alto. Io gli avrei detto: Napoleone, lo sai che la spina dorsale è
composta da un N° x di vertebre? Se riesci a distaccarle una dall'altra di appena 1 mm se sono
ad esempio 30 crescerai di colpo di 3 cm! Prova a misurare la tua altezza al mattino appena alzato da letto e poi alla sera e ti accorgerai che la misura non è la stessa, riposando distesi ci si allunga.
Inoltre tonificando i muscoli del dorso si stà più eretti gli anelli della spina dorsale vengono più stretti
quindi si allontanano uno dall'altro quindi si risulta più alti. Oltre a cio' possiamo aggiungere che se
esistono problemi di -cifosi- (gobba) e -lordosi- (sedere sporgente) togliendoli si può alzare la statura
anche di 5 cm in un colpo solo.
Cosa ha a che fare tutto questo con la "GSX"? Ha a che fare perchè sono due casi simili.
Non è un singolo fattore che causa le irregolarità di funzionamento ma una serie di fattori che
assommati generano i vari problemi.
Gli ammortizzatori vorrebbero regolati sia sulla molla che sui passaggi di olio o gas invece quasi sempre si agisce soltanto su una delle due parti quindi cio' che ne risulta è sempre un compromesso.
Provare, bisogna provare,quello che va bene per una moto per un'altra può non andare bene.
L'olio delle forcelle anteriori ad esempio, andrebbe cambiato almeno ogni 20.000 Km o 4 anni e chi l
lo fa?
La "GSX 550" ha un motore che la porta in sesta marcia dai 40 Km/h a 2000 giri ai 200Km/h a 10.000 giri senza cambiare, io posso permettermi di girare i città anche in sesta marcia e con mia
moglie come passeggero, accelerare e tener dietro a moto molto più grosse e moderne, e le mie
non sono bugie.Tutto questo percorrendo in media intorno ai 20 Km con un litro di benzina verde.
Candele NGK 7 o similari, i quattro cilindri che spingano tutti allo stesso modo (mentre il motore è
al minimo si stacca una pipetta e si sente che rumore fanno gli altri tre cilindri, si ripete l'operazione
per ogni cilindro ed il rumore deve risultare sempre lo stesso), ed ammortizzatore posteriore con
la manopola di regolazione a metà della scala graduata con pneumatico alla giusta pressione:
poi una bella volata e si vede come va, se si nota una qualche differenza allora vuol dire che la moto
è ancora viva e sarà sufficiente trovare la cura per rimetterla in sesto.
Coraggio che è un veicolo che vale! Ricordarsi però che ad oggi meccanici riparatori ne esistono pochi, esistono di solito meccanici "sostitutori" che è una categoria diversa.
Quando una moto non è più nuova i dati "uso e manutenzione" diventano un consiglio poi sta
all'intelligenza e sapere del riparatore, lo stesso farmaco deve essere somministrato a seconda
dell'età e caratteristiche del paziente nonchè del lavoro che svolge.
nè strappare
 
8863148
8863148 Inviato: 17 Nov 2009 10:38
 

Sono sempre io,
dimenticavo un dato estremamente importante: la distanza degli elettrodi delle candele.
Mettere gli elettrodi alla distanza che permette alla moto di funzionare bene fregandosene
letteralmente dei vari dati dichiarati dai rispettivi costruttori sia di moto cjhe candele.
Non si accende!?
Mettere gli elettrodi a 0.60 mm e provare, se si accende è fatta, la corrente è insufficiente
a far scoccare la scintilla tra gli elettrodi posizionati a maggiore distanza. Per avere più
corrente se fosse necessario rifare interamente l'impianto se a soldi ce la fate fate pure.
Altrimenti uscite dalle regole, girate con gli elettrodi a 0,60 e non andatelo a dire a nessuno,
tanto non se ne accorgerà proprio nessuno e non essendo le nostre delle moto da record
non gli succederà proprio niente, a noi al contrario se non terremo gli occhi ben aperti potrà
capitere di andare a sbattere.
 
8864807
8864807 Inviato: 17 Nov 2009 16:27
 

dakota1 grazie mille di tutte le tue spiegazoni, come ti ho già detto appena avrò la moto sotto mano proverò tutto quello che mi hai detto e vedremo un po' se si riuscirà a metterla a posto... icon_wink.gif
 
8873773
8873773 Inviato: 19 Nov 2009 0:26
 

ho riportato in vita un gsx 550 prima dell'estate ed ora ci giro tranquillamente.
Penso che i suggerimenti di Dakota siano tutti giusti visto che anche le mie candele, anche se ho una carburazione ad occhio e orecchio, si anneriscono facilmente.
Quando l'accesi per la prima volta era l'inferno,, vuoti a non finire,, se accelleravo si spegneva,, ecc ecc..
Dalla mia esperienza penso che tu abbia il carburatore da smontare e pulire,, se e' stata ferma a lungo tempo con la benzina nelle vaschette, la causa e' senz'altro quella,,
Hai provato a cambiare benzina? e magari mettere un goccio di addittivo per pulire?
Se la moto sbacchetta in rettilineo le cause possono essere piu' di una,, era una giornata ventosa? hai un porta pacchi? le carene sono fissate bene? controlla se le ruote ballano sui mozzi... e i copertoni ovviamente non devono essere da buttare.
Questa moto ti soddisferà, te lo garantisco,, non credo che sia poi cosi' esagerata per un 18 enne. Il motore e' molto elastico e progressivo,, se non ti fai prendere la mano si lascia guidare senza foga e senza strattonare!!
L'unica pecca e' la misura del copertone posteriore,, decisamente piccolo e si rischia un po' accelerando in curva.
Non aspettare ancora ,,, mettiti all'opera e falla funzionare! in rete c'e' una community solo di possessori di gs e gsx di quegli anni,, se mi contatti in privato ti do il link e sicuramente ti saranno di aiuto. Questo vale anche per dakota icon_smile.gif
 
8874154
8874154 Inviato: 19 Nov 2009 7:54
 

scott114 ha scritto:
...
L'unica pecca e' la misura del copertone posteriore,, decisamente piccolo e si rischia un po' accelerando in curva.


icon_rolleyes.gif non è certo la misura della gomma che garantisce l'aderenza in curva!
se così fosse, le 125 da Gran Premio non riuscirebbero a curvare più forte delle MotoGP come invece fanno.

si tratta solo di trovare una gomma della migliore qualità nella misura adatta

in 110/90-18 (originale) o 120/80 (misura equivalente "oversize") esistono gli straordinari Avon AM18 Supervenom (cod. "V")
disponibili su richiesta, se non sbaglio, anche in mescola racing (i preferiti da sempre per le gare riservate alle moto d'epoca)

con questi hai tutta l'aderenza che ti serve e anche di più: a confronto con altri pneumatici sembra di avere un motore meno potente (la moto non derapa più!)

tengono molto bene anche sul bagnato ed i loro degni compagni anteriori sono gli AM20 (100/90V16 per la GSX550)
 
8874367
8874367 Inviato: 19 Nov 2009 10:06
 

Scott 114, a proposito della gomma piccola posterirmente nella gsx 550, intendeva dire che per il peso e la potenza che ha questa moto il pneumatico che monta (sempre posterirmente) è insufficiente ovvero non proporzionato alle altre componenti della moto stessa.
Quando un corpo che viaggia ad una velocita' "x" deve cambiare direzione deve attaccarsi a
qualcosa per farlo altrimenti procede nella stessa direzione per sempre.
Il pneumatico rappresenta una parte del contatto tra il mezzo che deve modificare la sua direzione e
l'ambiente circostante che glielo vuole impedire, ovviamente più è maggiore l'attrito fra lui e
la superfice su cui appoggia e maggiori saranno le probabilità di farcela a cambiare direzione.
A questo punto per aumentare questo attrito o si aumenta la superficie del pneumatico o si
aumenta il coefficiente di attrito dello stesso, fate poi come vi pare, ciò che conta è che questo
attrito riesca a contrastare la forza centrifuga che vorrebbe far continuare il "peso" nella stessa
direzione.
Quindi,ognuno a suo modo,dicendo la stessa cosa, avete ragione entrambi.
Si tratta di trovare,essendo la GSX 550 una moto da strada, la soluzione economicamente più
conveniente e la SUZKI avrà pensato di mettere la moto in circolazione così com'è.
 
8874905
8874905 Inviato: 19 Nov 2009 12:41
 

dakota1 ha scritto:


1) ...Quando un corpo che viaggia ad una velocita' "x" deve cambiare direzione deve attaccarsi a
qualcosa per farlo altrimenti procede nella stessa direzione per sempre.

2) Il pneumatico rappresenta una parte del contatto tra il mezzo che deve modificare la sua direzione e
l'ambiente circostante che glielo vuole impedire, ovviamente più è maggiore l'attrito fra lui e
la superfice su cui appoggia e maggiori saranno le probabilità di farcela a cambiare direzione.
A questo punto per aumentare questo attrito o si aumenta la superficie del pneumatico o si
aumenta il coefficiente di attrito dello stesso, fate poi come vi pare, ciò che conta è che questo
attrito riesca a contrastare la forza centrifuga che vorrebbe far continuare il "peso" nella stessa
direzione.

3) Quindi,ognuno a suo modo,dicendo la stessa cosa, avete ragione entrambi.

4) Si tratta di trovare,essendo la GSX 550 una moto da strada, la soluzione economicamente più
conveniente e la SUZKI avrà pensato di mettere la moto in circolazione così com'è.


non è proprio così.

1) esatto, ma per cambiare direzione ad un veicolo ad assetto variabile (una moto) non funziona esattamente così, se ne è già disquisito a lungo su questo forum in un topic intitolato più o meno "Sapevate che per curvare bisogna sterzare dalla parte opposta?" o qualcosa del genere.
riassumendo, per far cambiare direzione ad una moto bisogna prima sbilanciarla creando una coppia sterzante che costringa il sistema ad inclinarsi;
solo successivamente sarà possibile sterzare dalla parte della curva per inserirla nella traiettoria voluta.
ovviamente la manovra non si percepisce come sconnessa in due fasi ma come un continuum per questo la maggioranza dei motociclisti non se ne rende conto
icon_smile.gif non esiste altro sistema a meno di non disporre di razzi direzionali...

2) quindi la riluttanza di una ruota a cambiare direzione a seguito dell'atritto generato dalla sua impronta a terra è assolutamente trascurabile soprettutto nel caso delle gomme moto che hanno un profilo tondo e quindi concentrano la loro aderenza principalmente verso il centro dell'impronta (braccio di leva della coppia in opposizione alla sterzata tendente a zero)
ciò anche per gli angoli di sterzata "percepiti" dalle ruote posteriori che assommano a pochi decimi di grado completamente "assorbiti" dalla sola elasticità della gomma.

3) no, io sto dicendo una cosa sostanzialmente diversa rispetto a quanto ha detto scott:
le dimensioni della gomma c'entrano solo relativamente con l'aderenza disponibile,
c'entrano un po' di più - ma non in maniera determinante e assoluta ma solo relativa alle mescole usate - con la possibilità di trasferire a terra delle sostanziose potenze in accelerazione in curva ma la differenza risiede principalmente come accennato nella mescola impiegata e ben poco nelle dimensioni della gomma.
infatti gli ho consigliato il tipo di gomma con il quale - a parità di misure - può ELIMINARE il problema se il resto dell'assetto è a posto.

4) negli anni in cui venne progettata, le misure "NORMALI" delle gomme che venivano utilizzate per le moto erano quelle, non essendo ancora nata la MODA dei "gommoni" posteriori:
in quel periodo avevo una GSX1100EFE che in pratica era il corrispettivo dell'Hayabusa di oggi essendo la moto di serie più veloce in commercio e riusciva perfettamente a mettere a terra tutti i suoi 125cv (potenza record per l'epoca) e la sua generosa coppia attraverso la sua (misera?) 130/90V17 originale senza intraversarsi anche se, volendo, la moto era capace di sgommare fino in 3a e di accelerare sui 400m in tempi simili a quelli di un'odierna 1000 supersportiva (meno di 11")
non a caso, con una moto simile, all'epoca fu stabilito il record mondiale di accelerazione per moto di serie...

...e non a caso, per quanto riguarda la misura delle gomme di oggi ho parlato di MODA e non (o comunque molto meno ed in maniera relativa) di esigenze dinamiche del veicolo.
 
8882446
8882446 Inviato: 20 Nov 2009 18:01
 

scott114 ha scritto:
ho riportato in vita un gsx 550 prima dell'estate ed ora ci giro tranquillamente.
Penso che i suggerimenti di Dakota siano tutti giusti visto che anche le mie candele, anche se ho una carburazione ad occhio e orecchio, si anneriscono facilmente.
Quando l'accesi per la prima volta era l'inferno,, vuoti a non finire,, se accelleravo si spegneva,, ecc ecc..
Dalla mia esperienza penso che tu abbia il carburatore da smontare e pulire,, se e' stata ferma a lungo tempo con la benzina nelle vaschette, la causa e' senz'altro quella,,
Hai provato a cambiare benzina? e magari mettere un goccio di addittivo per pulire?
Se la moto sbacchetta in rettilineo le cause possono essere piu' di una,, era una giornata ventosa? hai un porta pacchi? le carene sono fissate bene? controlla se le ruote ballano sui mozzi... e i copertoni ovviamente non devono essere da buttare.
Questa moto ti soddisferà, te lo garantisco,, non credo che sia poi cosi' esagerata per un 18 enne. Il motore e' molto elastico e progressivo,, se non ti fai prendere la mano si lascia guidare senza foga e senza strattonare!!
L'unica pecca e' la misura del copertone posteriore,, decisamente piccolo e si rischia un po' accelerando in curva.
Non aspettare ancora ,,, mettiti all'opera e falla funzionare! in rete c'e' una community solo di possessori di gs e gsx di quegli anni,, se mi contatti in privato ti do il link e sicuramente ti saranno di aiuto. Questo vale anche per dakota icon_smile.gif


Grazie mille, se mi passeresti il link mi faresti un vero piacere, aspetto un tuo messaggio privato allora... icon_wink.gif
 
14981434
14981434 Inviato: 19 Mag 2014 1:01
 

The_Godfather ha scritto:
Ragazzi riuppo questo topic per aggiornavi un po'... icon_wink.gif
La moto è sempre in stato di fermo, parlando con dei meccanici Suzuki che conoscono a fondo questa moto è stato detto che potrebbero essere i "pippotti" delle candele (cose che effettivamente non è mai stata cambiata) che non danno abbastanza corrente per fare una scintilla come si deve... icon_wink.gif

Se la prenderò Io pensavo di farci un cambio olio, filtro olio, filtro aria, freni (olio e pastiglie), pippotti candele, candele, batteria ed infine una pulizia generale ed una carburazione... icon_wink.gif

La moto ha quasi 54000 km, il motore però è nuovo e non ha nemmeno 12000 km, però ormai è fermo da 5 anni se non di più, dite che ancora quanto potrà camminare icon_question.gif

Grazie in anticipo... icon_wink.gif



Io ho una gsx 550 dell'84, per esperienza personale e in base ai problemi che mi si sono presentati posso dirti che per quanto riguarda "l'affogamento" potrebbero essere varie ipotesi:

1-ruggine nel serbatoio, scesa nelle vaschette dei carburatori, risolta con il trattamento
2- membrane secche incenerite, risolvibile spesso con bagni e saune in olio per alcuni giorni
3-regolatore di tensione passato a miglior vita.

queste almeno nel mio caso, erano tutte e tre le cause! ciao doppio_lamp_naked.gif
 
16073042
16073042 Inviato: 14 Mag 2019 16:40
 

Ciao, potrei avere anche io info su chat circa moto suzuki 550gsx? grazie
de_corsa ha scritto:
icon_rolleyes.gif non è certo la misura della gomma che garantisce l'aderenza in curva!
se così fosse, le 125 da Gran Premio non riuscirebbero a curvare più forte delle MotoGP come invece fanno.

si tratta solo di trovare una gomma della migliore qualità nella misura adatta

in 110/90-18 (originale) o 120/80 (misura equivalente "oversize") esistono gli straordinari Avon AM18 Supervenom (cod. "V")
disponibili su richiesta, se non sbaglio, anche in mescola racing (i preferiti da sempre per le gare riservate alle moto d'epoca)

con questi hai tutta l'aderenza che ti serve e anche di più: a confronto con altri pneumatici sembra di avere un motore meno potente (la moto non derapa più!)

tengono molto bene anche sul bagnato ed i loro degni compagni anteriori sono gli AM20 (100/90V16 per la GSX550)
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Suzuki

Forums ©