Leggi il Topic


Ho Parlato con un volontario 118 [motociclisti e incidenti]
3550206
3550206 Inviato: 31 Gen 2008 11:38
Oggetto: Ho Parlato con un volontario 118 [motociclisti e incidenti]
 



Ciao a tutti,

ieri sera, mercoledì, serata con gli amici (molti di cui motociclisti) a bere una birretta e a sparare le solite cazzate....tra i vari c'era anche un ragazzo nuovo che non avevo mai visto, amico di un mio amico.....ci ritroviamo seduti di fianco e parla parla mi dice "eh motociclisti, ce ne capitano proprio tanti, soprattutto tra poco che inizia la primavera..".

Scopro quindi che il ragazzo in questione è un volontario del 118, servizio sulle ambulanze, e qui inizio a fargli domande, perchè volevo davvero sapere cercare di essere un pò piu' consapevole, anche dal punto di vista di un volontario.

mi dice "ne ho viste davvero tante, ne abbiamo raccolti prorio tanti, e spesso c'era molto poco da fare", io gli chiedo subito come un volontario gestice personalmente certe scene e lui mi dice "all'inizio rimani molto male e turbato, poi devi farti il pelo sullo stomaco e per te diventa una normale procedura, il tuo obiettivo è solo quello di fare di tutto per salvare la persona"; mi accenna degli episodi, di una coppia, marito e moglie, buttati su un guard rail da una macchina, lui in ambulanza pieno di sangue..lei decapitata... (SCUSATE L'ESEMPIO FORTE) e lui che chiedeva di sua moglie mentre lo trasportavano in ospedale....(mi si stringe il cuore).......

mi ha detto anche una cosa che fa capire davvero il carattere dei motociclisti, "quando vai a raccogliere un motociclista non ci sono vie di mezzo, o lo trovi immobile sull'asfalto, o lo trovi li incazzato che cerca di salvare il salvabile della sua moto, ma attenzione, spesso è li che porcona per la sua 2 ruote la sposta mette mano e poi arrivato in ospedale fatta la lastra magari salta fuori la gamba rotta o la costola andata.....che pellaccia!"

Questo scambio di opinioni con lui e tutte le risposte alle mie domande mi hanno fatto molto molto pensare, gli esempi che mi ha portato mi hanno raggelato.

VORREI DAVVERO RINGRAZIARE TUTTA QUESTA GENTE CHE PER EURO 0 E PER INFINITO CUORE SI METTONO A DISPOSIZIONE!!!
VEDIAMO DI FARLI USCIRE IL MENO POSSIBILE "QUESTA PRIMAVERA"...
 
3550352
3550352 Inviato: 31 Gen 2008 11:54
 

anche un mio amico è un volontario al 118 e ogni tanto me le racconta queste cose, cioè ci prova perchè io non ho coraggio di sentire le cose che capitano ai motociliti negli incidenti.

sinceramente mi prende paura.

la cosa brutta è che pero una volta che si è in moto si scordano le cose dette o comunque non ci si pensa troppo su...
 
3550395
3550395 Inviato: 31 Gen 2008 12:00
 

brr...che brividi. Sono occasioni di confronto che fanno riflettere.
Sicuramente servono a riflettere e cercare di evitare situazioni rischiose per nostra incauta scelta. Per tutto il resto...speremo ben.
Spesso mi capita di "non fare" al pensiero di ...
La gratuità del dono che fanno di se stessi, questi e altri volontari, dovrebbe essere esempio su cui poter riflettere. Tutti indistintamente siamo legati ai nostri egoismi, alle nostre piccole sicurezze, senza mettersi in gioco per non rischiare di perdere quello che abbiamo. Ma è nel momento in cui ci si mette da parte per fare spazio agli altri che si riceve tanto.
 
3550433
3550433 Inviato: 31 Gen 2008 12:08
 

Mi si gela il sangue ...
mi stringe il cuore ...
la vita va vissuta attimo per attimo... e aiutare gli altri e sempre un buon modo di vivere gli attimi icon_wink.gif
 
3550568
3550568 Inviato: 31 Gen 2008 12:25
 

Citazione:
la cosa brutta è che pero una volta che si è in moto si scordano le cose dette o comunque non ci si pensa troppo su...

Capisco cosa intendi dire, ma questa è una cosa bella non brutta.
Se non sapessimo guardare avanti, vivremmo in una sorta di terrore perenne.....e addio vivere serenamente.
Il pirla per la strada rimarrà pirla a vita, non c'è racconto che tenga, il suo unico obbiettivo sarà quello di andare il più forte possibile e accumulare più punti per guadagnarsi un posto nel suo fantastico paradisiso pieno di pirla come lui.
La persona intelligente,al contrario, non avrà certo bisogno di racconti scioccanti come quelli letti , perchè già in modo coscienzioso vive la sua passione, leggerà,ne prenderà atto, ma una volta in moto non ci penserà....perchè non avrà bisogno di autoterrorizzarsi per non aprire troppo la manetta.
Triste ma è cosi.
Un grazie ai volontari del 118
 
3550620
3550620 Inviato: 31 Gen 2008 12:33
 

Fa riflettere questo tuo intervento. Davvero.
Tantissime volte mi capita di tornare abbastanza tardi la sera, verso le due. E al 99% delle volte incrocio sempre qualche ambulanza che, per fortuna, non è in stato di emergenza, ma è in giro pronta in ogni momento ad intervenire.
Più di una volta mi sono trovato a pensare: "Ma cavolo, io sono qui che sto tornando a casa dopo una serata passata a divertirmi, e loro sono in giro per loro volontà a salvare le persone".
Avendo un parente che lavora nella Squadra Emergenza Operativa della mia città, ritrovo nelle parole di quel ragazzo le stesse parole di mio cugino.

Mi unisco anche io al tuo grazie a tutti coloro che si fanno un mazzo tanto per essere sempre pronti ad intervenire qualora ce ne fosse bisogno.
 
3550758
3550758 Inviato: 31 Gen 2008 12:52
 

è il rischi di andare in moto.... si è esposti al massimo a tutto in sella ad una moto.... per quante precauzioni uno possa prendere prima o poi ci sarà sempre il pirla di turno che ti sbalza via.... e lì va solo a fortuna.... purtroppo....
 
3550776
3550776 Inviato: 31 Gen 2008 12:55
 

superstar ha scritto:
la cosa brutta è che pero una volta che si è in moto si scordano le cose dette o comunque non ci si pensa troppo su...


Io ci penso sempre...
 
3550809
3550809 Inviato: 31 Gen 2008 13:00
 

Zoso ha scritto:


Io ci penso sempre...



ci pensi lo stesso pero questo ti fa andaer piu piano??

oppure ti impedisce di farti una bella tirata quando ci sono delle belle strade e delle belle curve??

a me no.

purteoppo
 
3550827
3550827 Inviato: 31 Gen 2008 13:03
 

Troy ha scritto:

Capisco cosa intendi dire, ma questa è una cosa bella non brutta.
Se non sapessimo guardare avanti, vivremmo in una sorta di terrore perenne.....e addio vivere serenamente.
Il pirla per la strada rimarrà pirla a vita, non c'è racconto che tenga, il suo unico obbiettivo sarà quello di andare il più forte possibile e accumulare più punti per guadagnarsi un posto nel suo fantastico paradisiso pieno di pirla come lui.
La persona intelligente,al contrario, non avrà certo bisogno di racconti scioccanti come quelli letti , perchè già in modo coscienzioso vive la sua passione, leggerà,ne prenderà atto, ma una volta in moto non ci penserà....perchè non avrà bisogno di autoterrorizzarsi per non aprire troppo la manetta.
Triste ma è cosi.
Un grazie ai volontari del 118



ho letto solo ora.

ti so pienaente ragione.

bisogna semrpe avere la testa sul collo anche quando si sa che si sta andando piu del dovuto.

io personalmente mi reputo un motocilcista che ha rispetto della propria vita e di quela altrui, quindi eccedo sempre nei limiti della decenza
 
3550948
3550948 Inviato: 31 Gen 2008 13:17
Oggetto: Re: Ho Parlato con un volontario 118 [motociclisti e incidenti]
 

guru18 ha scritto:
Ciao a tutti,

ieri sera, mercoledì, serata con gli amici (molti di cui motociclisti) a bere una birretta e a sparare le solite cazzate....tra i vari c'era anche un ragazzo nuovo che non avevo mai visto, amico di un mio amico.....ci ritroviamo seduti di fianco e parla parla mi dice "eh motociclisti, ce ne capitano proprio tanti, soprattutto tra poco che inizia la primavera..".

Scopro quindi che il ragazzo in questione è un volontario del 118, servizio sulle ambulanze, e qui inizio a fargli domande, perchè volevo davvero sapere cercare di essere un pò piu' consapevole, anche dal punto di vista di un volontario.

mi dice "ne ho viste davvero tante, ne abbiamo raccolti prorio tanti, e spesso c'era molto poco da fare", io gli chiedo subito come un volontario gestice personalmente certe scene e lui mi dice "all'inizio rimani molto male e turbato, poi devi farti il pelo sullo stomaco e per te diventa una normale procedura, il tuo obiettivo è solo quello di fare di tutto per salvare la persona"; mi accenna degli episodi, di una coppia, marito e moglie, buttati su un guard rail da una macchina, lui in ambulanza pieno di sangue..lei decapitata... (SCUSATE L'ESEMPIO FORTE) e lui che chiedeva di sua moglie mentre lo trasportavano in ospedale....(mi si stringe il cuore).......

mi ha detto anche una cosa che fa capire davvero il carattere dei motociclisti, "quando vai a raccogliere un motociclista non ci sono vie di mezzo, o lo trovi immobile sull'asfalto, o lo trovi li incazzato che cerca di salvare il salvabile della sua moto, ma attenzione, spesso è li che porcona per la sua 2 ruote la sposta mette mano e poi arrivato in ospedale fatta la lastra magari salta fuori la gamba rotta o la costola andata.....che pellaccia!"

Questo scambio di opinioni con lui e tutte le risposte alle mie domande mi hanno fatto molto molto pensare, gli esempi che mi ha portato mi hanno raggelato.

VORREI DAVVERO RINGRAZIARE TUTTA QUESTA GENTE CHE PER EURO 0 E PER INFINITO CUORE SI METTONO A DISPOSIZIONE!!!
VEDIAMO DI FARLI USCIRE IL MENO POSSIBILE "QUESTA PRIMAVERA"...


io sto facendo il corso in ambulanza e tra brevissimo inizierò il tirocinio in sull' autolettiga, purtroppo se ne vedranno di tutte i colori, quello che spero in cuor mio è di non dover mai avere a che fare con conoscenti.....
 
3551216
3551216 Inviato: 31 Gen 2008 13:46
Oggetto: sono un volontario anch'io del 118
 

Ciao Ragazzi, sono ormai tanti anni che salgo sulle ambulanze e vado a soccorrere una moltitudine di gente sfortunata....ne ho viste di tutti i colori,morti,incidenti e gente che in un attimo ha perso tutto quello che aveva...
Quanti motociclisti visti per terra e quanti non salvati...per questo quando vado sulla mia moto , guido con prudenza e rispetto i limiti..proprio perchè non voglio morire o rimanere paralizzato per una cavolata..a volte purtroppo non basta nemmeno questoperchè è colpa degli altri..
Comunque sia, provo compassione solo per chi non si è andato a cercare l'incidente e non per quelli che ogni volta che salgono in sella credono di essere Valentino Rossi in un circuito.
Ragazzi, andate piano perchè ci vuole davvero un attimo e la vita finisce o cambia per sempre.Possibile che molti non lo capiscano?
E voi ragazzini con i cinquantini o i 125, usate il casco!Vi salva la vita!Non siete piu'fighi se lo tenete sopra fronte oppure slacciato.Siete solo piu'cretini e non dei veri motociclisti.
Un saluto
 
3551377
3551377 Inviato: 31 Gen 2008 14:05
 

mi unisco anche io al ringraziamento ai volontari del 118....sono grandi persone!! e forse sarebbe utile che condividessero più spesso le loro esperienze...icon_wink.gificon_wink.gif
 
3551402
3551402 Inviato: 31 Gen 2008 14:07
Oggetto: Re: sono un volontario anch´io del 118
 

HONDACBF500 ha scritto:
Ciao Ragazzi, sono ormai tanti anni che salgo sulle ambulanze e vado a soccorrere una moltitudine di gente sfortunata....ne ho viste di tutti i colori,morti,incidenti e gente che in un attimo ha perso tutto quello che aveva...
Quanti motociclisti visti per terra e quanti non salvati...per questo quando vado sulla mia moto , guido con prudenza e rispetto i limiti..proprio perchè non voglio morire o rimanere paralizzato per una cavolata..a volte purtroppo non basta nemmeno questoperchè è colpa degli altri..
Comunque sia, provo compassione solo per chi non si è andato a cercare l'incidente e non per quelli che ogni volta che salgono in sella credono di essere Valentino Rossi in un circuito.
Ragazzi, andate piano perchè ci vuole davvero un attimo e la vita finisce o cambia per sempre.Possibile che molti non lo capiscano?
E voi ragazzini con i cinquantini o i 125, usate il casco!Vi salva la vita!Non siete piu'fighi se lo tenete sopra fronte oppure slacciato.Siete solo piu'cretini e non dei veri motociclisti.
Un saluto



quoto in pieno quello che dici anche tu!

hai ragione!!

per quanto riguarda il casco, sai di quanta gente con il casco al braccio anzichè in testa, dopo una caduta si sono rotti testa e braccio??

cavolo, è pure scomodo da tenere sul braccio!lo fate per voi mica per noi!
 
3551607
3551607 Inviato: 31 Gen 2008 14:30
Oggetto: Re: sono un volontario anch´io del 118
 

HONDACBF500 ha scritto:
Ciao Ragazzi, sono ormai tanti anni che salgo sulle ambulanze e vado a soccorrere una moltitudine di gente sfortunata....ne ho viste di tutti i colori,morti,incidenti e gente che in un attimo ha perso tutto quello che aveva...
Quanti motociclisti visti per terra e quanti non salvati...per questo quando vado sulla mia moto , guido con prudenza e rispetto i limiti..proprio perchè non voglio morire o rimanere paralizzato per una cavolata..a volte purtroppo non basta nemmeno questoperchè è colpa degli altri..
Comunque sia, provo compassione solo per chi non si è andato a cercare l'incidente e non per quelli che ogni volta che salgono in sella credono di essere Valentino Rossi in un circuito.
Ragazzi, andate piano perchè ci vuole davvero un attimo e la vita finisce o cambia per sempre.Possibile che molti non lo capiscano?
E voi ragazzini con i cinquantini o i 125, usate il casco!Vi salva la vita!Non siete piu'fighi se lo tenete sopra fronte oppure slacciato.Siete solo piu'cretini e non dei veri motociclisti.
Un saluto


Nessuno vuole andare a CERCARE, quando si esce in MOTO la morte!!!!
Purtroppo tanti credono che saper portare la moto e' una cosa alla loro portata, ma non riescono a capire che tutti possimo giocare a pallone, ma di KAKA ce ne uno solo!
Non fraintendetemi, voglio dire che ognuno di noi HA un limite e non tutti
possiamo essere VALENTINO ROSSI ed sulla strada puoi trovare anche la "schiappa" la signora incollata al volante e che per lei E' AL MASSIMO anche se va a 30 km/h in tangenziale!
Un bravo PILOTA da strada deve sempre innanzitutto prevedere l'incidente e se vai forte non ne hai il tempo!

Ciao a tutti i MOTOCICLISTI
 
3552671
3552671 Inviato: 31 Gen 2008 16:14
 

superstar ha scritto:



ci pensi lo stesso pero questo ti fa andaer piu piano??

oppure ti impedisce di farti una bella tirata quando ci sono delle belle strade e delle belle curve??

a me no.

purteoppo


Si a me fa andare più piano, specialmente in città e strade dove ci sono altri veicoli, vado pianissimo.
Se poi c'è una statale con l'asfalto nero nuovo e ho visibilità delle curve (non vedo arrivare macchine), allora lì mi diverto....mantenendo però sempre un margine di sicurezza.
 
3554337
3554337 Inviato: 31 Gen 2008 19:09
 

io anche svolgevo servizio di primo soccorso sulle ambulanze del 118, ma non mi sono mai capitate scene così splatter, di solito in incidenti gravi non mandavano mai l'ambulanza di base ( ovvero quella coi volontari che si occupa di codici verdi o gialli, stabiliti in base alle risposte che il centralino ha da chi chiama), ma sempre l'anbulanza di soccorso
avanzato per i casi più gravi sui quali c'è un medico, un infermiera e l'autista che non è un volontario ma un dipendente della CRI.
La mia esperienza mi ha portato a dirvi che il volontario che racconta di aver visto corpi decapitati , budella di fuori, braccia penzolanti e laghi di sangue vi stà raccontando delle cavolate, a meno che non passasse li per caso o si reca sul luogo di un incidente con tanti infortunati tra cui alcuni gravi.
Codice verde: funzioni vitali non compromesse, paziente cosciente e con ferite lievi, arti fratturati ecc...
Codice arancione: come un codice verde ma col rischio che il paziente possa passare al codice rosso.
Codice rosso: funzioni vitali compromesse o assenti ( non respira o non batte il cuore) perdita di coscienza, vaste e massive emoraggie, ustioni molto estese o carbonizzazione.
Codice nero: decapitazione, materia celebrale sparsa, interiora sparse, corpo in stato di decomposizione,ovvero codice nero=morto.
Il codice nero e rosso sono gestiti solo da ambulanze con medico a bordo, in quanto i volontari non sono preparati per intervenire su queste cose.
Un volontario non può usare il laccio emostatico, il defribillatore, medicinali, praticare tracheotomie ecc... chi ve lo racconta dice cavolate.
Il dovere del volontario e trasportare il paziente in ospedale in condizioni di massima sicurezza ed evitando danni ulteriri, in caso la situazione precipitasse e tenuto a praticare le manovre di primo soccorso ( non è obbligato a farlo, lo fa se se la sente e se non lo fa nessuno può dirle nulla).
Ci tenevo a darvi queste delucidazioni in modo che sappiate cosa fa un pioniere ( volontario ) del 118
 
3554413
3554413 Inviato: 31 Gen 2008 19:16
 

una cosa che ho dimenticato, nonostante le poche azioni che i volontari del 118 possono compiere provo grande ammirazione e rispetto per chi riesce a farlo con costanza, a me piaceva molto, ma PER MOTIVI LAVORATIVI è un po' perche mi mancava tempo libero ho dovuto smettere.
Senza le ambulanze di base che si occupano della maggior parte dei casi avremo sempre le ambulanze di soccorso avanzato impegnate con tossici e ubriachi e non disponibili per le cose più gravi, quindi un grazie alle centinaia di persone che svolgono questo e altri servizi di volontariato.
 
3554423
3554423 Inviato: 31 Gen 2008 19:18
 

Zoso ha scritto:


Si a me fa andare più piano, specialmente in città e strade dove ci sono altri veicoli, vado pianissimo.
Se poi c'è una statale con l'asfalto nero nuovo e ho visibilità delle curve (non vedo arrivare macchine), allora lì mi diverto....mantenendo però sempre un margine di sicurezza.


E che purtroppo che questi tratti di strada diventono sempre meno ed e' UTOPIA che ci siano tutte le condizioni favorevoli contemporaneamente.

Ciao a tutti i MOTOCICLISTI!
 
3554650
3554650 Inviato: 31 Gen 2008 19:39
 

iele123 ha scritto:

Un volontario non può usare il laccio emostatico, il defribillatore, medicinali, praticare tracheotomie ecc... chi ve lo racconta dice cavolate.
Il dovere del volontario e trasportare il paziente in ospedale in condizioni di massima sicurezza ed evitando danni ulteriri, in caso la situazione precipitasse e tenuto a praticare le manovre di primo soccorso ( non è obbligato a farlo, lo fa se se la sente e se non lo fa nessuno può dirle nulla).
Ci tenevo a darvi queste delucidazioni in modo che sappiate cosa fa un pioniere ( volontario ) del 118


mio cognato e mia cognata sono volontari di una piccola realtà che possiede due ambulanze.
è una fondazione privata che si regge in piedi grazie all' impegno di alcuni volonterosi. non è la CRI o il 118.
ebbene sono volontari ma usano il defibrillatore acquistato con i loro quattrini e dopo aver seguito un corso da loro pagato.
ebbene ora si trovano in difficoltà economica e rischiano di chiudere per mancanza di fondi.
quando vanno alle feste di paese per promuovere la loro attività e cercare fondi, la gente non capisce l' importanza che tutto ciò ha.
un grazie grande grande a tutti coloro che spendono il proprio tempo libero al servizio degli altri.
 
3554652
3554652 Inviato: 31 Gen 2008 19:39
 

Zoso ha scritto:


Si a me fa andare più piano, specialmente in città e strade dove ci sono altri veicoli, vado pianissimo.
Se poi c'è una statale con l'asfalto nero nuovo e ho visibilità delle curve (non vedo arrivare macchine), allora lì mi diverto....mantenendo però sempre un margine di sicurezza.

Anche per me è così... per le tante esperienze vissute direttamente e indirettamente!

E anche da me un grazie ai volontari che soccorrono tanti sventurati sulle strade!
 
3554799
3554799 Inviato: 31 Gen 2008 19:52
 

se il corso da loro pagato si chiama laurea in medicina allora si che possono usarlo altrimenti no...no...
se poi lo fanno a loro rischio e pericolo è un altra faccenda
 
3554860
3554860 Inviato: 31 Gen 2008 19:58
 

mio cognato è ingegnere e non medico, però ti garantisco che può usare il defibrillatore automatico. se lo fa, sicuramente è perchè la legge glielo consente.
 
3554960
3554960 Inviato: 31 Gen 2008 20:05
 

certo se si tratta di defibrillatore automatico si che lo può usare, è consentito dalla legge 8 marzo 2001 in quanto l'apparecchio non consente regolazioni della scarica, quindi lo attacchi, premi il bottone, ti allontani e via, ma in caso di insuccesso ( molto probabile con la minima scarica preimpostata) non puoi fare nulla.
 
3555221
3555221 Inviato: 31 Gen 2008 20:28
 

Ci sono molte categorie di persone da ringraziare,in questo topic tocca ai volontari che troppo spesso vengono a tirarci sù,un sentito ringraziamento di cuore da uno che per sfortuna ha usato i loro servizi!

Per sdrammattizare...

Proprio vero che i kotociclisti non hanno mezze misure,se sono in grado di muoversi anche appena appena tirano su la moto e giù il cielo a cristoni! icon_twisted.gif icon_mrgreen.gif
 
3556146
3556146 Inviato: 31 Gen 2008 21:55
 

preciso una cosa dati gli ultimi interventi:
la persona con cui ho parlato NON è un volontario, è effettivo. ha cominciato come volontario. io ho scritto oltre per il contenuto del mio intervento per ringraziare i volontari, sua ex catregoria.
 
3557307
3557307 Inviato: 31 Gen 2008 23:43
 

Zoso ha scritto:


Si a me fa andare più piano, specialmente in città e strade dove ci sono altri veicoli, vado pianissimo.
Se poi c'è una statale con l'asfalto nero nuovo e ho visibilità delle curve (non vedo arrivare macchine), allora lì mi diverto....mantenendo però sempre un margine di sicurezza.

Bravo Zoso, mi complimento con te.
In "due parole" hai descritto (a mio modesto parere e senza incartarti con moralismi inutili ) il comportamento ideale da tenere quando si va in giro in moto icon_wink.gif fossero tutti come te...... icon_rolleyes.gif
 
3559354
3559354 Inviato: 1 Feb 2008 12:12
 

iele123 ha scritto:
io anche svolgevo servizio di primo soccorso sulle ambulanze del 118, ma non mi sono mai capitate scene così splatter, di solito in incidenti gravi non mandavano mai l'ambulanza di base ( ovvero quella coi volontari che si occupa di codici verdi o gialli, stabiliti in base alle risposte che il centralino ha da chi chiama), ma sempre l'anbulanza di soccorso
avanzato per i casi più gravi sui quali c'è un medico, un infermiera e l'autista che non è un volontario ma un dipendente della CRI.
La mia esperienza mi ha portato a dirvi che il volontario che racconta di aver visto corpi decapitati , budella di fuori, braccia penzolanti e laghi di sangue vi stà raccontando delle cavolate, a meno che non passasse li per caso o si reca sul luogo di un incidente con tanti infortunati tra cui alcuni gravi.
Codice verde: funzioni vitali non compromesse, paziente cosciente e con ferite lievi, arti fratturati ecc...
Codice arancione: come un codice verde ma col rischio che il paziente possa passare al codice rosso.
Codice rosso: funzioni vitali compromesse o assenti ( non respira o non batte il cuore) perdita di coscienza, vaste e massive emoraggie, ustioni molto estese o carbonizzazione.
Codice nero: decapitazione, materia celebrale sparsa, interiora sparse, corpo in stato di decomposizione,ovvero codice nero=morto.
Il codice nero e rosso sono gestiti solo da ambulanze con medico a bordo, in quanto i volontari non sono preparati per intervenire su queste cose.
Un volontario non può usare il laccio emostatico, il defribillatore, medicinali, praticare tracheotomie ecc... chi ve lo racconta dice cavolate.
Il dovere del volontario e trasportare il paziente in ospedale in condizioni di massima sicurezza ed evitando danni ulteriri, in caso la situazione precipitasse e tenuto a praticare le manovre di primo soccorso ( non è obbligato a farlo, lo fa se se la sente e se non lo fa nessuno può dirle nulla).
Ci tenevo a darvi queste delucidazioni in modo che sappiate cosa fa un pioniere ( volontario ) del 118



Ragazzo mio, sei rimasto alquanto indietro.

Sto effettuando il tirocini in ambulanza presso l'associazione Volontari 118 Croce Azzurra di Trezzo sull'Adda (MI) (ANPAS Lombardia).

Allora, La nostra associazione da un paio d'anni a questa parte è in Convenzione col 118 di Monza, il che significa che siamo operativi 24h su 24h e 7 gg su 7 gg, così ripartiti...

tutte le notti dalle 20.00 alle 7.00 ed i festivi sono a carico dei volontari, i restanti vengono nella nostra "centrale/sede" i professionisti del PS di Vimercate.

La squadra Ambulanza è cambiata, nel senso che composta da quattro uomini, tutti volontari, nel nostro caso, così composta:
-Autista;
-Coordinatore o capo squadra;
-i due "Terzi Uomini".

Il medico non è più presente, ma alla chiamata del 118, la centrale organizza dal proprio PS l'automedica, (ALFA) composta dal medico, infermiere d'emergenze professionista e rianimatore professionista, la quale durante il viaggio viene tenuta aggiornata sulla situazione e può essere richiamata alla base se la centrale lo ritiene opportuno o se la situazione non richiede un intervento immediato sul posto....

Adesso dal 2007 ogni componente della squadra ambulanza deve essere certificato dal 118 stesso all'uso del Defibrillatore semi automatico (DAE) ed è in grado di effettuare protocollo di BLS-D e PBLS-D.

"Il dovere del volontario e trasportare il paziente in ospedale in condizioni di massima sicurezza ed evitando danni ulteriri, in caso la situazione precipitasse e tenuto a praticare le manovre di primo soccorso ( non è obbligato a farlo, lo fa se se la sente e se non lo fa nessuno può dirle nulla)."
Questa è una cavolata!!!

Se sei in servizio in ambulanza, sei lì per quello, volontario o no, cambia solo per i soccorritori occasionali, che non stanno prestando il servizio in ambulanza, che hanno comunque l'obbligo di avvisare il 118, tenere monitorata la situazione ed eventualmente impedire che altri effettuino manovre sbagliate che possano compromettere la slute del paziente.

per concludere noi ci occupiamo di tutti i codici (arancio non esiste, è giallo) ed è capitato più volte che da noi siano partite ambulanze con codice rosso ecc......

informati meglio senza offese....... icon_wink.gif
 
3559385
3559385 Inviato: 1 Feb 2008 12:16
 

guru18 ha scritto:
preciso una cosa dati gli ultimi interventi:
la persona con cui ho parlato NON è un volontario, è effettivo. ha cominciato come volontario. io ho scritto oltre per il contenuto del mio intervento per ringraziare i volontari, sua ex catregoria.


ti chiedo una cosa, lavora a Lissone????

perchè se è lui lo conosco, oltre alla professione fa anche qualche turno da volontario da Noi.... icon_wink.gif
 
3560715
3560715 Inviato: 1 Feb 2008 14:59
 

Mancio1979 ha scritto:
guru18 ha scritto:
preciso una cosa dati gli ultimi interventi:
la persona con cui ho parlato NON è un volontario, è effettivo. ha cominciato come volontario. io ho scritto oltre per il contenuto del mio intervento per ringraziare i volontari, sua ex catregoria.


ti chiedo una cosa, lavora a Lissone????

perchè se è lui lo conosco, oltre alla professione fa anche qualche turno da volontario da Noi.... icon_wink.gif


no non credo però non gli ho chiesto la sede operativa, l'ho conosciuto merccoledì sera e non l'ho ancora rivisto.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 3
Vai a pagina 123  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Sicurezza e PrevenzioneEsperienze personali, Guida Sicura

Forums ©