Leggi il Topic


Indice del forumForum TecnicoCiclistica

   

Pagina 1 di 1
 
Scelta chiave dinamometrica
16148508
16148508 Inviato: 13 Apr 2020 9:46
Oggetto: Scelta chiave dinamometrica
 



Buongiorno a tutti, sono un felice possesore di una V-strom 650 2017. Da sempre, anche con le moto che ho avuto in precedenza, ho sempre cercato di fare in casa i lavori possibili. Questo per risparmiare qualcosina e soprattutto perché mi piace farli.
In questo periodo ne ho fatti ancora di più e dato che sta cosa mi diverte un sacco e dura nel tempo, sarei seriamente intenzionato a comprare quei pochi attrezzi che mi permettono di fare i lavori alla mia portata così come si deve. Quindi...un chiave dinamometrica! Le coppie di serraggio ormai si trovano, quindi non sono un problema. Detto ciò, mi pare di capire che ne servirebbero 2, o sbaglio? Esempio: valvola del liquido dei freni sulla pinza anteriore 7,5 N/m, dado del mono posteriore 60 N/m...e così via.
Si accettano consigli!!
Grazie.
 
16148524
16148524 Inviato: 13 Apr 2020 11:33
 

io ne ho 3:

- da 3 a 15 Nm attacco 1/4 pollice
- da 10 a 80 Nm attacco 3/8 pollice
- da 40 a 210 Nm attacco 1/2 pollice

In teoria ne basterebbe anche una per la moto da 10 a 80 che dovrebbe coprire dalle candele al mozzo posteriore, Però per le pinze freni ti servirebbe quella più piccola.

la più grande che ho ha anche un braccio lungo e si adatta essendo da 1/2 pollice, alle bussole grandi, diciamo dal 13 in sù

Su quella da 3/8 puoi usare dei riduttori 1/2 pollice 3/8

Le marche che ho sono 3 diverse, acquistate sui soliti siti web di commercio elettronico.

Se prendi chiavi professionali tipo Beta costano 100 € e oltre, poi dipende dalla gamma di range torsione.

In teoria una chiave dinamometrica andrebbe tarata ogni tanto

Quelle non professionali che ho, non sò se lo prevedono, ma per l'uso hobbistico che ne faccio direi che vanno bene.

Diciamo che tra tirare un dado a sensazione e uno tirato con una chiave non perfettamente tarata preferisco la seconda.

La cosa importante per le chiavi dianamometrice è portare a zero la forza impostatata sulle ghiere a fine lavoro, altrimenti si starano e usarle solo per serrare e non come chiave per uso generico.
 
16148582
16148582 Inviato: 13 Apr 2020 17:39
 

se ti può aiutare, io ne ho 2 da circa 5 anni, una della Beta che varia tra i 10-60Nm che uso per i lavori di maggior precisione e una acquistata su amazon piu' hobbistica che arriva fino a 200Nm per ruote ecc..
il bello di averne due è che ogni tanto le confronto per testare la loro precisione.
Quoto il messaggio precedente, finito il lavoro van tenute scariche.
 
16148597
16148597 Inviato: 13 Apr 2020 18:46
 

Per le moto, la cosa migliore è una 10-60, ci fai tutti i serraggi "importanti"... gli assi ruota se li tiri a 90 o 110 cambia poco, puoi fare a mano libera. Prendila di buona marca, costi quello che costi, altrimenti non ha senso, e trattala bene, usala solo per l'ultimo serraggio e non farla mai cadere.

ciao

WK

Ps: attento che sia giusta per le bussole che hai, esistono gli adattatori ma la rendono più ingombrante, rischiando poi che non entri nel poco spazio che spesso c'è...
 
16148615
16148615 Inviato: 13 Apr 2020 20:49
 

Io ne ho una di fascia di costo/qualità "media" con cui serro tutte le viti principali, tranne appunto quelle delle pinze freno con cui vado "a sensazione/esperienza" eusa_whistle.gif (prima o poi ne prenderò una anche per bassi valori di seraggio ).
Visto che devi fare la spesa prendine direttamente due e sceglie prodotti hobbystici di buon livello.
Come suggerito da wkowalski controlla che abbiano l'innesto di sezione corrispondente alle bussole in tuo possesso.
Come ti hanno già detto usale per il serraggio finale, non farle cadere e lasciale sempre a zero quando non le stai usando.

Ah importantissimo, non usarle MAI per svitare; hanno si il cricchetto per usarle nei due sensi ma è per avvitare le viti sinistrorse, non per svitare le destrorse.
 
16148631
16148631 Inviato: 13 Apr 2020 21:57
 

Segno tutto. Grazie!
Ma scendendo un pò più nel dettaglio, quali sono i marchi che potete consigliare? Oltre ai classici Usag, Beta, ecc ecc...Grazie.
dumdum11 ha scritto:
Io ne ho una di fascia di costo/qualità "media" con cui serro tutte le viti principali, tranne appunto quelle delle pinze freno con cui vado "a sensazione/esperienza" eusa_whistle.gif (prima o poi ne prenderò una anche per bassi valori di seraggio ).
Visto che devi fare la spesa prendine direttamente due e sceglie prodotti hobbystici di buon livello.
Come suggerito da wkowalski controlla che abbiano l'innesto di sezione corrispondente alle bussole in tuo possesso.
Come ti hanno già detto usale per il serraggio finale, non farle cadere e lasciale sempre a zero quando non le stai usando.

Ah importantissimo, non usarle MAI per svitare; hanno si il cricchetto per usarle nei due sensi ma è per avvitare le viti sinistrorse, non per svitare le destrorse.
 
16148647
16148647 Inviato: 13 Apr 2020 23:19
 

Usag-beta-pastorino... queste le marche più note. Evita roba economica perchè è uno strumento di misura e devi poterci contare. Evita anche le chiavi con un range troppo ampio tipo 10-200, sono molto meno precise (e solitamente cinesate). Una 10-60 della beta dovresti trovarla sui 150.

Ciao

WK
 
16148648
16148648 Inviato: 13 Apr 2020 23:20
 

Usag-beta-pastorino... queste le marche più note. Evita roba economica perchè è uno strumento di misura e devi poterci contare. Evita anche le chiavi con un range troppo ampio tipo 10-200, sono molto meno precise (e solitamente cinesate). Una 10-60 della beta dovresti trovarla sui 150.

Ciao

WK
 
16148863
16148863 Inviato: 14 Apr 2020 20:05
 

Io ne ho 3:

Una Stanley da 10 a 50 Nm con attacco da 3/8
Una Stanley da 40 a 210 Nm con attacco da 1/2
Una Usag da 68 a 340 Nm con attacco da 1/2

Poi come ti hanno già detto, non usarle per svitare, non farle cadere e sopratutto quando non le usi lasciale
sempre a zero.

E' o almeno dovrebbe essere uno strumento di precisione, e in questo caso vale, più che in altri, la regola che con poco ti danno poco, e spendere poco per avere uno strumento che poi non serve per quello per cui l'hai comprato non ha molto senso. icon_wink.gif
 
16149033
16149033 Inviato: 15 Apr 2020 14:16
 

Bisognerebbe anche controllare annualmente la taratura. Non e' necessario perforza il centro SIT ma si puo' anche utilizare il metodo casalingo. E ricordiamoci che non e' il bisturi che fa il chirurgo..

0510_saluto.gif
 
16149349
16149349 Inviato: 16 Apr 2020 19:34
 

Anche io ne ho due e ci faccio praticamente tutto avendo il vizietto purtroppo di andarci pesantuccio nel serrare qualsiasi cosa e infatti anni fa ho spanato una vite direttamente sul telaio meno male che un mio amico meccanico in 5 minuti la tirò fuori con l'0estrattore, un altra volta ho serrato troppo il tappo di scarico olio. Da quel momento ho comprato due dinamometriche e un bel pennarello giallo indelebile per vedere a colpo d'occhio se qualcosa si sta svitando.

Domanda; quando mi trovo ad avvitare un bullone X immagino che si utilizzi prima il classico cricchetto/chiave e solo quando si comincia a sentire un minimo di forza continuo ad avvitare con la dinamometrica ai giusti Nm oppure è meglio avvitare dall'inizio con quest'ultima ?
 
16149356
16149356 Inviato: 16 Apr 2020 19:45
 

Puoi anche usare direttamente la chiave dinamonetrica, visto che la usi solo per stringere, però di solito la dinamometrica é più lunga, pesante ed ingombrante rispetto ad un altra chiave, e quindi spesso scomoda.

Per cui spesso è più comodo usare un altra chiave prima e prendere la dinamometrica solo alla fine.
 
16149366
16149366 Inviato: 16 Apr 2020 20:37
 

Io la uso solo per portare al giusto serraggio, prima utilizzo il cricchetto "ignorante".
 
16149579
16149579 Inviato: 17 Apr 2020 23:14
 

Grazie per le risposte icon_wink.gif

Considerate che io sono diventato fissato di brutto con le chiavi dinamometriche. Voglio vedere in quanti hanno il buon vizio di usarla nel serraggio delle candele per esempio. Io sin da ragazzo su tutti i miei mezzi ma anche in altri ambiti ho dovuto invocare i grandi dei per viti, bulloni ecc spanati che non ne volevano più sapere di muoversi, dopo l'ultima storia con il tappo di scarico olio ho detto basta icon_mrgreen.gif eusa_naughty.gif
 
16149671
16149671 Inviato: 18 Apr 2020 13:27
 

dumdum11 ha scritto:
Io la uso solo per portare al giusto serraggio, prima utilizzo il cricchetto "ignorante".
Questo sarebbe il sistema migliore. perche' in questo modo si capisce subito se ci sono problemi sulla filettatura o impuntamenti dovuti agli inevitabili assestamenti delle parti. Ovvaimente in fabbrica e con i bulloni nuovi nn bisogna perdere tempo e vanno direttamente di dinamonetrica.

0510_saluto.gif
 
16154658
16154658 Inviato: 12 Mag 2020 4:54
 

Io ho risolto con questa:

immagini visibili ai soli utenti registrati


Generalmente vengono utilizzate per controllare la taratura delle chiavi dinamometriche classiche, ma molti modelli come queta ACDelco che ho preso si possono utilizzare anche per il classico serraggio (e anche l'opposto, se vi interessa misurare la coppia di sbloccaggio).
Range 20-200Nm con risoluzione di 0.1 (esiste anche la versione 30-340Nm) e accuratezza garantita con errore max del 1.5%.
Esistono molti modelli anche cinesi a poco (30€) ma ho preferito questa perché è una delle poche economiche (e di un marchio conosciuto) che ha la precisione garantita (difatti c'è il certificato del test del controllo di qualità nella scatola).
Pagata 50€ perché ho avuto la fortuna di avere un amico che visita ogni anno dei parenti negli USA e l'ho fatta arrivare a loro e poi lui me l'ha contrabbandata di qua al ritorno. icon_asd.gif
Con le varie spese di importazione diventano quasi 100€ ma ne vale comunque la pena visto che si copre il range di 3 chiavi dinamometriche decenti ed è più precisa. (in realtà il range dichiarato è 20-200 perché quando si raggiunge la coppia impostata c'è un segnale acustico, ma volendo si può anche utilizzare sotto i 20Nm ma solo con la misura in tempo reale sullo schermo e senza segnale acustico).
 
16154807
16154807 Inviato: 12 Mag 2020 19:34
 

Personalmente non mi piacciono molto le misurazioni digitali, in questo campo, ma a parte questo mi pare molto ingombrante ed inutilizzabile in alcuni casi.
 
16154912
16154912 Inviato: 13 Mag 2020 6:39
 

Come mai l'avversione alle misure digitali? Sopratutto vista l'accuratezza che mediamente è il doppio di una dinamometrica "commerciale" (senza tirare fuori quelle da controllo qualità).
Sembra ma è abbastanza compatto (ma penso che ti sia già fatto un'idea vedendo il codolo che è 1/2"), nel caso basta usare un'estensione (che è vero che varia il valore se posta tra vite e dinamometro, ma la differenza è trascurabile per il nostro utilizzo), sinceramente tranne che per le candele non ho mai dovuto utilizzarne (per lo meno sulla mia moto).
 
16155041
16155041 Inviato: 13 Mag 2020 17:09
 

modelero ha scritto:
Come mai l'avversione alle misure digitali? Sopratutto vista l'accuratezza che mediamente è il doppio di una dinamometrica "commerciale" (senza tirare fuori quelle da controllo qualità).
Sembra ma è abbastanza compatto (ma penso che ti sia già fatto un'idea vedendo il codolo che è 1/2"), nel caso basta usare un'estensione (che è vero che varia il valore se posta tra vite e dinamometro, ma la differenza è trascurabile per il nostro utilizzo), sinceramente tranne che per le candele non ho mai dovuto utilizzarne (per lo meno sulla mia moto).


Le misure digitali accurate sono costose, come quelle analogiche.
Per farti un altro esempio nel campo della misurazione delle pressioni dei pneumatici il digitale stenta ad affermarsi, specie per l'utilizzo in circuito, dove lo zero virgola è molto importante.

Poi per me compatto è un altra cosa, sarà adattissimo per stringere un perno ruota, ma difficilmente riuscirai ad utilizzarla per un filtro olio.
 
16155059
16155059 Inviato: 13 Mag 2020 18:26
 

Il sensore elettronico sembra molto comodo, ma ho alcuni dubbi: 20-200 è un range enorme, e ho sempre sentito dire che è sintomo di scarsa precisione / qualità. L'attacco da 1/2" lascia intendere che l'attrezzo nasce per roba tipo i cerchi delle auto, dove l'ingombro non è un problema, e anche se la misurazione è approssimativa poco importa. In un vano motore 9 su 10 non avresti spazio per usarlo, e la misura deve essere perfetta. Per farti un esempio, una chiave tradizionale della Beta ha un margine di errore sotto l'1 per cento.

ciao

WK
 
16155061
16155061 Inviato: 13 Mag 2020 18:31
 

Sui manometri digitali invece mi sono dovuto ricredere, ne ho uno economico e dopo anni di uso l'ho fatto provare al gommista confrontandolo con quello "serio", ed era ancora preciso al decimo di bar... ma per l'uso quotidiano professionale non so se vale lo stesso.

ciao

WK
 
16155102
16155102 Inviato: 13 Mag 2020 22:25
 

wkowalski ha scritto:
Il sensore elettronico sembra molto comodo, ma ho alcuni dubbi: 20-200 è un range enorme, e ho sempre sentito dire che è sintomo di scarsa precisione / qualità. L'attacco da 1/2" lascia intendere che l'attrezzo nasce per roba tipo i cerchi delle auto, dove l'ingombro non è un problema, e anche se la misurazione è approssimativa poco importa. In un vano motore 9 su 10 non avresti spazio per usarlo, e la misura deve essere perfetta. Per farti un esempio, una chiave tradizionale della Beta ha un margine di errore sotto l'1 per cento.

ciao

WK


La classica chiave beta da 100€ ha un margine d'errore del 3% (dichiarato da loro).
Ho preso proprio quel modello perché ha il certificato che ne attesta l'accuratezza (da non confondere con precisione e risoluzione) entro l'1.5% in tutto il range superiore al 20% fino al 100% (200Nm), come ho scritto più sopra.
Il discorso del range è fondato, ma una cosa è parlarne per una chiave dinamometrica la cui accuratezza a precisione è figlia della molla all'interno, un'altra cosa è invece uno torsiometro.

Il manometro digitale è un po' un altro discorso, questi dinamometri sono delle semplici prolunghe in acciaio con piazzati sopra degli estensimetri e relativo ponte di wheatstone e resto del circuito, e vi assicuro che non è complesso ottenere misurazioni precise.
Il problema delle misurazioni digitali è che spesso sui prodotti economici non vengono fatte le giuste tarature.

Il mio intento era comunque proporre un'alternativa valida sopratutto per non stare a comprare 2/3 chiavi differenti (che ad essere onesti, sarebbero da abbinare ad uno di questi misuratori per tenerne controllata l'affidabilità, visto che in linee di montaggio ecc... li usano proprio per quello).

Per il discorso ingombri avete assolutamente ragione, ma per lo meno nel mio caso non ho mai avuto problemi (nemmeno col il filtro olio), per lavorare su di un'auto invece lo vedrei già più problematico.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum TecnicoCiclistica

Forums ©