Leggi il Topic


Indice del forumForum SuzukiForum Suzuki V-Strom

   

Pagina 1 di 1
 
Postura - problema cervicale v strom
16124255
16124255 Inviato: 8 Dic 2019 18:49
Oggetto: Postura - problema cervicale v strom
 



Ciao a tutti vorrei sapere se qualcuno ha avuto il mio stesso problema. Dopo diverse ricerche due anni fa mi sono comprato la mia vstrom, purtroppo dopo il primo viaggio di circa 450 km e spuntata la cervicale, mai avuta prima. In effetti il manubrio per la mia statura era un po lontano quindi per migliorare la mia postura ho cambiato i riser del manubrio per avvicinarlo ed è migliorata la guida ma non ho risolto. Ad oggi purtroppo riesco a guidarla solo con il casco jet e per pochi km . In due anni sono riuscito a farci solo 2000 km e per me è una croce. Se qualcuno mi vuole dare qualche consiglio e ben accetto. Grazie a tutti
 
16124257
16124257 Inviato: 8 Dic 2019 19:18
 

Be' ,guarda non dare alla moto proprio tutta la colpa della tua cervicale rotfl.gif ....Io ho iniziato a soffrirne circa una 20ina d'anni fa'(allora avevo una GRANDE Transalp)..poi una Tiger ,poi Tdm e ora Vstrom)ed ho imparato a conviverci,senza non tentare con cupolini -deflettori vari icon_asd.gif icon_asd.gif
Poi bisogna vedere che lavoro fai..e l'eta' ....
Io soffro di piu' ,cioe' ho piu' dolore al collo quando vado in macchina......
Ciao
 
16124266
16124266 Inviato: 8 Dic 2019 21:46
 

Scusa potresti spiegarci un po' i sintomi che percepisci? Sono un sanitario e potrei cercare di darti qualche risposta per capire se la guida c'entra o no.
 
16124316
16124316 Inviato: 9 Dic 2019 10:32
 

Io ad esempio soffro più con la schiena e avrei bisogno di rinforzare i dorsali, un amico soffre la cervicale e mette un passamontagna e fazzoletto sul collo anche in estate. Penso però che oltre all'aria magari un casco leggero, e comodo, oltre ad un minor flusso di aria su testa colllo possa aiutarti, però sentiamo il parere sanitario di mardisco
 
16124374
16124374 Inviato: 9 Dic 2019 16:11
 

Ciao .
Problema molto comune , fra i motociclisti , soprattutto quelli "diversamente giovani" .
Ne soffrivo anche io .
A me ha aiutato molto la pratica di discipline posturali , come lo yoga ed il taichi .
A cui devo comunque abbinare una protezione dagli agenti atmosferici adeguata .
Per questo cerco di mantenere ben protette le zone più sensibili ( collo , trapezi , spalle ) con abbigliamento dedicato .
Inoltre cerco di evitare moto che non mi garantiscano una zona calma e priva di turbolenze a casco e collo , oppure posture che mi impediscono di rilassare le zone incriminate ( ad es. , le "SS" impongono una postura del collo innaturale , per poter vedere la strada ) .
Sulla tua hai problemi di questo genere ?
Il problema si presenta anche guidando sul misto a velocità relativamente basse , dove eventuali turbolenze dovrebbero essere di bassa entità ?


doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
16124384
16124384 Inviato: 9 Dic 2019 17:04
 

Da sofferente ti dico la mia:

- Casco leggero (il mio è in carbonio)
- Stretching GIORNALIERO della cervicale con movimenti dedicati (su youtube trovi tutto)
- Movimenti del collo (per sciogliere) quando possibile quando viaggi
- Uso un copricollo delal Dainese in WindStopper per riparare dal vento (ma personalmente non penso che sia colpa del vento/freddo)

Buon viaggio
 
16124426
16124426 Inviato: 9 Dic 2019 20:00
 

Ringrazio tutti per i vostri consigli e provo a rispondere con un unico messaggio cercando di fornire ulteriori informazioni. Anche io rientro nella categoria dei diversamente giovani sono vicino ai 50, faccio un lavoro per il 50-60% da scrivania che sicuramente non aiuta. Il problema fisico principale che soffro è il dolore al collo e la sensazione di andare in giro con un sacco sulle spalle. La cosa che mi è sembrata strana che dopo alcuni anni con un hornet e circa 4/5000 km a stagione non avevo mai avuto problemi di cervicale ed il mio mal di schiena( che ho da diversi anni) è stato sempre gestito ottimamente con un para schiena e fascia lombare. Ho preso anche un casco dal peso ridotto (non in carbonio) ma dopo 40/50 km dolori al collo insistenti da doverlo togliere e utilizzare il jet. Io ho il cupolino originale tutto alto ma comunque non copre bene. Fatto fisioterapia varia ma niente, fatto esercizi, non costantemente, per il collo ma niente. Pur di andare in moto sono riuscito anche a perdere peso, meglio, ma niente. Ero tentato a cambiare moto ma non sapendo se risolvo non mi sono molto impegnato perché non vorrei perché quel poco che ci sono potuto andare mi sono divertito un bel pò. Spererei di trovare un modo per conviverci per la prossima stagione e andare a fare quei giri che mi ero prefissato e non ho potuto fare. Ho pensato di prendere anche la protezione da collo tipo quella da cross ma non sono sicuro che ci si possa guidare bene. Prima di rinunciare del tutto vorrei provarle tutte.. 0509_doppio_ok.gif
 
16124487
16124487 Inviato: 10 Dic 2019 1:15
 

I fisioterapisti non sono tutti uguali e la medicina , in tutte le sue declinazioni , non è una scienza esatta .
Al momento ho 2 ernie cervicali calcificate , che 3 neurochirurghi ( ne consultai 3 , prima di decidere il da farsi , vista la gravità del problema , per avere pareri incrociati ) erano concordi con la necessità di operare .
La paura sulle possibili conseguenze di un' operazione mal riuscita ed i dubbi sollevati da un conoscente che già aveva vissuto un' esperienza simile , mi portarono a tentare la strada della fisioterapia posturale .
E fortunatamente è stata una scelta azzeccata , nel mio caso .
Ti consiglio di provare altre vie terapeutiche perchè , per quelle che sono le mie esperienze personali in merito , spesso è questione di fattore "C" ( botta di fortuna ) , nel trovare il terapista giusto .
Una protezione dagli agenti atmosferici ottimale è comunque auspicabile .
Parlano molto bene del Givi airflow , per quanto riguarda il livello di efficienza protettiva sulla tua moto .
Potresti intanto provare a fare uno step migliorativo in tal senso .



doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
16124549
16124549 Inviato: 10 Dic 2019 11:56
 

anche io ho problemi molto seri alla schiena (un ragno che mi blocca 4 vertebre dopo una caduta al mugello a 180 kmh...) e mi tocca rinunciare ai semimanubri.
Ogni moto che ho devo cucirmela addosso perchè sia comoda e anche il vstrom lo ho modificato con arretratori e inclinando verso di me il manubrio a 45 gradi, manubrio che ho cambiato con uno da cross molto più dritto agli angoli, oltre al rifacimento della sella per alzarla e renderla più comfortevole.
Anche il Monster 1200 s (ma pure la precedente tuono) lo ho dovuto modificare con una sella su misura e probabilmente arrterò anche i riser se trovo l'accessorio adatto.
con una guida dritta è solo questione di trovare la posizione giusta capendo dove sta il problema (cosa non semplice...) e facendo gli aggiustamenti necessari.
Per i miei problemi il nuoto (solo stile e dorso) ha fatto miracoli tanto che in due anni ho fatto anche alcune gare master di nuoto fino agli italiani di riccione e in moto non ho più avuto problemi
Devi provare diverse soluzioni anche modificando le pedane che sitrovano in commercio arretrate, avanzate o abbassate per il vstrom
non desistere...
icon_twisted.gif icon_twisted.gif icon_twisted.gif
 
16124586
16124586 Inviato: 10 Dic 2019 13:25
 

per la prossima stagione sicuramente sarà un acquisto che farò, prima di abbandonare le voglio provare tutte, riproverò anche con la fisioterapia magari azzecco il fattore "C". grazie ciao
ansetup ha scritto:
I fisioterapisti non sono tutti uguali e la medicina , in tutte le sue declinazioni , non è una scienza esatta .
Al momento ho 2 ernie cervicali calcificate , che 3 neurochirurghi ( ne consultai 3 , prima di decidere il da farsi , vista la gravità del problema , per avere pareri incrociati ) erano concordi con la necessità di operare .
La paura sulle possibili conseguenze di un' operazione mal riuscita ed i dubbi sollevati da un conoscente che già aveva vissuto un' esperienza simile , mi portarono a tentare la strada della fisioterapia posturale .
E fortunatamente è stata una scelta azzeccata , nel mio caso .
Ti consiglio di provare altre vie terapeutiche perchè , per quelle che sono le mie esperienze personali in merito , spesso è questione di fattore "C" ( botta di fortuna ) , nel trovare il terapista giusto .
Una protezione dagli agenti atmosferici ottimale è comunque auspicabile .
Parlano molto bene del Givi airflow , per quanto riguarda il livello di efficienza protettiva sulla tua moto .
Potresti intanto provare a fare uno step migliorativo in tal senso .



doppio_lamp_naked.gif doppio_lamp_naked.gif
 
16124590
16124590 Inviato: 10 Dic 2019 13:32
 

mi fa piace che sei riuscito a trovare una quadra e con il nuoto hai trovato anche il lato positivo del problema , prendo spunto da tutti i consigli ricevuti per cercare di poter almeno tollerare il dolore. Questo inverno cercherò di intervenire sulla moto, poi a primavera vedrò i risultati magari trovo davvero il fattore "C" 0509_doppio_ok.gif
joker72 ha scritto:
anche io ho problemi molto seri alla schiena (un ragno che mi blocca 4 vertebre dopo una caduta al mugello a 180 kmh...) e mi tocca rinunciare ai semimanubri.
Ogni moto che ho devo cucirmela addosso perchè sia comoda e anche il vstrom lo ho modificato con arretratori e inclinando verso di me il manubrio a 45 gradi, manubrio che ho cambiato con uno da cross molto più dritto agli angoli, oltre al rifacimento della sella per alzarla e renderla più comfortevole.
Anche il Monster 1200 s (ma pure la precedente tuono) lo ho dovuto modificare con una sella su misura e probabilmente arrterò anche i riser se trovo l'accessorio adatto.
con una guida dritta è solo questione di trovare la posizione giusta capendo dove sta il problema (cosa non semplice...) e facendo gli aggiustamenti necessari.
Per i miei problemi il nuoto (solo stile e dorso) ha fatto miracoli tanto che in due anni ho fatto anche alcune gare master di nuoto fino agli italiani di riccione e in moto non ho più avuto problemi
Devi provare diverse soluzioni anche modificando le pedane che sitrovano in commercio arretrate, avanzate o abbassate per il vstrom
non desistere...
icon_twisted.gif icon_twisted.gif icon_twisted.gif
 
16125204
16125204 Inviato: 13 Dic 2019 15:32
 

Ciao dunque il mio parere è che probabilmente eri abituato ad una guida con postura diversa, e adesso l'organismo, non riconoscendo più la posizione acquisita, risponda con dei dolori da "adattamento" molto comuni anche a chi inizia qualsiasi sport. In alternativa, una tua forzatura posturale ha dato luogo ad uno squilibrio posturale secondario, creando dolori da posizione errata.
Terza alternativa, un tuo stato d'ansia quando ti metti alla guida, ma questo mi sembrta più ragionevole se lo attribuiamo ad un neofita.
 
16126065
16126065 Inviato: 18 Dic 2019 20:41
 

ma il terzo lo escludo, proverò ad adattarmi la moto, parabrezza magari manubrio, poi se non va proverò a cambiare tipologia di moto e se non va nemmeno cosi rimane lo scuterino eusa_wall.gif eusa_wall.gif
grazie ciao
mardisco ha scritto:
Ciao dunque il mio parere è che probabilmente eri abituato ad una guida con postura diversa, e adesso l'organismo, non riconoscendo più la posizione acquisita, risponda con dei dolori da "adattamento" molto comuni anche a chi inizia qualsiasi sport. In alternativa, una tua forzatura posturale ha dato luogo ad uno squilibrio posturale secondario, creando dolori da posizione errata.
Terza alternativa, un tuo stato d'ansia quando ti metti alla guida, ma questo mi sembrta più ragionevole se lo attribuiamo ad un neofita.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum SuzukiForum Suzuki V-Strom

Forums ©