Leggi il Topic


Indice del forumForum Sicurezza e Prevenzione

   

Pagina 1 di 1
 
Guida a velocità codice e sicurezza
16095580
16095580 Inviato: 1 Ago 2019 9:47
Oggetto: Guida a velocità codice e sicurezza
 



Ultimamente sto prendendo la moto per fare un percorso di 20 km casa lavoro, passo per una tangenziale e poi una strada a doppio senso di marcia, tante curve, asfalto brutto eccetera, insomma tipica strada italiana.

Mi sono reso conto che fondamentalmente mi è impossibile viaggiare a velocità codice, nel senso che a me piacerebbe pure risparmiare benzina, evitare di fare curve e tornanti ciechi a 60 kmh, dover accelerare come non ci fosse un domani sui rettilinei ma, dannazione, se guidassi a 40 kmh come da limite letteralmente verrei portato via da chi segue.

Mi trovo a dover accelerare per togliermi camion grossi da dietro e nonostante vada così svelto sempre capita che qualche frettoloso figlio di buona donna faccia sorpassi azzardati, solitamente guidatori di robe tipo ducato, suv e simili. Come detto la strada è doppio senso con linea continua, più di una volta mi sono trovato a dover fare manovre azzardate per evitare che il fetente con il ducato/fiorino/camion da muratore, si impastasse con macchine provenienti dall'altro senso.

Il rispetto delle distanze di sicurezza è pura utopia, io nella speranza che capiscano che si devono levare dalla mia coda provo a scuotere la testa, a fare un gesto con la mano, ma niente, o accelero e gli faccio mangiare polvere o non ho alternativa che cercare un punto dove è possibile accostare un poco in sicurezza e farli passare. Sia chiaro, io non ostacolo il sorpasso, ma se devo buttarmi a bordo via nella ghiaia perchè tu devi guadagnare due secondi, puoi pure crepare aspettando.

Ma è possibile che ste patenti le regalino proprio? Dico io, se uno ha fretta non può partire 5 minuti prima invece che correre come il pazzo su una strada di montagna fatta con i piedi e manutenuta pure peggio?

Mo non penso di essere l'unico a vivere quotidianamente queste situazioni e mi piacerebbe condividere qualche parere.

Io oramai inizio a pensare che sia quasi più sicuro non rispettare il limite che rispettarlo. 0510_sad.gif
 
16095593
16095593 Inviato: 1 Ago 2019 9:59
 

ti dico come faccio io.
me ne frego, e vado per la mia strada alla mia velocità, che solitamente è consona al percorso che faccio.
vuoi sorpassarmi?
aspetta un rettilineo sufficientemente lungo.
 
16095600
16095600 Inviato: 1 Ago 2019 10:18
 

Per quel che conta con me sfondi una porta aperta.
Ci sono due aspetti legati alla sicurezza, uno è quello che riguarda te e la strada e l'altro è quello che riguarda il tuo rapporto con gli altri utenti della strada.

Nel primo caso tendenzialmente più vai piano e meglio è, anche se poi io tutte le volte che mi sono trovato per terra per colpa mia stavo andando piano e tranquillo e ho fatto errori legati al calo dell'attenzione, ma questo è un mio problema che sono un po' una testa di c...

Nel secondo caso bisogna trovare il giusto equilibrio.
Sicuramente il pericolo aumenta all'aumentare della differenza fra la tua velocità e quella degli altri utenti, questo sia andando veloce che andando piano.
Per quel che riguarda la mia esperienza il modo più sicuro per viaggiare è quello di tenere la stessa velocità dei mezzi più veloci sulla strada. Generalmente chi non guida una moto non si rende conto di quanto sia fastidioso (e pericoloso) seguire da vicino un mezzo a due ruote: ti si appiccicano dietro senza nessun rispetto delle distanze di sicurezza e senza sapere che che linee, punti di frenata e modalità di accelerazione fra un mezzo a due e uno a quattro ruote sono completamente diversi o anche che, semplicemente, potresti trovarti per terra senza grossi preavvisi.

Se sono da solo e qualcuno mi si appiccica dietro (cosa piuttosto rara visto che il mio passo rilassato in moto è comunque più rapido di quello del 90% degli utenti della strada) valuto un attimo a seconda della situazione cosa convenga fare: se la strada lo permette faccio segno di passare e agevolo il sorpasso, altrimenti preferisco accellerare e ristabilire le giuste distanze di sicurezza. Discorso un po' diverso se porto un passeggero, in tal caso generalmente vado molto piano e in qualsiasi condizione ci sia un minimo di visibilità per passare tengo la destra il più possibile e faccio segno il braccio di passare.

p.s. Notare che non ho parlato assolutamente dei limiti di velocità. Non sono indicativi.
Ci sono strade di montagna mal ridotte dove vige il limite di 90km/h che è francamente pure troppo (anche se il lo apprezzo anche solo a livello concettuale: un limite di velocità è un qualcosa che non devi superare ma mica sta scritto da nessuna parte che devi raggiungerlo, sta a te regolarti in base al mezzo, le condizioni e quant'altro).
Poi ci sono anche strade dove vengono imposti limiti talmente bassi che nessuno li rispetta e dove farlo vorrebbe dire nel migliore dei casi creare disagi e rallentamenti alla circolazione e nel peggiore mettersi nei guai proprio per gli aspetti che hai sottolineato tu.
 
16095620
16095620 Inviato: 1 Ago 2019 11:18
Oggetto: Re: Guida a velocità codice e sicurezza
 

efus ha scritto:

Ma è possibile che ste patenti le regalino proprio? Dico io, se uno ha fretta non può partire 5 minuti prima invece che correre come il pazzo su una strada di montagna fatta con i piedi e manutenuta pure peggio?


In base a cosa lo stabilisci se uno "corre come un pazzo"? Se va più veloce di te? Se va più veloce del limite? Se sorpassa con striscia continua? Se si considera religiosamente il CdS il 99% di quelli che guida è pazzo, se ci si basa sul buon senso la percentuale di pazzi cala notevolmente.

Personalmente il tachimetro lo guardo praticamente solo se c'è il pericolo velox. Comunque a prescindere da quanto vado cerco sempre di fare il possibile per agevolare chi va più forte di me a passare per una semplice questione di rispetto e sono sempre estremamente grato a chi fa lo stesso.
 
16095631
16095631 Inviato: 1 Ago 2019 11:27
Oggetto: Re: Guida a velocità codice e sicurezza
 

efus ha scritto:
Ultimamente sto prendendo la moto per fare un percorso di 20 km casa lavoro, passo per una tangenziale e poi una strada a doppio senso di marcia, tante curve, asfalto brutto eccetera, insomma tipica strada italiana.

Mi sono reso conto che fondamentalmente mi è impossibile viaggiare a velocità codice, nel senso che a me piacerebbe pure risparmiare benzina, evitare di fare curve e tornanti ciechi a 60 kmh, dover accelerare come non ci fosse un domani sui rettilinei ma, dannazione, se guidassi a 40 kmh come da limite letteralmente verrei portato via da chi segue.

Mi trovo a dover accelerare per togliermi camion grossi da dietro e nonostante vada così svelto sempre capita che qualche frettoloso figlio di buona donna faccia sorpassi azzardati, solitamente guidatori di robe tipo ducato, suv e simili. Come detto la strada è doppio senso con linea continua, più di una volta mi sono trovato a dover fare manovre azzardate per evitare che il fetente con il ducato/fiorino/camion da muratore, si impastasse con macchine provenienti dall'altro senso.

Il rispetto delle distanze di sicurezza è pura utopia, io nella speranza che capiscano che si devono levare dalla mia coda provo a scuotere la testa, a fare un gesto con la mano, ma niente, o accelero e gli faccio mangiare polvere o non ho alternativa che cercare un punto dove è possibile accostare un poco in sicurezza e farli passare. Sia chiaro, io non ostacolo il sorpasso, ma se devo buttarmi a bordo via nella ghiaia perchè tu devi guadagnare due secondi, puoi pure crepare aspettando.

Ma è possibile che ste patenti le regalino proprio? Dico io, se uno ha fretta non può partire 5 minuti prima invece che correre come il pazzo su una strada di montagna fatta con i piedi e manutenuta pure peggio?

Mo non penso di essere l'unico a vivere quotidianamente queste situazioni e mi piacerebbe condividere qualche parere.

Io oramai inizio a pensare che sia quasi più sicuro non rispettare il limite che rispettarlo. 0510_sad.gif

Poi dopo 200 metri quando tutti rallentano tu prendi l'autovelox dei viggili.
nel sistema italico me pare ovvio. icon_asd.gif

Battutine a parte purtroppo stiamo diventando un paese di selvaggi dove l'ignoranza è forza.
Prima di dare le patenti dovrebbero introdurre dei test di matematica o meccanica,
ma quanti supererebbero l'esame ? ma soprattutto come farebbe il cassonato
dell' imprenditore edile a sfrecciare ad oltre 140kmh sulla statale ?
Al paese italico serve di piu' l'edilizzia o l'agricolutra che il laureato in architettura degli ombrelloni da spiaggia.

0510_saluto.gif
 
16095656
16095656 Inviato: 1 Ago 2019 11:44
Oggetto: Re: Guida a velocità codice e sicurezza
 

Hazrael88 ha scritto:
In base a cosa lo stabilisci se uno "corre come un pazzo"? Se va più veloce di te? Se va più veloce del limite? Se sorpassa con striscia continua? Se si considera religiosamente il CdS il 99% di quelli che guida è pazzo, se ci si basa sul buon senso la percentuale di pazzi cala notevolmente.

Comma 22 «Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo.» icon_asd.gif

Hazrael88 ha scritto:
Personalmente il tachimetro lo guardo praticamente solo se c'è il pericolo velox. Comunque a prescindere da quanto vado cerco sempre di fare il possibile per agevolare chi va più forte di me a passare per una semplice questione di rispetto e sono sempre estremamente grato a chi fa lo stesso.

Proprio l'altroieri mi ha soprassato una mito 2T una cosa azzardatissima. (maglietta e pantaloncini corti)
apparte il fumo tossico del 2T ma se non mi spostavo mi avrebbe preso la fiancata dell' auto.
A sto punto diventa difficoltoso schivare ogni 50 metri il "bayliss" di turno.
E' una questione di buona educazione da entrambe le parti piuttosto che di codice della strada.

0510_saluto.gif
 
16095701
16095701 Inviato: 1 Ago 2019 12:30
 

Esattamente, bastano un po' di buona educazione e un minimo di buon senso icon_smile.gif
 
16095703
16095703 Inviato: 1 Ago 2019 12:34
 

Ricordiamoci una cosa: la causa degli incidenti non è la velocità in sé, ma la differenza di velocità.

Se vanno tutti a 30-40 km/h più di te, il discorso "se mi vuoi passare, fallo in rettilineo" conviene farlo solo se hai l'auto, ed è un'auto con dotazioni di sicurezza passiva decenti. In moto siamo troppo deboli, troppo esposti. Dell'avere ragione, della superiorità giuridica e morale data dal rispettare il codice, non te ne fai un emerito C quando sei steso sul tavolo di un obitorio perché ti hanno cilindrato.

I rimedi a questa situazione sono due. Il primo è cedere e adeguarsi agli altri. Le probabilità di incidente saranno certamente inferiori, ma d'altro canto le conseguenze di un incidente saranno più serie. Soppesa questi due aspetti e valuta se la cosa fa al caso tuo. Ah, e considera anche i velox.

Il secondo è, molto semplicemente, cambiare strada. Anche a costo di doversi alzare quel quarto d'ora prima, o quel che è.
 
16095769
16095769 Inviato: 1 Ago 2019 14:43
 

TommyTheBiker ha scritto:
Ricordiamoci una cosa: la causa degli incidenti non è la velocità in sé, ma la differenza di velocità.

Se vanno tutti a 30-40 km/h più di te, il discorso "se mi vuoi passare, fallo in rettilineo" conviene farlo solo se hai l'auto, ed è un'auto con dotazioni di sicurezza passiva decenti. In moto siamo troppo deboli, troppo esposti. Dell'avere ragione, della superiorità giuridica e morale data dal rispettare il codice, non te ne fai un emerito C quando sei steso sul tavolo di un obitorio perché ti hanno cilindrato.

I rimedi a questa situazione sono due. Il primo è cedere e adeguarsi agli altri. Le probabilità di incidente saranno certamente inferiori, ma d'altro canto le conseguenze di un incidente saranno più serie. Soppesa questi due aspetti e valuta se la cosa fa al caso tuo. Ah, e considera anche i velox.

Il secondo è, molto semplicemente, cambiare strada. Anche a costo di doversi alzare quel quarto d'ora prima, o quel che è[b].

Questo è decisamente la cosa più furba, se vanno tutti ad una velocità diversa dalla propria conviene cambiare strada quando si è in moto. Io preferisco sempre avere spazio davanti e dietro.
Poi se tutti vanno alla velocità X e uno vuole andare molto più piano forse la percezione di quella persona ha qualcosa che non coincide con quella degli altri e dovrebbe rivederla. E il rispettare i limiti non sempre è una cosa logica e sensata. Bisogna adattarsi alla situazione. Esattamente come chi in autostrada col traffico vorrebbe andare a 130 quando vanno tutti a 60..
Ps poi se io fossi in moto e fossi sorpassato da un fiorino il giorno dopo prenderei l'auto..
 
16095780
16095780 Inviato: 1 Ago 2019 15:06
 

Beh prima di tutto grazie per i vostri pareri.

Rispondo a pioggia un poco a tutti.

Prima di tutto chiariamo che non vado a passo di lumaca eh, quella strada me la faccio tutta fra 80 e 100 anche se il limite sarebbe di 40, ma lo faccio perchè, appunto, devo adeguarmi a come guidano gli altri.

Come ho detto io cerco sempre di facilitare il sorpasso se è possibile, il problema è quando quel sorpasso lo cercano con insistenza in punti pericolosissimi, tipo fra curve cieche. Dico io, lo sai che quel tratto di strada è così, sto andando già molto sopra il limite, veramente non puoi aspettare due secondi senza starmi attaccato alla coda? Peggio poi sono camion con rimorchio che viaggiano per questa strada a 100 kmh, con quel coso lanciato dietro io non ci sto, se devo fare una frenata di emergenza altro che panino! E quindi per levarmeli da dietro, visto che non ci sono per la maggior parte posti dove accostare, alla fine devo andare pure a 110.

Inevitabilmente mi adeguo a quel ritmo, perchè come ho detto o lo si fa o si viene letteralmente portati via, il punto è che resta un limite di legge di 40 kmh, mo lasciamo stare che magari è un poco basso, lasciamo stare che uno bravo bravo la fa pure a 150 kmh, ma non capisco perchè devo guidare sempre come fossi in moto gp senza però avere un asfalto decente, senza avere vie di fuga e pure con uno scemo attaccato dietro che se passa un cane (e passano), una bestia selvatica o qualsiasi altra cosa, io non ho il tempo nemmeno di frenare o scartarlo.

La verità è che vige la legge del più forte, e su quella strada di autovelox non ce ne sono, quindi tutti si sentono liberi di fare quello che gli pare e piace. Per capirci sarebbe la SS7 da Avellino a Montemiletto, e per dove devo arrivare io per forza questa devo prendere.

Ora io non sono un santo, ci mancherebbe, ma nemmeno mi prendo rischi inutili, giro con la tuta di pelle pure ora che ci sono 30 gradi, evito manovre azzardate eccetera. Non voglio sembrare un lamentoso o una nonnetta, ma per me guidare in modo assennato è una cosa importante perchè riguarda anche gli altri. Un conto è se mi ammazzo io solo andando a 300 in pista, un conto è se mi faccio del male a un'altra persona.

È che noi italiani dobbiamo sempre sentirci i più furbi, quelli che le regole valgono per gli altri, che tanto io sono bravo figurati se non riesco a frenare se sto a 2 metri da questo.

Quindi si, alla fine visto che sono costretto continuerò a fare quella strada e si, continuerò a farla ben più veloce di quanto si potrebbe, ma di certo non ne sono contento.
 
16095789
16095789 Inviato: 1 Ago 2019 15:38
 

efus ha scritto:
Beh prima di tutto grazie per i vostri pareri.

Rispondo a pioggia un poco a tutti.

Prima di tutto chiariamo che non vado a passo di lumaca eh, quella strada me la faccio tutta fra 80 e 100 anche se il limite sarebbe di 40, ma lo faccio perchè, appunto, devo adeguarmi a come guidano gli altri.

Come ho detto io cerco sempre di facilitare il sorpasso se è possibile, il problema è quando quel sorpasso lo cercano con insistenza in punti pericolosissimi, tipo fra curve cieche. Dico io, lo sai che quel tratto di strada è così, sto andando già molto sopra il limite, veramente non puoi aspettare due secondi senza starmi attaccato alla coda? Peggio poi sono camion con rimorchio che viaggiano per questa strada a 100 kmh, con quel coso lanciato dietro io non ci sto, se devo fare una frenata di emergenza altro che panino! E quindi per levarmeli da dietro, visto che non ci sono per la maggior parte posti dove accostare, alla fine devo andare pure a 110.

Inevitabilmente mi adeguo a quel ritmo, perchè come ho detto o lo si fa o si viene letteralmente portati via, il punto è che resta un limite di legge di 40 kmh, mo lasciamo stare che magari è un poco basso, lasciamo stare che uno bravo bravo la fa pure a 150 kmh, ma non capisco perchè devo guidare sempre come fossi in moto gp senza però avere un asfalto decente, senza avere vie di fuga e pure con uno scemo attaccato dietro che se passa un cane (e passano), una bestia selvatica o qualsiasi altra cosa, io non ho il tempo nemmeno di frenare o scartarlo.

La verità è che vige la legge del più forte, e su quella strada di autovelox non ce ne sono, quindi tutti si sentono liberi di fare quello che gli pare e piace. Per capirci sarebbe la SS7 da Avellino a Montemiletto, e per dove devo arrivare io per forza questa devo prendere.

Ora io non sono un santo, ci mancherebbe, ma nemmeno mi prendo rischi inutili, giro con la tuta di pelle pure ora che ci sono 30 gradi, evito manovre azzardate eccetera. Non voglio sembrare un lamentoso o una nonnetta, ma per me guidare in modo assennato è una cosa importante perchè riguarda anche gli altri. Un conto è se mi ammazzo io solo andando a 300 in pista, un conto è se mi faccio del male a un'altra persona.

È che noi italiani dobbiamo sempre sentirci i più furbi, quelli che le regole valgono per gli altri, che tanto io sono bravo figurati se non riesco a frenare se sto a 2 metri da questo.

Quindi si, alla fine visto che sono costretto continuerò a fare quella strada e si, continuerò a farla ben più veloce di quanto si potrebbe, ma di certo non ne sono contento.



dalle mie parti ci sono così tante postazioni velox che i limiti bene o male vengono rispettati. magari non funzionano, o non sempre sono accese, ma ti fideresti a passare di fianco ad una colonnina con scritto "controllo della velocità" e 60 km/h più del lecito?
non penso, infATTI VANNO TUTTI A 60.
 
16095801
16095801 Inviato: 1 Ago 2019 16:06
 

efus ha scritto:
il problema è quando quel sorpasso lo cercano con insistenza in punti pericolosissimi, tipo fra curve cieche. Dico io, lo sai che quel tratto di strada è così, sto andando già molto sopra il limite, veramente non puoi aspettare due secondi senza starmi attaccato alla coda?
Qui sta il punto.

Se pensi che gli altri sappiano valutare cose come questa... pensi male. O non le capiscono perché non vanno in moto, o semplicemente se ne fregano perché tanto sono dentro una scatola con cinture e airbag. Lo dico sempre, quando sei alla guida di una moto gli automobilisti li devi considerare o idioti o pazzi assassini, non c'è una terza categoria.

Quindi in quel punto o ti metti in condizioni di non poter essere sorpassato manco se si impegnano (velocità più alta, centro della corsia leggermente tendente a sinistra, ma non troppo sennò ti infilano a destra) oppure trovi un altro itinerario (che a quanto ho capito ahimé non c'è).

efus ha scritto:
La verità è che vige la legge del più forte
Esatto! Bisogna prenderne atto e adeguarsi.

Attenzione, non sto dicendo che sia una bella cosa. Ma dato che chi è su due ruote per forza di cose è un po' più pecorella e chi ne ha quattro è un po' più lupo, qualcosa per non finire mangiati ce la dobbiamo pur inventare.

Lo so, è una constatazione molto amara, ma questo è... icon_sad.gif
 
16095809
16095809 Inviato: 1 Ago 2019 16:30
 

TommyTheBiker ha scritto:
Esatto! Bisogna prenderne atto e adeguarsi.

Attenzione, non sto dicendo che sia una bella cosa. Ma dato che chi è su due ruote per forza di cose è un po' più pecorella e chi ne ha quattro è un po' più lupo, qualcosa per non finire mangiati ce la dobbiamo pur inventare.

Lo so, è una constatazione molto amara, ma questo è... icon_sad.gif


eh aimè si...

Infondo del fatto che questa fosse l'amara realtà n'ero già intimamente convinto, questo post è stato più uno sfogo, perchè di guidatori cani ne vedo a buttare da anni, ma quella via è un concentrato.
 
16095818
16095818 Inviato: 1 Ago 2019 16:41
 

beh se proprio vuoi rompergli le scatole un modi cisarebbe, non è il massimo della sicurezza ma lo puoi provare, ti distanzi abbastanza da dargli lo spazio di frenata, poi fai accendere il faro del freno(col posteriore) e metti le 4 freccie, controllando che il tipo rallenti. continui fino a farlo rallentare restando a distanza di sicurezza fino a che non siete fermi e poi scendi dalla moto e gli chiedi perchè deve starti così addosso e romperti le scatole.
Detto questo, se c'è un limite a 40 e tutti vanno a 80-100 vuol dire che il limite è messo solo per "proteggere" chi dovrebbe manutenere la strada e non lo fa... se un camion con rimorchio fa gli 80-100 all'ora quella strada ha un limite decisamente troppo basso...
Io non so cosa farei in quelle condizioni, per fortuna non mi ci sono mai trovato..
ps ma io guardato su google maps e sembra che ci siano altre opzioni, ma sembra anche che ti raddoppi il tempo di transito.(ma se la facessi a velocità codice ci impiegheresti comunque 40 minuti mi sembra)
 
16095884
16095884 Inviato: 1 Ago 2019 19:46
 

Alla fine nemmeno voglio rompere le scatole a nessuno, vorrei solo che la gente si rendesse conto che se mi sta a 2 metri a 90 kmh e io per qualche misterioso motivo cado, mi accoppa. Ringrazio di avere una moto sufficientemente potente da cacciarmi dagli impicci e che mi consente tutto sommato una guida rilassata, ma già con un 600 che nei bassi regimi è solitamente un po'vuoto uno dovrebbe guidare in maniera veramente nervosa.

E si, sicuramente il limite di 40 è tenuto perchè la strada fa schifo, ma francamente 80 mi sembra una velocità più che giusta per una strada del genere con curve cieche, a doppio senso e attraversamenti di fauna frequenti. A 40 sono d'accordo sarebbe improponibile, io al momento partenza uscita superstrada ci metto 15 minuti circa, mettercene 20 o 25 non sarebbe na tragedia.

Quello che non capisco di questi guidatori è che non si parla di gente che si vuole divertire a fare una strada di montagna isolata dove andare a tirare il collo al motore, qua parliamo di impiegati e camionisti che per arrivare 5 minuti prima corrono come i pazzi, quando basterebbe partire 5 minuti prima. Io tutta sta voglia di correre al lavoro o fare un incidente per andare a lavoro non l'ho XD

La mattina la prendo prima proprio per evitare la cagnara che si crea alle 8, dove veramente si vedono cose allucinanti, ma il pomeriggio non c'è scampo 0509_si_picchiano.gif
 
16095913
16095913 Inviato: 1 Ago 2019 23:36
 

efus ha scritto:
qua parliamo di impiegati e camionisti che per arrivare 5 minuti prima corrono come i pazzi, quando basterebbe partire 5 minuti prima. Io tutta sta voglia di correre al lavoro o fare un incidente per andare a lavoro non l'ho XD
Io credo che sia una roba inconscia.

Il tempo passato nel traffico è di fatto buttato. In una grande città, tra andata e ritorno butti via un terzo di giornata a settimana. Come minimo. Il che significa sprecare oltre due settimane di vita ogni anno. Moltiplicato per una vita intera di lavoro... wow.

Una roba così, se ci rifletti, è semplicemente folle. E quindi piano piano ti porta alla follia. Follia che il tuo inconscio cerca di minimizzare il più possibile... sacrificando, alla fine, perfino buonsenso e l'autoconservazione.
 
16095948
16095948 Inviato: 2 Ago 2019 6:02
 

TommyTheBiker ha scritto:
Io credo che sia una roba inconscia.

Il tempo passato nel traffico è di fatto buttato. In una grande città, tra andata e ritorno butti via un terzo di giornata a settimana. Come minimo. Il che significa sprecare oltre due settimane di vita ogni anno. Moltiplicato per una vita intera di lavoro... wow.

Una roba così, se ci rifletti, è semplicemente folle. E quindi piano piano ti porta alla follia. Follia che il tuo inconscio cerca di minimizzare il più possibile... sacrificando, alla fine, perfino buonsenso e l'autoconservazione.


Ah sicuramente il fattore stress influisce tanto. Uno che magari fa un lavoro che non gli piace ed in più si deve sparare 100 km al giorno, con un costo non indifferente, nel traffico cittadino e poi in autostrada, sarà meno lucido nel guidare. Magari è pure incazzato e, mentre mentalmente bestemmia in aramaico, risponde al cellulare e già pensa alla bolletta che lo aspetta a casa. Appunto questi sono tutti fattori che rendono il guidatore ancora più pericoloso per se stesso e per gli altri.

Perchè è chiaro che se uno ci pensa esce pazzo, 8 ore devo lavorare, 2 le devo spendere per andare a lavorare fra andata e ritorno, devo pure dormire non dico tanto, ma almeno 5 ore (dovrebbero essere 8 ma andiamo a risparmio), 1 per mangiare durante il giorno la spendo. praticamente 16 ore non le vivo, me ne restano 8 nelle quali sono così stanco che nemmeno mi va di far nulla ma devo pure essere grato al destino, perchè infondo lavoro e non è cosa scontata. Quindi che uno sia incazzato ci sta, lo capisco, ma di certo correre inutilmente non migliora le cose.

Ora io sono un ingegnere chimico e quindi il mio lavoro non è particolarmente stancante dal punto di vista fisico, ma penso ai miei colleghi operai, che magari quelle otto ore le passano davanti una macchina infernale, rumorosa, eseguendo un compito ripetitivo e esposti a condizioni ambientali sfavorevoli (mica climatizzano gli ambienti in fabbrica, caldissimo quando fa caldo e freddissimo quando fa freddo). Ecco, la lucidità di chi si mette alla guida nelle loro condizioni credo sia veramente bassa.

C'è da dire che le macchine moderne hanno anche cambiato un poco la percezione della velocità. Prima erano scatolette in metallo, rumorose e molto meno sicure, a 90 su un pandino pareva di decollare. Oggi su una 500 (che è un macinino) non si ha più quella percezione di velocità e di pericolo, si ha un po' l'effetto che l'elettronica ha portato sulle moto.

Mi spiego meglio, non sono contrario all'elettronica implementata per aumentare la sicurezza, l'abs non mi farebbe schifo e nemmeno il TC, il discorso è che idealmente uno dovrebbe guidare come se queste cose non le avesse, di modo che si attivino solo per le emergenze. Purtroppo è comune un loro utilizzo attivo, nel senso che uno che sa di averle può ragionare nel modo peggiore "ah ho il TC, è difficile fare un high side, posso uscire dalla curva e aprire il gas a manetta chissene", oppure sotto la pioggia "ma che mi frega di rallentare, tanto l'abs mi para il culo se devo frenare".

Sia chiaro, io sono infondo un amante del rischio, io ho scelto la moto come unico mezzo per spostarmi, quindi diciamo che la possibilità di fare il botto l'ho accettata da anni e l'ho fatto con piacere. Io in moto mi sento libero, mi sento felice e mi piace anche correre quando è possibile. Faccio arrampicata sportiva e alpinismo, lo so che mi può arrivare un sasso in testa, che si può rompere un appiglio eccetera. Io non sono contrario a prendersi dei rischi, sono contrario a prendersi rischi inutili e soprattutto a rischiare quando in gioco c'è la vita anche di altri!

(mi faccio una bella grattata comunque rotfl.gif )
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Sicurezza e Prevenzione

Forums ©