Leggi il Topic


Prima grossa stupidata? [sorpasso e auto dopo che svolta]
15837913
15837913 Inviato: 25 Giu 2017 20:54
Oggetto: Prima grossa stupidata? [sorpasso e auto dopo che svolta]
 



Buon giorno. Dopo tre mesi e circa 3000 km di moto, la mia prima moto, 320cc per 42 Cv, oggi sento di avere fatto la prima "grossa" cavolata! Si è vero, mi è già capitato per esempio da fermo o in manovra a bassissima velocità di metterla a terra senza conseguenze nè per lei nè per me (avevo fatto un ora di lezione su una pistina, e l' uscita era una specie di corridoio con svolte ad angolo retto....che se sapevo l' avrei spinta a mano, avrei evitato la figuraccia davanti agli istruttori....).

Ma veniamo ad oggi. Giro mediamene lungo per i miei standard, circa 150 km a cavallo tra provincie di CO, VA e Canto Ticino, nel rientro ad un certo punto strada bloccata per frana, sono costretto ad allungare di un bel pò. Un pò scocciato per il contrattempo, cerco comunque di non farmi prendere la mano e rimango prudente, c' era abbastanza traffico. Talmente prudente che mi hanno sorpassato sia moto che scooter che auto, ma vabbè....Però ad un certo punto uno in auto che avevo davanti da un bel pò e stava ben sotto i 50 orari l' ho voluto passare. Strada a me ben conosciuta, due corsie, extraurbana, leggera salita, interrotta da diverse rotonde,. Aspetto di passare ultima rotonda, dove la strada spiana ed ho piena visibilità, e sorpasso deciso; 3a, 4a, forse anche la 5a e mi accorgo subito che davanti forse una 50ina di metri una seconda auto, anch' essa davanti a me da tempo, si è fermata alla mezzeria e intende svoltare a sinistra in una strada laterale.....Che faccio? Inchiodo e taglio la strada a chi ho appena sorpassato? Nel migliore dei casi mi prendo dell' idiota o peggio, nel peggiore vado per terra perchè non mi è ancora capitato di frenare al limite. Continuo nel sorpasso e passo anche chi è in fase di svolta? Neppure a pensarci, nel migliore dei casi, come sopra moltiplicato per due conducenti, ma se quello non mi vede e svolta lo stesso......Scelgo la terza opzione, la più sicura: smetto immediatamente di dare gas, freno e scalo deciso ma non al limite e passo a destra dell' auto in svolta; per fortuna c' era lo spazio, tra questa e una terza auto che si stava immettendo. Alla fine non è che mi sia spaventato e, obiettivamente, non ho corso rischi. Però poi ho pensato: e se la terza auto si fosse già immessa a sua volta in carreggiata e non avessi avuto la evidente via di fuga tra essa e quella ferma?

Ho al vaga impressione di avere ricevuto un avvertimento: attento Maurizio, ti è andata bene, ma la prossima volta.....Morale: puoi essere prudente nel 99% delle situazioni, arrivare al punto di stare tranquillo al tuo posto in coda a chi va piano mentre tutti gli altri a due ruote (vabbè, biciclette escluse) sorpassano - pare - in sicurezza....e quella volta che provi tu, l' uno per cento delle occasioni, rischi anche grosso! Vorrei un parere: è solo inesperienza la mia , o veramente in moto questi che io chiamo rischi fanno parte dell' ordinaria amministrazione?
 
15837917
15837917 Inviato: 25 Giu 2017 21:16
 

Non ho ben capito dove fosse la terza auto. Se era sulla stessa linea della seconda, una certa quota di rischio c'era. Ma mi piace il tuo pensiero così analitico e razionale, il considerare un po' tutte le variabili in gioco. Dobbiamo sempre guidare sulla difensiva, soppesare tutti i rischi che ci circondano, prevedere i comportamenti degli altri.

Comunque non ti preoccupare, la prudenza non è mai troppa e bisogna sempre cercare di mettersi nella condizione più sicura possibile ! 0509_up.gif 0509_up.gif
 
15837921
15837921 Inviato: 25 Giu 2017 21:39
 

AG_KTM ha scritto:
Non ho ben capito dove fosse la terza auto. Se era sulla stessa linea della seconda, una certa quota di rischio c'era. 0509_up.gif 0509_up.gif


Già. purtroppo l' ho vista all' ultimo momento: era ferma allo stesso livello di quella che stava svoltando, obiettivamente spazio ce n' era più che a sufficienza, ma il problema era proprio quello: non avendola vista in precedenza, la mia è stata solo fortuna che non fosse venuta un poco più avanti. Vabbè, non ero molto veloce, all apice della accelerata sarò stato sui 70 / 75, però una frenata di emergenza davanti a due auto ferme e con una che ti segue te la raccomando.
 
15837924
15837924 Inviato: 25 Giu 2017 21:57
 

Non è la prima, è la seconda.
La prima l'hai fatta acquistando una moto rotfl.gif
Scherzi a parte, cosa rimuginerai quando troverai qualcuno che ti taglia la strada in pieno o te lo trovi contromano in curva? icon_mrgreen.gif
 
15837934
15837934 Inviato: 25 Giu 2017 22:11
 

HighSide ha scritto:
Non è la prima, è la seconda.
La prima l'hai fatta acquistando una moto rotfl.gif
Scherzi a parte, cosa rimuginerai quando troverai qualcuno che ti taglia la strada in pieno o te lo trovi contromano in curva? icon_mrgreen.gif


Scherzi a parte....non ho capito cosa vuoi dire. Se trovi uno che fa quello che dici tu o cavolate simili, beh, devo solo sperare che mi vada bene; cioè o meglio, sperare che la esperienza acquisita, che i miei rflessi, che la mia padronanza del mezzo, che le variabili esterne tipo stato della strada o qualità / condizioni della moto, e non ultimo la prudenza che ti ha fatto stare magari un 10 km orari meno di quello che avresti voluto, mi permettano di cavarmela con meno danno possibile, e sicuramente se mi riuscisse di cavarmela, lo spavento mi durerebbe per un pezzo. Però, NON me la sarei cercata. Nel caso che ho segnalato, invece, anche se il rischio alla fine non è stato granchè, sento che la mia colpa è grande come una casa.

A meno che tu non volessi dire: hai comperato la moto, beh, non puoi pretendere che fila sempre tutto così liscio da non avere da ripensare a cosa si poteva on non si poteva fare, quello che ti è capitato è ordinaria amministrazione.....ma non credo che lo pensi veramente!
 
15837984
15837984 Inviato: 25 Giu 2017 23:59
 

plantigrado ha scritto:
A meno che tu non volessi dire: hai comperato la moto, beh, non puoi pretendere che fila sempre tutto così liscio da non avere da ripensare a cosa si poteva on non si poteva fare, quello che ti è capitato è ordinaria amministrazione.....ma non credo che lo pensi veramente!


Eh si, temo che la risposta sia proprio questa purtroppo, almeno basandomi sulla mia esperienza personale.
E come ti ha anticipato il buon AG_KTM bisogna sempre guidare sulla difensiva cercando di prevedere i comportamenti degli altri.
Noi siamo sempre la parte debole, ricordalo, perciò torto o ragione, errore tuo o degli altri, bisogna sempre cercare di portare a casa la pelle intatta.
Oggi ti é andata bene, fanne tesoro ma non rimuginarci più di tanto, credimi che se ognuno raccontasse le volte che ha rischiato di fare il botto non basterebbero anni per raccontare tutto.
Tu guida come ti senti tu di guidare, non andare oltre i tuoi limiti, e se ti sorpassano gli scooter chi se ne frega, non stai gareggiando, l'importante é che tu sia sempre attento a quello che succede intorno a te.
Hai poca esperienza, vedrai che facendo km acquisirai maggior controllo della moto e maggior disinvoltura nella guida e certe manovre così come il cercare di prevedere i comportamenti altrui ti verrà più naturale.
 
15837991
15837991 Inviato: 26 Giu 2017 4:31
 

Sopratutto bisogna CERCARE di mantenerela calma.

Sabato stavo scendendo da Spiazzi, su un pezzo rettilineo vedo in parte, sulla destra, tre GS fermi, istintivamente rallento e mi sposto il più possibile verso la linea centrale, ecco che questi fanno inversione a U senza freccia e senza guardare, tutti e tre contemporaneamente! icon_eek.gif
Ho frenato forte, ma non al limite, con un occhio guardavo loro con l'altro stavo cercando una possibile via di fuga e con il terzo cercavo di capire se chi avevo dietro mi avrebbe centrato...

Per questo ti dico che ci vuole calma, da come scrivi mi sembri ancora abbastanza "fresco" di moto, il consiglio è di cercare di girare in orari e luoghi poco trafficati (per quanto possibile) in modo da accumulare esperienza e sopratutto consapevolezza, la consapevolezza che quando si è in strada si possono prevedere 1000 scenari diversi e ci sarà sempre uno scenario che non abbiamo considerato a fregarci, ma sarà la nostra preparazione ed esperienza a permetterci, se siamo un attimo fortunati, di portare a casa la pelle.

Evita di fare sorpassi come quelli da te descritti, non perchè siano particolarmente pericolosi (sono cose che facciamo tutti, poi si sono un pò pericolosi in effetti perchè la macchina che deve svoltare ci può ripensare e non si aspetta che tu arrivi da dietro), ti dico di evitarli perchè la velocità che si accumula e la conseguente manovra di frenata/scarto è una manovra da eseguire con decisione e dolcezza, attaccarsi ai freni e scalare è pericoloso per te e per chi ti segue perchè non capisce cosa farai.


Concludo concordano con quello che dicono gli altri: quello che ti è accaduto è ordinaria amministrazione, in strada siamo in tanti e ne vedrai di cotte e di crude.
Consapevolezze, esperienza e C...Fortuna, sono le tre cose che ti permettono di cavartela.
 
15838035
15838035 Inviato: 26 Giu 2017 8:13
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

plantigrado ha scritto:
...mi accorgo subito che davanti forse una 50ina di metri una seconda auto, anch' essa davanti a me da tempo, si è fermata alla mezzeria e intende svoltare a sinistra in una strada laterale.....Che faccio?


Ciao Maurizio, prima di tutto sottolineo che non ti voglio giudicare o insegnarti qualcosa ma solo analizzare l'accaduto. Non ho moltissima esperienza in moto quindi posso solo cercare di imparare a mia volta anche dagli errori degli altri.

Secondo me, l'errore che hai fatto è stato quello di sorpassare in prossimità di incroci e/o strade laterali. La probabilità di un imprevisto in queste situazioni è altissima. Il comportamento che mi sembra più sicuro era quello di passare gli incroci in coda all'auto, aspettare che la strada fosse davvero libera, per poi sorpassare. Tra l'altro, il limite durante il sorpasso era sicuramente di 50km/h, mentre tu andavi più veloce.

Tutto qui icon_biggrin.gif Ciao!! Alex
 
15838116
15838116 Inviato: 26 Giu 2017 10:34
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

blacka ha scritto:
Ciao Maurizio, prima di tutto sottolineo che non ti voglio giudicare o insegnarti qualcosa ma solo analizzare l'accaduto. Non ho moltissima esperienza in moto quindi posso solo cercare di imparare a mia volta anche dagli errori degli altri.

Secondo me, l'errore che hai fatto è stato quello di sorpassare in prossimità di incroci e/o strade laterali. La probabilità di un imprevisto in queste situazioni è altissima. Il comportamento che mi sembra più sicuro era quello di passare gli incroci in coda all'auto, aspettare che la strada fosse davvero libera, per poi sorpassare. Tra l'altro, il limite durante il sorpasso era sicuramente di 50km/h, mentre tu andavi più veloce.

Tutto qui icon_biggrin.gif Ciao!! Alex


Sì hai ragione da vendere. Ancora più pensando che da quando ho la moto è una strada che faccio spesso; avevo calcolato che passata l' ultima rotatoria avessi più spazio, invece c' erano ancora intersezioni. Per la velocità, sicuramente era 50, ma sia andava anche a meno, è stato proprio per il sorpasso che ho dato gas nell' intento di concludere prima possibile. Cercherò di fare tesoro....

E lo stesso anche per gli altri che mi hanno risposto e che ringrazio!
 
15838252
15838252 Inviato: 26 Giu 2017 13:59
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

plantigrado ha scritto:
Vorrei un parere: è solo inesperienza la mia, o veramente in moto questi che io chiamo rischi fanno parte dell' ordinaria amministrazione?

Secondo me è ordinaria amministrazione, ma l'inesperienza ha comunque pagato il suo sconto nel generare la situazione di pericolo icon_wink.gif
Considera che il sorpasso è una situazione che genera sempre pericolo, e dovrebbe essere conclusa nel minor tempo possibile. Ecco perchè i 1000 sono tanto apprezzati, è tutta questione di coppia motrice disponibile anche a bassi regimi.

Da come l'hai descritta, a me sembra la classica situazione in cui sei incerto e, magari esitando, non prendi per tempo l'iniziativa. In sostanza, fai un sorpasso un po' troppo lento, sicuramente sfavorito anche dalla bassa cavalleria e cilindrata della tua moto... magari anche con marcia sbagliata, sottocoppia.
Può capitare, quando conoscerai meglio la tua moto e ci avrai preso la mano dovresti evitare.

Ah ricorda... in moto l'importante non è tanto dare gas, piuttosto sapere quando toglierlo icon_wink.gif
Se durante un sorpasso mi accorgo di qualcosa di potenzialmente pericoloso davanti a me, resto dove sono e chiudo la manetta... mi faccio risorpassare dall'auto che mi è affiancata e rientro dietro di lei.
Ho sicuramente tutto il tempo e lo spazio per sorpassarla nuovamente dopo, con calma 0509_up.gif
 
15838578
15838578 Inviato: 26 Giu 2017 22:59
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

-Neo- ha scritto:

Da come l'hai descritta, a me sembra la classica situazione in cui sei incerto e, magari esitando, non prendi per tempo l'iniziativa. In sostanza, fai un sorpasso un po' troppo lento, sicuramente sfavorito anche dalla bassa cavalleria e cilindrata della tua moto... magari anche con marcia sbagliata, sottocoppia.
Può capitare, quando conoscerai meglio la tua moto e ci avrai preso la mano dovresti evitare.

0509_up.gif


Mah....può anche essere; però fino a quel momento eravamo molto lenti, quindi sicuramente salivo in terza; ora non ricordo se in ingresso in rotonda sono rimasto in 3a o sono scalato in 2a per avere più margine di accelerazione dopo, certo mi sento di dire che sarò stato a 3-4000 Rpm, non di più. Quando ho dato gas ho visto sicuramente accendersi la spia di cambiata che è puntata a 7000 ( e che di solito non vedo accendere mai perchè cambio decisamente prima), e lì ho ingranato la marcia superiore.

Ecco, fatto salvo che l' errore è stato nel sorpassare in quel punto poco o per nulla adatto, e naturalmente in rapporto al mezzo che si ha, secondo te e, secondo voi, in questi casi partendo da marcia bassa e bassi giri, sarebbe meglio tirare la marcia, che so, la terza fino alla zona rossa, o è sempre meglio passare veloce a marce superiori, naturalmente cambiando più in alto del solito, esempio i 7000 ci cui parlavo prima? Chiedo questo perchè se dobbiamo basarci sul regime di massima coppia, allora occorre arrivare a 9000 giri....
 
15838618
15838618 Inviato: 26 Giu 2017 23:14
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

-Neo- ha scritto:
.

Ah ricorda... in moto l'importante non è tanto dare gas, piuttosto sapere quando toglierlo icon_wink.gif
Se durante un sorpasso mi accorgo di qualcosa di potenzialmente pericoloso davanti a me, resto dove sono e chiudo la manetta... mi faccio risorpassare dall'auto che mi è affiancata e rientro dietro di lei.
Ho sicuramente tutto il tempo e lo spazio per sorpassarla nuovamente dopo, con calma 0509_up.gif


Eh sì! Sono quelle situazioni del cavolo dove dopo essere stato buonino tutto il tempo a vedere gli altri che sorpassano o che tengono passi ben superiori, pensi, ma sono proprio il più pirla? E allora via....e magari per evitare la figuraccia del ripensamento a metà strada, ti vai a ficcare in guai seri più grandi di te! E pensare che in auto mi è capitato diverse volte in autostrada di iniziare un sorpasso ad un auto valutando che la cosa terminasse in tempi brevi ma una volta capito che non sarebbe andata così, ho rinunciato: a maggior ragione in moto, dove si rischia assai di più..... Mi deve servire di lezione! Grazie per le dritte!
 
15838647
15838647 Inviato: 27 Giu 2017 6:54
Oggetto: Re: Prima grossa stupidata?
 

plantigrado ha scritto:
...secondo voi, in questi casi partendo da marcia bassa e bassi giri, sarebbe meglio tirare la marcia, che so, la terza fino alla zona rossa, o è sempre meglio passare veloce a marce superiori....


Secondo me vale la regola dell'entrata in curva: inizi la manovra con la marcia che ti consente di effettuarla tutta senza cambiare. In accelerazione hai un bel grip sulla ruota posteriore e in caso di emergenza, se devi rinunciare al sorpasso, i freni sono molto più efficaci se usi anche il motore e la moto rimane più stabile.

Poi ovviamente se sorpassi su un rettilineo lungo e sgombro sei più libero di usare la frizione, ma io non cambierei comunque durante un sorpasso (così come non cambio in curva). Vale anche in auto se ci pensi.

C'è chi supera due o più auto alla volta e lo senti che usa due o tre marce in rapida successione... mah? Rischio inutile secondo me.

My2cents 0509_up.gif
 
15838741
15838741 Inviato: 27 Giu 2017 9:21
 

Io in una situazione analoga, oltre vent'anni fa, mi sono visto l'auto davanti troppo tardi per frenare. L'ho presa, sono volato e sono atterrato di schiena sul bordo del marciapiede. Ho sofferto come un cane fino all'arrivo dell'ambulanza. Mi hanno portato in ospedale. Sono rimasto tre ore in corridoio patendo dolori che fanno perdere la ragione. Poi hanno visto che avevo l'arteria renale sinistra recisa ed una emorragia interna in atto.

Mi hanno buttato su un tavolo d'acciaio a pancia in giù, aperto dietro da sveglio e chiusa l'arteria. Non mi hanno fatto l'anestesia, credo perché mia madre anni prima era quasi morta per essa.

Dicevano che sarei svenuto, ma non è accaduto, purtroppo. Dicono anche che il sistema nervoso ha un limite di trasmissione, che oltre un certo livello di dolore non si va. Sarà pure vero, ma il livello è molto alto quando ti senti tagliare la carne. Comunque hanno fermato l'emorragia.

Solo che intanto il rene moriva. Ho passato una settimana con dolori da necrosi interna e febbri da bollitore del té. Poi i miei si sono incazzati, hanno preteso il trasferimento ad un altro ospedale dove, vista la situazione, mi hanno operato con la massima urgenza, tolto il rene e regalato 52 punti metallici sulla pancia e due mesi di villeggiatura gratis a spese della mutua.

Tutto questo per un sorpasso ai 50 all'ora, eravamo partiti da un semaforo 30 metri prima.
 
15838765
15838765 Inviato: 27 Giu 2017 10:05
 

Caramon, è una storia tremenda. Sono cose che non si vorrebbe mai sentire o leggere, ed hai tutta la mia solidarietà per quello che può servire. . Io mi sono fatto mille problemi prima di acquistare la moto, ne sono testimoni le discussioni che avevo aperto riguardo a cosa prendere in riferimento a potenza, peso e altezza.

E' chiaro che se si va contro un ostacolo fisso o peggio ancora che ti si muove incontro, anche i 30 km orari delle zone pedonali possono essere letali, quindi anche il classico cinquantino del ragazzo 15enne può essere pericoloso, ma anche la bici se è per quello. Tu mi dirai, certo, ma con la bici non ti viene in mente di azzardare un sorpasso in velocità, a meno che non sei Nibali o compagnia in allenamento per una crono, mentre la moto ti invoglia di più, e qui DEVE entrare in gioco la testa della persona.

Francamente a priori non mi sembrava una manovra così spericolata, sennò non l' avrei fatta, come ne avevo evitate parecchie simili fino a quel momento; e neppure posso dire di avere rischiato più del lecito, perchè spazio ce n' era parecchio anche se i conducenti delle auto mi avranno bollato come spericolato.....il fatto è che pensandoci dopo, considerando che lo spazio poteva essere molto più ridotto se solo l' auto in immissione fosse stata già più avanti, o peggio, se fosse venuta avanti al momento, ho realizzato che sarebbe mancato poco per divenire una cosa davvero rischiosa.

Però allora non bisognerebbe davvero mai azzardare un sorpasso, e comportarsi con la moto come con l' auto, stare in coda, e sorpassare solo con striscia tratteggiata, strada rettilinea, piena visibilità e nessun potenziale inserimento da altri veicoli, e possibilmente a velocità da codice....ma io non vedevo e non vedo questo dalla maggior parte dei motociclisti quando giro in auto. A meno che, e torniamo al punto iniziale, mi si dice: noi lo possiamo fare ma tu (io) no perchè non hai nè esperienza nè mezzo performante, quindi se ci tieni alla salute e alla pelle è meglio se stai al tuo posto....
 
15838777
15838777 Inviato: 27 Giu 2017 10:28
 

plantigrado ha scritto:

Però allora non bisognerebbe davvero mai azzardare un sorpasso, e comportarsi con la moto come con l' auto, stare in coda, e sorpassare solo con striscia tratteggiata, strada rettilinea, piena visibilità e nessun potenziale inserimento da altri veicoli, e possibilmente a velocità da codice....ma io non vedevo e non vedo questo dalla maggior parte dei motociclisti quando giro in auto. A meno che, e torniamo al punto iniziale, mi si dice: noi lo possiamo fare ma tu (io) no perchè non hai nè esperienza nè mezzo performante, quindi se ci tieni alla salute e alla pelle è meglio se stai al tuo posto....


Guarda, da un punto di vista di codice e di estrema prudenza noi si dovrebbe fare la coda come tutte le auto. Non è questione di esperienza, non dovremmo sorpassare auto incolonnate.

Dall'altro lato però, io sono il primo che lo fa per evitare la coda, chiaro, se avessi dovuto stare fermo a bollire, sarei stato in auto con l'aria condizionata.

Detto questo ti posso solo dare qualche suggerimento per continuare a fare quello che stavi facendo con maggiore prudenza:

- non fidarti delle frecce, molti le dimenticano accese o peggio non le usano quando dovrebbero.
- guarda la striscia centrale, ti fornisce un sacco di indicazioni su possibili intersezioni. Se da tratteggiata diventa continua VUOLE dire che ci sarà un incrocio nei prossimi 200metri, e te lo dice prima del cartello!
- guarda la ruota anteriore dell'auto sospetta, se dovrà girare sarà leggermente esposta, ti fa capire l'intenzione prima.
- spesso la gente non guarda negli specchietti quando deve svoltare, questo mi fa incazzare come una biscia.

Per il resto, ordinaria amministrazione, l'imprevisto che hai avuto è stato generato dall'inesperienza. Ma la stessa inesperienza ti ha fatto gestire la situazione a velocità modeste invece che magari a 90km/h, lì non freni e non eviti. Quindi 1-1 e palla al centro 0509_up.gif

0510_saluto.gif
 
15838805
15838805 Inviato: 27 Giu 2017 11:08
 

threnino ha scritto:
Guarda, da un punto di vista di codice e di estrema prudenza noi si dovrebbe fare la coda come tutte le auto. Non è questione di esperienza, non dovremmo sorpassare auto incolonnate.

Dall'altro lato però, io sono il primo che lo fa per evitare la coda, chiaro, se avessi dovuto stare fermo a bollire, sarei stato in auto con l'aria condizionata.

Detto questo ti posso solo dare qualche suggerimento per continuare a fare quello che stavi facendo con maggiore prudenza:

- non fidarti delle frecce, molti le dimenticano accese o peggio non le usano quando dovrebbero.
- guarda la striscia centrale, ti fornisce un sacco di indicazioni su possibili intersezioni. Se da tratteggiata diventa continua VUOLE dire che ci sarà un incrocio nei prossimi 200metri, e te lo dice prima del cartello!
- guarda la ruota anteriore dell'auto sospetta, se dovrà girare sarà leggermente esposta, ti fa capire l'intenzione prima.
- spesso la gente non guarda negli specchietti quando deve svoltare, questo mi fa incazzare come una biscia.

Per il resto, ordinaria amministrazione, l'imprevisto che hai avuto è stato generato dall'inesperienza. Ma la stessa inesperienza ti ha fatto gestire la situazione a velocità modeste invece che magari a 90km/h, lì non freni e non eviti. Quindi 1-1 e palla al centro 0509_up.gif

0510_saluto.gif


Concordo su tutto, aggiungo solo una cosa: se è vero che la striscia continua indica che non si può superare per vari motivi è anche vero che non consentirebbe, in teoria, la svolta verso altre strade o passi carrai. Pertanto considerando che la linea continua indica il divieto a superare utilizzando la corsia opposta, ma non il divieto a superare rimanendo nella propria carreggiata o sul limite, ritengo che la linea continua, in tratto diritto, sia quasi una garanzia in più e che sia da considerare.

Dove la linea continua si fa brevemente tratteggiata ecco che abbiamo un'informazione in più: è facile che ci sia una svolta o un passo carraio che non di rado non noteremmo.

Ciò detto pure io, con l'esperienza che ho avuto, supero le file di auto, ma lo faccio in condizioni specifiche, per esempio in tangenziale, sulla corsia di emergenza, a 30, massimo 40 all'ora se la fila è ferma, in città a passo d'uomo solo se la fila è ferma e, parrà follia, in autostrada in prima corsia se ci sono auto molto lente in corsia centrale e non si passa a sinistra. Questo perché ho sempre la corsia di emergenza a destra come fuga ed effettuo il sorpasso con la massima attenzione a sfruttare questa possibilità. In questo caso non si può parlare di sorpasso (il codice lo vieta), ma di superamento, ovvero sopravanzare il veicolo in corsia centrale trovandosi già da prima in corsia di destra e senza variare la propria velocità.

Per il resto se il traffico è lento spesso mi comporto come se avessi un'auto.
 
15838810
15838810 Inviato: 27 Giu 2017 11:19
 

plantigrado ha scritto:

Però allora non bisognerebbe davvero mai azzardare un sorpasso, e comportarsi con la moto come con l' auto, stare in coda, e sorpassare solo con striscia tratteggiata, strada rettilinea, piena visibilità e nessun potenziale inserimento da altri veicoli, e possibilmente a velocità da codice....ma io non vedevo e non vedo questo dalla maggior parte dei motociclisti quando giro in auto. A meno che, e torniamo al punto iniziale, mi si dice: noi lo possiamo fare ma tu (io) no perchè non hai nè esperienza nè mezzo performante, quindi se ci tieni alla salute e alla pelle è meglio se stai al tuo posto....


L'esperienza sicuramente aiuta, più km macini e più diventi in grado di prevedere meglio le situazioni di pericolo. Il problema non è sorpassare con la linea continua, altrimenti sulle strade di montagna non dovresti sorpassare praticamente mai, ma sorpassare in prossimità di svolte o incroci.

Il mezzo conta ma una volta che impari a conoscerlo sai cosa ti puoi permettere e cosa no, magari evita di strafare finchè non ti senti pienamente in controllo della tua moto.

Comunque il detto "se sei incerto tieni aperto" è sempre valido: è più probabile che riesci a schivare e a toglierti d'impiccio in quel modo piuttosto che provando ad attaccarti ai freni icon_wink.gif
 
15838896
15838896 Inviato: 27 Giu 2017 13:44
 

plantigrado ha scritto:
Mah....può anche essere; però fino a quel momento eravamo molto lenti, quindi sicuramente salivo in terza; ora non ricordo se in ingresso in rotonda sono rimasto in 3a o sono scalato in 2a per avere più margine di accelerazione dopo, certo mi sento di dire che sarò stato a 3-4000 Rpm, non di più. Quando ho dato gas ho visto sicuramente accendersi la spia di cambiata che è puntata a 7000 ( e che di solito non vedo accendere mai perchè cambio decisamente prima), e lì ho ingranato la marcia superiore.

Ecco, fatto salvo che l' errore è stato nel sorpassare in quel punto poco o per nulla adatto, e naturalmente in rapporto al mezzo che si ha, secondo te e, secondo voi, in questi casi partendo da marcia bassa e bassi giri, sarebbe meglio tirare la marcia, che so, la terza fino alla zona rossa, o è sempre meglio passare veloce a marce superiori, naturalmente cambiando più in alto del solito, esempio i 7000 ci cui parlavo prima? Chiedo questo perchè se dobbiamo basarci sul regime di massima coppia, allora occorre arrivare a 9000 giri....

Guarda, per darti una risposta totalmente giusta dovrei conoscere la tua moto... e non intendo il modello, ma bisognerebbe averci marciato per un po' e conoscere bene il suo temperamento e l'erogazione del motore.

Tendenzialmente devi essere in coppia e avere ancora un buon numero di giri motore da poter sfruttare in accelerazione; l'ideale sarebbe partire, per quanto possibile, su una marcia alta (in quanto più la marcia e alta e più il rapporto di cambio è a favore della ruota)... però devi essere in coppia, altrimenti è meglio la marcia bassa, a meno che tu non stia facendo il sorpasso in una curva e ti trovi quindi in piega: in questo caso meglio la marcia alta anche sottocoppia perchè scendendo in piega il numero di giri aumenta più che proporzionalmente.
 
15839169
15839169 Inviato: 27 Giu 2017 22:34
 

-Neo- ha scritto:
Guarda, per darti una risposta totalmente giusta dovrei conoscere la tua moto... e non intendo il modello, ma bisognerebbe averci marciato per un po' e conoscere bene il suo temperamento e l'erogazione del motore.

Tendenzialmente devi essere in coppia e avere ancora un buon numero di giri motore da poter sfruttare in accelerazione; l'ideale sarebbe partire, per quanto possibile, su una marcia alta (in quanto più la marcia e alta e più il rapporto di cambio è a favore della ruota)... però devi essere in coppia, altrimenti è meglio la marcia bassa, a meno che tu non stia facendo il sorpasso in una curva e ti trovi quindi in piega: in questo caso meglio la marcia alta anche sottocoppia perchè scendendo in piega il numero di giri aumenta più che proporzionalmente.


Mamma, che complicazione! Ma quando dici "in coppia", cosa si intende? Che devo avere con me la ragazza? 0509_si_picchiano.gif No dai, adesso a parte gli scherzi.....Per esempio un mezzo come il mio ha la coppia max a 9000 RPM, che però come in tutti i motori termici, non sale in modo uniforme (non è una retta), ma neppure è costante; ho davanti a me il grafico rilevato dalle prove di Motociclismo ed è una curva con un minimo di circa 12 Nm a 2000 giri ed un massimo di 28 a 9000 per poi degradare a 20 verso i 12.000. Quindi, per essere in coppia come mi dovrei posizionare? A naso, direi certamente nella parte ascendente della curva, perchè accelerando avrei ancora un buon margine, e infatti me lo dici anche tu, ma in che zona, appena sopra al minimo? Poi, perchè sarei favorito con marcia alta, perchè ho più velocità a parita di giri?
 
15839171
15839171 Inviato: 27 Giu 2017 22:50
 

threnino ha scritto:
Guarda, da un punto di vista di codice e di estrema prudenza noi si dovrebbe fare la coda come tutte le auto. Non è questione di esperienza, non dovremmo sorpassare auto incolonnate.

Dall'altro lato però, io sono il primo che lo fa per evitare la coda, chiaro, se avessi dovuto stare fermo a bollire, sarei stato in auto con l'aria condizionata.

Detto questo ti posso solo dare qualche suggerimento per continuare a fare quello che stavi facendo con maggiore prudenza:

- non fidarti delle frecce, molti le dimenticano accese o peggio non le usano quando dovrebbero.
- guarda la striscia centrale, ti fornisce un sacco di indicazioni su possibili intersezioni. Se da tratteggiata diventa continua VUOLE dire che ci sarà un incrocio nei prossimi 200metri, e te lo dice prima del cartello!
- guarda la ruota anteriore dell'auto sospetta, se dovrà girare sarà leggermente esposta, ti fa capire l'intenzione prima.
- spesso la gente non guarda negli specchietti quando deve svoltare, questo mi fa incazzare come una biscia.

Per il resto, ordinaria amministrazione, l'imprevisto che hai avuto è stato generato dall'inesperienza. Ma la stessa inesperienza ti ha fatto gestire la situazione a velocità modeste invece che magari a 90km/h, lì non freni e non eviti. Quindi 1-1 e palla al centro 0509_up.gif

0510_saluto.gif

Ok, grazie per avermi assolto con un salomonico pareggio! Però negli esempi che tu fai vedrei maggiormente il caso in cui superi una colonna di auto ferme, o comunque a passo d' uomo incolonnate; allora sì che penso che puoi trarre spunto dall' osservare chi ti sta a fianco o subito davanti: in quei casi può succedere che uno in auto si spazientisca della colonna e decida improvvisamente di svoltare a U, magari come dici bene senza guardare, come pure che si è immesso da poco e ha lasciato accesa la freccia e ti confonde le idee...certo sono situazioni pericolose per chi sorpassa in moto, ma in questi casi finora non mi sono mai lasciato trasportare dalla smania di sorpassare sempre e comunque; l' ho fatto, certo, ma con mille precauzioni, un poco per volta, sempre a sinistra e mai tra due file. Ciò nonostante in caso di urto, la vedrei una cosa meno pericolosa, date le basse velocità in gioco, rispetto ad una situazione come quella che mi sono quasi costruito addosso io....
 
15839296
15839296 Inviato: 28 Giu 2017 8:56
 

plantigrado ha scritto:
Mamma, che complicazione! Ma quando dici "in coppia", cosa si intende? Che devo avere con me la ragazza? 0509_si_picchiano.gif No dai, adesso a parte gli scherzi.....Per esempio un mezzo come il mio ha la coppia max a 9000 RPM, che però come in tutti i motori termici, non sale in modo uniforme (non è una retta), ma neppure è costante; ho davanti a me il grafico rilevato dalle prove di Motociclismo ed è una curva con un minimo di circa 12 Nm a 2000 giri ed un massimo di 28 a 9000 per poi degradare a 20 verso i 12.000. Quindi, per essere in coppia come mi dovrei posizionare? A naso, direi certamente nella parte ascendente della curva, perchè accelerando avrei ancora un buon margine, e infatti me lo dici anche tu, ma in che zona, appena sopra al minimo? Poi, perchè sarei favorito con marcia alta, perchè ho più velocità a parita di giri?

Mi posti il grafico per favore? Così riesco a darti una risposta più precisa... grazie 0509_up.gif
 
15839369
15839369 Inviato: 28 Giu 2017 11:11
 

plantigrado ha scritto:
Mamma, che complicazione! Ma quando dici "in coppia", cosa si intende? Che devo avere con me la ragazza? 0509_si_picchiano.gif No dai, adesso a parte gli scherzi.....Per esempio un mezzo come il mio ha la coppia max a 9000 RPM, che però come in tutti i motori termici, non sale in modo uniforme (non è una retta), ma neppure è costante; ho davanti a me il grafico rilevato dalle prove di Motociclismo ed è una curva con un minimo di circa 12 Nm a 2000 giri ed un massimo di 28 a 9000 per poi degradare a 20 verso i 12.000. Quindi, per essere in coppia come mi dovrei posizionare? A naso, direi certamente nella parte ascendente della curva, perchè accelerando avrei ancora un buon margine, e infatti me lo dici anche tu, ma in che zona, appena sopra al minimo? Poi, perchè sarei favorito con marcia alta, perchè ho più velocità a parita di giri?

Guarda, se devi fare una manovra veloce e ti metti a fare tutte queste considerazioni ed altre è meglio che non la fai rotfl.gif
Devi solo impratichirti, capire istintivamente come gestire motore e cambio ad "orecchio" e saper valutare gli spazi di manovra necessari per gestire le varie situazioni "in sicurezza" che non può mai essere assoluta.
Un imprevisto può sempre capitare, a volte sarà meglio rallentare, un'altra proseguire, un'altra dare gas e svicolare. Solo l'esperienza e un po' di sangue freddo potranno servirti a gestire le varie situazioni, purtroppo bisogna anche considerare che in ogni momento, anche sdraiati nel proprio letto, può avvenire qualcosa che bravi o no non riusciremo a gestire pienamente, c'est la vie... icon_smile.gif
 
15839662
15839662 Inviato: 28 Giu 2017 19:35
 

-Neo- ha scritto:
Mi posti il grafico per favore? Così riesco a darti una risposta più precisa... grazie 0509_up.gif

Proverò appena rientro da lavoro stasera tardi o domattina. Ma penso che dovro allegartela come messaggio privato perche non è una semplice immagine ma un file pdf. Grazie, ciao
 
15839746
15839746 Inviato: 28 Giu 2017 22:47
 

HighSide ha scritto:
Guarda, se devi fare una manovra veloce e ti metti a fare tutte queste considerazioni ed altre è meglio che non la fai rotfl.gif
Devi solo impratichirti, capire istintivamente come gestire motore e cambio ad "orecchio" e saper valutare gli spazi di manovra necessari per gestire le varie situazioni "in sicurezza" che non può mai essere assoluta.
Un imprevisto può sempre capitare, a volte sarà meglio rallentare, un'altra proseguire, un'altra dare gas e svicolare. Solo l'esperienza e un po' di sangue freddo potranno servirti a gestire le varie situazioni, purtroppo bisogna anche considerare che in ogni momento, anche sdraiati nel proprio letto, può avvenire qualcosa che bravi o no non riusciremo a gestire pienamente, c'est la vie... icon_smile.gif


Ma sono pienamente d' accordo che l' esperienza è tutto o quasi, così come sono anche d' accordo che c' è sempre una quota di imponderabile come in ogni altra attività umana, come giustamente fai notare, la parola "sicurezza assoluta" è fuori luogo.

Ma io ora scorporerei le cose; io sono il primo a dire che ho fatto una scemenza che poteva in altre situazioni costarmi cara, e qui c'entra la testa intesa come prudenza piuttosto che la conoscenza tecnica teorica del mezzo che ti spinge. Però siccome l' amico Neo mi ha introdotto un discorso di giri, coppie, marce che non mi è stato chiarissimo, volevo capirci di più, ma per un discorso di gestione ottimale, non strettamente legato a quella manovra o comunque a situazioni di emergenza.

E volendo ragionare su queste cose, tutti mi insegnate che è inutile farlo su dati di un mezzo che non è quello che abbiamo a disposizione, ma magari è potente il triplo...Per questo avevo sottomano un grafico attinente
 
15840060
15840060 Inviato: 29 Giu 2017 14:45
 

plantigrado ha scritto:
Proverò appena rientro da lavoro stasera tardi o domattina. Ma penso che dovro allegartela come messaggio privato perche non è una semplice immagine ma un file pdf. Grazie, ciao

Se hai Windows usa lo "Strumento di cattura" 0509_up.gif
 
15840261
15840261 Inviato: 29 Giu 2017 22:16
 

-Neo- ha scritto:
Se hai Windows usa lo "Strumento di cattura" 0509_up.gif


Grande.....era una funzione di Windows che non conoscevo eusa_clap.gif

Ecco il diagramma coppia / potenza rispetto a giri motore della Yamaha MT 03 come da prove della rivista Motociclismo


immagini visibili ai soli utenti registrati



Forse un poco più ingrandito è meglio:

immagini visibili ai soli utenti registrati



Grazie per tutto!
 
15841588
15841588 Inviato: 3 Lug 2017 10:55
 

Ok!

Allora, io personalmente, con la tua moto effettuerei i sorpassi (ma più in generale ogni tipo di guida briosa e sportiveggiante) tirando le marce dai 6000 agli 11000 giri.

In questo range di utilizzo il motore parte da un certo livello di coppia, che cresce, ma non cala mai sotto al livello di partenza; inoltre sfrutti l'incremento massimo di potenza cambiando non appena questa comincia a calare.

La marcia più alta possibile, come ti dicevo, è semplicemente un fattore di rendimento.
Più la marcia e alta e più il rapporto di cambio va a favore della ruota (significa che ad ogni giro dell'albero motore corrisponderanno 1,x o più giri della ruota).
Qua però ti consiglio di approfondire il discorso con letture specifiche, perchè si apre un mondo sul funzionamento del cambio e, francamente, sarebbe una spiegazione OT.

Per concludere con un esempio (e spiegarmi concettualemente), nel tuo caso è molto meglio partire in 4ta a 6000 giri che non in 3za a 8000 e tirando fino a limitatore 0509_up.gif
 
15841789
15841789 Inviato: 3 Lug 2017 15:13
 

-Neo- ha scritto:
Ok!

Allora, io personalmente, con la tua moto effettuerei i sorpassi (ma più in generale ogni tipo di guida briosa e sportiveggiante) tirando le marce dai 6000 agli 11000 giri.

In questo range di utilizzo il motore parte da un certo livello di coppia, che cresce, ma non cala mai sotto al livello di partenza; inoltre sfrutti l'incremento massimo di potenza cambiando non appena questa comincia a calare.

La marcia più alta possibile, come ti dicevo, è semplicemente un fattore di rendimento.
Più la marcia e alta e più il rapporto di cambio va a favore della ruota (significa che ad ogni giro dell'albero motore corrisponderanno 1,x o più giri della ruota).
Qua però ti consiglio di approfondire il discorso con letture specifiche, perchè si apre un mondo sul funzionamento del cambio e, francamente, sarebbe una spiegazione OT.

Per concludere con un esempio (e spiegarmi concettualemente), nel tuo caso è molto meglio partire in 4ta a 6000 giri che non in 3za a 8000 e tirando fino a limitatore 0509_up.gif


Va bene. Mille grazie per la analisi tecnica e relativi consigli! Neppure io voglio che questa discussione finisca fuori tema entrando troppo in dettagli tecnici - anche se l' argomento mi interesserebbe molto, anche perchè io di formazione sono un tecnico, quindi "curioso" per natura e deformazione professionale - da parte mia era iniziata sopratutto come ricerca di un giudizio, una valutazione esperta sulla prima situazione potenzialmente pericolosa che mi è capitata da quando ho la moto.

Però voglio solo chiedere una ultimissima cosa riguardo a quanto hai scritto: OK, voglio fare una accelerata di forza, con o senza sorpasso, e sarà mia cura prima gradualmente portarmi nel range di giri da te indicato e con la marcia corretta. Ma io in quel caso uscivo da una rotatoria, presa seguendo altre auto che marciavano più che tranquille, ed andavo decisamente sotto quei giri: ho rifatto tratti simili in questi giorni, e bene o male la situazione è sempre quella, 3a marcia, più o meno 3500 - 4000 giri e siamo a 35 - 45 all' ora; quindi un ipotetico sorpasso o accelerata anche fine a se stessa, doveva partire da lì, e lì siamo ben lontano dai regimi da te indicati. E quindi in questi casi? Se stai in coda alle auto di cui sopra, non arriverai mai ai 6000 giri per potere avere la base di coppia da sfruttare al meglio....a meno che non uso la prima! Dove sta l' inghippo?

Poi non rompo più!!
 
15841848
15841848 Inviato: 3 Lug 2017 16:34
 

Allora, considera che nelle moto (tendenzialmente) la prima è una marcia molto corta.
Non conosco la tua moto nello specifico, ma immagino che ciò valga anche per la MT-03.
Fondamentalmente la prima è una marcia così corta e con un rapporto talmente a sfavore che si usa giusto per dare lo spunto iniziale sufficiente a partire da fermo, poi appena si può si mette la seconda e non si torna più al di sotto di questa, a meno che devi fermarti o affrontare un tornante particolarmente stretto.

Generalmente nelle moto anche la seconda non è una marcia lunghissima, quindi prendi giri abbastanza facilmente, ma il rapporto è già un po' meno sfavorevole.
Nella situazione in cui ti sei trovato (cioè seconda a 4000 giri) non avrebbe senso quindi scalare in prima, alla luce del fatto che non dovresti impiegarci molto (giusto una frazione di secondo) ad arrivare in zona 6000 nel momento in cui spalanchi il gas.

Dalla terza in su il discorso si amplia, variando molto a seconda della rapportatura di ciascuna moto.

Quello che voglio dire è che alla fine non è sufficiente basarti sul "regime consigliato" per capire come effettuare i sorpassi, ma devi per forza sbattere anche con il concetto di "rapportatura del cambio"... in quanto essa incide sul tempo materiale che occorre alla moto per prendere giri, ossia quanto a lungo potrà tenere il "regime consigliato" e quanto invece le occorrerà per raggiungerlo.
Poi dovrai confrontare questo tempo con il tempo che ci metteranno eventuali ostacoli sulla carreggiata a diventare pericolosi per la tua posizione in un determinato momento del sorpasso.

Quindi, tornando al concreto: a 4000 giri in seconda ti sconsiglio di buttare giù la marcia prima di affrontare il sorpasso, perchè nel momento in cui spalanchi la manetta (affiancandoti alla macchina, oppure rallentando e lasciandola allontanare a sufficienza da concederti lo spazio per accelerare sino al giusto regime) basterà un istante per ritrovarti a 6000 giri e poi avrai ancora 5000 giri da sfruttare appieno; allo stesso regime dalla seconda in su (col beneficio del dubbio per la terza) ti consiglio invece di scalare, perchè le marce si allungano e trovarsi a 4000 giri in quarta vuol probabilmente dire trovarsi poco entro i 6000 in terza.

Fai qualche test e poi facci sapere 0509_up.gif
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 2
Vai a pagina 12  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Sicurezza e PrevenzioneEsperienze personali, Guida Sicura

Forums ©