Leggi il Topic


Indice del forumForum Tecnico

   

Pagina 1 di 1
 
bianco latte [Analisi del colore della candela]
3814539
3814539 Inviato: 2 Mar 2008 13:08
Oggetto: bianco latte [Analisi del colore della candela]
 

Ciao a tutti. Dopo circa un decennio ho deciso di rimettere le mani sul mio vecchio scooter, quindi vado a comprare un cornetto malossi, una marmitta con il giusto compromesso rumore/prestazioni e decido di affacciarmi per la prima volta al mondo della carburazione(prima avevo sempre pagato per farla). Insomma dopo aver desunto che quella che sembrava una polpetta di grasso nero era in realtà il carburatore mi metto al lavoro: getto del max, viti aria, smusso della valvola e spillo conico. Devo ammettere che senza il vostro aiuto non avrei saputo concludere granchè..quindi grazie a tutti per le ottime discussioni, ora però sento che ho bisogno ancora di voi. Il problema è questo:
-pur essendo +o- a posto (per intenderci, al semaforo i 4 t di piccola cilindrata hanno imparato bene il n° di targa icon_lol.gif ) mi pare di sentire un leggero affanno in salita, in + dopo una tirata e spegnimento il colore della candela è più bianco del latte(non ci sono vuoti di magro xò).
-Se provo un getto max più grande è eccessivamente grasso fin dai bassi regimi icon_eek.gif
Vi preciso che lo spillo è alto(anzi ho inserito anche 1o spessore supplementare) e che ho modificato la conicita di qlk decimo di millimetro e la punta.

Ho pensato di sfrugugliare un pò il getto o in alternativa di sfinare ulteriormente lo spillo nel tratto finale...ma non so..
 
3816962
3816962 Inviato: 2 Mar 2008 20:22
Oggetto: Re: bianco latte [Analisi del colore della candela]
 

Foglione ha scritto:
Ciao a tutti. Dopo circa un decennio ho deciso di rimettere le mani sul mio vecchio scooter, quindi vado a comprare un cornetto malossi, una marmitta con il giusto compromesso rumore/prestazioni e decido di affacciarmi per la prima volta al mondo della carburazione(prima avevo sempre pagato per farla). Insomma dopo aver desunto che quella che sembrava una polpetta di grasso nero era in realtà il carburatore mi metto al lavoro: getto del max, viti aria, smusso della valvola e spillo conico. Devo ammettere che senza il vostro aiuto non avrei saputo concludere granchè..quindi grazie a tutti per le ottime discussioni, ora però sento che ho bisogno ancora di voi. Il problema è questo:
-pur essendo +o- a posto (per intenderci, al semaforo i 4 t di piccola cilindrata hanno imparato bene il n° di targa icon_lol.gif ) mi pare di sentire un leggero affanno in salita, in + dopo una tirata e spegnimento il colore della candela è più bianco del latte(non ci sono vuoti di magro xò).
-Se provo un getto max più grande è eccessivamente grasso fin dai bassi regimi icon_eek.gif
Vi preciso che lo spillo è alto(anzi ho inserito anche 1o spessore supplementare) e che ho modificato la conicita di qlk decimo di millimetro e la punta.

Ho pensato di sfrugugliare un pò il getto o in alternativa di sfinare ulteriormente lo spillo nel tratto finale...ma non so..


premesso che è quasi impossibile fare carburazioni per... corrispondenza, nel tuo caso è chiaro che il titolo di miscela non è sufficientemente ricco di benzina alle massime aperture.
la riprova è l'affanno in salita: situazione che di per sé comporta uno smagrimento della miscela.

devi tenere conto di due cose:
- il diametro del polverizzatore (che in alcuni carburatori non è intercambiabile) pone un limite al massimo diametro utilizzabile del getto di massima. Per l'esattezza: la sezione del polverizzatore meno la sezione del diametro di punta dello spillo conico: se la sezione del getto di massima supera la sezione residua di cui sopra, il suo aumento non dà nessun vantaggio alla massime aperture ma ingolfa solo il motore alle aperture parziali.
- durante una carburazione lo spillo dovrebbe rimanere sempre alla 2a tacca dall'alto: questa è una regola di base!
Se si avverte l'esigenza di spostarlo da questa posizione (che è un'azione di ripiego e non di messa a punto) vuol dire che si è sbagliato qualcosa nell'armonia delle altre tarature. Spostarlo addirittura più su dell'ultima tacca significa interferire col funzionamento del getto di massima: questo è il motivo per il quale non ti è possibile montare getti di maggior diametro!

Per altri suggerimenti, t'invito alla lettura di questo articolo:
icon_arrow.gif Principali elementi della Carburazione
 
3823865
3823865 Inviato: 3 Mar 2008 18:03
 

Già! Credo di aver letto molto sulla carburazione e le teorie spesso non approfondiscono certi particolari che, parlando di carburazione, mi sono reso conto come non possano mai considerarsi tali, eppoi anche perchè la carburazione si fa sul mezzo, non al computer(ovvio), impossibile elencare tutte le combinazioni di taratura.
Avevo letto che lo spillo si alza per ingrassare la fase intermedia dell'apertura e con il gt che ha già macinato abbastanza volevo stare sul sicuro.
Terrò fermo lo spillo alla 2a tacca in modo da avere un punto di riferimento. grazie
 
3827926
3827926 Inviato: 3 Mar 2008 23:24
 

Foglione ha scritto:
...
Avevo letto che lo spillo si alza per ingrassare la fase intermedia dell'apertura...


più esattamente, come riportato anche nell'articolo consigliato, lo spillo regola la carburazione da circa 1/4 di apertura della valvola gas (cioè di rotazione della manopola) a circa 3/4: cioè la fase intermedia che dici tu.

spostarlo dalla 2a tacca significa solo anticipare o posticipare il suo intervento ma non variarlo in sostanza.

nelle carburazioni "fini", quelle necessarie sui motori da competizione, quando si vuole effettuare un intervento alle aperture mediane si SOSTITUISCONO gli spilli con altri di diversa conicità, posizionandoli (almeno inizialmente) sempre alla 2a tacca dall'alto.
la Dell'Orto, come tutte le altre Case di carburatori, fornisce after market due o tre decine di spilli diversi per ogni tipo di carburatore!
 
3829881
3829881 Inviato: 4 Mar 2008 11:18
 

Vediamo se ho capito...lo spillo deve gestire nel miglior modo il passaggio della quanità di benza disponibile (determinata dai getti) dal circuito del minimo a quello principale. Non avevo capito un gran che, lo ammetto. Grazie ancora.
 
3832945
3832945 Inviato: 4 Mar 2008 16:49
 

Foglione ha scritto:
Vediamo se ho capito...lo spillo deve gestire nel miglior modo il passaggio della quanità di benza disponibile (determinata dai getti) dal circuito del minimo a quello principale. Non avevo capito un gran che, lo ammetto. Grazie ancora.


ci sei molto vicino: il suo intervento, COME QUELLO DI TUTTI GLI ALTRI DISPOSITIVI DI TARATURA, è strettamente legato ad una ben precisa apertura della valvola gas, ovvero di rotazione della manopola dell'acceleratore (nelle modalità descritte nell'articolo citato)

anzi, nel caso dello spillo conico, questo è tanto più vero in quanto esso stesso si sposta saldamente ancorato proprio alla valvola gas.

inizialmente la sua parte cilindrica,
e poi gradatamente la parte conica,
fuoriescono gradualmente dal polverizzatore REGOLANDO IL FLUSSO DI MISCELA in uscita da quest'ultimo;
infine, quando lo spillo è completamente fuoriuscito dal polverizzatore, il suo intervento cessa del tutto permettendo al solo getto di massima di "decidere" la quantità di miscela che fuoriesce dal polverizzatore.

questo è il motivo per cui il getto di massima agisce solo nell'ultimo quarto di apertura della valvola:
in mancanza dello spillo conico, (e di un apposito circuito di minima) esattamente COME ACCADE NEI CARBURATORI PIU' ELEMENTARI (es. Dell'Orto serie "SHA") il getto di massima regola in realtà tutta la gamma di carburazione, essendo l'unico particolare di taratura!
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum Tecnico

Forums ©