Tecnica
Alimentatore 9 volt per Power Commander 3 USB fai-da-te
Scritto da TommyTheBiker - Pubblicato 24/05/2019 10:23
Per alcune funzioni, la Power Commander 3 richiede una alimentazione aggiuntiva; la Dynojet vende un alimentatore a pile (!!!), poco pratico ed eccessivamente costoso. Vediamo come costruircene uno migliore spendendo poco!

L'ALIMENTATORE ORIGINALE

La centralina aggiuntiva Dynojet Power Commander 3 USB viene normalmente alimentata dalla batteria della moto. Tuttavia, per alcune funzioni, come ad esempio l'aggiornamento del firmware o la calibrazione delle farfalle, è necessaria un'alimentazione esterna aggiuntiva. La stessa cosa vale nel caso in cui volessimo far funzionare la centralina anche senza collegarla alla moto, per esempio perché dobbiamo caricarci una mappatura ma non abbiamo un laptop.

La Dynojet vende un cavo apposito, alimentato... a pile Shocked Una pila a da 9 volt, per la precisione. Soluzione a basso costo, ma non molto furba: la pila dura pochissimo, quindi va cambiata spesso. Per di più, se si scarica proprio mentre la centralina sta comunicando col computer... Pray Anxious Inoltre, il cavo non è così facile da trovare qui in Italia, dato che esiste un solo importatore Dynojet ufficiale. Importarlo direttamente dagli USA significa spendere quindici euro solo di spedizione, per un alimentatore che ne costa una dozzina... e che francamente ne vale un decimo, perché si tratta di un connettore, un portapile e due spezzoni di cavo, niente più! Brick wall

Quindi, perché non risparmiare qualche soldo costruendoci noi l'alimentatore? Wink E già che ci siamo: visto che la centralina andrà comunque collegata a un computer per lavorarci sopra, perché non sfruttare quest'ultimo anche per l'alimentazione eliminando la necessità (e i rischi) delle pile? Smile

NB: questo metodo è sicuro e funzionante. L'ho testato in prima persona e approfonditamente sulla mia Power Commander. Nello scrivere la guida mi sono assicurato di non lasciare niente sottinteso e di evidenziare ogni passaggio critico, per venire incontro anche ai principianti totali. Tuttavia, NON mi assumo la responsabilità dei danni dovuti a imperizia, acquisto di componenti difettosi o altri fattori fuori dal mio controllo. Lamps



LISTA DEI MATERIALI

Per il nostro progetto abbiamo bisogno di quanto segue:

• dei cavi EPS a 8 pin

E che roba sono? Laughing Gli EPS (detti anche impropriamente Molex o ATX) sono connettori usati nei computer fissi per alimentare schede madri, schede video e altri componenti. Li potete trovare in qualsiasi negozio che vende componenti per computer, oppure sui soliti Amazon/eBay per pochi spicci. Potete anche rimediarli gratis cannibalizzando un alimentatore da PC fisso guasto. Non devono essere per forza identici a quelli bianchi in foto; ciò che conta è ottenere due connettori ad 8 pin fatti esattamente come quello nero.

• un convertitore step-up USB a 9 volt
Si tratta di un bell'aggeggio che preleva corrente da una porta USB (che lavora a 5 volt DC) e dà come output una tensione maggiore sempre in continua, nel nostro caso 9 volt. Viene anche detto "boost converter". Questo è più difficile da trovare nei negozi, ma online ce ne sono a bizzeffe. Dalla Cina si comprano con un paio d'euro ma ci vuole un mese di attesa, dall'Europa si spendono dai 5 ai 10 euro.

Ce ne sono di vari tipi, dalle semplici pcb coi componenti saldati sopra, fino a robe super accessoriate con interruttori, selettori per la tensione, display e chi più ne ha più ne metta. Io ho scelto quello in foto, spartano ma non troppo. Anche in questo caso, non è importante il connettore presente a valle; attenzione però che eroghi proprio 9 volt, perché ce ne sono anche da 6, 12, 15, 18 e 24 volt.

• un cutter (taglierino) affilato

• del nastro isolante, preferibilmente rosso e nero

• della guaina termorestringente (si può fare anche senza, ma se c'è è meglio)

• l'occorrente per saldare a stagno (come sopra)

• un multimetro o un voltmetro (idem)



I CONNETTORI PER LA POWER COMMANDER

Guardiamo bene la nostra PC3: oltre al normale connettore mini-USB, ce n'è un altro rettangolare di colore bianco, coperto da un tappino. Il suo scopo è connettere periferiche esterne, tra cui anche l'alimentatore.


Purtroppo, questo connettore è proprietario Dynojet, quindi non si trova in commercio già pronto se non sulle loro periferiche Sad Tuttavia, i pin (chiamiamoli d'ora in poi "D" e "quadrato" per semplicità) sono quasi identici a quelli dei connettori EPS, anche se in ordine diverso e ruotati di 90°. Dobbiamo quindi modificare il connettore EPS col cutter in modo da lasciare solo i quattro pin al centro:

Una volta eliminati, cerchiamo di rifinire il connettore ottenendo un blocchetto quadrato. Togliamo anche la linguetta di blocco, non ci serve. Quando avremo finito, otterremo un risultato del genere; se avete dei dubbi potete utilizzare il tappino della Power Commander come riferimento, visto che è sagomato in modo identico ai pin.


Proviamo il risultato finito sulla Power Commander, rifinendo i bordi se necessario. I due pin quadrati centrali non ci servono, quindi se anche vengono coperti parzialmente non è un problema.


I nostri connettori hanno quattro pin ciascuno, ma a noi in realtà ne servono solo due, che fungeranno da positivo e negativo. Sulla Power Commander, avendo la porta mini-USB in alto, i pin corrispondenti sono (rispettivamente) il quadrato in basso a sinistra e la D in alto a destra:




L'ALIMENTATORE USB A 9 VOLT

Prendiamo lo step-up USB e con il taglierino eliminamo qualsiasi connettore ci sia all'estremità. Poi, apriamo la guaina e speliamo i due cavi. Semplice! Smile


Se abbiamo il multimetro, controlliamo per sicurezza che la tensione sia quella corretta e che rimanga sempre grossomodo costante, senza sbalzi. Se sgarra di qualche decimo, come nel mio caso, non è un problema.





IL COLLAUDO

A questo punto non resta che vedere se tutto funziona come dovrebbe. Facciamo un collegamento volante intrecciando i cavi, rispettando la polarità e facendo attenzione a non farli toccare tra di loro. Avviamo il software di gestione della Power Commander. Se la centralina è collegata alla moto, teniamo il quadro spento.

Colleghiamo il cavo USB di comunicazione al computer: nel programma, dovrebbero apparire due messaggi di errore in alto a destra. Una volta collegato il nostro alimentatore, gli errori dovrebbero sparire e al loro posto dovrebbe comparire il numero di serie della PC3.


Proviamo a leggere la mappatura della centralina: se l'operazione va a buon fine, significa che è tutto a posto! Campione



RIFINIAMO IL TUTTO

Prendiamo i connettori EPS. Dato che su otto cavi ce ne servono solo due, eliminiamo gli altri. Io li ho estratti dal connettore; se non siete capaci potete tagliarli, ma attenti che non rimangano fili di rame sporgenti. Copriamo i fori dei pin inutili col nastro isolante. Usiamo del nastro rosso e nero, così ci sarà anche di aiuto per capire dove inserire ciascun connettore.

Giuntiamo i cavi dei connettori con quelli dello step-up, preferibilmente saldando a stagno e aggiungendo della guaina termorestringente. Attenzione a rispettare la polarità!
(per i curiosi: la ventolina serve ad aspirare i fumi della saldatura, allontanandomeli dal naso; stateci attenti anche voi, il saturnismo è una brutta bestia Wink )

Come ulteriore conferma, ricontrolliamo la tensione e la polarità. Di nuovo, non preoccupiamoci se non sono 9 volt spaccati.


Infine, il collaudo vero e proprio col software di gestione, allo stesso modo di prima. Dovrebbe essere tutto perfetto! Up

Tocco finale: mettiamo un pezzetto di nastro isolante rosso sulla Power Commander in modo da distinguere sempre a colpo d'occhio dove va il cavo positivo.


Finito! Ecco il nostro bellissimo e praticissimo alimentatore! DoppioOk Altro che quello originale... Mr. Green

 

Commenti degli Utenti (totali: 2)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: frenk_RS_125 il 15-06-2019 18:45
Ahi ahi ahi..
Un altro afflitto dalla pessima abitudine di non volersi arrendere al fatto di dover comprare a 20 una cosa fatta male che vale 0,2..
Sono cos anche io, so cosa stai passando a ed a che razza di vita sei costretto Abbraccio Abbraccio

ASD ASD Applause Applause
Commento di: TommyTheBiker il 16-06-2019 00:01
Grazie! Beh, non poi male come vita... divertente, se non altro Smile