Moto
Quanto costa riparare una MotoGP dopo una caduta?
Scritto da TommyTheBiker - Pubblicato 17/08/2017 16:25
Adam Wheeler del Daily Telegraph ci illustra i costi di un "crash" in Classe regina, grazie alla preziosa consulenza di Cristope Bourguignon, capo tecnico del box LCR, ossia l'uomo alle cui cure è affidata la moto di Cal Crutchlow. Considerata la propensione alle cadute del simpaticissimo ma sfortunato pilota britannico (ventisei solo nella stagione 2016), non si può dire che l'intervistato non abbia esperienza in materia...


La moto di Cal Crutchlow dopo un incidente nelle prove del GP di Valencia 2016 - via motorsport.com

Monsieur Cristophe parte con una premessa forse scontata ma importantissima: una MotoGP è radicalmente diversa da una sportiva omologata strada. «Non dico che siano fatte su misura, ma c'è ben poco di standard», racconta; perciò, «ogni parte è molto costosa!».

Si parte, ovviamente, dal mezzo in sé. Essendo un team cliente Honda, la Lucio Cecchinello Racing compete su moto prese a noleggio direttamente dalla HRC. Ma non solo: insieme alla coppia di prototipi viene fornito uno stock di pezzi di ricambio, di attrezzature e di software specifici. Non da ultimo, grande importanza rivestono le risorse umane, visto che il reparto corse dell'Ala dorata fornisce anche personale tecnico altamente qualificato e specializzato. In pratica, un pacchetto completo. Costo totale? Un paio di milioni di euro a stagione. Ed è solo l'inizio!

Bisogna poi affrontare i costi per mantenere il mezzo in perfetta efficienza. La manutenzione di una MotoGP è ovviamente molto frequente, ma insospettabilmente semplice: «si cambia tutto come fosse un kit, visto che ogni pezzo ha lo stesso kilometraggio». Non vengono fornite cifre precise, ma pare che l'ordinaria manutenzione di un prototipo sia abbastanza economica: «dischi frizione, olio, filtro olio, filtro benzina, pastiglie... salvo cadute, non ci sono spese cospicue».

Proprio le cadute possono far lievitare drasticamente le spese di un team. Logicamente, i costi sono ben lontani dagli incidenti stradali: «le moto sono pesanti e vanno veloce, quindi non esistono cadute di poco conto; una caduta da 2000€ in MotoGP semplicemente non esiste». Bourguignon stima che una caduta generica possa costare da un minimo di 15mila fino anche a 100mila euro. E si parla del mero costo dei pezzi!

Entriamo più nel dettaglio: «un set di dischi in carbonio costa intorno ai 10mila euro». Costosi, ma la priorità non è certo l'economia: «il più delle volte quando la moto finisce nel ghiaione restano frammenti di sassi sul disco, ed è troppo pericoloso riutilizzarli», illustra il francese. Di conseguenza, vengono sostituiti dopo praticamente ogni caduta.

Molto delicati anche i cerchi in magnesio. A causa della loro intrinseca fragilità, i cerchi tendono a danneggiarsi facilmente, perciò sono anche loro quasi usa e getta: «come per i freni, non è una cosa per la quale si può rischiare». Sopratutto dato che le attuali Michelin sembrano essere assai meno protettive rispetto alle Bridgestone utilizzate fino al 2015. Una precauzione che costa 4mila euro a coppia.


La moto di Stefan Bradl dopo un incidente nel GP di Silverstone 2014, dettaglio della ruota anteriore - via photo.gp

Le parti elettriche ed elettroniche, seppur relativamente ben protette, tendono a danneggiarsi spesso. Le MotoGP sono un concentrato di tecnologia, quindi ogni caduta comporta la sostituzione di una pletora di sensori, anche perché «visto l'investimento che facciamo per correre, non possiamo permetterci di terminare una gara perché un sensore si guasta». Tutto ciò non costa poco: un "semplice" fascio cavi oscilla tra i 10 ed i 15mila euro, sensori esclusi (!), che non sono economici visto che «non c'è una singola parte elettronica che costi meno di mille euro».

Nemmeno il radiatore è a buon mercato, con i suoi 10mila euro circa. Un componente critico, non solo perché vitale, molto esposto ed estremamente delicato, ma sopratutto perché limitato: ne vengono dati solo cinque di ricambio, finiti i quali vanno ordinati dalla HRC, il che significa attendere anche sei settimane (!!!). Discorso identico per lo scarico.


Come sopra, dettaglio della carena laterale con parte dei componenti elettrici - via photo.gp

Visti i tempi di consegna, è fondamentale fare scorte: in pratica «hai due moto, più altre tre o quattro di scorta», spiega l'ingegnere francese. Qualche esempio? Pedane, leve e semimanubri «finiscono nel cassonetto» ad ogni caduta, perciò bisogna comprarne almeno una decina di set per volta. Stesso discorso per i serbatoi: «una piccola ammaccatura la possiamo sistemare, ma dobbiamo essere veramente precisi dato che la capacità è limitata» [per regolamento: massimo 22 litri, ndT]; di conseguenza «un serbatoio incidentato non viene riutilizzato... magari in prova o nei test invernali, ma mai in gara».

Oltre ai costi monetari, bisogna poi considerare quelli in termini di tempo: nelle competizioni ogni secondo è prezioso. Per questo motivo le riparazioni avvengono a tempo di record: «possiamo cambiare motore e telaio in un'ora e un quarto, un'ora e venti». Merito senz'altro della bontà del progetto, ci tiene a precisare l'intervistato: «la Honda è nota per essere una moto semplice su cui lavorare. Ho sentito che altre moto europee sono molto difficili da questo punto di vista». Ma merito anche dei meccanici: «lavorano sulla moto da mattina a sera, da gennaio a fine stagione; lo fanno sembrare facile, sembra che si stiano prendendo un caffé!».

Infine, una curiosità: esiste qualcosa che si danneggia raramente? Le pinze dei freni, pare. E il motore: «tocco ferro perché abbiamo un limite [massimo sette per pilota, ndT], ma non ricordo di motori danneggiati dopo un incidente. È protetto piuttosto bene».


Fonte: articolo originale su telegraph.co.uk
 

Commenti degli Utenti (totali: 5)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: Allrossx il 24-08-2017 19:45
Grazie per aver pubblicato questo articolo, davvero interessante.
Non capisco però come possano costare così tanto (10-15.000 euro ciascuno) un semplice fascio cavi e un radiatore
Commento di: TommyTheBiker il 24-08-2017 20:18
Grazie :)

I fasci cavi sono carissimi su tutte le moto; tanto per darti un'idea, il fascio principale della mia moto è sulle 900 euro, e si parla di una moto del 2001; quello di una R1M, supera i 2000. Solo il principale, eh.

Costano così cari perché è vero che sono "solo" rame inguainato, ma si parla di qualche centinaio di metri di cavo (non ho cifre precise per le moto, ma su un'auto di livello medio-basso attuale si superano i 10 km!), quindi già il materiale ha il suo rilievo nella cifra finale. Per non parlare dello studio, un autentico delirio: dai un'occhiata allo schema elettrico di una supersportiva attuale e ti farai una mezza idea. Le MotoGP non hanno la "roba da strada", tipo fari e frecce, ma hanno uno sfracello di sensori in più.

Quanto al radiatore, uno di quelli grossi da pista (quelli a punta che arrivano fino al vascone, presente?) difficilmente costa meno di 2500 euro. Quelli per la MotoGP sono ancora più grandi, e sicuramente avranno anche un sacco di tubicini e lamelle in più, quindi saranno molto più complessi da costruire.

A tutto ciò aggiungiamoci il fatto che è roba prodotta in una quantità limitatissima di pezzi (anzi, visti i tempi di consegna probabilmente molta roba va proprio su ordinazione), dunque i costi di progettazione e produzione si abbattono molto più difficilmente. In ultimo, dài, giochiamo a fare i maligni per un attimo: se i team clienti sono costretti a comprare per forza da te, senza alternative... vuoi non approfittarne almeno un pochettino? Smile
Commento di: CoffeeWolf il 07-09-2017 14:11
Articolo interessantissimo!
Commento di: Nrgpowerdd02 il 07-09-2017 14:27
Bellissimo articolo a mi chiedo ha senso far riparare una moto con un danno di 100000 euro questo mi fa capire l'incredibile costo di queste moto
Commento di: P52 il 10-09-2017 10:35
Potrei sapere dove tenete il cassonetto dei rifiuti? Mr. Green