Leggi e Burocrazie
Nuove leggi in Svizzera in materia di circolazione stradale
Scritto da Adrm - Pubblicato 26/06/2013 11:47
Sequestro, multe e persino Penale: fate molta attenzione se vi trovate ad attraversare il territorio elvetico!

Chi non si ricorda il furbone che 2 anni fa prese la multa per aver segnato un bel 220kmh sul Passo Julier in sella alla sua r1?

Bhe, chi l'avesse dimenticato sappia di essere uno dei pochi.
Sicuramente se lo ricorda bene lo stato svizzero che ha inasprito le sanzioni per i motociclisti e automobilisti in territorio Elvetico.
Così dal 1° gennaio 2013 è in vigore il nuovo codice... e per esperienza diretta di un mio amico vi dico il dettaglio della pena massima.

Rettilineo, senza intersezioni, incroci o altro, limite 90 kmh... gasatissimo apre fino a 150: viene fermato e gli viene notificato di aver ecceduto oltre i 40kmh sopra il limite, pertanto:
Sequestro immediato del mezzo, con relativa messa in vendita all'asta (si sa parlano male l'italiano, perché si chiama Confisca)... multa di 2000CHF, interrogatorio di 4 ore e 1/2, interdizione alla guida in Svizzera e Lichestein per i prossimi tre mesi durante i quali ci sarà un processo dove decideranno se aumentare la multa e il periodo di interdizione.

Lui si è giocato così la sua amatissima Brutale 910 S, guardate di non seguire le sue orme.
Dimenticavo: ovviamente l'hanno lasciato a piedi a 200km da casa! E se ci sono reati precedenti si finisce in carcere... per cui occhio!!!
 

Commenti degli Utenti (totali: 75)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: sant0 il 26-06-2013 16:02
mi sembra un po' esagerato... addirittura la confisca e vendita all'asta ? Ma siamo fuori di testa ? Non lo trovo giusto. Inibiscimi la guida ma perchè mi devi toccare il mezzo ?
Non può fare proprio niente ??


roba da matti...
Commento di: Adrm il 26-06-2013 16:18
si potrebbe se il nostro governo non fosse di ciarlatani ... in Italia è impossibile confiscare un mezzo appartenente a cittadino Svizzero ...ma a quanto pare in Svizzera è possibilissimo confiscarne uno intestato a italiano !
Commento di: sant0 il 26-06-2013 16:44
ma anche se il mezzo è intestato ad una persona diversa da chi viene beccato in flagrante ?
Commento di: Adrm il 26-06-2013 17:33
si ..ricorda sempre in Svizzera non c'è se e non c'è ma !
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 16:22
Ma la confisca c'è solo nel caso si ecceda di 40km/h oppure basta superare il limite?
Perché se ci fosse a prescindere dalla sanzione sarebbe folle ed ingiusto.
Se invece 40km/h è il minimo per cui c'è la confisca è un altro discorso, uno può essere d'accordo o no, ma i fessi che non fanno sanzioni sono gli italiani, mica loro. Lì vige un regime di legalità che potrebbe sembrare eccessivo a noi italiani (che siamo abbastanza allergici alle regole per dna nazionale, inutile negarlo), ma in Svizzera crescono con quella cultura, per cui terra loro, regole loro, o le rispetti o accetti le sanzioni, di qualunque entità siano.
Soprattutto perché, a quanto sembra, il motivo dell'inasprimento siamo proprio noi italiani che invidiando le loro strade andiamo lì pensando di comportarci come a casa nostra, dove le multe per eccesso di velocità sono rare quanto vedere gli Hobbit.

Per quanto mi riguarda, mi spiace che sia un tuo amico Adrm, ma "se l'è cercata" Wink
Commento di: Adrm il 26-06-2013 16:33
solo se si eccede di 40kmh il limite di velocità
quindi se il limite è 80 e tu vai a 130 -ciao ciao moto !
Dispiace anche a me per lui ma come dici tu ..se l'è cercata e mica poco, infatti non lo difendo in alcun modo anzi! !!!!
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 16:41
Io ho sentito di uno che, da qualche parte in Toscana, in un tratto dritto in forte discesa ha voluto fare la sparatona con una 998 se non erro, è arrivato sopra i 300 ma c'era una pattuglia che lo ha fermato.
Lui, che evidentemente si era reso conto, ha consegnato le chiavi senza fare nemmeno domande e se c'è andato.

Ripeto, spiace dire "se l'è cercata", ma gli svizzeri si sa che sono ferrei. Hai fatto bene a non buttarla sulla polemica che sono esagerati, ed ancora meglio a porre l'attenzione sul rispetto dei limiti ;)
Mi piace leggere articoli così Wink
Commento di: Marco86 il 02-07-2013 23:08
Scusami, e come si è fermato all'alt in discesa arrivando ad oltre i 300??? Ragazzi, dovete imparare a non credere a certi eccessi.....
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 17:22
Volevo segnalare questo articolo:

http://www.moto.it/news/raduno-stelvio-occhio-ai-limiti-svizzeri-confiscano-moto.html

Evidentemente a noi italiani piace vivere nella Bambagia...
Ci sono le leggi, ce ne lamentiamo. Non ci sono, ce ne lamentiamo. Ci sono e non le fanno rispettare, ce ne lamentiamo. Ci sono e le fanno rispettare, ce ne lamentiamo. Onestamente non ho parole.
Commento di: fg il 26-06-2013 18:59
come dico sempre: la svizzera sarebbe anche un bel posto, peccato che sia piena di svizzeri.
chiaramente un plauso speciale va anche agli idioti che utilizzano le strade come fossero piste. grazie, siete dei grandissimi motociclisti...
Commento di: Adrm il 26-06-2013 19:03
Sul fatto di strada come pista mi sento di poter difendere almeno il mio amico ..nonostante totalmente fuori regola , e si sia preso una caziata anche da me .. è un uomo sulla 40ina che non sa nemmeno cosa sia una piega , ha famiglia a casa e non tira mai ...chissà che cappio gli è preso quel gg ha deciso di provare a vedere se andava + la sua o quella del suo amico su rettilineo apparentemente sicuro ... CAPITA a Tutti almeno 1 volta nella vita Dai!Purtroppo ha avuto sfiga !
Commento di: fg il 26-06-2013 19:16
era un commento generico, non specificatamente rivolto al tuo amico. anche a me capita di farmi la sparata a 150 e a volte più quando sono in autostrada o stradoni larghi e poco trafficati.
il vero problema, motivo per cui non faccio più giri nei fine settimana, sono i motociclisti, per la maggior parte con ss o naked da sparo, che non hanno il minimo buon senso e rispetto per gli altri. passano per i centri abitati, per piccoli che possano essere, a velocità criminali; tagliano le curve per andare più forte (ma dove sta il divertimento???); sorpassano auto o altre moto/scooter tirando la staccata o passandoti a 1 cm o peggio ancora in curva (e se gli dici qualcosa hanno pure il coraggio di risponderti...male!); devono grattare la saponetta a tutti i costi; se li sorpassi si sentono in diritto di fare qualunque cosa pur di ripassarti...eccetera, eccetera...
Commento di: Adrm il 26-06-2013 21:12
io non esco più di sabato e domenica e mi faccio qualche riserva il venerdì ...dalle mie parti si stanno radunando gli invasati e ad ogni curva devi aver paura !
Commento di: AlbertoSSP il 26-06-2013 19:30
Mi vengono così di getto due osservazioni:

1) in Svizzera le norme sono ferree, ma anche i limiti sono più adeguati all'effettivo pericolo.
Mi spiego: in Italia è facilissimo trovare strade statali larghe e dritte, senza intersezioni con limiti di 50km/h... non nego che mi capita spesso di vedere un cartello e di accorgermi di essere ben oltre il limite di velocità (anche di 40km/h) anche se reputo di guidare in totale sicurezza. In quei casi spesso rallento, ma se i limiti di velocità fossero decisi dai carabinieri in base all'effettiva pericolosità della strada, avremmo limiti più giusti e rispettabili.

2) non vorrei che con la mentalità che abbiamo (ahimè), una legge simile aumenti solo le fughe ai posti di blocco e le targhe illeggibili da parte degli italiani che vanno in moto in svizzera... in Francia ad esempio non sono affatto così fiscali sulla velocità, lo sono invece sul mezzo che deve essere in regola e ben gommato.
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 20:57
Quotone. Hai ragione.
Ormai i limiti sono obsoleti: abbiamo mezzi più sicuri e da qualche parte strade molto più sicure.
Esempio: l'A1, per me 150, nella tratta a 4 corsie sarebbe moooolto più equo. Al contrario 130, per molti tratti dell'A3 sono fin troppi (e nell'A3 vanno a 130 anche nei pochi punti con limite 80).
Commento di: Superzot il 27-06-2013 13:08
In Francia hanno dei limiti che sembrano veramente studiati in maniera sensata: corrispondono sempre a una velocità "giusta" per godersi la strada. Ovviamente chi guida Falappa-style avrà sempre da ridire, pero' io mi sono sempre trovato bene li', senza limiti stupidamente bassi su rettilinei in mezzo alla terra di nessuno.
Commento di: AlbertoSSP il 27-06-2013 14:11
Verissimo! Lì non c'è bisogno di guardare in continuazione i cartelli... se uno guida in sicurezza rispetta automaticamente i limiti.
Commento di: Marinaio87 il 26-06-2013 20:24
Sebbene mi trovi pienamente d'accordo sul fatto che si necessitano regole e ancor più si necessita di farle rispettare, mi stupisce il fatto che gente come gli svizzeri, austriaci o tedeschi, durissimi su questi punti, li vedi sfrecciare per le strade italiane ben oltre i limiti...
Ovviamente impuniti...

Poi però si dice in giro per il mondo " i soliti italiani " Brick wall
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 20:53
Siamo "i soliti italiani" sia nel rispettare che far rispettare le leggi.
Viviamo in una stazione dove i carabinieri sono "sporchi servitori dello stato", come se cercare di far rispettare le regole sia un errore (posso postare anche stasera l'ennesima di queste scritte fastidiose).
Poi, com'è ovvio, l'occasione fa l'uomo ladro, se in Italia i controlli sono pressoché zero, inutile inveire contro chi esagera... In Svizzera esageri? Multa. Esageri dì più? Multa e confisca. Dovremmo prendere esempio piuttosto che inveire contro di loro, secondo me.
Commento di: Marinaio87 il 26-06-2013 21:06
Si si chiaro, non sto dicendo il contrario Wink semplicemente, quello che volevo fare notare è l'ipocrisia di queste persone invece che appunto, colgono "l'occasione".
Cogliere l'occasione, li mette forse ad un gradino più basso del nostro, a mio giudizio(che è già di per sé basso).
Ripeto, sono il primo a dire che il sistema di rispetto/far rispettare le regole(e dico regole e non leggi volutamente) è penoso. Ma questo non è una scusa per invitare gli altri a venire a fare i nostri stessi errori quì, solo perché da loro non è permesso. Not talking
Sarò forse io più teutonico di loro? Think 1/4 del mio sangue lo è...
O forse si tratta di educazione?
Commento di: Elr0ndK il 26-06-2013 23:18
Penso sia un po' tutto Razz
Commento di: Superzot il 27-06-2013 13:05
In Svizzera ho notato spesso che gli automobilisti con targa "TI" sono spesso degli emuli del compianto Clay Regazzoni. Credo che conoscano bene la disposizione dei radar lungo le strade, e quindi sanno dove possono "tirare" impunemente.
Commento di: Gusmi il 27-06-2013 08:11
Mi viene da pensare che il limite fosse 80 (mai visto un limite 90 in vita mia in svizzera), e quindi con la legge 2013 passerebbe per pirata della strada.
Se cosi fosse gli è andata ancora bene, è prevista la nottata in prigione in questi casi.

Sei pirata della strada se superi di:

40km/h sul 30
50km/h sul 50
60km/h sul 80
80km/h sul 120

In questi casi anche uno "svizzero" (o meglio definito residente) ha la confisca del mezzo.
In piu un residente (secondo la gravita dell'infrazione) rischia fino a 4 anni di prigione e un ritiro minimo di 2 anni della patente (con esame da ripetere al termine del ritiro).
Guardando meglio, anche se fosse stato un 90, su quel tipo di strada a 150 sei pirata comunque.


Non piace neanche a noi rischiare cosi tanto, spesso si rischia davvero tanto semplicemente passando da un limite extraurbano ad un urbano senza vedere il cartello.
Purtroppo le leggi sono state inasprite per tutti (con le loro piu variate nazionalità) coloro che prendenon le nostre autostrade ed i nostri passi per degli autodromi.
E un peccato, ma qui le leggi si fanno rispettare piuttosto severamente.
Commento di: Adrm il 27-06-2013 08:30
hai ragione il limite di quella strada è 80 ...errore mio
e confermo che se non fosse per quei 4 s che scambiano i passi Svizzeri per piste è sempre stato un enorme piacere guidare sugli stessi ... io non la evito ma anziché fare i 110 kmh come ero solito su alcuni passi farò gli 80 e mi godrò di + i panorami
Commento di: Gusmi il 27-06-2013 09:08
Aggiungo, non per fare terrorismo, che le forze dell'ordine hanno iniziato a girere con le pistole laser.
Quelle davvero buone (non ne hanno molte) ti prendono a piu di 200 metri di distanza, quindi non te ne accorgi neanche.
Si piazzano in collina e ti misurano, poi ti fermano tranquillamente a fondo valle.
Per questo motivo, anche quando spingo un po di piu, non passo mai i 95-100 sul 80.
La multa (20CHF al chilometro) resta comunque salata ma è tutto li.

Molto importante, rispettare i 50 ed i 60, li non si tollerano errori (giustamente).
Commento di: Adrm il 27-06-2013 09:13
a tal proposito segnalo che con pistola si appostano :
Sullo Julier sul tirone pre arrivo e sul Fluela dietro al curvone + veloce in assoluto Wink
Commento di: Superzot il 27-06-2013 13:00
A tutti quelli che commentano per protestare contro la disposizione svizzera.
La Polizia svizzera non vi viene a prelevare a casa alle 4 del mattino per costringervi a guidare la vostra amata moto sulle strade svizzere. Non vi piace la nuova legge? Pazienza, vorrà dire che vi tocca depennare la Svizzera del vostro atlante stradale e andare altrove (la Germania offre strade senza limiti di velocità dove potrete sfogare tutta la potenza del vostro motore).

Il punto è che la Svizzera ha deciso di darsi una nuova legge per combattere la pirateria stradale; puo' essere giusta o sbagliata, pero' è una legge e come tale va rispettata.

Nel caso la legge (questa o altre non importa) fosse sbagliata, prima la si rispetta e poi si chiede di cambiarla; questo è l'approccio da seguire nel mondo civile. Poi possiamo anche discutere se certi limiti di velocità siano adeguati alle caratteristiche della strada, ma il punto è che la legge è fatta per tutelare tutte le persone (motociclisti, automobilisti, pedoni & passanti, ecc.) che si trovano a passare sulla strada o nelle sue vicinanze. Chi vuole sgasare a manetta dovrebbe considerare:
1) se ne è veramente capace (io non lo sono, per esempio);
2) se questa pratica possa essere pericolosa per gli altri "utenti della strada";
3) l'imprevisto è sempre dietro l'angolo, siete sicuri di riuscire a gestire qualunque imprevisto (per esempio, un animale selvatico che vi attraversa improvvisamente la strada? è capitato davvero a un mio amico!)?

In alternativa ci sono i circuiti chiusi, le autostrade tedeche, ecc.

Cordialità.


Giuliano



Piccola nota a margine. Vivo in Svizzera da qualche mese, e ho appena portato la mia moto qui dall'Italia. Ho scoperto che qui è assolutamente vietato circolare in fuoristrada a meno che non si tratti di un fondo privato e chiuso alla circolazione pubblica. Mi manca la Strada dell'Assietta e altre strade sterrate o militari, aperte alla circolazione in determinati periodi dell'anno e a certe condizioni, pero' me ne faccio una ragione. Quando vorro' soddisfare una certa voglia di sterrato mi prendero' qualche giorno di vacanza e mi togliero' lo sfizio circolando _legalmente_ su quelle strade in sella (o meglio, in piedi sulle pedane) alla mia F800GS.
Commento di: Superzot il 27-06-2013 16:10
Ooops, mi sono accorto di aver scritto una cosa che non si puo' fare: in Italia è proibito circolare in moto stando in piedi sulle pedane. Chiedo venia e mi scuso pubblicamente, non lo faro' piu'.

Giuliano
Commento di: Senator il 07-07-2013 21:55
Grazie Superzot,
personanalmente rispetto le Svizzera e le sue leggi, quindi l'ho gia' depennata dal mio personale atlante di Europa nel 1996, quando ho visto che le moto con targa tedesca facevano quello che volevano in terra elvetica mentre quelle italiane venivano fermate.
Nessun problema, l'Europa e' grande e se la Svizzera vuole vivere tranquilla, lasciamola in pace.
Loro non hanno bisogno di noi, e viceversa.
Commento di: 3BG il 20-07-2013 14:06
beh....sul fatto che loro non abbiano bisogno dell'europa, è ancora tutto da vedere....
gli va giusto bene che gli altri stati d'europa sono "bonaccioni" e la lasciano in pace, ma vorrei vede quale fabbisogno alimentare copre la svizzera se tutti gli chudessero i collegamenti con il mondo...morirebbero di freddo e di fame!...selezione naturale se gli altri stati membri dell'euro fossero "gentili" come lo è lei con gli stranieri....
Commento di: Superzot il 27-06-2013 13:39
Aggiungo un dettaglio non trascurabile per chi potrebbe aver commesso un'infrazione al codice della strada in Svizzera. In caso di infrazione la polizia svizzera non spedisce all'estero le multe come fa invece la polizia italiana, pero' scatta il divieto di circolazione: appena si rimette piede sul territorio elvetico si riscia l'arresto finchè non viene pagata la multa piu' gli interessi di mora.

Anche automobilisti e motociclisti svizzeri protestano perchè ricevono a casa (in Svizzera) le multe italiane (purchè ovviamente le autorità preposte facciano il loro dovere), pero' abbassano la cresta e pagano il dovuto. Esistono degli accordi bilaterali tra Italia e Svizzera che forniscono le linee guida per l'applicazione di queste norme: ovviamente sia Svizzeri che Italiani, anche se con motivazioni diverse, sono piu' o meno scontenti.
Commento di: Elr0ndK il 27-06-2013 14:24
Quoto ogni singola parola di entrambi i tuoi post. E' proprio quello che mi indigna: il fatto che sembra sia impossibile accettare le regole.
Commento di: 328gts il 28-06-2013 10:40
La spediscono eccome, non contarci.
E arriva accompagnata da una lettera dai toni mincacciosi quali "rogatoria internazionale".
Come ha gia' scritto qualcuno, io, Svizzero, consiglio di eliminare il transito dalla Svizzera con mezzi a motore se non si ha la pazienza di farsi anche pezzi in autostrda a 80km/h.
Non rischiate perche' qui non scherzano e i controlli radar vengono fatti davvero con l'intento di beccarti.
Io sono appena caduto i un'imboscata mentre andavo a 36 invece di 30.Tolta la tolleranza ho pagato comunque 40 chf... :-(
Commento di: honda67 il 27-06-2013 17:17
ciao a tutti
dispiace molto per l'amico motociclista che si è visto confiscare la sua moto x un minuto di pazzia...alzate le mani chi non è mai caduto in tentazione.

sono rammaricato per due motivi, per professione mi occupo di sicurezza autostradale e in viabilità ordinaria ed abito a 4km dal confine svizzero, devo costatare purtroppo che gli "amati" vicini quando oltrepassano la dogana si dimenticano del codice stradale e per loro inizia la gara di formula 1 e di moto gp.
non vi elenco gli incidenti purtroppo anche mortali che hanno causato con la loro guida spericolato e BEN OLTRE il limite di velocità che vige sulle nostre strade.

il secondo motivo di rammarico è la poca considerzione che lo stato elvetico ha nei confronti dell'Italia, esiste un accordo biparte, per ora funziona a senso unico, il solo comune di Como ha un credito di € 850.000,00 di multe non riscosse e non viene aiutato dalle forze elevetiche.

anche la polizia stradale ha le mani legate, se non vengono fermati e contestato immediatamente la contravenzione, hanno grossissime difficoltà a risalire al guidatore, i nominativi sono molto più blindati che da noi e le multe si perdono nell'etere.

al contrario la nostra motorizzazione comunica alla richiesta elvetica le generalità del trasgressore e se dopo la terza lettera di richiesta pagamento non ricevono il dovuto, scatta la reclusione.

scusate lo sfogo, non voglio fare di tutta un'erba un fascio, sono il primo a rispettare i nostri codici civile e stradale, ma dico che non è corretto avere due pesi e due misure dove i penalizzati siamo sempre noi, non siamo tutelati e per qualcuno oltre frontiera l'italia è il paese dei balocchi

per giudare una moto tutto deve essere collegato sopratutto il cervello con il polso destro

un lamps a tutti i centauri
Commento di: MAUROX il 27-06-2013 23:32
In Svizzera gli svizzeri sono sempre molto ligi e vogliono fare sentire la loro presunta superiorità.
In Italia gli svizzeri sbracano e sull'A4, che io fequento giornalmente per andare al lavoro, sfrecciano ai 200km/h, tanto del tutor chissenefrega: in sostanza sono abbastanza stronzi; alla fine all'umanità hanno dato solo l'orologio a cucù ed i conti bancari cifrati.
Io da parte mia evito di andarci, ma comunque non per questo in Italia mi sento legittimato ad andare a tutta manetta; in ogni caso qualunque motociclista neghi di avere almento una volta fatto la classica tirata di un chilometro a tutta (in rettilineo, senza intersezioni di alcun tipo e con traffico zero) dice una bugia Liar

ciao
Doppio Lamp Green Doppio Lamp Green
Commento di: giankaUK il 01-07-2013 20:02
Beh, io credo che l'unica risposta sia che ogni paese ha le sie leggi e vanno rispettate.

Se un giorno in Italia avremo una legge simile saremmo li tutti a lamentarci...

Il giorno dopo, con l'ennesimo morto in strada, saremmo li a dire che nonostante le leggi rigide e giuste, ancora si muore...

Ma il prosciutoo lo vogliamo cotto o crudo?
Commento di: memmo86 il 01-07-2013 17:16
Come Adrm vivo vicino al confine e queste situazioni le conosco bene pure io!
A leggere certi commenti passa quasi l'idea che queste leggi siano introdotte per colpa di noi italiani che entriamo in svizzera e corriamo come pazzi, io non credo proprio!! Agli svizzeri poco importa degli italiani, tanto se vogliono multarti qualcosa di fuori posto la trovano sempre, sanno che ci tocca pagare, e ci fanno pagare (cosi come fanno con tedeschi, austriaci ecc...) La verità è che al popolo elvetico la velocità piace, e parecchio!!! Basta incrociare gli autoctoni sul passo del bernina, magari alla giuda dei bolidi che piacciono a loro, per rendersi conto di come vanno. Non a caso appena arrivano in italia si sfogano un sacco i nostri "perfetti" vicini di casa. Mi resta solo da capire come sia possibile che un mezzo immatricolato in italia e di proprietà italiana possa essere sequestrato e venduto dalla polizia svizzera!!! Assurdo!! (capirei di più una multa da 10000CHF).
Comunque non solo la svizzera ha dei bei paesaggi, il nostro paese non ha nulla da invidiare, per cui ciao svizzera!! Giro in italia, mi fermo a mangiare in italia e i soldi li spendo in italia! ASD
Commento di: Adrm il 01-07-2013 23:33
mi sa che sei delle mie zone visto che mi parli di Ai piedi del Bernina...realtà in cui vivo tutti i giorni Wink
Commento di: memmo86 il 02-07-2013 09:26
Certo ti ho pure fatto da corriere per degli stivali! ASD
Commento di: Adrm il 02-07-2013 09:41
ah già! XD
Commento di: swissmotard il 02-07-2013 16:16
Svizzero e fiero!

A sentire certi commenti sono veramente allibito dal pensiero distorto, antico e incivile di alcune persone.

Non entro in merito al sequestro del mezzo, lo trovo eccessivo e inadeguato ma purtroppo questa è la legge, volenti o nolenti va rispettata. Troppo sangue bagna le nostre strade.
Ma cerchiamo di essere onesti dicendo che si gli automobilisti sono disattenti, ma molti motociclisti sono dei gran C***ioni. Sorpassi a velocità assurde di veicoli in colonna, sorpassi in curve cieche a velocità galattiche ecc ecc ecc.
Senza dilungarmi troppo, vediamo di farci un esame di coscienza, mettere la mano sul cuore e ammettere che forse tanto santi noi motociclisti non siamo (sto generalizzando ma non faccio di tutta l'erba un fascio). Ora, sommato al fatto che in caso di incidente siamo sicuramente i più deboli ed i più esposti a gravi conseguenze il risultato potete constatarlo voi stessi.
Abbiamo esagerato per anni, ora consegnato il coltello dalla parte del manico alle autorità esponendo il fianco scoperto, ci prendiamo le coltellate e facciamo silenzio.

Tornando al dicorso:

vedo nelle risposte dei inuti commenti campanilistici per non definirli patetici.

Vorrei sottolineare alcuni punti:

1: La legge è così sia per voi che/e sopratutto per NOI. Tutto il resto e chiacchera da Bar.

2. Se in Italia non riescono a far rispettare la legge, ed è ancora tutto da provare visto che al mio migliore amico hanno ritirato le patenti sia per circolare sul territorio Italiano che in quello Svizzero dopo aver preso un radar sull'Alessandria. è stato contattato telefonicamente dalla Polizia Italiana e si è dovuto presentare in "commissariato" (penso si dica così) per estendere un verbale. Il quale a sua volta è stato inviato alle autorità Elvetiche per un secondo giudizio. Risultato: multa e ritiro in italia e ritiro in Svizzera.
Tanto impuniti non mi sembrano questi Svizzerotti.

3. Attacarsi a stereotopi tipo: gli Svizzeri qundo entrano in Italia vanno a 200 e nessuno li punisce. Ridicolo!
Ammesso e non concesso che tutti lo fanno, se i controlli stradali sono piuttosto blandi rispetto ai nostri non è di certo colpa degli Svizzeri. Voi riempite le strade di controlli come alle nostre latitudini e vedrete che i miei compatrioti testecalde abbassano subito la cresta.
O avete paura che la vostra indole indisciplinata e poco rispettosa del prossimo (sto erroneamente generalizzando ancora, ma i diretti interessati con la coscenza poco limpida capiranno e gli altri si faranno una grassa risata) non sia conciglia con una campagna stradale poco elastica?!
Non sono io a dire che gli Italiani sono fra i conducenti più indisciplinati d'europa.
C'è da dire invece che da quando hanno introdotto la patente a punti il miglioramento c'è stato e si vede.
Questo a prova del fatto che in qualsiasi paese diano un giro di vite, la risposta c'è ed è un beneficio per tutti.
10 anni fà guidare alle vostre latitudini era come entrare in guerra. Varcavo Chiasso, trattenevo il respiro e riprendevo fiato solo quando avevo parcheggiato l'auto a destinazione! ASD Oggi `si è ridimensionato a guerriglia urbana o sassaiola ;)

3: Scarto minimo del contakm 2% scarto del radar 5km/h + 40km/h, vuol dire che stai circolando nel 50km/h a più di 100km/h. Spera solo di non investire un mio parente perchè oltre che a farti male nella caduta ti riempio di legnate dietro la schiena.

Ora non voglio dilungarmi perchè i punti da elencare sarebbero infiniti, Spero solo che dopo il mio intervento volutamente provocatorio si eviti di generalizzare sullo Svizzero medio e si capisca che nella cultura Elvetica si cerca di rispettare e sopratutto FAR rispettare le leggi. Belle o butte che siano.

PS: io non sono un santo anzi e non amo particolarmente le forze dell'ordine. Ma durante il militare (obbligatorio in Svizzera ;)) un superiore mi diceva sempre in tedesco "Ist so weil ist so. fertig" tradotto "è così perchè è così. punto". Quindi prendo spunto da questo motto tutte le volte che non sono pienamene d'accordo con qualcosa. Mi adatto e aguzzo l'ingenio per accontentare i miei desideri limitando al minimo danni e ripercussioni per me stesso ed altri. Se poi un giorno non dovessi resistere e aprendo troppo la manetta finirei di nuovo in un controllo radar, l'unica cosa che potrò dire sarà: "Lo sapevi, te la sei cercata."

PS2: mi permetto di darvi un consiglio se circolate sui nostri passi. vendete i vostri supercannoni galattici da 300km/h. prendetevi una moto potente ma agile, aumentate la velocità di entrata, percorrenza e uscita dalle curve strette. Lo trovere altrettanto divertente che sfrecciare a velocità astronomiche... se non di più e tratterrete le vostre patenti in tascae quando troverete quelle stupende tirate di 5-6-700m di asfalto perfetto in mezzo al verde più assoluto, beh aprite il vostro casco modulabile o la visiera, chiudete la manetta e assaporate al massimo gli odori che vi offrono le nostre/vostre Alpi, sia che siano dalla parte svizzera che da quella italiana.
Commento di: Elr0ndK il 02-07-2013 16:34
Hai scritto meglio di me, molto meglio, quello che io penso. Condivido ogni singola parola.
E da non amante delle supersportive, il PS2 mi sembra un ottimo spunto Wink
Commento di: Adrm il 02-07-2013 17:54
io ho scritto quest'articolo per sottolineare il fatto che le leggi in Svizzera si sono inasprite parecchio ..
Non so come funziona nella norma con gli Svizzeri in Italia ma sono sicuro che a COMO la Svizzera (o meglio i cittadini Svizzeri) devono + di 800.000€ di multe non pagate
e + che sicuro che se un poliziotto italiano volesse sequestrare una macchina intestata ad un cittadino elvetico sarebbe un impresa degna di Omero e inconcludente come il Don Chichotte !



Commento di: Gusmi il 02-07-2013 18:28
io penso che la macchina la si lascia anche da voi. Qui si parla di eccessi da pirata della strada, non dimentichiamocelo. Che poi in Svizzera siamo più rigidi è un altro discorso.
Commento di: tetotaglia il 03-07-2013 13:03
Purtroppo non é vero, il sequestro del mezzo per noi svizzeri in italia é molto semplice, basta pensare che se uno svizzero guida in Italia un veicolo non intestato a lui (quello del padre per esempio) é sufficente un controllo di rutine e scatta il sequestro (o confisca cone dite voi) immediato!!
Lasciamo perdere poi la storia recente del bollino CH... 70 Euro per chi non ha il suddetto bollino quando sulla targa é inconfondibile la bandiera svizzera....

Non é per fare polemica ma solo per far capire che la medaglia é sempre la stessa, da qualsiasi lato la si guardi.....
Commento di: Davide il 03-07-2013 08:24
Rimossi alcuni commenti, vi prego di discutere finché volete ma evitate le polemiche e gli attacchi personali, grazie Wink
Commento di: simocbr954 il 04-07-2013 09:07
vero tutto quello che è stato detto,ma i limiti di velocità dovrebbero essere anche più "onesti".Ormai i mezzi sono molto più affidabili di una volta e molti tratti di strade anche.Poi si va da un'esagerazione all'altra,senza controlli ci sarebbe la legge della giungla.Al contrario con controlli a volte subdoli,con la chiara intenzione di "fare cassa",con addirittura il sequestro del mezzo con vendita all'asta,si rischia inevitabilmente di incappare in quelli che scappano,chi alza o sporca la targa ecc..bisognerebbe che ridimensionassero un attimo alcune cose sul CDS..giro molto in moto,e non mi è MAI capitato di vedere nessun motociclista o scooterista ad andare ai 50 o 70 km/h su statali dritte e magari a due corsie..
Commento di: slinio il 04-07-2013 18:20
Salve a tutti ragazzi,ho letto con attenzione tutti i vostri commenti e mi sono fatto un idea.....ma quanti di voi in realtà hanno sempre mantenuto i limiti di velocità(non parlo di centri abitati ovvio)????mmmm.....mi sa pochi o forse nessuno,quindi secondo voi è giusto privare una persona del proprio mezzo?la multa giustamente ci sta e può servire da lezione,ma il punto è uno:il canton grigioni parla di prevenzione sulla strada sequestrando veicoli(per la maggiore parte italiani,ma che strano)ora chiedo a voi è prevenzione questa o dichiarazione di ostilità nei confronti dei motociclisti?lascio a voi tutti pensare e eventualmente rispondere.buona giornata.
Commento di: Elr0ndK il 04-07-2013 21:31
Se vai in un posto dove sai che sono fiscali, i limiti non li superi, punto.
Se invece in Italia possiamo fare quello che ci pare senza venire quasi mai beccati, ovvio che siamo invogliati ;)
Io tendenzialmente i limiti li rispetto, in zone trafficate soprattutto, a prescindere dai controlli, ma quando sono in montagna o strade poco battute sarei poco onesto dicendo che non li supero. Certo non vado a 90 dove c'è limite di 50, che è il minimo scarto per la confisca, e se mi beccassero pagherei la multa. Così come se mi beccassero a 150 col limite di 80 e mi requisissero la moto, se previsto dalla legge, avrei poco da lamentarmi con gli altri, ma molto da dire su me stesso Wink
Commento di: 42 il 04-07-2013 21:43
ma quanti di voi in realtà hanno sempre mantenuto i limiti di velocità
Il sequestro confisca non scatta per un "banale" superamento dei limiti, ma per superamenti decisamente corposi , come scritto da Gusmi: 40km/h sul 30 50km/h sul 50 60km/h sul 80 80km/h sul 120 Parliamo cioe' di gente che viagga a 100 all'ora in citta' o a 140 sulle statali...
secondo voi è giusto privare una persona del proprio mezzo
Se lo usa in modo cosi' pericoloso... si'. Se un tizio con regolare porto d'armi si mettesse a sparare per strada mirando ad un bersaglio dall'altra parte della strada, non troveresti giusto privarlo dell'arma?
Commento di: slinio il 05-07-2013 00:19
Ma che bravo che sei 42......secondo te un rettilineo di 500m in mezzo ai pascoli e senza alcun passaggio pedonale,ovviamente libero dal traffico a 143 km orari me lo paragoni a uno che scende in strada e spara sulla folla....perché e di questo che si sta parlando,quindi prima di esprime un giudizio affrettato è magari meglio conoscere a fondo la dinamica dell'accaduto,grazie e buona serata!
Commento di: 42 il 05-07-2013 02:37
Andiamo per ordine...
Chi ha detto che "spara sulla folla"? Ho scritto "ad un bersaglio dall'altra parte della strada".
Strada libera... liberissma, finche' non esce il cane del vicino e si becca una pallottola in mezzo agli occhi (esattamente come da una strada in mezzo ai pascoli senza passaggi pedonali puo' uscire un cane, un fagiano o un trattore... ai 143 percorri quasi 40 metri al secondo... prima che INIZI a frenare ne hai fatti almeno una trentina, e prima che scendi ad una velocita' da rendere l'eventuale impatto non mortale ne hai fatti altri 50... un campo di calcio per il lungo.

Altra cosa...
Non ho espresso nessun GIUDIZIO (ne' affrettato ne' altro).
Ho espresso un mio PARERE.
La domanda era "SECONDO VOI e' giusto...?"
La mia risposta e' "SECONDO ME SI'"
Ed ho portato, per argomentare, un paragone che A ME sembra coerente, A TE no. Semplice

Se non ti piacciono le risposte, non fare le domande.



Commento di: Crazy65 il 07-07-2013 15:42
Come al solito sono "costretto" a quotare 42...
Possiamo disquisire fino al giorno del giudizio universale su " E' giusto... non è giusto, E' corretto... non è corretto, la pena è eccessiva..... bla, bla,bla".
Il punto a mio modesto parere è molto semplice:
Esiste una legge?
Hai fatto la c...ata?
Si....
Bravissimo, ne sopporti le conseguenze!!!
Commento di: simocbr954 il 04-07-2013 22:21
limiti di piu di mezzo secolo fa,per non parlare dei costi delle piste..molta piu gente ci andrebbe ed eviterebbe (si spera) di fare i piloti per strada..che tarassero le velocita dei mezzi ai limiti allora..ci sono ormai macchine e suv che arrivano ai 150 e neanche se ne rendono conto..però in germania ad esempio,statisticamente ci sono meno incidenti di qui,bu..sono confuso ormai..
Commento di: 42 il 04-07-2013 22:49
Sul fatto che le auto siano piu' sicure... e' vero, ma purtroppo sono guidate da un affare chiamato "uomo" che e' piu' meno lo stesso da migliaia di anni. Il che significa che i tempi di reazione sono gli stessi di 50 anni fa Wink


In Germania ci sono meno incidenti di qui, vero, ma solo perche' i limiti (che sono piu' o meno i nostri, con la differenza che nei centri abitati sono numerosissime le aree con limte di 30 Km/h), quando ci sono, vengono rispettati.
Nei tratti senza limiti (ovvero circa il 52% della rete autostradale), in compenso, la MORTALITA' degli incidenti e' superiore alla media delle altre tratte (ed il perche' mi pare ovvio: piu' forte sbatti, piu' male ti fai).



Commento di: simocbr954 il 04-07-2013 23:00
si ma io non mi spiego piu che altro certi limiti sulle extraurbane..50km/h sono una presa in giro,perche sanno che NESSUNO li rispetta e basta che decido di piazzarsi e quel giorno faranno molti soldini..per i centri urbani nulla da dire,anzi..
Commento di: simocbr954 il 04-07-2013 22:33
LUGANO – Il Ticino è la regione più pericolosa della Svizzera per quanto riguarda la sicurezza stradale: il rischio di rimanere coinvolti in un grave incidente è quasi doppio rispetto alla Svizzera tedesca.

Fra il 1999 e il 2009 il numero di incidenti gravi è infatti diminuito di almeno il 10% in tutte le regioni e su tutti i tipi di strade, ma non su quelle dei centri urbani ticinesi dove è salito dell’8%. E le vittime fra i motociclisti sono cresciute addirittura dell’80%, secondo un rapporto dell’UPI (Ufficio prevenzioni infortuni).

Nel 2009, sulle strade svizzere sono morte 349 persone e 4708 hanno riportato ferite gravi. È la cifra più bassa registrata dal 1945 ad oggi, precisa il Rapporto Sinus 2010. Nel 2009 i motociclisti morti o feriti in incidenti supera per la prima volta quello degli occupanti di un’auto. Anche il numero dei ciclisti feriti mortalmente (54) è raddoppiato rispetto all’anno precedente e il numero dei pedoni feriti in modo grave è salito del 10%. Gli utenti della strada più deboli sono quindi diventati le principali vittime.
Lo studio mette in evidenza anche importanti differenze regionali. Il numero di motociclisti rimasti coinvolti in incidenti nei dieci anni presi in considerazione è rimasto praticamente stabile nella Svizzera tedesca, è aumentato del 21% in Romandia e di ben l’80% in Ticino, tanto che nel nel 2009 oltre la metà dei feriti gravi o dei morti a sud delle Alpi erano motociclisti (53%).

Questa categoria è quella che ha fatto registrare il maggior numero di incidenti gravi anche nella Svizzera romanda (36% contro 33% tra gli automobilisti). Il tasso di ciclisti feriti gravemente o deceduti è invece sensibilmente più alto nella Svizzera tedesca (22%) rispetto alla Romandia (11 %) o al Ticino (7%).
Dati presi da sicurMOTO.it
Commento di: simocbr954 il 04-07-2013 22:47
e vorrei solo piu aggiungere che l'italia è il paese europeo e uno dei pochi mondiali,con il limite piu basso su strade extraurbane fuori da centro abitato,con una media mondiale di 80/90 come minima velocità massima,metre qui siamo ancora fermi a 50 come minima velocita massima.regole ormai antiche come tutte quelle che ci sono qui,dalle leggi allo sport ecc ecc..
Commento di: slinio il 05-07-2013 00:09
Perdonatemi ma mi sa che qua c'è un po' di confusione......ma se oltre 40 km orari dove il massimo è 80 quindi fa 120 esiste il ritiro del mezzo più una multa di 2000fr. e a volte il carcere(perché sei considerato pirata della strada),ma se si va a 180 cosa ti fanno????ti fucilano sul posto?ho letto dei commenti a dir poco patetici e presumo che quelli che li hanno scritti non siano dei piloti di motorini 50cc....qui si sta parlando di rovinare delle persone che magari hanno famiglia,ma porca la miseria non basta una multa di 2000 o 3000 fr.????a voi i commenti!
Commento di: Elr0ndK il 05-07-2013 10:05
Se hai famiglia e queste multe "ti rovinano" non penso che sia un impegno impossibile non superare di oltre 40km/h un limite... Perché, parliamoci chiaro, se vai oltre il limite sei in torto, se poi com'è stato detto, in quelle strade c'era un'altissima percentuale di incidenti una buona parte dei quali mortali, ben venga la severità. Ricordiamoci che c'è in gioco la vita di persone, i soldi passano in secondo piano, ma proprio i soldi sono l'unico deterrente, perché una persona raziocinante non vuole lasciarci 6000€ per un giro in moto, credo, per cui continuo a non capire l'accanimento sulle sanzioni. E' così, punto, o lo accetti o non ci vai, non c'è nulla da commentare Wink
Commento di: slinio il 05-07-2013 11:33
Ok......se la si pensa così penso proprio che la svizzera e gli svizzeri e meglio che se ne stiano soli soletti nella loro bella e perfezionista nazione da soli,mi sembra più che giusto o no?il rispetto va pari passo con la coerenza e leggendo i vostri messaggi ne ho recepita ben poca!
Commento di: Elr0ndK il 05-07-2013 12:22
Cosa c'entra la coerenza?
Se in Italia, dove siamo allergici alle regole ed a farle rispettare (a partire dalle forze dell'ordine stesse), cosa c'entra la coerenza? Io non vado come un matto, ma sarei ipocrita nel dire che sono sempre sotto i limiti, però l'andatura è sempre in sicurezza e con poco traffico (che, visto il mio grado di esperienza, vuol dire comunque non più di 15/20km oltre, nelle extraurbane con limite a 70), se vedo che ci sono macchine mi accodo tranquillamente. Difatti mi hanno anche detto che sembra che "io abbia paura del sorpasso". Dimmi dove manco di coerenza nell'affermare che: se vado in un paese "perfettino" o mi adeguo (che significa accettare anche le loro sanzioni, oltre alle loro regole) o non ci vado.
Volendo essere pignoli, chiunque viene in Italia si adegua anche e faccio un esempio: qual'è la percentuale di utenti della tangenziale di Milano rispetta il limite di 90km/h (senza riaprire dibattiti sul limite non adeguato, ovviamente)? E quante multe vengono fatte?
Commento di: Doc_express il 07-07-2013 07:02
Dunque,un popolo di banchieri,armaioli e forse ancora orologi ha messo leggi sul suo territorio. Penso che sia un loro diritto. Nessuno obbliga ad andare in quel territorio lì. Lo fanno per tutelarsi e forse (diciamolo pure) per spennare il prossimo . Ovviamente se un automobilista o un motociclista con targa svizzera viene NEL mio territorio e mi chiede un informazione senza sapre la mia lingua. Bè lo mando a dare via il popò è un mio diritto!
Vent'anni fa mi hanno ESTORTO venti mila lire per un panino e una bottiglietta di acqua sul ghiacciaio dello zermath!
Da allora in quel territorio di amene valli (e di cavalcavia minati per isolarsi in caso di guerra) non metto più piede. E' un mio diritto
Commento di: Elr0ndK il 08-07-2013 10:15
Se ti chiedono indicazioni e non rispondi o rispondi "male", certo che è un tuo diritto, ma poi non c'è da lamentarsi se dicono italiani cafoni.
Riguardo al "non ci metto più piede", non credo che nessuno lì si strappi i capelli se 500/1000 italiani non vanno più a solcare le loro strade, forse dimentichiamo questo.
Poi, permettimi, il discorso sulle regole istituite per "tutelarsi", perché non lo spieghi?
Cioè, se beccano uno che va a 95 in un posto col limite di 50 (tenendo conto dello scarto degli strumenti), dove sta la tutela nel dire che siccome stai andando come un matto ti confiscano il mezzo?
Perché stanno cercando di salvaguardare anche la vita di altri? Che popolo ignobile, eh...

Ricordatevi che parlate di uno stato dove i vigili vengono mandati fuori quando i comuni non hanno soldi col preciso obiettivo di "battere cassa" (alcuni che conosco sono stati multati perché andavano a 52km/h, quindi non hanno tenuto nemmeno conto dello scarto tachimetrico). Lì le regole ci sono, se ti beccano, ti beccano sia se soldi non ne hanno nelle casse comunali che se soldi ne hanno. Se le regole ci sono, vanno rispettate. Giustamente.
Commento di: Doc_express il 08-07-2013 17:48
mai preso una multa per il velox almeno fino alle ore 17,39 di oggi....e dal 1986 che guido moto targate e più o meno i limiti i li tengo.
Commento di: Elr0ndK il 08-07-2013 22:28
Per inciso, io non ho mai preso multe per eccesso di velocità, né macchina né moto.
Solo qualche sosta vietata, da pirla, con la macchina... Ed ho pagato senza dire A.
Commento di: Doc_express il 09-07-2013 06:57
bè allora visto che guidiamo entrambi da tranquilli che ci scanniamo a fare?
Commento di: Elr0ndK il 09-07-2013 09:51
Non ci stiamo scannando, solo che mettere del "patriottismo" in questa vicenda mi sembra una forzatura.
Non è questione Svizzera VS Italia, loro hanno quelle regole e sono costretti a rispettarle loro in primis, poi tutti gli altri, austriaci, tedeschi, etc... Compresi noi italiani.
Trovo gratuita e fuori luogo ogni affermazione tipo: "Siccome a noi italiani ci fanno il cu*o, io non ci vado", siccome non siamo obbligati ad andare da nessuna parte, è solo polemica sterile Smile
Commento di: Doc_express il 09-07-2013 17:50
Allora vediamola in un altro modo...a me del patriottismo non frega un tubo,metà sono italiano l'altra metà crucco,quindo non so manco per chi dovrei tifare ai mondiali (ammesso che li segua). Ti voglio fare un paragone. Supponiamo che tizio abbia comprato uno di quei televisoroni spessi un centimetro e grande quanto una parete. E che non costa poco. Per non farselo rubare può mettere una porta blindata e magari 'antifurto, MA metti che passino una legge che viene confiscato il televisore se alzi troppo il volume o non paghi il canone. Io lo vedo come FURTO,pure agevolato dal fatto che non serve scassinare nulla ma basta un pezzo di carta con due timbri.
Quindi tu pensala come vuoi e al prossimo che mi chiede un informazione con una certa targa la mia scelta sarà tra sinto,russo o piemontese stretto. E' mia libertà farlo e lo faccio! Punto.
Commento di: Adrm il 09-07-2013 23:45
comunque un effetto l'hanno ottenuto :IO personalmente in Svizzera non ci metto + le ruote .
Questo fine settimana ho accompagnato un gruppo di amici da Livigno al Maloja ..
tempo di percorrenza 1 ora rispettando i limiti ...stando dietro a dei completi incapaci in macchina che mi hanno letteralmente fatto rischiare la vita anche a limite di velocità visto che sono letteralmente imborniti e decidono di frenare quando gli pare o mettere la freccia all'ultimo minuto (non a caso dalle mie parti si dice :guidi come uno svizzero! per indicare un incapace pericoloso ) ..
Durante questa tratta ho visto appostamenti da parte della polizei degni di Arnold Schwarzeneger Commando ...a tal punto che ogni macchina o passeggiatore a bordo strada mi faceva presagire il peggio .
Solitamente per lo stesso tratto di strada ci metto 40 minuti senza far rischiare niente a nessuno ..
peccato ...spesso e volentieri i miei soldi li spendevo in qualche ristorantino ipercostoso in cima a qualche passo che senza motociclisti sarà inesorabilmente destinato a chiudere ...ma se è quello che vogliono così sia !
Commento di: slinio il 13-07-2013 00:32
Ragazzi è semplice la questione....la Svizzera deve essere una meta per le persone con il portafoglio a fisarmonica!!!basta tutto qui!l'italiano non è ben visto e si sa(ho vissuto per anni in svizzera e in diversi cantoni per cui non fare il patetico)....quindi soluzione finale...non si va più.basta è così semplice,vuol dire che comprerò la cioccolata della Novi(che in effetti è buona) e gli orologi li prendo made in japan(che sono lo stesso precisi),per il formaggio non c'è problema(l'emmental fa cagare!).punto mi sembra di avere racchiuso tutto in questo semplice discorso.dimenticavo le montagne e i passi alpini?ma ragazzi viviamo nel paese che tutto il mondo ci invidia per cui che se ne stiano nelle loro vallate con le loro banche e......basta perché non c'è più nulla da dire!!!!
Commento di: 42 il 13-07-2013 02:12
la Svizzera deve essere una meta per le persone con il portafoglio a fisarmonica!!!
Oppure per persone che riescono a stare nei limiti imposti (giusti o sbagliati che siano... ci lamentiamo di quelli che vengono in Italia e non rispettano le nostre leggi e poi ci lamentiamo se gli svizzeri ci fanno rispettare le loro?)... personalmente l'ho attraversata tre volte (anzi, sei: tre andate e tre ritorni) e non mi hanno mai estorto una lira, li ho fregati alla grande! ASD
Commento di: Elr0ndK il 13-07-2013 10:00
personalmente l'ho attraversata tre volte (anzi, sei: tre andate e tre ritorni) e non mi hanno mai estorto una lira, li ho fregati alla grande!
Quanti favoritismi questi cattivoni svizzeri...

Scherzi a parte, quando sarà istituito il reato di lesa maestà contro italiani, gli svizzeri pagheranno lo scotto di odiarci, visto che sembra che le regole le hanno istituite per noi. Fintantoché le loro regole ed il fatto che le facciano rispettare non ci vanno bene, basta non andarci, senza bisogno di urlarlo ai 4 venti, tanto, ripeto, loro mica si leccano le ferite se noi non ci si va... Anzi, se ci odiano così tanto, magari si fanno anche uno shottino per festeggiare ASD
Commento di: cooperste il 12-07-2013 11:11
Limiti assurdi e sanzioni severe non sono il modo di salvare le vite... ormai lo sanno anche i sassi.

- PATTUGLIE VISIBILI E FREQUENTI (che possono anche prestare soccorso all'occorrenza)
- TUTOR ANCHE IN STATALE
questo evita che gli incoscienti vadano come pazzi.

Le autocivetta che provocano in autostrada, i radar nascosti e questo genere di mezzucci sono repressione non prevenzione, e porta 2 principali effetti
- soldi in cassa
- disincentivo al transito
la prevenzione è a lunghissimo termine, non sensibile, perche prima che tutti sappiano cosa rischiano e non facciano il "reato" ci passa troppo tempo e magari cambiano pure le leggi.


detto questo per fortuna da quando abito in svizzera e mi sono fatto quasi tutti passi del massiccio del gottardo e diversi passi tra grigioni e st. morotiz vado spesso in due e se non mi becca il radar mi becca la mia zavorrina Smile quindi ho sempre (o quasi) rispettato quasi tutti i limiti.

certo a venire giu dal s bernardino ci sono 40 km di rettilineo con il limite a 80 all ora che fa cascare le balle a una suora.. ma ti fa anche risparmiare un sacco di benzina Very Happy

PS
i sistemi sopracitati costano molto e portano poche multe... questo fa si che vengano poco incentivati, e non è certo colpa dei motociclisti.

PS2
la confisca del mezzo è una pena come un altra, forse eccessiva se valida anche se uno usa la "moto" di un altro... ma cosi è... e ci si deve adattare.
come i gillet giallo in francia, è una cagata pazzesca, ma per un po ce lo siamo dovuti mettere volenti o nolenti.
Commento di: cesareca il 09-12-2013 21:20
Multe in Svizzera:
Sabato 31 agosto 2013 l' IMPUTATO c.c circolava sulla strada 27 in sella alla motocicletta Honda ... Giunto alle 16.15 all'altezza della deviazione cava di ghiaia, nel territorio di Zernez GR, eseguiva la manovra di sorpasso a carico di una pattuglia di polizia e un veicolo agricolo in movimento eludendo il divieto di sorpasso segnalato, oltrepassando nello stesso tempo la linea di sicurezza. Ecc ecc
Questo é il testo del verbale di un'infrazione al codice che in svizzera è considerato reato.
Dopo due ore di interrogatorio e il riconoscimento del reato commesso, e dopo il pagamento di una cauzione di 610 franchi, siamo tornati a casa.
2 mesi dopo arriva la sentenza dalla Procura di Coira:
L'imputato è punito con una multa di 300 f + 310f di spese - 610f di deposito = o f dovuti.
Chi mi può dire per quanto tempo resta in vigore questa sanzione, la mia preoccupazione è che una seconda infrazione, sempre possibile, possa dare atto all'arresto?
Sicuramente resterò lontano dalla Svizzera per un po'.
Grazie
Cesare