Leggi il Topic


Indice del forumForum TecnicoCiclistica

   

Pagina 3 di 4
Vai a pagina Precedente  1234  Successivo
 
Cerchioni in Fibra di Carbonio [prezzo e vantaggi]
3688951
3688951 Inviato: 16 Feb 2008 11:17
 



Ragazzi da quando capito i cerchi in carbonio sono bellissimi ma poco resistenti per le strade che noi percorriamo quotidianamente, ma ho sentito che quelli in alluminio forgiato sono resistenti e leggeri, e che comunque sono utilizzabili come gli originali, perche sono anch'essi in alluminio, voi cosa sapete?
 
3689088
3689088 Inviato: 16 Feb 2008 11:47
 

L'unica cosa che mi permetto di dire in merito ai cerchi in fibra di carbonio è che irrigidisce di parecchio la ruota rispetto alle asperità del terreno. In soldoni sto dicendo che a differenza di cerchi in lega, quelli in fibra di carbonio, nella guida spinta al limite, sono più difficili da governare e l'esempio di Max Biaggi di un paio di anni fa, che continuava a volare in MotoGP dovrebbe far pensare.
Senza contare le Madonne che farei scendere ad ogni buca che incontrerei...
 
3690116
3690116 Inviato: 16 Feb 2008 14:30
 

MatthewTheWorst ha scritto:
l'esempio di Max Biaggi di un paio di anni fa, che continuava a volare in MotoGP dovrebbe far pensare.


Due anni fa (quindi 2006), Biaggi era a piedi. L'anno prima era in HRC e lì i cerchi erano in Mg. Volava tanto in Yamaha con la prima M1, ma lì si parla di 2002.... icon_asd.gif
 
3690119
3690119 Inviato: 16 Feb 2008 14:30
 

AndreaNSR125 ha scritto:

scusami modello?

io ho trovato i marchesini kompe in magnesio forgiato a 2665€+ iva e anche a 3300€ iva inclusa in 2 differenti siti, quindi credo che il prezzo sia più o meno quello...

a 2200€ ho visto i marchesini in alluminio forgiato...(sempre serie kompe)


Quelli sono i prezzi di listino... è come le gomme, c'è sempre qualcuno che prova a venderteli a prezzo pieno icon_asd.gif
 
3690125
3690125 Inviato: 16 Feb 2008 14:32
 

MatthewTheWorst ha scritto:
L'unica cosa che mi permetto di dire in merito ai cerchi in fibra di carbonio è che irrigidisce di parecchio la ruota rispetto alle asperità del terreno. In soldoni sto dicendo che a differenza di cerchi in lega, quelli in fibra di carbonio, nella guida spinta al limite, sono più difficili da governare e l'esempio di Max Biaggi di un paio di anni fa, che continuava a volare in MotoGP dovrebbe far pensare.
Senza contare le Madonne che farei scendere ad ogni buca che incontrerei...


Biaggi li ha provati due volte in prova e poi non li ha mai più usati... se cadeva era colpa d'altro icon_wink.gif
 
3690776
3690776 Inviato: 16 Feb 2008 15:40
 

ragazzi qualcuno di voi sa se in alluminio forgiato vanno bene per l'uso quotidiano?
 
3691300
3691300 Inviato: 16 Feb 2008 16:32
 

ilovecbx1000 ha scritto:
dark-fatality ha scritto:


il carbonio ha anche il problema che è poroso
o meglio è a "fili" intrecciati e tenuti assieme da resine
e quindi c'è la tendenza a perdere pressione delle gomme
(almeno a me è stata venduta così la cosa icon_wink.gif )


icon_eek.gif icon_eek.gif Se fosse come dici te neanche li venderebbero! icon_asd.gif

dark-fatality ha scritto:


e il peso non è poi così differente


Io non credo...
Anche mezzo kilo in meno, nelle ruote è "ORO"! icon_mrgreen.gif


peccato che i piuma marvik non superano i 750 grammi compresi di cuscinetti
parlando della serie del 99

per il trafilaggio dell'aria si parla di micro-fessure
che rilasciano graduatamente l'aria
ciò non significa che oggi hai le gomme gonfie e domani sono a terra

ma evidentemente non sono così superiori rispetto a quelli in magnesio dato che quasi nessuno li usa icon_wink.gif
 
3691445
3691445 Inviato: 16 Feb 2008 16:52
 

shark88 ha scritto:
ragazzi qualcuno di voi sa se in alluminio forgiato vanno bene per l'uso quotidiano?



ma hai letto tutto il topic?????????? icon_rolleyes.gif
 
3691689
3691689 Inviato: 16 Feb 2008 17:26
 

dark-fatality ha scritto:


peccato che i piuma marvik non superano i 750 grammi compresi di cuscinetti
parlando della serie del 99

per il trafilaggio dell'aria si parla di micro-fessure
che rilasciano graduatamente l'aria
ciò non significa che oggi hai le gomme gonfie e domani sono a terra

ma evidentemente non sono così superiori rispetto a quelli in magnesio dato che quasi nessuno li usa icon_wink.gif


devi aver saltato qualche cifra...
 
3691695
3691695 Inviato: 16 Feb 2008 17:28
 

Miscia ha scritto:


Quelli sono i prezzi di listino... è come le gomme, c'è sempre qualcuno che prova a venderteli a prezzo pieno icon_asd.gif


hai qualche link di prezzi inferiori?i bst li trovi a quel prezzo punto e stop, pensavo fosse così anche per gli altri cerchi, mi puoi far vedere i prezzi inferiori?
 
3691724
3691724 Inviato: 16 Feb 2008 17:34
 

shark88 ha scritto:
Ragazzi da quando capito i cerchi in carbonio sono bellissimi ma poco resistenti per le strade che noi percorriamo quotidianamente, ma ho sentito che quelli in alluminio forgiato sono resistenti e leggeri, e che comunque sono utilizzabili come gli originali, perche sono anch'essi in alluminio, voi cosa sapete?


ehm, non offenderti, ma sinceramente non hai capito molto...
i cerchi in carbonio sono perfino omologati per uso stradale, quindi sono ALMENO resistenti quanto i cerchioni originali... ma non mi sorprenderei affatto che siano ben più resistenti degli originali, quindi assolutamente nessun problema a girare per strada.

idem per gli altri cerchioni, in genere si hanno resistenze superiori a quelli di serie, per il semplice motivo che vengono impiegati materiali più pregiati, e c'è uno studio assai più approfondito e tecniche di produzione diverse.

quindi, mi sentirei di dire che qualsiasi cerchione in alluminio fuso, forgiato, magnesio fuso, forgiato, è ben adatto al corretto uso stradale.

questo non significa che se finite contro un muro il cerchione resta intero, e non è consigliabile utilizzarli per fare cross sull'asfalto.
faccio notare che nei rallie utilizzano cerchioni in magnesio e non mi pare si disfino le ruote mentre vanno, e li di sollecitazioni ne hanno parecchie.
vengono cambiati praticamnete dopo ogni gara, ma per motivi diversi (il magnesio DEVE restare protetto dalla vernice, causa ossidazione e decadimento delle proprietà meccaniche. nei rally la vernice salta via facilmente tra sassi e tutto.
per un uso stradale è quindi consigliato prestare ben attenzione alla salute dei cerchi, non è roba da fighetti sia ben chiaro.
 
3692458
3692458 Inviato: 16 Feb 2008 19:31
 

Paolo558 ha scritto:


Due anni fa (quindi 2006), Biaggi era a piedi. L'anno prima era in HRC e lì i cerchi erano in Mg. Volava tanto in Yamaha con la prima M1, ma lì si parla di 2002.... icon_asd.gif


Beh! Se non sbaglio anche la Mg è rigida. Non so se più, o meno della fibra di carbonio, ma l'effetto dovrebbe essere lo stesso. Erro?
 
3692540
3692540 Inviato: 16 Feb 2008 19:41
 

MatthewTheWorst ha scritto:

Beh! Se non sbaglio anche la Mg è rigida. Non so se più, o meno della fibra di carbonio, ma l'effetto dovrebbe essere lo stesso. Erro?


Di sicuro la rigidezza di un cerchio in lega di magnesio (Mg) è inferiore a quella di un cerchio in materiale composito a base di fibra di carbonio in matrice epossidica termoindurente (scritto tutto per esteso, così a scanso di equivoci...).
Se ti leggi qche post fa, ho descritto molto brevemente i motivi*, da cui si può dedurre per quale motivo nn si utilizzino i cerchi in carbonio in motoGP.


-------
*come ovvio, nn pretendo di dire "la Verità"; scrivo per quanto ne so io delle strutture
 
3692563
3692563 Inviato: 16 Feb 2008 19:45
 

Paolo558 ha scritto:


Di sicuro la rigidezza di un cerchio in lega di magnesio (Mg) è inferiore a quella di un cerchio in materiale composito a base di fibra di carbonio in matrice epossidica termoindurente (scritto tutto per esteso, così a scanso di equivoci...).
Se ti leggi qche post fa, ho descritto molto brevemente i motivi*, da cui si può dedurre per quale motivo nn si utilizzino i cerchi in carbonio in motoGP.


-------
*come ovvio, nn pretendo di dire "la Verità"; scrivo per quanto ne so io delle strutture


Però è più rigida delle leghe usate da altri piloti. O sbaglio?
 
3692586
3692586 Inviato: 16 Feb 2008 19:47
 

MatthewTheWorst ha scritto:

Però è più rigida delle leghe usate da altri piloti. O sbaglio?


Credo che nelle competizioni usino tutti cerchi in lega di magnesio forgiati...
 
3692684
3692684 Inviato: 16 Feb 2008 19:59
 

un mio amico li ha messi sulla sua GSX 1000 ha speso un po' meno di quella cifra, e mi ha detto che la differenza si nota tantissimo nella scesa in piega.... senti la "leggerezza".. mi fa icon_smile.gif

uno svantagio del carbonio è che se picchi e lo scheggi puoi buttare il cerchio ....


saluti


Geo
 
3692919
3692919 Inviato: 16 Feb 2008 20:23
 

Appunto! Avrei le paturnie ogni buca, o rallentatore debba fare...
 
3692936
3692936 Inviato: 16 Feb 2008 20:24
 

sinceramente parlando, visto dai vari TG e dalla mia esperienza le strade in italia non sono mai + o meno lisce, io preferirei prendere un'altro materiale per il cerchione icon_rolleyes.gif
 
3693494
3693494 Inviato: 16 Feb 2008 21:27
 

Geo87 ha scritto:
sinceramente parlando, visto dai vari TG e dalla mia esperienza le strade in italia non sono mai + o meno lisce, io preferirei prendere un'altro materiale per il cerchione icon_rolleyes.gif


non so dove vivete voi, ma a meno di finire contro un marciapiede, non credo che si abbiano problemi con i cerchi, visto che in genere tra asfalto e cerchio ci sono quei 10cm di GOMMA...serviranno anche a qualcosa no? icon_smile.gif
 
3693903
3693903 Inviato: 16 Feb 2008 22:41
 

'minghia! Tu mai girasti la terra sarda?
 
3693974
3693974 Inviato: 16 Feb 2008 22:56
 

MatthewTheWorst ha scritto:
'minghia! Tu mai girasti la terra sarda?

si, beh non l'ho trovata nemmeno così male... certo che poi prendere una buca a 50 all'ora e prenderla a 200 c'è una bella differenza....

poi come in ogni cosa, si deve valutare... se si abita in un paese di buche non è consigliabile, ma questa è una cosa che ognuno deve valutare...
a quel punto forse conviene prendersi un enduro icon_razz.gif
 
3694514
3694514 Inviato: 17 Feb 2008 0:45
 

AndreaNSR125 ha scritto:
dark-fatality ha scritto:


peccato che i piuma marvik non superano i 750 grammi compresi di cuscinetti
parlando della serie del 99

per il trafilaggio dell'aria si parla di micro-fessure
che rilasciano graduatamente l'aria
ciò non significa che oggi hai le gomme gonfie e domani sono a terra

ma evidentemente non sono così superiori rispetto a quelli in magnesio dato che quasi nessuno li usa icon_wink.gif


devi aver saltato qualche cifra...


probabile è passato un po' di tempo
anche per tutto il resto
il tempo è passato (quasi 10 anni) e le cose si evolvono
altrimenti sarebbe tragico icon_asd.gif
 
3694725
3694725 Inviato: 17 Feb 2008 1:54
 

AndreaNSR125 ha scritto:

beh.. non so quanto sia la rigidità di un cerchio in alluminio/lega di magnesio, ma dubito ci siano differenze apprezzabili...
nel senso, dubito che anche applicando il carico massimo, un cerchoi, alluminio o lega abbia una deformazione maggiore di un mm (correggetemi se sbaglio, sto andando ad intuito)...
su un cerchio da bici poi il discorso è diverso, resistenze, sforzi richiesti e velocità in gioco sono troppo diverse secondome per poter fare un paragone...


premesso che non ho letto tutto ciò che segue a quel post
il discorso della rigidità non riguarda la deformazione, è una questione di trasmissione delle vibrazioni e dei colpi ecc...
il metallo è molto più malleabile del carbonio che è rigido, quindi il feedback ti assicuro è decisamente diverso, il metallo attutisce di molto le vibrazioni e i colpi pur non deformandosi, il carbonio è come un pezzo di legno duro, ogni botta la senti tutta.
poi io ti parlo dell'esperienza della bici, che è all'estremo vista la differenza di besi e di forze in gioco, e soprattutto di dimensione dei cerchi
 
3694761
3694761 Inviato: 17 Feb 2008 2:09
 

Per il discorso della resistenza vorrei sotolineare che è inevitabile che i cerchi in carbonio abbiano una vita minore di quelli in leghe metalliche (di qualsivoglia genere) data appunto la maggiore rigidezza e quindi il maggiore stress dovuto a colpi e vibrazioni. Inoltre un cerchio in lega se dovesse deformarsi per un forte colpo è possibile farlo tornare circolare, mentre uno in carbonio probabilmente resiste maggiormente all'impatot ma passato un certo carico si sfibra/spacca del tutto, essendo costruito sovrapponendo fibre e resina.

Per la rigidezza (scusate se torno alle bici ma mi pare sia uno dei campi dove l'uso del carbonio è più avanzato) vorrei fare notare come quasi nessun corridore professionista usi telai monoscocca in carbonio per le normali competizioni, ma quantomeno telai con tubi di carbonio e giunti in alluminio: i telai di carbonio sono riservati alle cronometro e ai velocisti, dove c'è necessità di un telaio fortemente reattivo in gradi di scaricare tutta la forza possibile a terra. Per le corse normalmente i telai misti di cui sopra coniugano leggerezza e comodità.

ovviamente tutti i dati di elasticità e rigidezza sono in funzione della composizione del composito tra fibra e resine.

per finire e fugare ogni dubbio su come il carbonio sia rigido, vorrei fare notare che per rendere i metalli più resistenti alla deformazione e quindi più rigidi li si addiziona di carbonio. Un esempio? il normale ferro e l'acciaio (Fe+C)
 
3694902
3694902 Inviato: 17 Feb 2008 3:53
 

Coil ha scritto:
Per il discorso della resistenza vorrei sotolineare che è inevitabile che i cerchi in carbonio abbiano una vita minore di quelli in leghe metalliche (di qualsivoglia genere) data appunto la maggiore rigidezza e quindi il maggiore stress dovuto a colpi e vibrazioni. Inoltre un cerchio in lega se dovesse deformarsi per un forte colpo è possibile farlo tornare circolare, mentre uno in carbonio probabilmente resiste maggiormente all'impatot ma passato un certo carico si sfibra/spacca del tutto, essendo costruito sovrapponendo fibre e resina.

Per la rigidezza (scusate se torno alle bici ma mi pare sia uno dei campi dove l'uso del carbonio è più avanzato) vorrei fare notare come quasi nessun corridore professionista usi telai monoscocca in carbonio per le normali competizioni, ma quantomeno telai con tubi di carbonio e giunti in alluminio: i telai di carbonio sono riservati alle cronometro e ai velocisti, dove c'è necessità di un telaio fortemente reattivo in gradi di scaricare tutta la forza possibile a terra. Per le corse normalmente i telai misti di cui sopra coniugano leggerezza e comodità.

ovviamente tutti i dati di elasticità e rigidezza sono in funzione della composizione del composito tra fibra e resine.

per finire e fugare ogni dubbio su come il carbonio sia rigido, vorrei fare notare che per rendere i metalli più resistenti alla deformazione e quindi più rigidi li si addiziona di carbonio. Un esempio? il normale ferro e l'acciaio (Fe+C)


l'ultima sulle leghe non te la passo proprio, mi dispiace icon_razz.gif

per il discorso metallo-legno, è decisamente l'opposto, il legno ha maggiori capacità di assorbire le vibrazioni, tant'è che le casse acustiche sono di legno e non in metallo...

la vita di un cerchio in carbonio (come di qualsiasi altro pezzo) non è assolutamente detto che sia inferiore a quella del metallo, anzi...
bisognerebbe fare delle prove sperimentali per giudicarlo, così a tavolino non è proprio possibile stabilirlo... un motivo per cui si fanno le prove sperimentali è che la teoria non è la realtà...
 
3698140
3698140 Inviato: 17 Feb 2008 17:36
 

AndreaNSR125 ha scritto:

l'ultima sulle leghe non te la passo proprio, mi dispiace icon_razz.gif


Quoto!
Non sono un metallurgico, ma parlado di leghe al ferro, dalla più schifosa Fe400 e/o ghisa che volete, all'acciaio più fico, sono tutte appunto leghe a base di ferro in cui si hanno tenori di carbonio di diversa entità in base a ciò che si vuole ottenere. La maggiore resistenza è però dovuta in larga misura più ad altri elementi alliganti (cromo, molibdeno, nichel, ecc...), che al semplice carbonio. Per nn parlare dei trattamenti termici che hanno altri importanti effetti sulle caratteristiche effettive del materiale e soprattutto del pezzo in questione.
Poi, il fatto che aggiungendo carbonio può avere effetti sulla rigidezza di una lega ferrosa, nn significa che un materiale composito in fibra di carbonio è rigidissimo perchè c'è tanto carbonio. Il paragone è semplicemente "mal-posto".

Coil ha scritto:
Per il discorso della resistenza vorrei sotolineare che è inevitabile che i cerchi in carbonio abbiano una vita minore di quelli in leghe metalliche (di qualsivoglia genere) data appunto la maggiore rigidezza e quindi il maggiore stress dovuto a colpi e vibrazioni. Inoltre un cerchio in lega se dovesse deformarsi per un forte colpo è possibile farlo tornare circolare, mentre uno in carbonio probabilmente resiste maggiormente all'impatot ma passato un certo carico si sfibra/spacca del tutto, essendo costruito sovrapponendo fibre e resina.
AndreaNSR125 ha scritto:
la vita di un cerchio in carbonio (come di qualsiasi altro pezzo) non è assolutamente detto che sia inferiore a quella del metallo, anzi...


Quoto anche qui Andrea, per il semplice fatto che se si parla di vita, allora si sta tirando in ballo la fatica, terreno nn sempre scontato. Posso dirti che uno dei vantaggi dei compositi è in generale proprio la possibilità di permettere una maggiore vita a fatica, secondo ovviamente criteri di progetto opportuni. Infatti, mentre, per esempio, con una lega di Al la cosiddetta vita infinita non è fisicamente possibile per una caratteristica intrinseca del materiale (che varia poi comunque da lega a lega), per un materiale composito dipende fortemente dal tipo di sollecitazione prevista nell'utlizzo del pezzo e quindi dalla scelta delle sequenze di laminazione.
Ciò non mi porta a dire a priori che i cerchi di cui si sta parlando siano più longevi di rispettivi cerchi in leghe leggere o super-leggere, proprio perchè non in possesso dei dati relativi alle scelte progettuali. E' impossibile cioè, dire a priori ed in generale quale dei due duri di più a parità di utilizzo.

Per la cronaca il legno, materiale composito naturale, è esente da problemi di fatica.

Siamo invece daccordo sul discorso del danneggiamento. Un cerchio metallico è ripristinabile con maggiore facilità, ma soprattutto successo [per quanto un elemento in lega forgiato deformato plasticamente non tornerà mai come prima...] rispetto ad uno in composito. Quest'ultimo può essere riparato con "pezze" incollate o cose del genere per fermare la propagazione di delaminazione, ma le caratteristiche meccaniche in quel pto saranno diminuite inevitabilmente.

Coil ha scritto:

ovviamente tutti i dati di elasticità e rigidezza sono in funzione della composizione del composito tra fibra e resine.

Dipende cosa intendi. In linea generale i pre-impregnati sono realizzati con percentuali di resina tra il 25 ed il 45% sul totale in volume, stando mediamente sul 30/35%. Diverso è invece il discorso legato alla sequenza di laminazione, che permette di ottenere strutture con caratteristiche di rigidezza bene diverse, a parità di peso finale. I telai ciclistici incarbonio che citi tu sono rigidissimi semplicemente perchè i progettisti puntano tutto sulla massima resistenza/rigidezza in relazione al peso, ma potrebbero benissimo realizzare telai anche confortevoli, ovviamente a scapito della rigidezza. Per la verità il discorso è legato alle caratteristiche elasto-inerziali dei materiali, in relazione al come vengono progettate le strutture (geometrie, layout...). Se ti leggi qche post indietro, che dici di non esserti letto, troverai qche parola in più a riguardo.

In generale i compositi permettono grandissime cose, ma a patto di sapere cosa si sta facendo. Troppo spesso c'è gente che impacca fibre e resine quasi a caso, facendo prodotti leggeri, automaticamente "fighi" perchè in composito, ma ben lungi dall'essere efficienti e correttamente progettati.
 
5796825
5796825 Inviato: 25 Set 2008 20:22
 

mio cognato ha lavorato alla cinelli columbus fino ad un anno fa e li il carbonio lo usano eccome per le bici e come dice paolo non è esatto dire che in assoluto i telai in carbonio siano più rigidi ,dipende dal come sia stato studiato il telaio in funzione di quel che si vuol ottenere .
mio nipote corre da amatore in mountain bike e dall'alluminio è passato al monoscocca in carbonio ed ha finito di soffrire il mal di schiena e si trova da dio.
a proposito della paura dei colpi con i cerchi dovreste vedere quelli delle bici da ciclocross i colpi che prendono quando saltano le assi di legno e nessuno li butta dopo una corsa.
oltre ad avere vantaggi di agilità dovrebbero avere anche grossi vantaggi in frenata ed accellerazione icon_wink.gif
 
5800407
5800407 Inviato: 26 Set 2008 7:47
 

Prezzo alto, molto alto.

Vantaggi leggerissima, strafiga e rigidissima.

Svantaggi si rompono con niente, per cui se la usi su strada meglio un cerchio in alluminio forgiato o in lega di magnesio.
 
5800951
5800951 Inviato: 26 Set 2008 9:10
 

Calimar ha scritto:


EDIT: Io comunque ho comprato una Leva della Frenata Perfetta, +4 contro il bloccaggio delle ruote. icon_wink.gif


te hai giocato troppo a dungeon & dragons icon_lol.gif procurami una corazza di maglia +5 +10 contro i camion icon_lol.gif
 
5803696
5803696 Inviato: 26 Set 2008 13:39
 

gtdesmo ha scritto:
Prezzo alto, molto alto.

Vantaggi leggerissima, strafiga e rigidissima.

Svantaggi si rompono con niente, per cui se la usi su strada meglio un cerchio in alluminio forgiato o in lega di magnesio.


non è vero, sono più resistenti dei corrispettivi in magnesio...
più che altro si piegano -elasticamente- ma non si spezzano, mentre nel caso in alluminio o magnesio si deformano plasticamente e si spezzano anche...

questo nel caso dei BST omologati, quelli nella versione resìng sono molto più delicati, ma praticamente non pesano icon_asd.gif
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 3 di 4
Vai a pagina Precedente  1234  Successivo

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum TecnicoCiclistica

Forums ©