Moto
Prova Harley Davidson Fat Bob 114
Scritto da lucaracing84 - Pubblicato 28/11/2018 16:30
Breve recensione della power cruiser made in Usa...

Ciao amici Very Happy
In occasione dello scorso open day HD sono andato, pieno di curiosità, a provare la nuova Fat Bob.
E' disponibile sia con il motore 107 che 114, io ho provato il più grosso, ben 1868cc!!!
https://www.harley-davidson.com/it/it/motorcycles/2019/softail/fat-bob.html
Da non confondere con la Fat Boy (che è una moto dalla classica impostazione custom) questa moto fino al 2017 era venduta con il telaio Dyna (dismesso da Harley Davidson nello stesso anno) mentre oggi fa parte della famiglia softail.

Partiamo dal look, l'aspetto è grintoso, le cromature lasciano spazio a finiture scure e le danno una grinta da"dark" custom.
La sella ha un profilo tale che permette al pilota di esser comodo e allo stesso tempo di avere un sostegno (e meno male...) nelle accelerazioni brusche, per contro lo spazio per il passeggero è ridotto (ma gli aftermarket fanno miracoli). La strumentazione ha un contagiri analogico e il tachimetro digitale, non male, si legge bene.

Il faro anteriore è rettangolare e a led , molto futuristico... il precedente modello aveva due fari tondi. Son sincero, io son un fan del faro tondo singolo grosso (stile Sportster, Ducati Monster, Bonnevile, ecc.), al posteriore, come in altre moto HD , la luce degli stop è integrata nelle frecce. La moto è molto moderna (confrontata soprattutto con le vecchie HD). E' dotata di una forcella a steli rovesciati da 43mm e un mono ammortizzatore Showa nascosto sotto la sella, l'impianto frenante può contare finalmente, oltre al solito disco posteriore, su una valida coppia di dischi flottanti anteriori. In ultimo, ma comunque utile, ha anche una comoda presa usb per ricaricare cellulari, navigatori, ecc. :)

Salgo in sella e accendo il motore... abbastanza silenzioso ma con un rombo comunque presente (più corposo rispetto al 107 e comunque rispettoso della normativa euro 4).
La posizione di guida, non fosse per le pedane un po' avanzate (ma non troppo), da l'idea di esser più su una naked che su una custom.

Lascio la frizione e parto! Come sempre vi ricordo che non si può essere perfettamente accurati con una prova di soli 10-20 km ma provo a dirvi cosa ho provato.
La modo è comoda, si manovra bene, ed è più leggera del modello precedente (pesa pur sempre 296 kg, ma i 16 kg in meno del MY 2017 si sentono eccome). Bene, uscito dall'area parcheggio (tanto era un giorno di open day, la moto era già bella calda)... spalanco il gas!

Il tiro ai bassi è impressionante, brutale come ci si aspetta da una moto di ben 1868cc e con un sound molto appagante (soprattutto di "aspirazione" grazie al filtrone dell'aria)! Campione
Con questo motore ci si diverte davvero, nel misto, complice anche il manubrio largo che da un bel senso di controllo, mi sono trovato ad andare davvero spedito, quasi come su una maxi naked, la luce a terra è più che sufficiente e ciclistica e freni danno la risposta che ci si aspetta da una moto moderna(finalmente!!!).

I freni sono molto potenti e modulabili, la tendenza al bloccaggio è tenuta a bada dall'abs (che comunque non è mai entrato in funzione).
Ho provato a fare qualche "piff - paff" , cambi repentini di traiettoria in sequenza, e sono rimasto colpito dalla facilità e dalla resa dinamica di questa moto grazie alla forcella che le da un comportamento quasi sportivo!

Ovviamente, chi si aspetta la reattività di una MV Brutale o una Ducati Streetfighter, ecc deve pensare ad altre moto ma la maneggevolezza è comunque più che buona (nonostante una inspiegabile gommona da 150 all'anteriore Sgrat ) .

Torniamo al capitolo motore. Vi dirò che per la prima volta nella mia vita dopo più di 30 moto provate ho sinceramente pensato a un controllo di trazione (disinseribile però!). I 155 nm si sentono tutti, in alcune accelerate brusche non è difficile sentire il posteriore che "scoda" (d'accordo, il giorno prima aveva piovuto forte, quindi qualche strada era ancora umidiccia) e ogni spinta proietta in avanti come razzi! Va detto però in onestà che questo motore ha un carattere da diesel, spinge praticamente da subito ma passati i 3000-3500 giri conviene passare al rapporto successivo.

Nonostante l'allungo rispetto al "vecchio" 103 sia migliorato, non è comunque una moto da sparate autostradali (anche se raggiunge velocità elevate per una custom in fretta...) e ci sono rivali (come Diavel e Vmax) che sicuramente vanno di più! Ma tralasciando il cronometro IMHO le sensazioni provate sono davvero forti, è una moto divertentissima, molto più comoda di quanto sembra, maneggevole come una naked, con look da custom e un motore da urlo che non scalda nemmeno tanto e con vibrazioni contenute. Sarei curioso di provarla in autostrada, secondo me con un buon cupolino e una coppia di borse laterali (magari in pelle) è anche valida in viaggio! Mr. Green

HD ha migliorato tanti dei difetti (per molti harleysti erano pregi) cronici che affliggevano i modelli vecchi ma resta il solito difettone del prezzo: 20.000 euro circa sono davvero tanti.

PRO
  • motore esuberante ai bassi
  • ciclistica efficace
  • freni potenti
  • comfort pilota

CONTRO
  • prezzo impegnativo
  • peso in manovra
  • comfort passeggero

Ciao e alla prossima! Smile
 

Commenti degli Utenti (totali: 0)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati