Leggi e Burocrazie
Moto d'Epoca: iscrizione alla FMI
Scritto da 88mph - Pubblicato 26/05/2006 15:27
I vantaggi del riconoscimento del proprio motoveicolo come mezzo storico (d'epoca) sono numerosi e la spinta ad inoltrare la pratica può essere dettata da svariati motivi: assicurazione e bollo a prezzi vantaggiosissimi, possibilità di utilizzare il mezzo in situazioni speciali di limitazione del traffico, interesse collezionistico, affiliazione a motoclub di moto storiche.

Attualmente in Italia è possibile conseguire il riconoscimento di moto d'epoca tramite l'iscrizione della stessa ai registri storici ASI e FMI.

In questo articolo verrà trattata la procedura di iscrizione al registro storico della FMI (Federazione Motociclistica Italiana).

Il primo requisito perché una motocicletta possa adire a diventare d'epoca è che fra l'anno di immatricolazione e quello corrente siano trascorsi almeno 20 anni solari completi (non un giorno di meno).

La FMI pubblica ogni anno una lista delle motociclette di "interesse storico" (non sono contemplati i mezzi 50cc, per cui vige una legislazione interna particolare).
Qualora il modello in proprio possesso sia contemplato in questa lista sarà quindi possibile iniziare la pratica. La lista dei motoveicoli di interesse storico non va confusa con quello che è il "Registro Storico FMI" ovvero l'elenco che contempla esclusivamente le moto (già) iscritte dai tesserati FMI.


PREREQUISITI
Per avviare la pratica occorre dunque che il motoveicolo presenti le stesse caratteristiche tecniche e dinamiche sia dal punto di vista prestazionale che di componentistica di come uscì di fabbrica a suo tempo.

L'aspirante motociclista d'epoca dovrà dunque in primis cercare di restaurare, qualora non lo fosse, il suo mezzo al fine di riportarlo alle primitive condizioni.


DOCUMENTI
Occorrono quindi i seguenti documenti:

  1. essere iscritto ad un Motoclub FMI.
     
  2. compilare in ogni sua parte il modulo con i dati del motociclo (recuperabile via internet sul sito della FMI o presso la Federazione Motociclistica Italiana della propria regione).
     
  3. allegare ricevuta di pagamento su c/c postale di 35 € alla FMI.
     
  4. 6 foto del motoveicolo formato 10x15 cm. (due per ciascun lato, una frontale e una posteriore).
     
  5. fotocopia del libretto di circolazione (per motoveicoli targati).

Il tutto va portato a mano o inviato presso l'esaminatore regionale della FMI.


CONSIGLI:
Dal momento che l'esame è esclusivamente fotografico è vivamente consigliato di produrre delle fotografie adeguate alla valutazione:


le FOTO devono:

  • essere fatte a livello moto
  • avere un sfondo neutro
  • comprendere la moto nella sua interezza

le foto NON devono:

  • essere artistiche (es. moto di tre quarti)
  • avere sullo sfondo oggetti vari (es. vasi e secchi)

La moto deve essere originale in ogni sua parte e al momento della foto non deve avere nessun elemento accessorio: telai, bauletti, altro (neanche se originali).


TEMPISTICA
La tempistica di risposta è di circa 3 mesi: in caso di insuccesso viene inviata una risposta che ne indica i motivi, in caso di ammissione viene recapitato a casa il documento plastificato e comprensivo di foto che attestata la venuta registrazione. Da questo momento la moto è d'epoca è può adire ai vantaggi assicurativi e fiscali di cui sopra.

Per veicoli di particolare interesse storico è inoltre possibile ottenere una targa in metallo.


CIRCOLAZIONE SU STRADA
Una moto d’epoca che è inserita nei registri del PRA necessita per circolare su strada del libretto di circolazione, del pagamento dell’assicurazione e della tassa di circolazione (la cui quota è variabile a livello regionale).
Le motociclette radiate dal PRA non possono circolare su strada ma possono partecipare a competizioni riservate alle moto d’epoca.


ASSICURAZIONE e BOLLO
L'assicurazione per moto d'epoca è effettuata dalle maggiori compagnie assicurative per un importo variabile fra i 70 ed i 200 euro annui.
L'assicurazione di una seconda moto storica è beneficiaria di ulteriori sconti.
Il bollo è pagato in misura ridotta per le moto con più di 30 anni, per le moto tra i 20 e i 30 è anch'esso ridotto ma in funzione delle direttive regionali.

 

Commenti degli Utenti (totali: 30)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: barbarito il 07-07-2006 16:31
Sto per inziziare la procedura per la mia R65 e mi serve un consiglio:
il paramotore (originale BMW) e il telaio porta borse (pure lui originale) possono inficiare la valutazione della moto?
Allego foto:
http://img225.imageshack.us/img225/6656/r65sx6ye.jpg

Grazie anticipatamente per la risposta
Commento di: pergino il 14-08-2007 14:16
si toglili altrimenti non tela passano pergino
Commento di: gio1960 il 24-08-2006 13:24
Ho iscritto la mia Yamaha XT550, ed ho potuto apprezzare la professionalità e la cortesia della FMI (grazie anche all'Ispettore x l'Emilia Montanari, se ricordo bene), il sito aggiornato, l'assicurazione conveniente e la gradevolezza del risultato finale. Vale la pena.
Commento di: auro il 10-11-2006 16:28
Domanda: ma una moto di 21 anni che non compare nell'elenco motoveicoli interesse storico 2006 può essere iscritta al registro storico FMI?
Commento di: PartyBoy il 27-11-2007 05:07
Domanda: se una moto (nel mio caso un FZR 1000 dell'87) ha qualche graffietto in giro, me la fanno passare come moto d'epoca o deve essere perfettamente come era uscita dal concessionario??
Siccome non ricordo come si mettono le foto vi do il link dove potete vederla:

http://www.motoclub-tingavert.it/p2375360s.html#2375360

Grazie e saluti a tutti!
Commento di: coco57 il 31-01-2016 10:12
ciao partyBoy io sono un nuovo iscritto ovviamente leggo solo ora la tua domanda se non hai avuto ancora una risposta (ma non credo)te la do io: ci sono due strade che puoi seguire quando decidi di fare un restauro ad una moto epoca per poi farla iscrivere al registro storico che sia FMI o ASI
la prima è fare un lavoro di restauro conservativo che vuol dire fare un lavoro di manutenzione generale e pulizia ma sostanzialmente non toccare la vernice ne le parti che ancora funzionano e che sono originali quindi ripristinare la funzionalita del faro dei devio luce delle leve
freno frizione impianto elettrico (ovviamente senza cambiare i fili originali) controllare che funzioni tutto. Impianto frenante e frizione.
Tutto deve essere ripristinato senza cambiare nulla di parti prodotte oggi, ma nel caso, puoi cambiare un oggetto con un'altro ma assolutamente originale dell'epoca. Questo è il restauro più difficile da portare a compimento ,ed ecco perchè alle moto restaurate con questo criterio i collezionisti danno un valore maggiore. La seconda strada è rifarla tutta dalla testa ai piedi rispettando colori e cromature
e cambiando parti non più funzionanti con altri prodotte oggi ma comformi agli originali. Ma queste sono le moto che valgono meno.
Commento di: Mr_off-road il 19-01-2008 14:56
Ma, devo per forza essere iscritto ad un motoclub FMI per poter far passar d'epoca la moto??
Commento di: briskolo il 12-03-2008 22:43
Com'è possibile iscrivere un mezzo 50 cc alla FMI?? ho letto che c'è una procedura interna particolare ma non capisco cosa si intenda. Il mezzo ha quasi 43 anni ma non so se sia considerato di interesse storico.
Commento di: filippettone il 27-03-2008 09:47
buongiorno, ho iniziato le operazioni di restauro della mia bmw k75 s immatricolata il 14 giugno 1989.
mi hanno spiegato che devo renderla identica così come al periodo della prima immatricolazione ma da alcune foto di riviste dell'epoca i laterali del motore sono di colore alluminio mentre i miei coperchi laterali sono completamente neri, inoltre la mia moto é completamente carenata ma sulle stesse riviste non ci sono foto somiglianti. cosa devo fare per sapere esattamente come devo presentare la moto?
grazie
ettore guercia
Commento di: vigiciro il 11-04-2008 15:02
Lunedi 7 aprile c.a.ho effetuato il versamento all'FMI in C/c di 35.00euro,e non come voi ed altri publcano. Al riguardo vogliate aggiornare l'informazione in essere...
saluti vigiciro
Mosquito 48 + Moto Guzzi Stornello 125
Commento di: piemme38 il 16-05-2008 20:35
Posseggo uno Stonello 125 della Moto Guzzi immatricolato 1975, ho applicato un bauletto ( il resto è tutto rigorosamente originale , anche i copertoni) posso facilmente toglierlo, devo togliere anche il telaietto sul quale è applicato?
Posseggo anche un Mosqito 48, il tipo che si applicava ad una normale bicicletta, senza documenti perchè trovato buttato in una pattumiera cosa posso fare per avere i documenti di circolazione.
Infine ho acquistato un Velosolex 48 senza documenti ma con la denuncia di smarrimento presentata dal vecchio proprietario, mi è utile o devo riprensentarla io?
Commento di: edi il 09-10-2008 16:29
Devo far rilevare che le foto non sono n.6 a quelle indicate cioè due foto per ciascun fianco una difronte e una dietro, bisogna aggiungere una foto ravvicinata dove e inciso il numero di telaio e una foto a circa un metro che individua il posto dove e inciso detto numero. questo è quanto richiesto.!
Commento di: bobosoz il 29-07-2009 22:38
scusate colore deve essere originale? e i graffi vari ed eventuali? (stato di conservazine)...per la revisione poi, tutte le volte verificano pezzi? grazie roberto
Commento di: dcorlet il 04-04-2010 11:06
Buongiorno, posseggo una vespa 125 GTR del 1973 di cui sono unico proprietario con libretto originale, la moto è completamente restaurata da un concessionario Piaggio ed è pari al nuovo, basta l'età per lo sconto assicurazione o devo iscriverla a qualche club o addirittura al FMI o ASI ?
Il collaudo va sempre fatto ogni 2 anni?
Commento di: Spillomatt il 05-05-2010 05:06
devi fare l'iscrizione ad un motoclub associato FMI o Asi ( ti consiglio FMI per diversi motivi ) poi, tramite il motoclub fai l'iscrizione alla FMI e poi in modo privato inoltri la domanda per l'iscrizione del mezzo nel registro storico, il costo complessivo varia dai 120 ai 180 max. a seconda della tassa d'iscrizione al motoclub. Per la revisione siamo in attesa della nuova legge che la passi a due anni...
Commento di: vespasprint48 il 21-06-2010 00:17
E' confermato che la revisione periodica va fatta ogni 2 anni come fanno tutti gli altri veicoli. La TORO Ass.ni considera storici di diritto i mezzi con + di 40 anni che sono quindi equiparati per i premi ai mezzi iscritti ai club storici. Per le spese da sostenere per l'iscrizione ad un club (ASI o FMI) considero che tu possa spendere qualcosa in meno.
Commento di: massimo58 il 18-05-2010 12:55
Salve a tutti , mi intrometto nella discussione perchè sono interessato anch'io a reimmatricolare la mia Aspes Hopi del 1975 . La mia moto monta una espansione con relativo silenziatore ( originale dell'epoca) al posto della marmitta a "sogliola" , e il colore del serbatoio è nero anzichè dei vari colori che si vedono nelle foto dell'epoca ( giallo , rosso , blu , verde ) .
C'è qualche possibilità che tali differenze inficino l'iscrizione al Registro Storico ?
Grazie
Massimo
Commento di: vespasprint48 il 23-05-2010 19:23
cosa devo fare se volessi reimmatricolare una moto estera senza documenti, con o senza targa, con n. di telaio leggibile e di lecita provenienza?
Commento di: BieMWuistaXcaso il 09-12-2010 17:40
Leggo delle inesattezze.
Cito testualmente il testo preso dal sito di Federmoto:

"Alla luce dell’entrata in vigore del DM 17 Dicembre 2009 relativo alla disciplina e procedura per l’iscrizione dei veicoli d’interesse storico e collezionistico, il Registro Storico Nazionale FMI ha adeguato le proprie procedure e la relativa modulistica al fine di poter rilasciare il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica.




Criteri d'iscrizione



Sono iscrivibili al Registro Storico FMI i motoveicoli (motocicli, ciclomotori, motocarrozzette, motocarri ecc.) che hanno compiuto i 20 anni di età. La Commissione si riserva la facoltà di non iscrivere i motoveicoli che non risultino completamente conformi all’originale, in ottime condizioni di conservazione o ben restaurati. I motoveicoli ed i ciclomotori di cui si richiede l’iscrizione dovranno essere privi di accessori anche se di serie e d’epoca. Si precisa che possono essere iscritti, al Registro Storico FMI, tutti i motoveicoli che rispondono ai requisiti di cui sopra, indipendentemente dall’inclusione del modello nell’elenco dei motoveicoli di interesse storico.

Il richiedente l’iscrizione al Registro Storico deve essere tesserato alla FMI per l’anno in corso, nonché proprietario del motoveicolo di cui richiede l’iscrizione.



Procedura per la richiesta d’iscrizione al Registro Storico Nazionale ed il rilascio del

Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica



Le procedure e la relativa modulistica, necessarie per la richiesta d’iscrizione al Registro Storico Nazionale ed il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica, prevedono due differenti casistiche di seguito specificate:

Motoveicoli muniti di regolare libretto di circolazione nazionale e mai dismessi dalla circolazione o motoveicoli radiati d’Ufficio dal PRA, purché muniti di regolare libretto di circolazione;
Motoveicoli non muniti di regolare libretto di circolazione nazionale (radiati d’Ufficio dal PRA privi di libretto di circolazione, cancellati dal PRA per custodia in area privata, demoliti, nuovi mai immatricolati, di importazione estera, di origine sconosciuta, ecc.);
Procedura A

tesserarsi alla FMI mediante un moto club oppure online, ed allegare copia della tessera;
stampare il modello A, per la richiesta d’Iscrizione al Registro Storico Nazionale ed il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica, compilarlo in ogni sua parte;
effettuare il versamento della quota di euro 50,00 sul conto corrente postale 29889037 intestato a Federazione Motociclistica Italiana (indicando nella causale “richiesta d’iscrizione al registro storico”) ed allegare l’ originale della “ricevuta”;
effettuare 12 fotografie a colori del motoveicolo su fondo uniforme di colore neutro (2 lato destro, 2 lato sinistro, 1 anteriore, 1 posteriore, 1 del motore lato destro, 1 del motore lato sinistro, 1 ravvicinata e leggibile del numero di motore, 1 ravvicinata e leggibile del numero di telaio, ed 1 del telaio a distanza di un metro in direzione della zona dove il numero di telaio è posizionato, 1 ravvicinata e leggibile del numero di omologazione (nei casi in cui è presente sul telaio), tali foto, dovranno essere del formato 10 X 15 e stampate con metodo fotografico;
effettuare la copia del libretto di circolazione da cui siano rilevabili i dati tecnici e da cui si evinca che il richiedente sia l’ultimo intestatario, nonché copia del foglio complementare o del CDP (certificato di proprietà), in caso di passaggio di proprietà in corso occorre allegare copia del documento che lo attesti (documento provvisorio di circolazione) e copia di un documento d’identità;
nel caso trattasi di ciclomotore non provvisto di libretto di circolazione con intestazione, ma con certificato di conformità o privo anche di quest’ultimo occorre allegare la dichiarazione di proprietà con copia di un documento d’identità;
nel caso trattasi di motoveicolo radiato d’ufficio dal PRA occorre inoltre: compilare ed allegare la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativa alla conservazione del motoveicolo, ed una copia di un documento d’identità, nonché allegare la dichiarazione di proprietà;

Dopo aver eseguito quanto sopra indicato, il richiedente dovrà inviare in busta chiusa ad uno degli esaminatori nazionali la predetta documentazione;



Procedura B

tesserarsi alla FMI mediante un moto club oppure online, ed allegare copia della tessera;
stampare il modello B, per la richiesta d’Iscrizione al Registro Storico Nazionale ed il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica, compilarlo in ogni sua parte;
effettuare il versamento della quota di euro 100,00 sul conto corrente postale 29889037 intestato a Federazione Motociclistica Italiana (indicando nella causale “richiesta d’iscrizione al registro storico”) ed allegare l’ originale della “ricevuta”;
effettuare 12 fotografie a colori del motoveicolo su fondo uniforme di colore neutro (2 lato destro, 2 lato sinistro, 1 anteriore, 1 posteriore, 1 del motore lato destro, 1 del motore lato sinistro, 1 ravvicinata e leggibile del numero di motore, 1 ravvicinata e leggibile del numero di telaio, ed 1 del telaio a distanza di un metro in direzione della zona dove il numero di telaio è posizionato, 1 ravvicinata e leggibile del numero di omologazione (nei casi in cui è presente sul telaio), tali foto, dovranno essere del formato 10 X 15 e stampate con metodo fotografico;
effettuare la copia di ogni documento (visura od estratto cronologico del PRA, certificato d’origine, ecc.) di cui si è in possesso;
compilare ed allegare la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativa alla conservazione del motoveicolo allegando la copia di un documento d’identità, nonché una dichiarazione di proprietà;
allegare, in originale, la dichiarazione dell’impresa (officina) che ha eseguito i lavori, attestante quanto effettuato (recupero,ripristino,manutenzione,verifica, ecc.);
Solo dopo aver eseguito quanto sopra indicato, il richiedente potrà contattare uno degli esaminatori nazionali per concordare quando portargli in visione il motoveicolo ed effettuare la consegna dei documenti."
Commento di: Lucy95 il 29-07-2018 13:24
Salve le scrivo perché non riesco a capire in quale delle due procedure rientra la mia moto Guzzi. E' dell'1985, acquistata dai carabinieri e immatricolata nel 2002 e da allora la moto non è mai stata radiata dal PRA, ha circolato per un anno e successivamente è rimasta ferma senza assicurazione, mentre adesso è di nuovo circolante. Le sarei grata se riuscisse ad aiutarmi!
Commento di: Intense il 05-03-2011 17:00
Salve! Vorrei iscrivere la mia BMW R45 del 1979 al Registro Storico FMI ma nel compilare il modulo mi sono accorto di un problema. Il libretto riporta la misura del pneumatico anteriore 3,25 S 19, mentre la gomma montata è un 18 (come quella posteriore).
Preciso che il cerchio non è mai stato cambiato: è ancora quello uscito dalla fabbrica nel 1979, inoltre ho cercato su alcuni siti di moto storiche e la descrizione della BMW R 45 riporta sempre come misura 18 sia davanti che dietro.
Può essere sbagliato il libretto?
Se è così, possono bocciare la mia richiesta d'iscrizione?
Nel caso c'è qualche possibilità di correggere il libretto o un'altra via d'uscita?
GRAZIE!!!!!!
Commento di: TRAUTMAN il 20-05-2011 14:54
Salve,
io sono in possesso di un beta alp 260 trial dell' 89, immatricolato nel 90.
posso registrare la moto all' FMI anche se non compare nel registro storico, avendo poi sconti su assicurazione e bollo?
riassumo in una domanda più generica: la moto basta che abbia 20 anni, oppure deve anche comparire in questo elenco?
Se qualcuno sa darmi una risposta in merito, gli sarei grato.
Grazie
Trautman
Commento di: baccomoma il 15-07-2011 12:28
Buongiorno.

Vorrei iniziare la procedura sopra descritta per una vespa px150 dell' 82 e mi chiedevo se le moto d'epoca fosse esonerate dai controlli/revisioni/gas di scarico che sono obbligatori per tutti i motoveicoli con un certo numero di anni.

Grazie
Commento di: baccomoma il 15-07-2011 12:30
Buongiorno.

Avevo sentito dire che dopo i 30 anni una moto diventa storica "d'ufficio", senza passare per domanda al FMI o ASI; è una leggenda metropolitana o ha qualche elemento di veridicità?
Grazie
Commento di: salvamoto61 il 09-02-2012 13:29
Ciao dopo 30 anni, la moto diventa storica, perciò puoi pagare il bollo solo come tassa di circolazione, per quanto riguarda l'assicurazione devi trovare l'assicurazione giusta.
Commento di: MaCB il 18-02-2012 18:02
è vero che recenti legislazioni permettono di bypassare l'iscrizione ad un club motociclistico privato ( e quindi non pagare la relativa iscrizione annuale) e iscriversi direttamente alla FMI? come posso controllare se la mia moto è considerata di intresse storico?
grazie in anticipo
Commento di: alex10sec il 14-01-2013 15:42
ciao atutti, volevo fare alcune domande sull'argomento:
se prendo una custom ( che in genere è customizzata) anche se si tratta di parti originali del costruttore, devo riportarla alla configurazione base per l'iscrizione come moto d'epoca? Doppio Lamp Green
Commento di: gitan48 il 23-02-2014 20:02
salve , ho recuperato una moto ferma da dieci anni con targa originale del 62. Ho provveduto a fare la visura ma non risulta ne demolita ne radiata.Può essere solo questione di aggiornamento al pra o potrebbe essere altro? Secondo voi devo comunque fare l'estratto cronologico?
Se risulta radiata d'ufficio, per l'immatricolazione come si procede?
Commento di: alberto54 il 30-06-2014 21:06
Per favore, potete dirmi da cosa si deve iniziare per l'isrcizione all'ASI o FMI per una moto Yamaha 350TT del 1994? Sono completamente sprovveduto in materia e non so da che parte iniziare. Vi ringrazio delle risposte. alberto
Moto d'Epoca: iscrizione alla FMI. Asi
Commento di: md7a il 16-02-2015 14:11
Non vedo l'utilità d'iscrivere una moto all FMI . Asi, o altri ,qualcuno mi spieghi il contrario ,una moto oltre 30 anni paga il bollo ridotto se circola,moto di oltre 20 anni idem bollo ridotto,assicurazioni, basta l'iscrizione ad un qualsiasi moto club per avere l'assicurazione ridotta, se poi queste iscrizioni hanno altri scopi o benefici spiegatelo ,io ho 2 moto datate sono vendibilissime anche senza l'iscrizione ,