Leggi il Topic


MotoGP e 1000 in commercio [quali sono le differenze?]
923450
923450 Inviato: 5 Dic 2006 21:24
Oggetto: MotoGP e 1000 in commercio [quali sono le differenze?]
 



Ciao a tutti,

mi piacerebbe sapere (cosi per farmi un idea generale) cosa cambia tra un 1000 in commercio (tipo ZX 10R, CBR 1000, YZF R1) e una motoGP come quella di Hayden o di Valentino Rossi.

Chiaramente le differenze saranno tante ma io sono curioso piu' sugli aspetti relativi al motore come ripresa, accellerazione, velocita' massima, cavalli (mi pare sui 250 brrr), etc...

In pratica mi chiedo: Se gia con una 1000 da strada quando accelleri ti sembra di decollare, come fanno quelli della MotoGP a non cadere per l'eccessiva spinta? Va be che sono piloti pero' c'e' sempre un limite icon_biggrin.gif

Grazie

Ultima modifica di Noixe il 5 Dic 2006 21:34, modificato 1 volta in totale
 
923477
923477 Inviato: 5 Dic 2006 21:29
 

La vera differenza fra moto in commercio, SBK e MotoGP è la capacità del mezzo di effettuare o subire un determinato livello di accelerazione o frenata.
 
923485
923485 Inviato: 5 Dic 2006 21:30
 

penso che ci sia un vuoto assurdo.....carene e t le parti in carbonio,alleggerita al max,motore al di fuori di ogni veduta.....e un mondo a se......peccato n poterlo tastare...... icon_rolleyes.gif icon_rolleyes.gif icon_wink.gif
 
923487
923487 Inviato: 5 Dic 2006 21:31
 

io so che l'anno scorso su in moto hanno messo a confronto una sbk di haga la gp di hayden e la gixxer 1000 normale e i tempi sul giro tra una gp e quella da strada erano "solo" 2 sec di diff
ovviamente i motori di quelle moto sono segreti quindi nessuno sa le diff tecniche a parte il traction controll...
 
923638
923638 Inviato: 5 Dic 2006 21:59
 

Circa 90 cv in più e una cinquantina di kg in meno (per la motogp ovviamente)
Velocità massima dipende dalle piste, nelle più veloci (Monza e Muggello) possono raggiungere i 340-350km/h effettivi....le millone ultima generazione si fermano vicine ai 300km/h (ma per auto-limitazione);
Per quel che riguarda accelerazione la motogp...pur avendo a tutti gli effetti un "lancio assistito dall'elettronica, in realtà vede assottigliarsi il suo vantaggio sulle mille attuali, il motivo è che è più conveniente per i tecnici tenere i primi due rapporti lunghi per affrontare meglio le curve lente (la partenza si effettua una volta sola...le curve lente invece... icon_wink.gif )

Diverso il discorso della ripresa...gli esuberanti 990cc (dall'anno prossimo 800cc), che abbiano 3 o 6 cilindri (come previsto dal regolamento anche se in realtà..solo la Blata nel 2005 ha sperimentato un motore a 6 cilindri!) non faticano a scaricare potenza ai regimi intermedi..e seppur con la tipica coppia appuntita dei motori da competizione staccano di parecchio le rivali "terrestri"! icon_wink.gif

Ma un campo dove le MotoGp prendono decisamente il largo è l'angolo di piega:
UNa motoGp può piegare oltre i 50°...spesso arrivando a 60°!!!
(Considerando che le moderne Millone, al di là del marketing hanno tutte gli iterrutori innerziali (che bloccano la fuoriuscita di carburante stoppandola direttamente da centralina..avete presente che se vi cade dovete girar la chiave sennò non si accende? icon_lol.gif ) già appena sopra i 40°!!

Comunque ecco uno specchietto riassuntivo:



ZX-10R /GSXR / CBRR / R1 ........... ...................... MOTOGP

PESO: 170 - 175KG (dichiarati a secco) ...................... 145kg

POTENZA: 150 - 165 cv (alla ruota) ................................ >250cv

VELOX. MAX. : 299km/h (auto-limitata) ................................ >340km/h






UNa curiosità: le gomme della Motogp durano da un minimo di 5km (le gomme da tempo) a 100km (la durata media di un Gp) icon_wink.gif
 
923754
923754 Inviato: 5 Dic 2006 22:18
 

Citazione:
(Considerando che le moderne Millone, al di là del marketing hanno tutte gli iterrutori innerziali (che bloccano la fuoriuscita di carburante stoppandola direttamente da centralina..avete presente che se vi cade dovete girar la chiave sennò non si accende? ) già appena sopra i 40°!!


Potresti spiegarti meglio......non mi è chiaro !!!

Ciao e lampssssssssss by dnx71
 
923802
923802 Inviato: 5 Dic 2006 22:25
 

dnx71 ha scritto:
Citazione:
(Considerando che le moderne Millone, al di là del marketing hanno tutte gli iterrutori innerziali (che bloccano la fuoriuscita di carburante stoppandola direttamente da centralina..avete presente che se vi cade dovete girar la chiave sennò non si accende? ) già appena sopra i 40°!!


Potresti spiegarti meglio......non mi è chiaro !!!

Ciao e lampssssssssss by dnx71

Se ho capito bene Significa che se pieghi a piu' di 40 gradi con un millone stradale (supponendo che resti su), ti si spegne il motore (e vai giu)..
 
923824
923824 Inviato: 5 Dic 2006 22:30
 

42 ha scritto:
dnx71 ha scritto:
Citazione:
(Considerando che le moderne Millone, al di là del marketing hanno tutte gli iterrutori innerziali (che bloccano la fuoriuscita di carburante stoppandola direttamente da centralina..avete presente che se vi cade dovete girar la chiave sennò non si accende? ) già appena sopra i 40°!!


Potresti spiegarti meglio......non mi è chiaro !!!

Ciao e lampssssssssss by dnx71

Se ho capito bene Significa che se pieghi a piu' di 40 gradi con un millone stradale (supponendo che resti su), ti si spegne il motore (e vai giu)..


E che CAXXO!!! icon_eek.gif icon_eek.gif icon_eek.gif


Jacktornese....spiegati bene.........
 
923848
923848 Inviato: 5 Dic 2006 22:34
 

e perche con le commericializzate nn si puo andare oltere ai 40 gradi?? icon_rolleyes.gif
 
923945
923945 Inviato: 5 Dic 2006 23:02
 

INTERRUTTORE INERZIALE

Il suo scopo è quello di interrompere il flusso di carburante in caso d'urto.L'interruttore inerziale funziona tramite una sfera di acciaio montata in un alloggiamento a forma conica è normalmente tenuta bloccata tramite la forza di attrazione di un magnete adiacente. Sotto specifici carichi di accelerazione la sfera si libera dal fermo magnetico e gradualmente esce dal supporto a forma conica con un movimento verso l'alto secondo l'angolazione del cono. Sopra la sfera è situato un meccanismo a scatto rapido che forma il circuito elettrico normalmente chiuso (NC). Quando il meccanismo viene colpito dalla sfera esso cambia posizione da circuito NC in circuito normalmente aperto (NA), interrompendo il circuito di massa dell'elettropompa carburante. In caso di urto in una qualsiasi delle tre direzioni ortogonali, l'interruttore funzionerà al di sopra di valori di accelerazione pari a 12g di picco, equivalenti ad una velocità di circa 25Km/h. Il contatto NC dell'interruttore può essere ripristinato spingendo sul pulsante protetto da un coperchio flessibile (che serve anche a protezione da eventuali corpi estranei).

Nelle moto oltre ad aver implementato questa funzione per prevenire fuoriuscite di carburante negli urti, si cerca di evitare che il carburante fuoriesca anche in caso di scivolate (che tra l'altro spesso producono scintille!) ogni interuttore può venire "settato" ad un differente angolo di inclinazione: in quasi tutto il mondo l'angolo per le stradali (sportive) è compreso tra i 40° e i 46° )

Curiosità: in Canada le moto hanno un angolo di inclinazione maggiore che in Europa.. icon_wink.gif
 
923950
923950 Inviato: 5 Dic 2006 23:03
 

Mah... non credo stiano sui 40° come dice Jack ma sui 50 che una stradale non raggiungerà mai comunque per problemi di luce a terra, sospensioni, gomme etc etc.
La velocità delle mille attualmente non credo sia autolimitata, e comunque anche se lo sono di sicuro è un dispositivo inutile visto che non riescono a raggiungere una velocità superiore ai 290 circa (dati delle riviste i cui esemplari spesso sono più a punto di quelli in commercio) e da quanto ho sentito da alcuni amici sul rettilineo del Mugello non li vedi neanche di tachimetro i 299.
 
924075
924075 Inviato: 5 Dic 2006 23:50
 

infatti sull'ovale di idiada in spagna dopo 2 chilometri di rettilineo raggiungono in media i 290 km/h effettivi!

a parte la nuova mv da 200cv che dicono possa raggiungere i 315 e tenerli per pochi secondi!la centralina taglia potenza e la porta a velocità più consone altrimenti le gomme non reggerebbero!
 
924151
924151 Inviato: 6 Dic 2006 0:35
 

dopoavere sperimentato la guida in pista e dopo avere guidato una moto con tuta la ciclistica holins posso affermare, nel pieno delle mie facoltà mentali, che la differenza abissale che immagino esserci tra una qual si voglia moto stradale anche preparata e un prototipo da 800.000 euro sia soprattutto nellaciclistica. sarà che è una mia fissa, ma le ciclistiche delle moto "commerciali" (da cui escludo moto come la 999r, la rsv1000factory o quella particolare versione della r1) non sono realmente pensate per gareggiare. già con le ciclistiche holins "commerciali" si sente un differenziale abissale dalla ciclistica montata sul mio 636. mi immagino che una motogp abbia una ciclistica così raffinata e regolabile da rendere appagante ogni staccata. cosa che purtroppo i mezzi nostri non hanno anche se cercano di dire il contrario riviste e uffici marketing... per non parlare dei freni... una supersportiva japp anche 1000cc monta sti benedeti tokiko radiali con pompe nissin... ecco, già montando dei dischi seri (che non necessariamente devono essere pittoreschi da vedere come i miei margherita o quelli costituiti da piccole sezioni) e tutto l'impianto brembosi sente la differenza.. ecco, essendo ciclisticae freno anteriore due cose che io vorrei sempre al top, mi immagino che una motogp sarebbe dotata di componenti enormemente migliori... e mi impressiona l'idea di poter staccare da 300km/h a 80 per una curva lenta in maniera violentissima e di poter successivamente spalancare il gas con il ginocchio a terra senza avere problemi con il mono posteriore piuttosto che essere balordito dall'accelerazione dafermo... ma è anche una questione di gusti icon_razz.gif
 
924313
924313 Inviato: 6 Dic 2006 8:43
 

EQUIVOCO:

la pur precisa e corretta spiegazione di JT sul funzionamento dell'Interruttore Inerziale (detto in gergo "Tilt" perché il suo principio di funzionamento ricorda quel dispositivo che bloccava i flipper, a scuoterli troppo...) può trarre in inganno se non si aggiunge una precisazione:

in curva, sotto l'effetto della forza centrifuga, tale interruttore non avverte nessun cambiamento d'assetto e continuerebbe a non avvertire nulla anche facendo il giro della morte nella famosa sfera in cui si esibiscono gli acrobati motociclisti!

il motivo lo capite da soli: qualsiasi oggetto sulla moto è interessato e sottoposto alla forza centrifuga che si genera in curva.
tale forza è completamente compensata dall'inclinazione che si assume durante la percorrenza della stessa.
si potrebbe continuare a portare un bicchiere pieno d'acqua... ( eusa_think.gif perché proprio d'acqua? facciamo di qualche liquido più interessante) sul serbatoio anche inclinati di 90° percorrendo una parabolica icon_smile.gif

solo un Sistema Inerziale (rotante o GPS, come quelli utilizzati dagli aerei) potrebbe avvertire un cambiamento d'assetto assoluto, in quanto non influenzato dalla forza centrifuga.

invece, è chiaro, l'interruttore in questione ha un altro scopo, quello di togliere corrente alla pompa della benzina a seguito di un urto: i meno giovani ricorderanno la facilità con cui le prime auto a iniezione, sprovviste di tale dispositivo, prendevano fuoco a seguito di un incidente!
 
924518
924518 Inviato: 6 Dic 2006 10:31
 

Vabbè De_Corsa, era proprio necessaria questa precisazione? Non credo che ci siano macchine o moto di serie che raggiungono 12g di accelerazione laterale icon_confused.gif
 
924528
924528 Inviato: 6 Dic 2006 10:36
 

Trovo che la precisazione di de_corsa sia stata molto utile.
Mentre i post di JT sono stato altrettanto illuminanti.

Un GRAZIE a entrambi per le chiare spiegazioni. icon_biggrin.gif
 
924557
924557 Inviato: 6 Dic 2006 10:52
 

Bhè le differenze sono davvero tante, visto che stiamo parlando di prototipi a confronto di moto di serie!

Le attuali moto di serie hanno raggiunto un livello veramente alto e quello che fa veramente la differenza è:

Peso.
Potenza.
il rapporto tra i due.
Ciclistica
Gomme.
E soprattutto (mai citata fino ad ora) l'elettronica.

Con le attuali tecnologie non è infatti la ricerca della potenza il problema, bensì come metterla a terra. E qui concorrono ciclistica, gomme ed elettronica.
 
924597
924597 Inviato: 6 Dic 2006 11:09
 

PaoloKawa ha scritto:
Bhè le differenze sono davvero tante, visto che stiamo parlando di prototipi a confronto di moto di serie!

Le attuali moto di serie hanno raggiunto un livello veramente alto e quello che fa veramente la differenza è:

Peso.
Potenza.
il rapporto tra i due.
Ciclistica
Gomme.
E soprattutto (mai citata fino ad ora) l'elettronica.

Con le attuali tecnologie non è infatti la ricerca della potenza il problema, bensì come metterla a terra. E qui concorrono ciclistica, gomme ed elettronica.


quoto..
soprattutto per l'elettronica e per le gomme...
in SBK c'è il monogomma ricordiamocelo...

Saluti Desmo icon_biggrin.gif
 
925185
925185 Inviato: 6 Dic 2006 14:10
 

Miscia ha scritto:
Vabbè De_Corsa, era proprio necessaria questa precisazione? Non credo che ci siano macchine o moto di serie che raggiungono 12g di accelerazione laterale icon_confused.gif


certo che era necessaria,
lo è ancora di più dopo questo che hai scritto perché vuol dire che il suo principio di funzionamento non è chiaro a tutti.

l'accelerazione laterale non c'entra.

nelle moto l'accelerazione trasversale è totalmente compensata dall'inclinazione che assume il veicolo
per cui un Interruttore Inerziale (che funzioni a gravità, come quello descritto) non viene assolutamente sollecitato, ne a 40° d'inclinazione, ne a 60° ne a qualunque altro angolo di piega dinamica.
il dispositivo (senza che intervengano urti o accelerazioni sufficientemente repentine) funziona staticamente solo inclinando la moto da ferma oltre un certo valore impostato ma, ripeto, non può fisiologicamente intervenire in una piega in velocità.
 
925724
925724 Inviato: 6 Dic 2006 16:35
 

de_corsa ha scritto:
Miscia ha scritto:
Vabbè De_Corsa, era proprio necessaria questa precisazione? Non credo che ci siano macchine o moto di serie che raggiungono 12g di accelerazione laterale icon_confused.gif


certo che era necessaria,
lo è ancora di più dopo questo che hai scritto perché vuol dire che il suo principio di funzionamento non è chiaro a tutti.

l'accelerazione laterale non c'entra.

nelle moto l'accelerazione trasversale è totalmente compensata dall'inclinazione che assume il veicolo
per cui un Interruttore Inerziale (che funzioni a gravità, come quello descritto) non viene assolutamente sollecitato, ne a 40° d'inclinazione, ne a 60° ne a qualunque altro angolo di piega dinamica.
il dispositivo (senza che intervengano urti o accelerazioni sufficientemente repentine) funziona staticamente solo inclinando la moto da ferma oltre un certo valore impostato ma, ripeto, non può fisiologicamente intervenire in una piega in velocità.


A me è chiarissimo forse anche più di quanto tu creda. La precisazione che tu hai fatto varrebbe solo se un veicolo raggiungesse un'accelerazione laterale di almeno 12g. Allora sì che sarebbe stata necessaria la specificazione, ma visto che comunque non vengono raggiunte quelle accelerazioni il problema non sussiste visto che comunque anche se non fosse come dici tu l'interruttore non si attiverebbe icon_confused.gif
 
925924
925924 Inviato: 6 Dic 2006 17:26
 

un' altra caratteristica è ke le moto gp hanno il cambio rovesciato
 
926040
926040 Inviato: 6 Dic 2006 17:49
Oggetto: Re: MotoGP e 1000 in commercio [quali sono le differenze?]
 

Noixe ha scritto:
Ciao a tutti,

mi piacerebbe sapere (cosi per farmi un idea generale) cosa cambia tra un 1000 in commercio (tipo ZX 10R, CBR 1000, YZF R1) e una motoGP come quella di Hayden o di Valentino Rossi.

Chiaramente le differenze saranno tante ma io sono curioso piu' sugli aspetti relativi al motore come ripresa, accellerazione, velocita' massima, cavalli (mi pare sui 250 brrr), etc...

In pratica mi chiedo: Se gia con una 1000 da strada quando accelleri ti sembra di decollare, come fanno quelli della MotoGP a non cadere per l'eccessiva spinta? Va be che sono piloti pero' c'e' sempre un limite icon_biggrin.gif

Grazie


Ma ciao, io sono molto amico con . . . . . . non ti dico chi, comunque è il capo reparto corse della . . . . .. . in moto gp, una volta scherzando gli ho fatto vedere la mia r6, e mi ha detto che non c'e neanche una vite uguale, idem per r1, ed era ancora in yamaha, mi sa che son propio diverse!!!! doppio_lamp.gif
 
926445
926445 Inviato: 6 Dic 2006 19:41
 

Miscia ha scritto:
de_corsa ha scritto:
Miscia ha scritto:
Vabbè De_Corsa, era proprio necessaria questa precisazione? Non credo che ci siano macchine o moto di serie che raggiungono 12g di accelerazione laterale icon_confused.gif


certo che era necessaria,
lo è ancora di più dopo questo che hai scritto perché vuol dire che il suo principio di funzionamento non è chiaro a tutti.

l'accelerazione laterale non c'entra.

nelle moto l'accelerazione trasversale è totalmente compensata dall'inclinazione che assume il veicolo
per cui un Interruttore Inerziale (che funzioni a gravità, come quello descritto) non viene assolutamente sollecitato, ne a 40° d'inclinazione, ne a 60° ne a qualunque altro angolo di piega dinamica.
il dispositivo (senza che intervengano urti o accelerazioni sufficientemente repentine) funziona staticamente solo inclinando la moto da ferma oltre un certo valore impostato ma, ripeto, non può fisiologicamente intervenire in una piega in velocità.


A me è chiarissimo forse anche più di quanto tu creda. La precisazione che tu hai fatto varrebbe solo se un veicolo raggiungesse un'accelerazione laterale di almeno 12g. Allora sì che sarebbe stata necessaria la specificazione, ma visto che comunque non vengono raggiunte quelle accelerazioni il problema non sussiste visto che comunque anche se non fosse come dici tu l'interruttore non si attiverebbe icon_confused.gif


e invece non hai capito, perché stiamo parlando di due cose diverse: se rileggi con attenzione il post di JT l'Interruttore Inerziale entra in funzione anche con 1g (in pratica la sola forza di gravità) quando la moto supera - da ferma, non compensato dalla centrifuga - un certo valore d'inclinazione pre-impostato, in modo da disattivare la pompa della benzina in caso di caduta (sia da ferma che in velocità)

la mia precisazione si è resa necessaria per chiarire perché tale Interruttore non può in alcun modo causare lo spegnimento del motore in piega, com'è stato erroneamente ipotizzato da 42:

42 ha scritto:
Se ho capito bene Significa che se pieghi a piu' di 40 gradi con un millone stradale (supponendo che resti su), ti si spegne il motore (e vai giu)..
 
926469
926469 Inviato: 6 Dic 2006 19:47
 

Scusate, ma che voi sappiate c'è solo sulle moto o anche sugli scooter?
 
926928
926928 Inviato: 6 Dic 2006 21:24
 

de_corsa ha scritto:
Miscia ha scritto:
de_corsa ha scritto:
Miscia ha scritto:
Vabbè De_Corsa, era proprio necessaria questa precisazione? Non credo che ci siano macchine o moto di serie che raggiungono 12g di accelerazione laterale icon_confused.gif


certo che era necessaria,
lo è ancora di più dopo questo che hai scritto perché vuol dire che il suo principio di funzionamento non è chiaro a tutti.

l'accelerazione laterale non c'entra.

nelle moto l'accelerazione trasversale è totalmente compensata dall'inclinazione che assume il veicolo
per cui un Interruttore Inerziale (che funzioni a gravità, come quello descritto) non viene assolutamente sollecitato, ne a 40° d'inclinazione, ne a 60° ne a qualunque altro angolo di piega dinamica.
il dispositivo (senza che intervengano urti o accelerazioni sufficientemente repentine) funziona staticamente solo inclinando la moto da ferma oltre un certo valore impostato ma, ripeto, non può fisiologicamente intervenire in una piega in velocità.


A me è chiarissimo forse anche più di quanto tu creda. La precisazione che tu hai fatto varrebbe solo se un veicolo raggiungesse un'accelerazione laterale di almeno 12g. Allora sì che sarebbe stata necessaria la specificazione, ma visto che comunque non vengono raggiunte quelle accelerazioni il problema non sussiste visto che comunque anche se non fosse come dici tu l'interruttore non si attiverebbe icon_confused.gif


e invece non hai capito, perché stiamo parlando di due cose diverse: se rileggi con attenzione il post di JT l'Interruttore Inerziale entra in funzione anche con 1g (in pratica la sola forza di gravità) quando la moto supera - da ferma, non compensato dalla centrifuga - un certo valore d'inclinazione pre-impostato, in modo da disattivare la pompa della benzina in caso di caduta (sia da ferma che in velocità)

la mia precisazione si è resa necessaria per chiarire perché tale Interruttore non può in alcun modo causare lo spegnimento del motore in piega, com'è stato erroneamente ipotizzato da 42:

42 ha scritto:
Se ho capito bene Significa che se pieghi a piu' di 40 gradi con un millone stradale (supponendo che resti su), ti si spegne il motore (e vai giu)..


Ah ok, sono ancora troppo legato alla macchina e pensavo stessimo parlando dell'interruttore inerziale che rileva l'accelerazione causata dagli urti e che qualcuno avesse ipotizzato potesse essere messo in funzione dall'accelerazione laterale in curva.
 
Mostra prima i messaggi di:





Pagina 1 di 1

Non puoi inserire nuovi Topic
Non puoi rispondere ai Topic
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Indice del forumForum GeneraleConfronti e Consigli Acquisto

Forums ©