Enogastronomia
In moto alla scoperta del Lazio; Civita di Bagnoreggio (VT)
Scritto da Maurizio60 - Pubblicato 22/01/2024 16:56
Civita di Bagnoreggio (VT) un borgo incantevole, ricco di storia e di fascino. Sorge su una collina tufacea, circondata da un paesaggio mozzafiato...

La sua origine risale agli Etruschi, ma ha subito nel tempo le influenze dei Romani, dei Longobardi e dei Papi. Oggi è conosciuta come "la città che muore", perché il suo territorio è soggetto a fenomeni di erosione che ne minacciano la stabilità. Per questo motivo, è stata collegata alla terraferma da un ponte pedonale, che ne rende l'accesso ancora più suggestivo. Se vi trovate in zona, non potete perdervi l'occasione di gustare i Piciarelli al tartufo, una specialità tipica della cucina locale. I Piciarelli sono una pasta fatta a mano, simile agli spaghetti ma più spessi e irregolari, condita con un sugo cremoso a base di tartufo nero. Un piatto semplice ma delizioso, che vi farà innamorare dei sapori della Tuscia. Provare per credere!



Civita di Bagnoreggio è un borgo medievale che si trova su una collina tufacea nel Lazio, a circa 100 km da Roma. Per raggiungere questa meraviglia, si può scegliere di percorrere strade panoramiche che offrono splendidi scorci sulla campagna e sui laghi vulcanici. Una possibile opzione è seguire la via Cassia fino a Viterbo, poi deviare verso il lago di Bolsena e infine arrivare a Civita. Lungo il percorso, si possono ammirare le bellezze naturali e storiche della Tuscia, come le terme di Viterbo, il parco dei mostri di Bomarzo e il castello di Torre Alfina. Un'altra alternativa è prendere la via Flaminia fino a Terni, poi proseguire verso Orvieto e da lì raggiungere Civita. Questa strada offre la possibilità di visitare la cascata delle Marmore, la basilica di San Valentino e il duomo di Orvieto, famoso per il suo splendido affresco del Giudizio Universale. Entrambe le opzioni richiedono circa due ore e mezza di viaggio, ma ne valgono sicuramente la pena per scoprire uno dei borghi più belli d'Italia.



Un modo per scoprire il fascino di Civita di Bagnoreggio è camminare lungo il ponte che la collega. Si tratta di un'esperienza unica, perché il borgo è completamente pedonalizzato e si può godere della vista mozzafiato sul paesaggio circostante. Il ponte è lungo circa 300 metri e si può percorrere in circa 10 minuti, ma vale la pena fermarsi a fare qualche foto e ad ammirare i dettagli architettonici del borgo, che risale al Medioevo.



Per tornare ai "famosi Piciarelli al Tartufo" di cui vi ho accennato all'inizio dell'articolo, i Piciarelli al tartufo nero sono un piatto delizioso e raffinato, che esalta il sapore intenso e profumato di questo pregiato fungo. Per preparare i piciarelli al tartufo nero, si impasta la farina con l'acqua e il sale, si formano dei fili di pasta spessi e irregolari, e si cuociono in abbondante acqua salata. Nel frattempo, si fa rosolare uno spicchio d'aglio in una padella con un filo d'olio, si aggiunge il tartufo nero grattugiato o tagliato a lamelle sottili, e si lascia insaporire per qualche minuto. Si scolano i piciarelli al dente, si saltano in padella con il condimento di tartufo, e si servono ben caldi, spolverizzati con del pecorino grattugiato e un pizzico di pepe nero macinato al momento. Un piatto semplice ma ricco di gusto, che vi farà sentire come in un ristorante stellato!



Se cercate un posto dove mangiare bene e spendere poco, vi consiglio di provare l'Osteria al Forno di Agnese, situata in Via S. Maria del Cassero, snc, a Civita VT. Qui potrete gustare piatti tipici della cucina locale, preparati con ingredienti freschi e genuini. Il locale è accogliente e familiare, il servizio è cordiale e veloce. Tra le specialità della casa, vi suggerisco di assaggiare la pasta fatta in casa, il cinghiale in umido e la crostata di marmellata. Il prezzo medio a persona è di circa 20/30 euro a persona, bevande escluse. Un'ottima occasione per godersi un pranzo di qualità!



Tra le regioni italiane, il Lazio si distingue per la sua ricchezza storica, culturale e paesaggistica. Chi vuole scoprire le meraviglie di questa terra può seguire i miei consigli e i miei racconti di viaggio, che illustrano le principali attrazioni e le curiosità di ogni luogo. Il Lazio offre infatti molte opportunità per gli amanti dell'arte, della natura, della gastronomia e del divertimento. Non perdete l'occasione di visitare questa splendida regione, che saprà sorprendervi e incantarvi con la sua bellezza.




Buona strada sempre Up
Doppio Lamp Naked Doppio Lamp Naked Doppio Lamp Naked
 

Commenti degli Utenti (totali: 1)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: ziomunch il 22-01-2024 19:42
Davvero bella, l'abbiamo visitata anni fa col gruppo Liguria di ritorno dal raduno Laziale.
Merita davvero. Peccato aver incontrato un'orda di turisti giapponesi e un sole cocente, che con l'abbigliamento da moto, ci ha fatto sudare anche l'ottava camicia per percorrere il ponte, che solo pedonale.