La Community Ting'Avert
Una passione che non ha prezzo
Scritto da CoffeeWolf - Pubblicato 06/07/2022 15:17
Una storia vera di motociclismo autentico, dove la passione trascende il lato economico e prende svolte inaspettate.

Novembre 2021. Un amico socio del motoclub va ad EICMA, vede dal vivo la CBR1000RR-R Fireblade 30th Anniversary, se ne innamora follemente e non capisce più niente.

La scimmia ha colpito ancora e lo ha fatto armata con una padella di ghisa da 20 tonnellate, stile cartone animato.

L’amico, Hondista nel cuore e aficionado di supersportive non ha scelta: il giorno dopo è in concessionario con la sua CBR 1000 RR Sp 2019, tenuta perfettamente e usata rigorosamente in strada e firma per il nuovo drago sputafuoco.


Cosa non fa fare la scimmia...

Da qui la situazione si fa difficile. Passano i due mesi previsti per la consegna, ma non si sa niente. Ne passano altri due e ancora niente. Ne passano altri due e a questo punto l’amico non è granché contento. La sua ‘vecchia’ CBR è in vendita e non può riprenderla, ma la stagione è iniziata e lui è senza moto.

Il titolare del concessionario non sa che pesci pigliare, vuole accontentare l’amico che è un ottimo cliente e che conosce da anni, ma se il CBR non gli arriva non può farci granché. Poi la soluzione: ‘Senti, ho appena ritirato una Hornet del 2002. Ha 15mila km, è praticamente nuova, nel mentre ti do questa così almeno non sei a piedi. Ok?’

Il mio amico quindi, al posto che un CBR1000RR-R r, rr, rrr, r trattino r, r al quadro, rr e versione R, se ne esce dal concessionario con una ‘vecchia e fiammante’ Honda Hornet 600 del 2002.


Ve la ricordavate diversa la nuova CBR1000RR-R 30th Anniversary, eh?

Comincia a usarla, subendo un po’ lo sfottò bonario e solidale del club. E intanto macina km e la moto non arriva.
Ma il primo luglio una telefonata: ‘Ho la tua moto!’.
C’è, l’amico non sta più nella pelle.

Ma ecco che succede qualcosa che non tutti avremmo visto arrivare e che è una delle cose che a parer mio la dice lunga su questo mondo: l’amico ritirerà sì la sua CBR1000RR-R Special Edition Mecojoni Edition, ma si terrà anche la Hornet! Sì, perché nel mentre se n’è innamorato.

‘Mi ci diverto un sacco e ha la cavalleria giusta!’ dice.

A me pare bellissimo.
E questo credo sia una prova inconfutabile che quando c’è la passione, puoi amare egualmente una moto da trentamila euro come da millecinque e divertirti allo stesso modo.

Io, nel mio piccolo, lo capisco. Amo la mia Aprilia RSV4 RF del 2015, ma la mia Ducati Multistrada 1100 con 74k km non si tocca. E voi? Avete esperienze simili?
 

Commenti degli Utenti (totali: 5)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: Mamadou88 il 07-07-2022 22:51
Complimenti. beh ovvio l'hornet è milioni di volte più comoda, agile e sfruttabile della supersport. Sulla CBR1000RRR dopo 3 ore di guida, in quella posizione da stitichezza cronica, sotto i 250 all' ora è tutta sofferenza inutile. ASD
Commento di: diabloftazmania il 22-07-2022 21:57
putroppo o perfortuna quessa è malatia!!! , così si dice dalle mie parti ASD , comunque apparte tutto la passione è passione! se ti dà emozione perchè privartene ? Inchino Doppio Lamp Naked
Commento di: Lario650 il 20-09-2022 21:49
Bella storia...anch'io ho avuto una race replica preparata pista ma la moto che mi è rimasta nel cuore è una Guzzi da 50 cv...il problema non sono i cavalli...ma testa... ASD
Commento di: Ardenboehm il 17-11-2022 09:45
Beautiful story. I had a race replica prepared for the track, but the motorcycle that has remained in my heart is a Guzzi with 50 cv. The problem isn't the horses; it's the testa.
Commento di: CoffeeWolf il 17-11-2022 17:10
It is indeed. But not only, I have a track bike and a road bike. I love them both equally, but for street riding, I think having too much power is actually killing part of the fun. Too many limitations, too many risks. Also, having a less powerful bike usually goes along with having an easier bike to ride and at the end of the day, we're riding for fun: what's better than being a bit carefree? So let's have fun, with testa Smile