Tecnica
Efficacia e vulnerabilitÓ dei sistemi antifurto elettronici
Scritto da blackbaron - Pubblicato 13/02/2006 16:18
Analisi dell'efficacia dei sistemi antifurto elettronici e consigli sull'installazione per ridurre al minimo la loro vulnerabilitÓ.

Per quanto riguarda le protezioni con antifurti di tipo elettronico posso dire che hanno la loro efficacia, ed in ogni caso possono dare il loro pi¨ che significativo contributo disturbando l'azione del malintenzionato.

Ultimamente le nuove generazioni di antifurti prevedono per il montaggio, oltre che al cablaggio generico, i cablaggi dedicati a seconda del tipo di moto o scooter. L'efficienza di tali impianti spessissime volte dipende al 90% dal modo in cui vengono installati e se effettivamente vengono adottati e rispettati i giusti accorgimenti, perchÚ da tali modalitÓ e quindi da un'ottima installazione ne dipende l'efficienza.

Ci˛ permette di evitare che gli esperti del "furto" possano individuare con molta facilitÓ il cablaggio ed i relativi collegamenti o la posizione della centralina o eventuali accessori come il modulo localizzatore "GPS", in quanto essendo ottimi conoscitori della maggior parte di questi sistemi, riescono con azione quasi fulminea a neutralizzare il sistema individuando i giusti fili e le relative connessioni o posizioni dei vari componenti.

Spessissime volte mi capita di vedere una grande varietÓ di tipi di installazioni che mi lasciano pensare e riflettere sul modo di agire di alcuni operatori che si classificano installatori "DOC", ed in merito elencher˛ alcuni punti che spero che possano essere utili a far capire come si possa facilitare la possibile neutralizzazione parziale o totale di un sistema, omettendo alcuni particolari come giÓ sopra accennato:

  • Le centraline di questi sistemi con eventuali accessori e moduli aggiuntivi, vengono fissate in posizione raggiungibile con estrema facilitÓ.
  • Sistemazione e scarsa mimetizzazione del cablaggio elettrico e dei relativi collegamenti.
  • Omissione dei collegamenti e attivazioni di alcuni particolari funzioni quali: positivo sotto chiave, blocco motore, mancata attivazione del sistema di rilevamento assorbimento corrente, sensore urto.
  • Collegamento ed inserzione della funzione di blocco motore, in particolar modo in sistemi dotati di cablaggio dedicato, esclusivamente sul punto di inserzione dei connettori dell'impianto elettrico della moto, e quindi di notevole facilitÓ per l'esclusione in quanto vengono utilizzati connettori che devono essere inseriti a quelli esistenti nell'impianto della moto e di conseguenza oltre che ad essere immediatamente raggiungibili basta togliere in by-pass, per ripristinare la configurazione originale.
  • Omessa installazione del diodo per la protezione contro i cortocircuiti, nel collegamento della funzione segnalatore ottico degli indicatori di direzione "HAZARD", nel caso la centralina fosse sprovvista di tale tipo di protezione.

Questi sono in linea di massima alcuni motivi per cui un sistema pu˛ rivelarsi inefficace, con questo non voglio dire che gli antifurti sono inespugnabili, ma per quanto detto sopra vengono certamente resi molto vulnerabili, facilitando l'opera del malintenzionato.

Altra considerazione va al sistema dei telecomandi, infatti molte volte si pensa che attraverso degli scanner si possa disattivare un sistema di allarme e ci˛ pu˛ essere vero, ma con i nuovi sistemi di codifica dei codici dei telecomandi questo rischio si Ŕ notevolmente ridotto, in quanto e pi¨ semplice far saltare e mettere fuori uso una centralina non protetta dai cortocircuiti, solamente Ŕ semplicemente cortocircuitando uno degli indicatori di direzione e mandando successivamente l'impianto in allarme.

Da ci˛ traiamo la conclusione che Ŕ molto importante adoperarsi per una buona installazione, ovviamente seguire una procedura particolarizzata rende il lavoro pi¨ lungo ed i costi di installazione un po' pi¨ altini, cosa controproducente in termini di tempo per molti operatori.

Un particolare consiglio per una maggiore efficienza va per l'inserzione ed il collegamento del blocco motore, che deve necessariamente essere collocato in una posizione impervia dell'impianto, per fare in modo che non rientri negli schemi di inserzioni consigliati, oltre che all'attivazione di tutte le funzioni disponibili che il sistema ci offre.

Blackbaron.
 

Commenti degli Utenti (totali: 2)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: lunawave il 15-02-2006 07:37
Grazie Black Baron ,
posso chiederti se puoi darmi anche un consiglio quale tipo di anitfurto potrei mettere sulla mia moto?
Commento di: mcapellini il 27-05-2008 11:52
Ciao. Ho appena comprato una V-Strom e vorrei dotarla di antifurto (oltre che i gia presenti blocca disco e catena .. la prudenza non Ŕ mai troppa). Il concessionario mi ha proposto Ecoalarm o l'antifurto originale Suzuki allo stesso prezzo. Lui consiglia l'originale Suzuki .. che dici? Seguo il consiglio?
Ciao e grazie
matteo