La Community Ting'Avert
Il vero motociclista
Scritto da rubo - Pubblicato 04/11/2007 08:53
Il vero motociclista conosce la sua bimba e sa i suoi limiti.

Il vero motociclista quando va veloce lo fa con consapevolezza

Il vero motociclista accudisce la sua bimba come una figlia acquisita

Il vero motociclista sceglie solo il meglio per la propria bambina

Il vero motociclista si veste in maniera opportuna in base al tracciato da percorrere

La moto del vero motociclista è diversa da tutte le altre

Il vero motociclista non riesce a far star ferma la sua bambina troppo tempo. La accende anche per fare un giretto, l'importante è farlo

Il vero motociclista non ha un età precisa. Già il fatto di amare il suo mezzo lo fa diventare un vero motociclista

Il vero motociclista è uomo

Il vero motociclista è donna

Quando il vero motociclista indossa il casco e se lo allaccia SA che potrebbe essere l'ultima cosa che farà nella sua vita. Perché il vero motociclista rischia ogni volta che prende la sua moto

Il vero motociclista sbaglia..

...e purtroppo di veri motociclisti cene sono fin troppi
 

Commenti degli Utenti (totali: 26)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: CorriFiero il 04-11-2007 10:27
cos'è? una provocazione alla classe dei motociclisti o una semplice battuta?
Perchè la parte finale mi sa tanto di sarcastico...o sbaglio?
Insomma di veri motociclisti ce ne sono tanti non è affatto vero...e poi tanti non è un termine assoluto...c'è molta gente che va in moto e poi che ci vanno per vivrere...per me quello è il vero motociclista...
Il vero motociclista sbaglia...bhà ti dirò: se qualcuno sbaglia è solo perchè prima di essere motociclisti siamo anche uomini..e l'uomo sbaglia per definizione...
Commento di: rubo il 04-11-2007 10:44
non è una provocazione. E' una riflessione. Semplicemente la parte finale va capita. Ho detto che il vero motociclista sbaglia (cioè si spinge oltre i limiti e comette degli errori,talvolta fatali.) e purtroppo cene sono tanti (nel senso che di motociclisti che compiono errori fatali, e che quindi muoiono, cene sono fin troppi). Ecco il senso del finale.
Commento di: BK66 il 04-11-2007 14:32
Forse non è uscito......
Ha trascorso la mattinata un pò fredda facendo manutenzione alla sua AMANTE....
Buona Strada....
a ciel sereno
BK66
Commento di: Enrico_zip il 04-11-2007 16:35
Molto carine queste riflessioni!
Commento di: DEVON il 04-11-2007 18:15
Quoto!!! :)
Commento di: Nijoh il 15-11-2007 12:43
Quoto anche io!

ciao
Commento di: DusTech il 05-11-2007 10:26
Ma non c'era un commento non troppo positivo? L'hai cancellato?
Un vero motociclista sa accettare le critiche...e sono sicuro che in questo articolo c'era una critica.

In ogni caso l'ultima frase non esprime bene ciò che intendevi. Forse sarebbe stato meglio una cosa tipo "...e di sbagli ce ne sono troppi"
Non di "veri motoclisti" -.-''
Commento di: Davide il 05-11-2007 10:39
C'era, l'ho tolto io in quanto non costruttivo (le critiche fine a sé stesse non le accettiamo come commenti agli articoli), se motivate / propositive ci possono invece stare
Commento di: DusTech il 05-11-2007 12:23
Qua c'era un altro commento che è stato cancellato. Sostanzialmente mi scuso con l'autore per averlo accusato di aver cancellato i messaggi.
auguri per il prossimo articolo.
Commento di: rubo il 05-11-2007 14:57
no io non ho cancellato nessun commento. accetto qualunque critica sia chiaro..
Commento di: SalvaR6 il 05-11-2007 15:32
Belin, sono l'unico che ha colto perfettamente il senso...? Belle riflessioni.
Commento di: rubo il 05-11-2007 16:06
uno tra i pochi..grazie!;)
Commento di: maxegb il 05-11-2007 20:58
per la cronaca, il commento che Davide ritiene non costruttivo era mio.

Vediamo allora se riesco a rendere la mia critica maggiormente costruttiva :

Rubo, quello che hai scritto lo hai certamente scritto col cuore, non ci sono dubbi.
tuttavia, ritengo che avresti dovuto anche aggiungere che :

Alcuni Veri Motociclisti quando vanno veloci lo fanno con consapevolezza....la consapevolezza che non dovrebbero affatto andare veloci.

Alcuni Veri Motociclisti non si sognerebbero mai di chiamare la loro moto "la loro bimba" e ringraziano il cielo di conoscere ancora la differenza fra una figlia ( naturale o acquisita che sia ) e quello che per quanto sia emozionante,in ultima analisi rimane un pezzo di ferro, passibile di essere venduto alla prossima occasione.

Alcuni Veri Motociclisti scelgono quello che gli piace anche quando non è il meglio , altrimenti non si spiegherebbe perchè si ostinano a montare scarichi che invece di aggiungere cavalli ne tolgono ( cfr motociclismo di questo mese ). Altri veri motociclisti sanno benissimo cosa è il meglio, ma disgraziatamente, finito di pagare il bollo e l'assicurazione, non se lo possono permettere.

Alcuni Veri Motociclisti si vestono allo stesso modo per percorrere 1 o 1000 km perchè sono pervenuti alla conclusione che non importa quanta strada pensi di fare se al primo metro uno stupido ti taglia la strada e quindi non sapendo cosa è opportuno puntano sempre al massimo.

La moto di Alcuni Veri Motociclisti è assolutamente identica alla moto di Altri Veri Motociclisti, semplicemente perchè Alcuni Veri Motociclisti sono vittime della moda.

Alcuni Veri Motociclisti, seppur rammaricati di dover tenere fermo il loro giocattolo, pongono al primo posto il lavoro, la famiglia ( quella coi bimbi Veri) ed altri impegni importanti, quindi, sebbene ci pensino spesso, vanno in moto quando possono.

Alcuni Veri Motociclisti ritengono che sebbene i semi del motociclista germoglino in giovane età,fintanto che le due ruote sono l'unico mezzo di indipendenza, egli non abbia la possibilità di definirsi tale . Alcuni Veri Motociclisti pensano che il titolo lo si guadagna quando in una giornata piovosa di dicembre si scende in garage, si lascia l'auto lì e si sceglie la moto.

Alcuni Veri Motociclisti hanno superato da tempo le distinzioni di sesso , razza e religione.

Quando Alcuni Veri Motociclisti allacciano il casco sanno che DI SICURO non sarà l'ultima cosa che fanno:se proprio gli dice malemalemale hanno ancora come minimo da innestare la prima e rilasciare la frizione.Altri Veri Motociclisti ritengono che l'ultima cosa che faranno sarà sbattere contro qualcosa di più duro di loro.

Alcuni Veri Motociclisti sbagliano,spesso in buona fede.Altri Veri Motociclisti sbagliano perchè la percentuale di Totali Imbecilli nella categoria Veri Motociclisti è uguale alla percentuale di Totali Imbecilli di tutte le altre categorie.

Alcuni Veri Motociclisti non hanno mai sbagliato, ma sono morti lo stesso perchè sono stati ammazzati da un Totale Imbecille di una qualunque altra categoria

E di questi ultimi ( i Totali imbecilli, intendo ) DI SICURO ce ne sono troppi, me compreso.
Commento di: Macky980 il 05-11-2007 21:40
L'articolo di rubo91, lo ammetto, non mi è piaciuto: l'ho trovato pieno di retorica e di immagini da film.

Il tuo commento, però, merita un applauso!
Commento di: maxegb il 05-11-2007 21:44
grazie!
Commento di: ven il 05-11-2007 23:41
Quoto al 100% la tua risposta maxegb
Commento di: DusTech il 06-11-2007 09:36
Quoto...si, quoto tutto.
Ora bisogna fondere l'articolo e la risposta e abbiamo un articolo completo.
Lamps a tutti i veri motociclisti e anche a tutti gli altri ;)
Commento di: rubo il 06-11-2007 18:47
:O

insomma non v'è piacuto

:(
Commento di: maxegb il 06-11-2007 19:58
ma non è che non mi sia piaciuto...vedi, io capisco anche quello che dici.
Tuttavia, con qualche anno in più sotto la cintura e qualche chilometro in più sotto le ruote, incominci a vedere un po' di più la parte "laica" del motociclismo ed a disinteressarti della parte " mistica".
Non è un male che tu a 16 anni sia innamorato della mitologia del motociclo, tutti noi ci siamo passati ( come diceva Marco Paolini : da bambini siamo tutti futuristi ), però ad un certo punto si giunge alla conclusione che le moto sono nient'altro che splendidi giocattoli e che i motociclisti sono nulla più che ragazzini dall'elevato potere d'acquisto.
Sono contento di farne parte? diamine, si, così come non mi sento affatto stupido nel non degnare di uno sguardo una fotomodella che passa ma di voltarmi ad ammirare una Guzzi V35 solo perchè fa PLOT-PLOT-PLOT....
Tutto qua. Vivi la tua passione come vuoi e non ti crucciare dei commenti di coloro a cui non sei piaciuto.
L'importante è che quando calzi il casco tu lo faccia col gusto di farlo e con l'allegria dei bambini che giocano nei parchi, poi fra dieci anni non mi stupirò di trovarti un po' più dalla mia parte.
Nel frattempo, ci si trova in strada! :-)
Commento di: rubo il 07-11-2007 15:52
condivido in pieno le tue idee..si hai ragione..
Commento di: baba0273 il 09-11-2007 08:54
belle le tue parole
bello il tono che hai usato, prima e dopo
l'autore dell'articolo iniziale ha tutta la mia simpatia, e la mia comprensione: ho pochissimi km sotto le ruote ma diversi anni sulle spalle, dunque comprendo entrambi.
quello che più mi è piaciuto, al di là dei contenuti, è stato il vostro scambio, degno di due persone intelligenti e umili quanto basta per saper ascoltare. farete entrambi molta strada, ognuno a modo suo.
saluti e in bocca al lupo! :-)
Commento di: roberto4167 il 09-11-2007 13:30
non mi venivano le parole ,ma era praticamente quello che volevo rispondere io!
Commento di: 440cc il 07-11-2007 10:22
Questa è, secondo me, la sempreverde discussione sul vero motociclista. Qualcuno dice qualcosa, qualcuno è contrario e qualcuno cambia idea. Forse sarò troppo romantico, però per me questo non è un articolo ma una poesia. Di una poesia non si commenta la veridicità, ci si limita ad interpretarla. Questo è il mio punto di vista.
Commento di: ellobo il 07-11-2007 10:40
ogni tanto queste riflessioni fanno bene.
l'autocritica è sempre sintomo d'intelligenza, e quindi maggiori motociclisti fanno autocritica più persone intelligenti esistono o............no?
Commento di: proyr6 il 08-11-2007 01:30
è bellissima continua cosi ama e amala per tutta la vita la tua bimba.
per me sei un vero motociclista che ha scritto una bellissima poesia del suo amore.
complimenti
laps laps
Commento di: Ospite il 08-11-2007 14:06
Molto bella questa poesia, quoto tutto o quasi, ovvero:
5- Il vero motociclista si veste sempre con indumenti tecnici-protettivi quando cavalca la sua bestia
6- La moto del vero motociclista è UNICA
11- La condivido in pieno: ci penso anch'io, ogni volta che mi allaccio il casco e monto in sella so che sto rischiando la vita, ma la passione per le due ruote mi fa premere la frizione ed innestare la prima.