Moto
Viaggi overland in solitaria: decalogo per tornare sani, salvi e contenti
Scritto da DanieleCossu - Pubblicato Lunedì 22 settembre 2008 @ 09:57:48 CEST
Dopo il mio viaggio in solitaria in Siberia e Mongolia (luglio-agosto 2008) ecco qualche considerazione su come penso che si possano affrontare avventure simili minimizzando i rischi.

Topic nel Forum: Appena tornato da Siberia e Mongolia

Quelle che seguono sono regole a mio avviso imprescindibili per avere la massima probabilità di tornare a casa sano, salvo e contento dopo un viaggio overland. Le consiglio a chiunque valuti di viaggiare senza appoggi esterni e senza compagni di viaggio.

La prima e più importante delle regole esposte farà forse "male al cuore" già a leggerla. Se così fosse, lasciate perdere di fare gli overlander, soprattutto se avete un periodo di tempo limitato!

Allora, in ordine di importanza:

1. Prevedere l'abbandono del mezzo! (per guasto grave, distruzione, impossibilità di recupero a costi/tempi ragionevoli): la moto deve essere di valore pari o inferiore a quello che si è disposti a "spendere" per il viaggio. Se torna con te bene, altrimenti pazienza. Va intesa come parte del "costo del biglietto". Molti comprano una moto da 14000 euro ma non sarebbero mai disposti a bruciarla in un singolo viaggio. Ciò pone fin dall'inizio in una condizione molto difficile e anche pericolosa, perché può spingere a scelte errate in caso di emergenza. Io ho scelto un Super Ténéré del valore di 2000 euro, che per me valeva come "biglietto per la Siberia", spendibile e deperibile.

2. Bagagli: se prevediamo l'abbandono del mezzo, di conseguenza la disposizione dei bagagli essenziali deve permettere di trasformare il viaggio in moto in un vero e proprio trekking (anche di più giorni) per raggiungere un'altra modalità di trasporto e rientrare a casa:
  • le valigie fanno tanto "spedizione estrema" ma due borse morbide laterali, collegate fra loro, permettono di indossarle facilmente e incamminarsi;- tutta l'attrezzatura da campeggio deve essere ultraleggera ed entrare nelle borse mobili, insieme ai documenti (in scatola stagna) e a ogni altro oggetto che non si possa abbandonare;
  • una ghirba d'acqua da 8-12 litri è fondamentale, insieme a viveri per un numero sufficiente di giorni (le "barrette" evitano di dover cucinare o preparare con acqua i cibi)

3. Scelta del percorso: deve tenere conto delle "vie di fuga" in moto e senza moto. Per la parte principale del mio viaggio sono sempre stato entro i 60 km dalla ferrovia transiberiana. Ci sarei potuto arrivare a piedi. Anche in Mongolia, il percorso è stato attentamente considerato in funzione della distanza dai villaggi. Oltre al fatto che, trovandomi in un Paese di nomadi, è paradossalmente assai facile imbattersi in qualcuno anche nei luoghi più remoti. Inoltre, grazie all'integrazione gps-Google Earth, con l'aiuto di alcuni software specifici è possibile salvare e portare con sé la mappa satellitare completa della regione visitata senza dipendere dall'accesso online, con un livello di informazione enormemente più elevato rispetto alle mappe cartacee.

4. Soccorso sanitario d'emergenza: un'assicurazione è indispensabile, che comprenda l'evacuazione in elicottero nei casi più gravi, il ricovero ospedaliero, le spese chirurgiche, il rimpatrio e possibilmente anche l'indennizzo alla famiglia in caso di morte.Un semplice apparecchio di recente produzione permette inoltre di lanciare un SOS tramite un particolare canale di una rete satellitare, dando la propria posizione a costi ridotti e attivando i soccorsi, inclusi nel costo del servizio.

5. Banditismo: se si viaggia in una zona ad alto rischio di banditismo (come la Siberia) occorre non dare troppo nell'occhio. Per quanto ci piaccia l'idea di andare in giro con un gioiello di moto, meglio farne a meno e andare con un mezzo meno appariscente. Prevedere le tappe diurne e notturne in funzione della sicurezza. Elevate percorrenze chilometriche quotidiane aiutano a evitare parte dei pericoli.

Fermi restando i punti di cui sopra, occorre ovviamente fare in modo che le situazioni di abbandono del mezzo o di evacuazione non si presentino. E allora:

6. Caratteristiche meccaniche: la moto deve essere di semplice manutenzione e riparazione. Punto. Una vecchia moto a carburatori, senza sonda lambda e catalizzatore è sicuramente più semplice da riparare per i "bush mechanics" siberiani rispetto a una sofisticata moto "adventure" ad iniezione elettronica. Può essere vero che quest'ultima rischia meno di guastarsi, ma quando accade generalmente il viaggio è finito e - appunto - a volte va abbandonata per evitare di mettersi nei guai. Il motore deve essere di provata affidabilità. Idem per il telaio e per ogni altro componente. Per questo, moto di 10-15 anni fa danno la garanzia di conoscere tutto di loro: la moto deve essere rinforzata nei suoi punti deboli conosciuti.

7. Pezzi di ricambio: occorre portare praticamente tutto quello che potrebbe guastarsi o rompersi senza poter essere sostituito in tempi ragionevoli. In Siberia e Mongolia, equivale quasi a una moto di ricambio. Alla fine, solo il motore e il telaio restano le parti non sostituibili. Avevo con me due regolatori di tensione, centraline, pompa benzina, leve freno e frizione, kit frizione completo, risers, pasticche freni, kit catena corona pignone, pedali freno e cambio, cavi vari, guaine, fusibili, lampadine, viti e bulloni, fil di ferro, mastice sigilla-metalli, camere d'aria rinforzate, leve per riparazione pneumatici, chiavi varie, filtri benzina, aria e olio, olio per rabbocco ecc. ecc.

8. Autonomia elettrica: la disponibilità di energia elettrica è uno dei grandi punti deboli dei viaggi in solitaria: se ci si affida solo alla batteria della moto, in emergenza si rischia di rendere inutilizzabili in poche ore gps, dispositivi di emergenza, radiotrasmettitore, computer, lampade elettriche ecc: tutto insieme! Allora si rischia davvero di lasciarci le penne. E' fondamentale avere un pannello solare avvolgibile di dimensioni adeguate per ricaricare in emergenza la batteria, un power inverter a 220v (per alimentare tutto quanto sopra più fotocamera, videocamera e ammennicoli vari) con relativi fusibili, connettori e spinotti di riserva, ecc.

9. Lingua: importante essere capaci di leggere i cartelli stradali (sic!) e di interagire un minimo con la popolazione locale. Un traduttore vocale non è un gadget inutile: permette di spiegare più facilmente un problema anche a chi è analfabeta.

Ecco, per ora questo è quello che mi viene in mente di consigliare a chi voglia fare un lungo viaggio in solitaria. Con un po' di coraggio ma senza incoscienza: bisogna studiare e lavorarci su per tutto il tempo necessario. Neanche la fortuna (il caso) può aiutarci veramente: guidando per 14-16 ore e 1000+ km al giorno, ci si rende ben presto conto che il bilancio alla fine della giornata è composto invariabilmente da un po' di "fortune" e da un po' di "sfortune".

Buona strada, overlander! Il decimo consiglio aggiungilo tu.
 

Commenti degli Utenti (totali: 15)
Login/Crea Account



I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli utenti non registrati
Commento di: AKLeon il 22-09-2008 13:44:12
cavolo,ha davvero la parvenza di un'impresa eroica
Complimenti per il grande e oneroso viaggio,anche se personalmente non avrei mai viaggiato in solitario,o per lo meno,non l'avrei fatto in zone destertiche come la Siberia e la Mongolia
E poi scusa,come hai fatto a portarti tutti questi ricambi su una moto(ammetto di non conoscere l'abitabilità e lo spazio della Super Tenerè)?Chissà quante borse da viaggio ti sei portato dietro

P.S. a tutto quel che hai portato,io avrei aggiunto una bella pistola semi-automatica,da tenere nella tasca interna del giubbotto,non si sa mai...
Commento di: Profeta il 22-09-2008 14:23:00
Bellissimo ed interessantissimo decalogo, nonchè utile mezzo di informazione per chi appunto vuole intraprendere un certo tipo di viaggio..

Io dal canto mio comunque non son molto d'accordo con i viaggi così.. mi sembrano più torture che piaceri (ma questo è ovviamente assolutamente soggettivo).

Che in viaggio il mezzo deve essere affidabile (ed in genere per le moto età coincide con affidabilità) è sacrosanto,ma purtroppo di questi mezzi come lo hai descritto tu ormai ce ne sono ben pochi..

Io se dovessi tentare un viaggio in solitaria (e mi piacerebbe tanto) non penso che andrei in certe zone più... "difficili", ma penso che resterei in mezzo alla "civiltà" in modo da essere assistito il più possibile.

Ovviamente quello ch scrivo rispecchia esclusivamente il mio punto di vista.. Ti ammiro e mi complimento però per il coraggio che hai avuto nell'intraprendere questo viaggio!!!

Complimenti davvero!!!
Commento di: maurizio_75 il 22-09-2008 17:42:58
bellissimo
chi per mille motivi (incluso il coraggio)non può fare un viaggio come il tuo, legge i report e ringrazia di averti virtualmente fatto da compagno
ciao
Commento di: vignovigno il 25-09-2008 08:25:38
Complimenti davvero per l'impresa! Hai messo online da qualche parte un diario di viaggio con le varie tratte giorno per giorno? Lo leggerei molto volentieri.
Ciao
Christian
Commento di: blu-xt il 25-09-2008 09:39:04
Un utile contributo per chi ha un grande coraggio e voglia di mettersi alla prova.
Hai tutta la mia ammirazione.
Quando saremo pronti, io e la mia xt, partiremo dal tuo decalogo.
In bocca al lupo per la prossima.
Ciao
Commento di: Sparda il 25-09-2008 10:55:02
Bellissima esperienza!
Non sai quanto ti invidio per aver avuto la "spigliatezza" necessaria..
Complimenti!


P.s. Nonostante abbia una moto da 3900 euro,non me la sentirei MAI di abbandonarla..Bloccato già in partenza...

Ciao!
Commento di: serzuki il 25-09-2008 12:40:46
Grande !
Roba da scriverci un libro...è solo un'idea...Bravissimo, mi sono scaricato il tuo eseguibile con le foto e lo rivisto per 3 volte....non ho parole.
Commento di: DanieleCossu il 26-09-2008 15:48:03
3 volte sono trenta minuti! Grazie!
Commento di: temerario il 25-09-2008 14:37:56

posso dire ke ti invidio ????

io patito fan di overland :-)


LLLAAMMMMMPPPPSSSSSSSSSSSSSSSS
Commento di: Geo87 il 25-09-2008 19:26:15
bellissimo e utilissimo.... l'unica fregatura ceh avrei è che ci capisco veraemte poco di meccanica :-(


saluti


Geo
Commento di: DanieleCossu il 26-09-2008 09:52:48
Grazie a tutti per i commenti! A chi mi ha chiesto ulteriori informazioni, qui o nel topic "Appena tornato da Siberia e Mongolia", dico che sto preparando... delle FAQ: siete troppi! :-)
A presto, dunque!
Commento di: Di il 26-09-2008 13:41:30
Davvero un bel lavoro e complimenti per la splendida impresa!
Citato su Pianeta Riders
http://www.pianetariders.it/2008/09/nessuna-improvvisazione-consigli-per-gli-aspiranti-riders-globetrotter/
Commento di: DanieleCossu il 26-09-2008 15:35:49
Grazie per la citazione, fra l'altro molto corretta, visto che rimanda al Ting'avert.
Commento di: loris77honda il 28-09-2008 19:44:58
azz sei un grande! io ho sempre viaggiato un casino co le mie moto le ho sempre sfruttate e non ho mai avuto l'occasione di viaggiare da solo sono sempre stato con amici nei viaggetti. non ho mai preso in considerazione un viaggio del genere cosi avventuroso nel vero senso della parola! ma devo dire anche qui la mia... viaggiare con la moto e' la cosa piu bella che ce'... si e' vero non sei al caldo ti pigli l'acqua se piove ti stanchi un botto e se fai il duro e vai in tenda ti scordi tutte le comodita' ma ti senti un po' ciuck norris (un vero duro).
complimenti!
p.s.il fatto della semi automatica non e' male in certi luoghi ciao
Commento di: DanieleCossu il 02-02-2009 15:07:04
Vi segnalo un nuovo prodotto che rientra nel punto 2 (Bagagli): queste nuove borse laterali Ortlieb del genere "rotolo impermeabile". Nel mio viaggio avevo usato quella standard, da mettere sulla sella, e l'avevo trovata molto funzionale, ma queste sembrano ancora più utili:

Ortlieb Speedbag [www.ortlieb.com]